Lavoro autonomo occasionale estero
Lavoro autonomo occasionale estero

Lavoro autonomo occasionale estero: che cos’è? quando è possibile sfruttare questa disciplina fiscale? Come si indicano questi redditi in dichiarazione annuale? Come gestire la prestazione occasionale verso committenti esteri. Ipotesi di non applicazione della ritenuta d’acconto. Compilazione della ricevuta non fiscale. Tutte le info per le prestazioni di lavoro autonomo occasionale estero.

Quando un soggetto svolge un’attività di tipo lavoro autonomo (di natura intellettuale) in modo non continuativo e non professionale, sta operando attraverso la disciplina della prestazione occasionale. Si tratta di una disciplina che, oggi, è regolamentata esclusivamente dall’art. 2222 del codice civile. La prestazione di lavoro autonomo occasionale, quindi, è un’attività autonoma del tutto episodica ed occasionale (non abituale), svolta nei confronti di un:

  • Committente nazionale. In questo caso il lavoratore effettua la propria attività di lavoro autonomo, senza eterodirezione, nei confronti di un committente fiscalmente residente in Italia. Ho approfondito questa casistica nel seguente articolo: “Prestazione occasionale guida“;
  • Committente estero (UE o Extra-UE). In questo caso il lavoratore effettua la propria attività di lavoro autonomo, senza eterodirezione, nei confronti di un committente che è fiscalmente residente all’estero.

La disciplina del lavoro autonomo occasionale non cambia a seconda della residenza fiscale del committente. Tuttavia, è necessario prestare la dovuta attenzione ad alcuni elementi importanti. Ad esempio, la compilazione della ricevuta, obbligatoria solo in caso di pagamento in contanti, oppure se richiesta dal committente. Ebbene, in caso di prestazione con committente estero, nella ricevuta non deve essere applicata la ritenuta di acconto. Oltre a questo aspetto è necessario tenere presente la durata e la frequenza della prestazione. L’obiettivo è quello di verificare, costantemente, che la prestazione professionale esercitata non diventi abituale (continuativa nel tempo9. Questo in quanto, l’abitualità della prestazione porta con se, inevitabilmente, l’apertura della partita IVA.

Ricevo sempre moltissime domande su questi aspetti, e vedo tantissime persone commettere errori. Per questo motivo, infatti, ho deciso di realizzare questo articolo per indicarti tutte le informazioni utili se stai effettuando una attività di lavoro autonomo occasionale estero. Al termine di questo articolo puoi trovare il form di contatto da compilare per metterti in contatto con me e ricevere, nel caso, una consulenza fiscale personalizzata per risolvere i tuoi dubbi su questo argomento.

Lavoro autonomo occasionale estero: normativa civilistica

La disciplina sul lavoro autonomo occasionale in Italia è normata esclusivamente dall’articolo 2222 del codice civile. Questa norma afferma, in particolare, quanto segue:

si può definire lavoratore autonomo occasionale chi si obbliga a compiere, dietro corrispettivo, un opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione, ne potere di coordinamento del committente in via del tutto occasionale

art. 2222 c.c.

La norma ci dice che trattasi di una attività lavorativa caratterizzata dall’assenza di alcuni requisiti:

  • Non abitualità – Per abitualità si intende la frequenza della prestazione effettuata nel corso dell’anno. Per questo motivo, la prestazione occasionale è un’attività autonoma esercitata in modo del tutto episodico e non continuativo nel tempo. Questo requisito è sicuramente quello più incerto da verificare in quanto l’Agenzia delle Entrate non ha mai fornito una definizione oggettiva di abitualità della prestazione. Per questo motivo occorre analizzare sempre la situazione caso per caso con l’ausilio di un dottore Commercialista esperto;
  • Professionalità – Deve trattarsi di attività per la quale non è rilevante la professionalità del soggetto che la esegue. Questo significa che trattasi di attività svolte in modo non professionale, quindi, generalmente attività professionali per le quali non vi sono obblighi di iscrizione ad albi o elenchi professionali (tranne eccezioni);
  • Non coordinazione dell’attività – L’attività deve essere gestita in modo autonomo, senza direzione da parte del committente o di altri soggetti. Deve trattarsi, quindi, di un’attività svolta autonomamente senza direzione o controllo da parte del committente.

