I criteri di collegamento sono lo strumento più utilizzato per identificare la potestà impositiva di due Stati: quello che ha erogato il reddito (Stato della fonte) e quello di residenza fiscale del soggetto percettore. Ogni tipologia reddito ha un proprio criterio di collegamento che deve essere analizzato per identificare gli obblighi tributari del contribuente.

Quando un soggetto residente in uno Stato percepisce un reddito da parte di un ente residente in un diverso Stato si pone la problematica legata alla tassazione del reddito. Ognuno dei due Stati coinvolti, quello della fonte del reddito e quello di residenza fiscale del percettore possono vantare, infatti, una potestà impositiva su quel reddito. Se questo avvenisse concretamente il soggetto si troverebbe in una situazione di svantaggio, in quanto sarebbe costretto a tassare i uno stesso reddito due volte. Per evitare questa problematica le convenzioni internazionali hanno individuato una serie di criteri che hanno la funzione di determinare la potestà impositiva degli Stati coinvolti.

In questo contributo intendo andare ad analizzare quali sono i principali criteri che consentono di creare un collegamento con la...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login