Il contratto di locazione ad uso transitorio ha durata massima di 18 mesi e può essere stipulato al fine di venire in contro a particolari esigenze del locatore o dell’inquilino derogando alla stipula dei contratti di locazione ordinari (a canone libero o concordato). 

Il contratto di locazione ad uso transitorio è un tipo di contratto di locazione per uso abitativo utilizzato per esigenze temporanee, non turistiche. Con questo tipo di contratto, il locatore (soggetto titolare di diritto reale sull’immobile) concede in locazione per un limitato periodo di tempo e per un’esigenza transitoria ben individuata il godimento di un immobile destinato ad abitazione a un soggetto conduttore, al fronte di un pagamento di un corrispettivo periodico.

Il vantaggio principale del contratto di locazione ad uso transitorio è quello di poter stipulare un contratto avente durata inferiore a quella minima prevista dalla legge, ossia di quattro anni (rinnovabili per altri quattro), per i contratti a canone libero, o tre anni (rinnovabili per altri due anni) peri contratti a canone concordato.

In pratica, si tratta di un contratto derogatorio rispetto alle normali forme dei contratti di locazione, utilizzabile esclusivamente nel caso in cui vi sia una particolare esigenza del locatore o dell’inquilino da tutelare, appunto, attraverso la transitorietà del contratto. Non deve essere legato ad esigenze o finalità turistiche, ma piuttosto, di studio, lavoro etc.

Vediamo, quindi le principali caratteristiche del contratto di locazione ad uso abitativo transitorio.

Contratto di locazione uso transitorio
Contratto di locazione uso transitorio

Qual’è la normativa di riferimento per il contratto di locazione ad uso transitorio?

Le locazioni ad uso transitorio sono disciplinate dall’articolo 5 della Legge n. 431/1998, il quale a sua volta rinvia al D.M. 5 marzo 1999 e al D.M. 30 dicembre 2002, la definizione delle condizioni e delle modalità per la stipula delle locazioni ad uso transitorio aventi durata inferiore a quella minima prevista dalla Legge.

Come anticipato, infatti, questa forma contrattuale ha il vantaggio di poter derogare, a determinate condizioni, all’ordinata durata dei contratti di locazione abitativi.

Per la redazione di un contratto di locazione di tipo transitorio, occorre, quindi fare riferimento al D.M. 30 dicembre 2002 e agli accordi raggiunti dalle associazioni maggiormente rappresentative di proprietari ed inquilini, valide nel Comune ove è sito l’immobile.

Il contratto di locazione transitorio, pena nullità deve essere redatto in forma scritta e deve essere registrato nei termini presso un ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate. Ricordiamo che, la registrazione del contratto è obbligatoria in quanto la sua durata è sempre superiore ai 30 giorni.

Scarica una bozza di contratto di locazione ad uso transitorio

Di seguito puoi trovare una bozza di contratto di locazione ad uso transitorio. “Bozza contratto di locazione ad uso transitorio” da utilizzare come punto di partenza per la redazione del tuo contratto di locazione.

La forma e il contenuto del contratto di locazione ad uso transitorio

Il contratto di locazione ad uso transitorio deve essere redatto utilizzando un modello predisposto dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture (DM 30 dicembre 2002, Allegato C o D).  Fra gli elementi che devono essere obbligatoriamente contenuti nel contratto si ricordano in particolare:

  1. Le generalità delle parti;
  2. La descrizione dell’immobile;
  3. L’indicazione dell’importo del canone;
  4. Le modalità di versamento del canone;
  5. La durata della locazione;
  6. L’espresso riferimento all’esigenza transitoria, che deve essere comprovata da idonea documentazione allegata al contratto stesso (ad esempio, dichiarazione del datore di lavoro relativa a un trasferimento temporaneo del dipendente in altra sede, partecipazione ad un master universitario, ecc). In caso di mancata specificazione dell’esigenza temporanea, il contratto è soggetto alla disciplina ordinaria;
  7. Un’apposita clausola con la quale il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, in ordine all’attestazione di prestazione energetica (APE). In caso di mancata dichiarazione circa l’APE, locatore e conduttore sono soggetti al pagamento, in solido e in parti uguali, di una sanzione amministrativa. Il pagamento della sanzione amministrativa non esenta dall’obbligo di presentare la dichiarazione o la copia dell’APE entro 45 giorni;
  8. Inserimento nel contratto di clausole che prevedano la ripartizione delle stesse fra locatore e conduttore e che stabiliscano il divieto di sublocazione.

Qual’è la durata minima e massima del contratto di locazione ad uso transitorio?