Nel caso in cui, invece, anche solo uno di questi requisiti viene a mancare è obbligatorio operare con partita IVA. Come puoi vedere non ci sono limiti minimi o massini legati ai compensi percepiti connessi all’apertura di una partita IVA. Questo significa che le valutazioni da fare non solo legate alla convenienza tra lavoro autonomo occasionale o lavoro autonomo con partita IVA, ma la differenza la fanno l’abitualità e professionalità dell’attività svolta dal professionista, senza alcun parametro legato ai compensi percepiti.

Sotto il profilo tributario, i redditi derivanti dall’attività di lavoro autonomo occasionale rientrano nella categoria (ex art. 6 del TUIR) dei redditi diversi, di cui all’art. 67, comma 1, lettera L) del TUIR (DPR n. 917/86). L’attività di lavoro autonomo occasionale può essere esercitata sia in Italia che all’estero. In questo secondo caso occorre fare attenzione ad alcune particolarità aggiuntive. Anche in caso di committente estero, da un punto di vista fiscale nulla cambia. Questo in quanto, tali redditi sono soggetti a tassazione nel paese di residenza fiscale del soggetto che ha svolto l’attività. Questo è il criterio di collegamento del reddito di fonte estera da applicare, ex art. 23 del TUIR e delle Convenzioni internazionali (siglate secondo il modello OCSE).

Come si determina la residenza fiscale?

La residenza fiscale identifica il Paese ove il contribuente, ha il centro dei suoi interessi familiari ed economici, ovvero il c.d. “centro degli interessi vitali“. Ai sensi dell’articolo 2, commi 1 e 2 del DPR n. 917/86, si considerano fiscalmente residenti in Italia:

“le persone fisiche che per la maggior parte del periodo di imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del Codice civile”

Articolo 2 DPR n 917/86

Quindi, possiamo dire che la residenza fiscale italiana si ha quando viene verificato il requisito temporale (della “maggior parte del periodo di imposta“) ed uno dei seguenti requisiti:

  • Iscrizione anagrafica in Italia;
  • Domicilio in Italia ex art. 43 del c.c.;
  • Residenza in Italia ex art. 43 del c.c.

Al verificarsi di anche uno solo di questi requisiti il soggetto è considerato fiscalmente residente in Italia. Per questo motivo occorre prestare molta attenzione a questo aspetto. Infatti, i soggetti fiscalmente residenti in Italia hanno l’obbligo di dichiarare in Italia tutti i redditi, ovunque percepiti. Questo è il principio della c.d. “worldwide taxation” disciplinato ai sensi del successivo art. 3 del TUIR. Per questo motivo, anche i redditi da lavoro autonomo occasionale estero devono essere dichiarati in Italia. Andiamo ad analizzare, adesso, con maggiore dettaglio la disciplina fiscale legata al percepimento di questi proventi di fonte estera.

La disciplina fiscale del lavoro autonomo occasionale estero

Il reddito imponibile derivante dal lavoro occasionale estero si determina dalla differenza tra:

  • VOLUME DEI COMPENSI INCASSATI NELL’ANNO e
  • VOLUME DEI COSTI SOSTENUTI

Il reddito imponibile, quindi, segue il c.d. “principio di cassa“. Questo significa che concorrono a formare il reddito soltanto i compensi ed i costi sostenuti/pagati per ogni anno. Per quanto riguarda la determinazione del reddito occorre prestare particolare attenzione ai rimborsi spese. Infatti, qualora, assieme al compenso della prestazione professionale venga inserito anche un rimborso spese è necessario prestare attenzione ad alcune casistiche:

  • Rimborso spese forfettario. Si tratta del rimborso spese non documentato da fatture o ricevute nominative. Questo tipo di rimborso costituisce a tutti gli effetti reddito imponibile;
  • Rimborso spese analitico. Comprende il rimborso di fatture o ricevute di costi sostenuti. Questo tipo di rimborso non costituisce reddito imponibile.

Questa differenziazione è molto importante. Si commettono tantissimi errori sul rimborso spese. Ti consiglio di verificare sempre la tipologia di rimborso che applichi.

Il rilascio della ricevuta

Una volta individuato il reddito imponibile della prestazione lavorativa occasionale che hai effettuato è necessario conservare la ricevuta che devi emettere nei confronti del committente estero. La ricevuta, è un documento che devi emettere obbligatoriamente in caso di pagamento in contanti. Altrimenti, se il pagamento che hai ricevuto viene effettuato con mezzi tracciabili, la ricevuta deve essere emessa solo qualora venga richiesta dal committente. Per quanto riguarda la compilazione della ricevuta per prestazione occasionale ti lascio a questo articolo di approfondimento: “Compilazione della ricevuta per prestazione occasionale“.

Applicazione della worldwide taxation

Per capire come deve avvenire la tassazione dell’attività di lavoro autonomo occasionale Estero è necessario partire dall’articolo 3 del DPR n. 917/1986. Infatti, la tassazione avviene necessariamente attraverso la presentazione della dichiarazione dei redditi.

La dichiarazione dei redditi: modello Redditi Persone Fisiche

La determinazione del reddito imponibile in Italia passa attraverso la presentazione della dichiarazione dei redditi. In particolare, si tratta della presentazione del:

  • Modello 730. Qualora il percettore delle somme percepisca anche altri redditi e sia dotato di un sostituto di imposta in Italia;
  • Modello Redditi Persone Fisiche. Qualora il percettore delle somme non percepisca altre tipologie reddituali nel periodo di imposta.

In ogni caso, andando in dettaglio, i redditi da lavoro autonomo occasionale estero devono essere indicati tra i redditi diversi. In particolare, il reddito deve essere indicato nella colonna 1 del rigo RL 15. Nella colonna 2, invece, devono essere indicati i costi sostenuti. Il tutto, comunque, non è sempre così semplice. Questa disposizione deve essere analizzata in relazione alle Convenzioni contro le doppie imposizioni stipulate dall’Italia. Generalmente, nelle Convenzioni (stipulate seguendo il modello OCSE), nelle attività di lavoro autonomo si precede alla tassazione esclusiva nel Paese di residenza fiscale del soggetto prestatore. Soltanto nel caso in cui tale soggetto disponga di una presenza (sede) fissa (es. ufficio) nel Paese ove svolge la prestazione, è tenuto ad ivi tassare il reddito percepito. Solitamente, possiamo dire che le prestazioni occasionali estere sono svolte dall’Italia. Per questo è necessario sempre indicare il reddito percepito nella dichiarazione dei redditi italiana.

L’assenza della ritenuta di acconto nel lavoro occasionale estero

Altro aspetto che spesso genera errori è l’applicazione della ritenuta di acconto nella ricevuta. La ritenuta di acconto è disciplinata dall’articolo 25, comma 1, del DPR n. 600/73. In caso di committente estero, la ritenuta di acconto non deve essere applicata, quindi non deve essere esposta nella ricevuta. Per questo motivo è opportuno verificare se il committente è tenuto ad applicare la ritenuta di acconto in Italia. In pratica, ove il committente sia tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi in Italia, questi deve applicare la ritenuta di acconto al prestatore italiano. Si tratta del caso in cui il committente estero disponga di:

Fuori da queste ipotesi il committente estero non assume la qualifica di sostituto di imposta e quindi non deve essere applicata la ritenuta di acconto.