La legge, all’articolo 2, comma 1, del Decreto 30 dicembre 2002, stabilisce il periodo minimo e massimo di durata del contratto di locazione ad uso transitorio. In particolare, per questo tipo di contratto sono previsti i seguenti limiti:

  • Periodo minimo: 1 mese;
  • Periodo massimo: 18 mesi.

Se le parti pattuiscono un periodo di durata inferiore a 1 mese, la clausola è nulla e si applica automaticamente la norma sulla durata minima di 1 mese. Similmente, se le parti pattuiscono un periodo superiore a 18 mesi, la clausola è nulla e si applica automaticamente la norma sulla durata massima prevista dalla legge.

La durata del contratto è legata alle esigenze di transitorietà dello stesso. Infatti, nello specifico, il contratto d’affitto transitorio è un tipo di contratto che riguarda la locazione di immobili ad uso abitativo per esigenze temporanee non turistiche.

Il locatore (che è in genere il proprietario dell’abitazione) concede per un periodo di tempo limitato l’immobile ad un soggetto (il conduttore, che altri non è che l’inquilino) a fronte del pagamento di un corrispettivo per determinate esigenze che devono trovare adeguato spazio all’interno del contratto stesso. Può trattarsi, ad esempio, di esigenze comprovate di studio, oppure esigenze lavorative, etc. Insomma, una delle parti del contratto deve trovarsi in una condizione tale da richiedere la locazione per un periodo compreso tra il minimo ed il massimo previsti dalla norma.

Modifica durata contratti transitori

I contratti di locazione di natura transitoria hanno durata non superiore a 18 mesi.
Viene eliminato il precedente (e attualmente in vigore, nei comuni in cui non è stato approvato un nuovo accordo ai sensi del nuovo D.M.) il limite minimo di 1 mese (da 1 a 18 mesi).

Avendo durata non superiore a 30 giorni, anche il nuovo transitorio breve non deve essere registrato (ma trattandosi di locazione breve andrà effettuata la comunicazione di cui all’art. 4 D.L. 50/2017).

La durata non superiore a 30 giorni comporta anche una maggiore libertà rispetto ad alcune regole previste per i transitori lunghi.

Come di determina il canone nel contratto di locazione transitorio?

Il corrispettivo della locazione ad uso transitorio può essere liberamente determinato dalle parti. Questa è la regola generale. Tuttavia, vi sono alcune zone territoriali in cui l’importo del canone di locazione è determinato applicando specifici accordi territoriali. Si tratta, precisamente di:

  • Alcune città italiane e relativa area metropolitana: Roma, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Torino, Bari, Palermo e Catania;
  • Comuni confinanti con le città sopra elencate;
  • Capoluoghi di provincia.

Il pagamento del canone può avvenire anche in contanti ma solo entro i limiti massimi fissati per legge. In caso di pagamento in contanti diventa obbligatorio il rilascio della ricevuta non fiscale da parte del locatore.

Nessuna disdetta per il contratto ad uso transitorio

Nei contratti di locazione ad uso transitorio, a differenza delle altre tipologie contrattuali, non è necessario dare la disdetta al locatore. Questo, in quanto la cessazione del contratto si verifica automaticamente al termine del periodo prestabilito. Come detto, infatti, tale contratto è legato alla presenza di condizioni ed esigenze temporanee.

Nel caso in cui le ragioni della transitorietà sono state poste dal locatore, è però necessario che quest’ultimo le confermi prima della scadenza, con apposita comunicazione al conduttore: in caso contrario, se il conduttore rimane nel godimento dell’immobile, il contratto diventa soggetto alla disciplina ordinaria (contratto a canone libero), con durata di 4 anni, rinnovabili per ulteriori quattro .

Se il locatore comunica il perdurare dell’esigenza transitoria e poi non adibisce l’immobile all’uso dichiarato entro 6 mesi, il locatore può essere condannato al risarcimento del danno a favore del conduttore oppure al ripristino del contratto di locazione secondo la disciplina ordinaria. 

E’ possibile effettuare il rinnovo di un contratto di locazione ad uso transitorio?

Se una parte intende prolungare il contratto, prima della scadenza deve comunicare all’altra parte con raccomandata il perdurare dell’esigenza transitoria. Quindi, possiamo dire che è possibile effettuare la procedura di rinnovo per un contratto di locazione ad uso transitorio.

Tuttavia, se alla scadenza del primo rinnovo permangono le esigenze di transitorietà il contratto si trasforma automaticamente in contratto a canone libero 4-4. In altre parole il contratto transitorio può essere rinnovato solo una volta.