Riepilogo delle casistiche possibili per il prestatore italiano

Volendo riepilogare, brevemente, il lavoratore autonomo occasionale che presta la propria attività all’estero può trovarsi di fronte a due fattispecie diverse. In particolare:

  • La società di diritto estero presso la quale svolge l’attività è tenuta a presentare la dichiarazione dei redditi in Italia. Presenza di stabile organizzazione o subsidiary in Italia. In questo caso la società estera agirà come sostituto d’imposta ed effettuerà la ritenute al soggetto italiano. La stessa società, entro il 28 febbraio dell’anno successivo rispetto al quale l’attività è stata prestata dovrà rilasciare apposita certificazione delle ritenute operate al lavoratore autonomo occasionale italiano;
  • La società di diritto estero presso la quale svolge l’attività non tenuta a presentare la dichiarazione dei redditi in Italia. In questo caso essa non sarà obbligata ad agire come sostituto d’imposta italiano. Per questo motivo il compenso del lavoratore autonomo occasionale non subisce alcuna ritenuta a titolo di acconto.

In entrambi i casi, rimane comunque l’obbligo a carico del lavoratore autonomo occasionale di dichiarare i compensi percepiti nella propria dichiarazione dei redditi italiana. Nelle ricevute per prestazione occasionale, in caso di committente estero non è obbligatoria l’apposizione della marca da bollo. Ricordo, sul punto, che ordinariamente il bollo si applica quando la prestazione supera la soglia di 77,47 euro.

La disciplina previdenziale (cenni) del lavoro autonomo occasionale estero

Accanto alla disciplina fiscale occorre analizzare anche gli aspetti previdenziali. Il prestatore italiano, infatti, è tenuto a verificare l’ammontare dei compensi percepiti nel corso dell’anno. Questo indipendentemente dal fatto che la prestazione occasionale venga svolta per committenti italiani od esteri. Quando il valore dei compensi percepiti nel corso dell’anno supera la soglia di 5.000 euro scattano gli obblighi previdenziali INPS. Infatti, al superamento dei 5.000 euro lordi annui di compensi scatta l’obbligo di iscrizione alla Gestione Separata dell’Inps, di cui all’articolo 44, comma 2, del D.L. n. 269/03.

Le disposizioni dell’INPS prevedono in questo caso che il lavoratore, da un punto di vista previdenziale venga inquadrato attraverso una disciplina previdenziale equiparabile ai collaboratori coordinati e continuativi. La norma prevede ordinariamente che il soggetto che ha commissionato la prestazione effettui la ritenute previdenziali. Il committente, in questi casi è tenuto ad iscrivere il prestatore alla gestione separata INPS e ad effettuare le relative ritenute previdenziali. L’obbligo previdenziale legato al versamento dei contributi (secondo l’aliquota della gestione separata in vigore) è per:

  • 2/3 a carico del committente, e per
  • 1/3 a carico del prestatore (attraverso una ritenuta sul suo compenso).

Applicazione delle ritenute previdenziali in caso di lavoro autonomo occasionale estero

Particolare attenzione deve essere prestata nel caso di superamento della soglia di 5.000 euro con committente estero. Infatti, se il committente non ha alcuna sede o stabile organizzazione in Italia non può qualificarsi quale sostituto d’imposta per la normativa italiana.

Nel caso per poter adempiere correttamente all’applicazione della disposizione previdenziale è necessario che il committente estero si identifichi in Italia con una stabile organizzazione (o con una identificazione) per adempiere l’obbligazione.

L’identificazione previdenziale in Italia si effettua rivolgendosi alla Direzione INPS competente per territorio. Al contrario, la stabile organizzazione è sicuramente un adempimento più complesso (per il quale ti rimando a diversi contenuti dedicati presenti nel sito). L’obbligo di identificazione del soggetto (committente) estero si rende necessaria al fine di evadere l’obbligazione previdenziale in Italia sul prestatore. Molto spesso, infatti, si tende a pensare che non vi siano obblighi previdenziali in Italia in caso di committente estero, ma se la prestazione lavorativa viene svolta in Italia si deve adempiere ai relativi obblighi.

Da segnalare che la possibilità di versare i contributi da dichiarazione dei redditi italiana da parte del prestatore, spesso, nella pratica non viene accolta dall’INPS. Nella pratica, infatti, sovente si vedono contributi dichiarati autonomamente dal prestatore nel quadro dichiarativo (quadro RR) dedicato al versamento dei contributi previdenziali. Si tratta di ipotesi che si riscontra molto nella pratica ma che non risulta attuabile in quanto non disciplinata dalle istruzioni dichiarative del quadro RR. Quadro che deve essere compilato tenendo conto che delle relative celle, così come chiarito anche dalla Circolare Inps n. 74/2014, che non contempla ipotesi di autodichiarazione previdenziale. Per questo, anche i funzionari INPS non riscontrano positivamente questa pratica.

Lavoro autonomo occasionale estero: la compilazione della ricevuta non fiscale

Come anticipato la prestazione di lavoro autonomo occasionale estera deve essere regolata attraverso l’emissione di una ricevuta non fiscale. In sostanza non si tratta di un fattura, in quanto non vi è applicazione dell’IVA. La ricevuta che deve essere emessa ha esclusivamente rilevanza come quietanza dell’importo percepito dal prestatore. Questo aspetto è particolarmente importante, in quanto far percepire al committente la ricevuta prima del pagamento può essere pericoloso. Come detto, la ricevuta funge da quietanza. Nella ricevuta deve essere specificato che trattasi di prestazione fuori dal campo di applicazione dell’IVA.

“Operazione fuori campo IVA ex articolo 5 del DPR n 633/72”.

La ricevuta deve, in ogni caso, contenere i seguenti elementi obbligatori:

  • I dati del prestatore. Mi riferisco a: nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo e codice fiscale;
  • I dati del committente. Mi riferisco a: nome, cognome, o ragione sociale se trattasi di società, partita Iva o codice fiscale, indirizzo;
  • La descrizione della prestazione svolta. E’ opportuno far riferimento, se sottoscritta ad una lettera d’incarico che disciplini gli aspetti essenziali della prestazione. Inoltre, è opportuno inserire i giorni di effettuazione della prestazione;
  • Importo lordo percepito. Si tratta dell’importo della prestazione concordata con il committente;
  • L’eventuale ritenuta d’acconto. Ritenuta del 20%, se il committente riveste la qualifica di sostituto d’imposta in Italia. La ritenuta si applica sul compenso lordo;
  • Importo netto percepito. L’importo netto è dato dal lordo al netto dell’eventuale ritenuta fiscale e previdenziale;
  • La data, luogo e firma del prestatore che rilascia la ricevuta.

Quando deve essere rilasciata la ricevuta per prestazione occasionale?

Aspetto su cui spesso si commettono errori è il momento di rilascio della ricevuta non fiscale. La ricevuta, così compilata, deve essere rilasciata al committente, solo e soltanto al momento del pagamento. Molto spesso i committenti richiedono l’emissione della ricevuta prima del pagamento. Questo comportamento fiscalmente non è corretto. Se non vi è una lettera di incarico scritta e firmata, il rilascio della ricevuta può concludere la prestazione. Questo in quanto la ricevuta costituisce quietanza di pagamento.

Il committente, con la ricevuta a disposizione ha la quietanza di un pagamento, che potenzialmente potrebbe anche non effettuare. Il consiglio che posso darti è quello di evitare di consegnare la ricevuta al committente prima del pagamento se non hai fiducia nello stesso. Ti eviterai così possibili problematiche future.

Lavoro autonomo occasionale estero: consulenza fiscale

Se stai svolgendo una prestazione occasionale nei confronti di un soggetto committente residente all’estero, contattami!