Disciplina fiscale dei contratti di locazione ad uso transitorio

Come per i contratti di locazione convenzionali anche i canoni di locazione ad uso transitorio sono soggetti a tassazione Irpef, e devono essere riportati nella dichiarazione dei redditi del soggetto locatore. Alternativamente al regime di imponibilità Irpef è possibile optare per la tassazione con cedolare secca, a condizione che le parti siano entrambe persone fisiche (non imprenditori).

Naturalmente in questo caso dovrà essere apposta apposita clausola all’interno del contratto e dovrà essere esercitata l’opzione in sede di registrazione del contratto presso l’Agenzia delle Entrate.

Per quanto riguarda l’imposta di registro, essa è da dividere metà ciascuno tra locatore e conduttore, salvo la locazione sia soggetta a Iva che rimane a totale carico del conduttore.

Contratto di locazione transitorio: FAQ

Quando si può fare un contratto di locazione transitorio?

I contratti di locazione ad uso transitorio si possono stipulare per periodi che non siano superiori ai 18 mesi e possono farlo tutti i soggetti privati che siano proprietari di un immobile con uso abitativo

Come registrare un contratto di locazione ad uso transitorio?

Il contratto di locazione transitorio, pena nullità deve essere redatto in forma scritta e deve essere registrato nei termini presso un ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Cosa vuol dire uso transitorio?

Nel contratto di locazione abitativa ad uso transitorio un soggetto (locatore) mette temporaneamente a disposizione di un altro soggetto (conduttore), per finalità non turistiche, un immobile destinato ad abitazione dietro pagamento di un corrispettivo che può essere liberamente determinato dalle parti (canone libero) in virtù di determinate esigenze (es. studio o lavoro).

Come prorogare un contratto di locazione transitorio?

Per i contratti di locazione a natura transitoria, la durata varia da 1 a 18 mesi. Al fine di ottenere la proroga di questo tipo di contratto, il contraente, al quale è riconducibile l’esigenza transitoria che giustifica la stipula di tale tipo di contratto, deve comunicare il persistere della stessa.

Quante volte posso rinnovare un contratto di locazione ad uso transitorio?

Se alla scadenza del primo rinnovo permangono le esigenze di transitorietà il contratto si trasforma automaticamente in contratto a canone libero 4-4. In altre parole il contratto transitorio può essere rinnovato solo una volta.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

26 COMMENTI

  1. Salve,il proprietario di casa mi ha stipulato un contratto di locazione temporaneo per una durata di 4 mesi per una stanza singola.
    Non c’è nessun codice identificativo da inserire sul sito dell’Agenzia delle Entrate, come posso verificare se è stato realmente registrato? Grazie.

  2. Salve devo affittare una stanza per 3 mesi. Che cosa deve essere indicato nel contratto transitorio? qualcosa tipo “locazione di parte dell’immobile, nello specifico: 1 stanza e l’utilizzo delle parti comuni quali cucina, …”
    Oppure c’é un contratto specifico?

  3. Serve un contratto ad uso transitorio, compilato correttamente secondo questa disciplina, altrimenti siamo di fronte ad un contratto che non ha i requisiti, e quindi viene trasformato in contratto ordinario. Se le serve aiuto per compilare il contratto siamo a disposizione.

  4. Buonasera, vorrei provare a lavorare in Polonia e quindi vorrei fittare ad uso transitorio la mia casa. So per certo che l’inquilino non ha il diritto di spostare la sua residenza nella casa che vorrei fittare(unica casa che ho di proprietà e nelle quale risiedo con la mia famiglia).
    La mia domanda è : Se l’inquilino non sposta la sua residenza a casa mia, posso lasciare la mia residenza nella casa che andrò a fittare per circa 1 anno? Vorrei spostare solo il domicilio in Polonia. In questo caso potrei mantenere casa mia come abitazione principale e non pagherei l’IMU come seconda casa. In tal caso credo che non pagherei nemmeno la TASI.
    L’agenzia immobiliare non mi sembra molto preparata in merito e mi parla di una tassazione con cedolare secca al 10%(solo se fitto a studenti)oppure di una cedolare secca al 21% se fitto a lavoratori.
    Ovviamente parlo di un massimo di 18 mesi continui.

    Potreste darmi riscontro sul discorso IMU che qualcuno mi ha detto che potrebbe scattarmi come seconda casa(A4) anche se in Polonia andremmo a vivere in affitto.

    Altra cosa, qual’ora dovessero fare i lavori di ristrutturazione al palazzo condominiale, come potrei fare ad usufruire delle detrazione irpef se il mio nuovo reddito sarebbe dichiarato in Polonia? Esiste un escamotage?