Se hai bisogno di capire come compilare la ricevuta o se vuoi sapere se sei in regola con la normativa fiscale italiana chiedi il mio intervento attraverso l’apposito servizio di consulenza fiscale online dedicato. Avrai la possibilità di parlare con professionisti preparati che saranno in grado di aiutarti a risolvere tutti i tuoi dubbi anche in relazione alla possibilità di operare con partita IVA che, ricordo, è obbligatorio per tutte le attività autonome svolte con abitualità e continuità nel tempo. Avrai la possibilità di effettuare con noi delle simulazioni numeriche per valutare la pressione fiscale e previdenziale e capire la redditività netta della tua attività.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.

415 COMMENTI

  1. Buonasera e grazie per le informazioni che rende disponibili. Siamo una band amatoriale ma che ha avuto la fortuna di ottenere una data presso un locale in Germania, che però vuole una fattura. Tutti nella band abbiamo svolgiamo attività di lavoro dipendente, pertanto mi pare di capire che basterebbe che qualcuno di noi emettesse una ricevuta per prestazione occasionale, senza ritenuta. È corretto? Grazie

  2. Buonasera Federico, grazie per la guida che mette a disposizione.
    Sono attualmente residente in Svizzera, disoccupata da 3 mesi e ho in programma l’apertura di una P.iva in Italia (con conseguente cambio di residenza) ma sto aspettando che decorrano i 2 anni di residenza all’estero e iscrizione all’AIRE per rientrare nella fattispecie del rientro dei cervelli e beneficiare degli incentivi fiscali.
    Un’azienda mi ha chiesto prestazione occasionale per un’attività di consulenza urgente, è possibile procedere con la prestazione occasionale e dichiararla in Italia, dove non sono ancora residente?

  3. Buongiorno Federico, complimenti e grazie delle info che pubblica.
    Sono italiano residente in Russia con regolare permesso di soggiorno, attualmente sono disoccupato e vorrei sapere se è possibile fare prestazioni occasionali con aziende italiane.
    Grazie

  4. Buongiorno Federico,
    lavoro come dipendente per un azienda di moda. Nel tempo libero realizzo illustrazioni e ho avuto una commissione di alcuni disegni per un azienda extra UE. Posso rilasciare una ricevuta per prestazione occasionale? Senza richiedere la ritenuta d’acconto in quanto l’azienda ha sede all’estero, giusto?
    In fase di dichiarazione dei redditi dovrò pagare il 20% di tesse sul totale della ricevuta?
    grazie mille!

  5. Può rilasciare ricevuta per prestazione occasionale solo se l’attività non è continuativa nel tempo, altrimenti è necessaria la partita IVA. Se riesce ad applicare il Regime Forfettario questo è sicuramente migliore rispetto alla tassazione della prestazione occasionale (che non è tassata al 20%), che va a cumularsi con il suo reddito da lavoro dipendente e tassato ad aliquota marginale. Se desidera maggiori info ed una simulazione mi scriva in privato.

  6. Buongiorno Federico
    Io sono un musicista, produco e risiedo in Italia ma vendo le mie tracce ad una etichetta tedesca.
    Ho appena compilato una fattura con oggetto: prestazione occasionale con codice fiscale per ricevere le mie royalties, ma continuano ad insistere dicendo che per EU vogliono la partita IVA.
    Cosa devo fare?

  7. La prestazione occasionale non riguarda le royalty, che hanno disciplina particolare. In secondo luogo occorre verificare che ci sia davvero un contratto con il prestatore per le royalty, perché se non è così, ed il soggetto tedesco glie lo sta dicendo, deve operare con partita IVA. Se vuole possiamo aiutarla a chiarire il tutto in consulenza. Nel caso ci scriva in privato.

  8. Salve Federico, ho trovato le Sue informazioni molto utili.

    Sono un’italiana in Portogallo, con residenza in Italia. Lo scorso anno ho lavorato online (come insegnante) per un’azienda tedesca. Al termine delle mie prestazioni, l’azienda mi ha rilasciato ogni volta una ricevuta con l’importo totale che mi versavano e con la dicitura: “il mittente non è soggetto a IVA”. Ho lavorato anche con un’azienda spagnola qui in Portogallo, dando lezioni presenziali. Al termine di ogni prestazione, mi è stata rilasciata una ricevuta con l’importo lordo tassato al 24% e l’importo netto che mi veniva versato (tasse che sono state pagate in Spagna). La mia domanda è la seguente: c’è una soglia massima per queste prestazioni? Se ho superato la soglia, cosa devo fare? A livello fiscale, farò la dichiarazione dei redditi in Italia (dove sono residente). A livello previdenziale, cosa devo fare?
    La ringrazio per la Sua attenzione.

  9. Gianna mi sembra di capire che la sua attività non sia occasionale ma continuativa, quello che deve fare è pensare di operare con partita IVA. Detto questo deve dichiarare gli importi percepiti in Italia. Da un punto di vista previdenziale non ci sono obblighi particolari con prestatori esteri.

  10. Buongiorno,
    sono recentemente rimasta senza lavoro e mentre aspetto la possibilità di cercare un nuovo lavoro ho la possibilità di effettuare un lavoro in smartworking per un’azienda Olandese. Il compenso dovrebbe superare i 5000€ lordi ma siccome non ho la partita Iva ho pensato ad una prestazione occasionale.
    Leggendo il vostro articolo credo si possa fare, sono residente a Milano, potrei quindi ricevere i compensi per questo lavoro con ritenuta anche se superiore ai 5K, iscrivendomi alla gestione separata? e potrei poi comunque a settembre ricominciare a lavorare con un eventuale contratto a tempo indeterminato?
    Grazie inifinite
    Veronica Camaroni

  11. Salve,

    Io ho un contratto a tempo indeterminato con un’azienda italiana ma mi è stato proposto un lavoro occasionale da un’azienda israeliana. Da quello che ho letto dal suo articolo mi sembra di capire che, siccome il lavoro non è continuativo, è autonomo e non supererebbe i 5000 euro, puó rientrare nella prestazione occasionale e non è soggetto a tassazione. È corretto? Nel caso quindi dovrei emettere una ricevuta senza ritenuta d’acconto, in quanto l’azienda non ha sede in Italia. Me lo conferma? L’importo della ricevuta dovrebbe essere scritto in euro o nella valuta nella quale ricevo il pagamento? Grazie

  12. Deve fare attenzione al fatto che l’attività sia davvero occasionale. Nel caso deve emettere una ricevuta (senza ritenuta di acconto perché il datore di lavoro non ha sede in Italia). L’importo deve essere indicato in dichiarazione dei redditi ed è soggetto a tassazione.

  13. Salve,
    Devo compilare una ricevuta di prestazione occasionale per un committente estero. Non dovendo applicare la ritenuta d’acconto, come faccio a stabilire l’importo lordo che devo richiedere? Il mio compenso netto deve essere di 100 euro. Dato che con la dichiarazione dei redditi dovrò pagare le imposte relative ai miei lavori occasionali, a quanto ammontano queste imposte? Devo farmele pagare in anticipo dal committente estero, contestualmente al pagamento dei 100 euro, e poi versarle l’anno successivo con la dichiarazione dei redditi, o no? Grazie in anticipo.

  14. Salve, dopo aver fatto svariate ricerche ed aver letto il suo articolo avrei bisogno di un’informazione. Ho ricevuto una proposta lavorativa della durata di 20h per un’azienda estera e volevo sapere che tipo di ricevuta dovrei presentargli in quanto mi chiedono una fattura ma, non avendo una partita IVA e non rientrando nei termini per aprirne una (non ci sono i 30gg di continuità né il superamento dei €5.000), mi ritrovo abbastanza spiazzato. Premettendo che la mia prestazione è già finita ed attendo il pagamento, cosa dovrei fare?
    Grazie in anticipo.