    Grazie mille

  5. Se lei si sposta all’estero si deve iscrivere all’AIRE, quindi niente più residenza nell’immobile Italiano. Questo significa pagamento dell’IMU in Italia su quell’immobile e pagamento delle imposte sul reddito da locazione in Italia.

  6. Grazie mille per la tempestiva risposta. Nel mio caso sarebbe un’attività a conduzione familiare in società con un amico. Io farei il pizzaiolo. Mi chiedevo se è indispensabile iscrivermi all’aire subito dopo aver aperto la pizzeria. Anche perché la casa è intestata a me e potrei intestare la mia quota della pizzeria a mia moglie. Io vorrei spostare solo il domicilio e mantenere la residenza nella casa italiana. Questo almeno per 3/4 anni. Grazie ancora per l’aiuto e scusi per l’ignoranza ma già queste cose che mi ha scritto, nemmeno l’operatore dell’agenzia delle entrate me le ha riferite.

  7. L’iscrizione all’AIRE è obbligatoria quando si ha intenzione di restare all’estero in modo stabile e duraturo e comunque per oltre un anno. Per il resto, se vuole ne parliamo in consulenza.

  8. La ringrazio ancora, magari il primo anno lascio la residenza qui in Italia. Poi nel caso, fitterò la casa con un contratto molto più lungo usufruendo della tassazione al 10% e pagando IMU come seconda casa. È stato gentilissimo. Un cordiale saluto.

  9. Buongiorno. Vorrei che mi deste delucidazione in merito a quanto espongo:
    Ho affittato una casa di campagna con cedolare secca ad uso transitorio (18mesi). Purtroppo nel contratto sottoscritto dalle parti e regolarmente registrato, non è stata indicata la motivazione della transitorietà della locazione. L’inquilina, che già in passato ha cercato di fregare il proprietario dell’appartamento dove abitava, cercando di usufruire dello stesso senza pagare, assume un comportamento “strano” non ricevendo mie raccomandate e ritardando il pagamento del canone (adesso temo che si voglia rifiutare di farlo). Come devo comportarmi? Posso sfrattarla? devo attendere la scadenza del contratto (anche se temo che venga dichiarato nullo?).
    Vi ringrazio anticipatamente.

  10. Salve in un contratto transitorio (tra proprietario privato e società di capitali che lo utilizza per ragioni di lavoro per un dipendente) cambia il dipendente che lo occupa occorre redigere un nuovo contratto? e quindi fare il recesso anticipato del primo contratto?
    Potrebbe essere sufficiente una raccomandata al proprietario? si tratta di un contratto di locaizone per soli tre mesi.

  11. Non mi risulta che ad Agenzia delle Entrate si comunichi il nome dell’utilizzatore dell’immobile, ma solo il soggetto fiscale intestatario del contratto che, mi pare di capire, rimane la società..

  12. Buonasera,
    Vorrei sapere se é possibile affittare un appartamento per motivi turistici per 3 mesi. So che la locazione breve deve essere di durata inferiore a 30 giorni, e in questo caso il contratto non necessita di registrazione. Cosa devo fare però se l’inquilino mi chiede di rimanere più di 30 giorni? Posso fare un contratto ad uso transitorio per motivi diversi da studio o lavoro? Altrimenti che tipo di contratto occore stipulare?
    Grazie per la cortese risposta

  13. Salve.. Sto fittando ad una persona titolare di partita Iva come lavoratore autonomo e la durata 1 anno richiede la transitorieta ‘ posso utilizzare il contratto transitorio?

  14. Salve, mi trovo a Roma per esigenze di lavoro per la durata di 6 mesi. Ho sottoscritto un contratto di affitto uso transitorio di un monolocale, oggi alla proprietaria recatasi all’ADE per la registrazione, le viene comunicato che da marzo 2019 non è possibile registrare il contratto in quanto bisogna iscriversi all’UPPI i quali penseranno a tutto loro, e che io conduttore devo pagare la somma di 75 euro per la registrazione. E’ possibile tutto ciò?

  15. Buongiono. È possibile affittare un appartamento con un contratto di tipi transitorio per un anno anche se il locaatario è un lavoratore autonomo? In questo caso, va bene un’auto certificazione da allegare al contratto?

  16. Buongiorno, la cessazione naturale del contratto d’affitto transitorio stipulato per un anno, deve essere registrata? e se no , va in qualche modo comunicata all’agenzia delle entrate? O visto che è “fisiologica” al tipo di contratto non va fatto assolutamente nulla? Grazie

  17. Buongiorno.
    L’agenzia immobiliare mi ha detto che un immobile può godere di contratto di affitto a uso transitorio 18 mesi perché è ammobiliato,a prescindere dell’esigenza lavorativa temporanea. È una informazione corretta?
    Grazie.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here