  15. Giorgio non esistono più dal 2015 i limiti che lei ha indicato. Ogni attività continuativa nel tempo richiede una partita Iva. Se non effettuerà più quel tipo di attività oltre le 20h previste può emettere ricevuta al momento del pagamento. Altrimenti, dovrà aprire partita Iva, valuterei il regime forfettario. Se ha bisogno di approfondire la sua situazione ci scriva in privato e la aiuteremo.

  16. Salve, sono una lavoratrice a tempo indeterminato e non ho P.IVA. Mi è stato chiesto di partecipare in qualità di speaker esperto (quindi sotto compenso) ad un evento internazionale online pagata da una società Greca (senza alcuna sede in Italia). mi pare chiaro dal suo articolo che i passagi sono:
    – loro mi fanno una lattera di incarico segnando in particolare importo lordo e attività (devono segnare qualcos’altro nello specifico nell’incarico?)
    – io svolgo questa attività (evidentemente non continuativa essendo l’intervento ad un convegno online e la successiva risposta ad eventuali domande sull’argomento per un tempo limitato tramite email)
    – mi pagano il lordo
    – emetto ricevuta senza ritenuta d’acconto per il lordo
    – in fase di dichiarazione questo si sommerà al mio reddito e ci pagherò le dovute tasse.
    può confermarmi che abbia bene interpretato essendo la prima volta che mi capita e devo dar loro una risposta.
    la ringrazio anticipatamente. saluti e grazie dell’interessante articolo per “profani” come me su questi argomenti.

  17. Salve, ho di recente cominciato a collaborare con un’azienda straniera con contratto da independent contractor con un ruolo assimilabile a un consulente autonomo o freelance. Il pagamento, effettuato una volta al mese, è basato sulla prestazione svolta, non legato a giorni o ore lavorative, per le quali non ho vincoli e posso gestire in autonomia. Il fatturato mensile può essere da zero a circa 400 euro, difficilmente di più, e la collaborazione può interrompersi in qualsiasi momento. La società non paga tasse per questo mio lavoro, la cui responsabilità è lasciata a me.
    Ho avuto pareri discordanti su come gestire la questione, e non riesco a capire definitivamente se sia possibile considerare il lavoro come prestazione occasionale o se sia necessario aprire partita iva. Grazie

  18. Salve,
    ho percepito un compenso dalla comunità europea in veste di esperto per revisione di progetti H2020. E’ stato gestito tutto tramite portale ECAS e non ho dovuto fare ricevute o fatture. Il compenso lordo supera i 5000 euro. Questa prestazione ricade nelle casistiche riportate nel suo articolo?

    Grazie

  19. Salve,
    Lavoro per un’azienda danese come traduttrice e svolgo delle mansioni variabili ogni mese, però lo stipendio è variabile in base alla quantità di lavoro che hanno.
    Non sono molto propensa all’apertura della partita iva in quanto, se dovessi pagare tutte le tasse, mi rimarrebbe la metà.
    Posso dichiararlo come lavoro occasionale?
    O nel caso in cui il pagamento avviene mensilmente (indipendentemente dal valore) non si può? E nel caso in cui, invece di farmi pagare mensilmente, valutassi la possibilità di farmi pagare una volta ogni 3 mesi? Rientrerebbe nel caso di lavoro occasionale?

  20. Buonasera dott. Migliorini,
    sono un docente universitario e durante il 2019 ho collaborato come editore di una rivista scientifica. Per tale lavoro, effettuato in totale autonomia e senza alcun vincolo di tempo, mi è stato corrisposto un onorario e un rimborso spese forfettario. L’editore ha sede negli USA. Posso dichiarare l’onorario come lavoro autonomo occasionale? Posso indicare l’intero rimborso spese come “spese”? In alternativa, posso dichiarare come spese quelle di cui ho ricevute o scontrini, relativi all’attività svolta? L’editore non richiede alcuna quietanza di pagamento.

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome