Quadro RW per le Società Semplici: guida

0
842

Come deve essere complicato il Quadro RW con riferimento alle Società Semplici? La non applicabilità di IVIE ed IVAFE sulle Società Semplici rende agevola la compilazione del Quadro RW. Tutte le informazioni utili per la compilazione del quadro RW per le società semplici in questa guida. 

Come noto i contribuenti residenti in Italia interessati alla normativa sul monitoraggio fiscale sono:

  • Le persone fisiche;
  • Le società semplici (e le associazioni equiparate);
  • Gli enti non commerciali.

In questo contributo voglio andare ad evidenziare le modalità di segnalazione nel Quadro RW per le Società Semplici.

Tale quadro è sicuramente semplificato rispetto a quello previsto per le persone fisiche. Per approfondire: “Quadro RW per monitoraggio fiscale“. La semplificazione dipende dal fatto che le imposte patrimoniali IVIE ed IVAFE non sono dovute.

Queste imposte, infatti, riguardano soltanto le persone fisiche fiscalmente residenti in Italia. Tuttavia, il valore da indicare nel quadro è quello che si utilizza come base imponibile per queste due imposte.

Vediamo, quindi, come compilare il Quadro RW per le Società Semplici e le associazioni equiparate.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

QUADRO RW PER LE SOCIETÀ SEMPLICI: IL VALORE DA INDICARE

Il valore da indicare nel Quadro RW per le Società Semplici è dato dalla base imponibile da utilizzare per quanto riguarda le imposte patrimoniali: IVIE ed IVAFE.

Vediamo, di seguito, come individuare le corrette basi imponibili per l’indicazione di attività patrimoniali e finanziarie nel Quadro RW da parte di Società Semplici.

BASE IMPONIBILE IVIE

Il valore dell’immobile è dato dal costo risultante dall’atto di acquisto o dai contratti da cui risulta il costo complessivamente sostenuto per l’acquisto.

In mancanza, deve essere utilizzato il valore di mercato rilevabile al termine dell’anno (o del periodo di detenzione) nel luogo in cui è situato l’immobile.

Per gli immobili acquisiti per successione o donazione il valore è quello dichiarato nella dichiarazione di successione o nell’atto registrato. In mancanza si assume il costo di acquisto o di costituzione sostenuto dal de cuius o dal donante.

Per gli immobili appartenenti all’UE o allo SEE, il valore è quello catastale, o in mancanza il costo di acquisto, o in assenza il valore di mercato rilevabile nel luogo in cui è situato l’immobile.

Per le altre attività patrimoniali diverse dagli immobili il contribuente deve indicare il costo di acquisto o il valore di mercato all’inizio di ciascun periodo di imposta.

BASE IMPONIBILE IVAFE

Il valore è pari al valore di quotazione rilevato al 31 dicembre o al termine del periodo di detenzione. Per i titoli non negoziati in mercati regolamentati si fa riferimento al valore nominale. In mancanza si utilizza il valore di rimborso, anche se rideterminato ufficialmente.

Nel caso in cui siano cedute attività finanziarie appartenenti alla stessa categoria acquistate a prezzi e tempi diversi per la valutazione si utilizza il metodo LIFO. Pertanto si considerano ceduti per primi gli investimenti finanziari acquistati in epoca più recente.

COMPILAZIONE DEL QUADRO RW

A questo punto andiamo a vedere come deve essere compilato il Quadro RW per le Società Semplici residenti in Italia. Società che detengono investimenti all’estero e attività estere di natura finanziaria a titolo di proprietà o di altro diritto reale.

[box type=”warning” align=”” class=”” width=””]Tali soggetti devono indicare la consistenza degli investimenti e delle attività detenute all’estero nel periodo di imposta. Questo indipendentemente dal valore complessivo degli stessi. Questo obbligo sussiste anche se il contribuente nel corso del periodo di imposta ha totalmente disinvestito.[/box]

L’obbligo dichiarativo sussiste anche quanto la società sia qualificata come “Titolare Effettivo” delle attività secondo quanto previsto dalla normativa antiriciclaggio.

In particolare, a questi fini rilevano:

  • Le partecipazioni in società residenti, qualora unitamente alla partecipazione diretta o indiretta del contribuente in società estere concorrano ad integrare in capo al contribuente, il requisito di “titolare effettivo” di investimenti esteri o attività estere di natura finanziaria;
  • Opera il principio del Look Through in ipotesi di investimenti detenuti in Paesi non Collaborativi.

REGOLE PER IL MONITORAGGIO FISCALE DELLE SOCIETÀ SEMPLICI

Esonero oggettivo

Il quadro RW non deve essere compilato per i prodotti finanziari e patrimoniali affidati in gestione o in amministrazione a intermediari residenti. Stessa cosa per i contratti conclusi per il tramite del loro intervento. Questo qualora i flussi reddituali relativi all’investimento siano assoggettati a ritenuta di acconto da parte degli intermediari stessi.

Attività cointestate o in comunione

Se i prodotti finanziari e patrimoniali sono in comunione o cointestati l’obbligo di compilazione del Quadro RW è a carico di ciascun soggetto intestatario.

Questo con riferimento all’intero valore dell’investimento finanziario con indicata la percentuale di possesso.

Presenza di più diritti reali

Qualora sul bene sussistano più diritti reali come nuda proprietà ed usufrutto sono tenuti ad effettuare l’investimento:

  • Sia il titolare del diritto di usufrutto;
  • Sia il titolare del diritto di proprietà.

Questo in quanto in entrambi i casi vi è la possibilità di generare redditi di fonte estera.

Possibilità di movimentare il conto

Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio non solo i titolari di attività detenute all’estero ma anche coloro che hanno la disponibilità o la possibilità di movimentazione.

Soggetti interposti

L’obbligo di compilazione del quadro RW sussiste anche nel caso in cui le attività siano possedute dal contribuente per il tramite di interposta persona o per il tramite di fiduciarie estere.

INDICAZIONE DEGLI IMPORTI IN VALUTA ESTERA

Per gli importi in valuta estera il contribuente deve indicare il controvalore in euro indicando il cambio indicato nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

Provvedimento emanato ai fini dell’individuazione dei cambi medi mensili agli effetti delle norme contenute nei titoli da I a II del DPR n 917/86.

Per approfondire: “Valute al cambio medio nel quadro RW“.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

MODALITÀ DI COMPILAZIONE DEL QUADRO RW PER LE SOCIETÀ SEMPLICI

Vediamo di seguito le modalità per la compilazione delle colonne presenti nel quadro RW per le società semplici.

Colonna 1

Si deve indicare il codice che contraddistingue a che titolo i beni sono detenuti:

  1. Proprietà;
  2. Usufrutto;
  3. Nuda proprietà;
  4. Altro diritto reale (beneficiario di Trust).

Colonna 2

Deve essere barrata esclusivamente se il contribuente è il titolare effettivo.

Colonna 3

Si deve indicare il codice di individuazione del bene rilevato dalla Tabella “Codici di investimenti all’estero e attività estere di natura finanziaria“. Tabella posta in Appendice al modello ministeriale di istruzioni alla compilazione del quadro RW.

Si devono indicare tutte le attività patrimoniali e finanziarie detenute indipendentemente dall’effettiva produzione di redditi imponibili nel periodo di imposta.

Le attività patrimoniali e finanziarie detenute all’estero vanno dichiarate anche se immesse in cassette di sicurezza.

Colonna 4

Si deve indicare il codice dello Stato estero individuato dalla Tabella “Elenco Paesi e territori esteri” posta in appendice alle istruzioni ministeriali.

Colonna 5

Si deve indicare la quota di possesso (in percentuale) dell’investimento patrimoniale o finanziario estero.

Colonna 6

Criterio di determinazione del valore:

  1. Valore di mercato;
  2. Valore nominale;
  3. Il Valore di rimborso;
  4. Costo di acquisto;
  5. Valore catastale;
  6. Valore dichiarato nella dichiarazione di successione o in altri atti.

Colonna 7 e 8

Indicare il valore all’inizio del periodo di imposta o al primo giorno di detenzione dell’attività. Indicare il valore al termine del periodo di imposta o di detenzione dell’attività.

Colonna 9

Indicare l’ammontare massimo che l’attività ha raggiunto nel periodo di imposta. Questo se l’attività riguarda conti correnti e libretti di risparmio in Paesi non collaborativi.

Colonna 18

Deve essere indicato un codice per indicare la compilazione di uno o più quadri reddituali conseguenti al cespite indicato oggetto di monitoraggio. Ovvero se il bene è infruttifero.

In particolare, si deve indicare:

  1. Compilazione del quadro RL;
  2. Compilazione del quadro RM;
  3. La Compilazione del quadro RT;
  4. Compilazione contemporanea di due o più quadri tra RL, RM e RT;
  5. Nel caso in cui i redditi relativi a prodotti finanziari verranno percepiti in un successivo periodo di imposta. Ovvero se i predetti prodotti finanziari sono infruttiferi. In questo caso è opportuno che gli interessati acquisiscano dagli intermediari esteri documenti o attestazioni da cui risulti tale circostanza.

Colonna 19

Indicare la percentuale di partecipazione nella società o altra entità giuridica nel caso in cui la società semplice risulti titolare effettivo.

Colonna 21

Indicare il codice fiscale delle società o altra entità giuridica nel caso in cui il contribuente risulti titolare effettivo.

In questo caso va barrata la colonna 2 e la colonna 19 va compilata con la percentuale di relativa partecipazione.

Colonna 22 e 23

Inserire i codici fiscali degli altri soggetti che a qualsiasi titolo sono tenuti alla compilazione della presente sezione nella propria dichiarazione dei redditi.

Colonna 24

Barrare la casella nel caso in cui i cointestatari siano più di due.

[box type=”warning” align=”” class=”” width=””]Non sono presenti le caselle dalla 10 alla 17 relative alla determinazione dell’IVIE e dell’IVAFE, questo poiché non dovute. Neanche la casella 20 in quanto la stessa indica che la segnalazione è posta in essere esclusivamente per il monitoraggio fiscale. Nel caso delle società semplici il quadro viene compilato unicamente per assolvere a tale finalità quindi non aveva senso inserirla.[/box]

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

ESEMPI DI COMPILAZIONE DEL QUADRO RW PER LE SOCIETÀ SEMPLICI

Vediamo adesso alcuni esempi di compilazione del quadro RW per le società semplici.

Esempio n 1

Una società semplice è titolare di un conto corrente in Germania.

I soci della società semplice sono due fratelli al 50% ciascuno.

Il conto corrente ha un saldo all’inizio dell’anno di 50.000 euro e a fine anno di 70.000 euro.

Gli interessi attivi corrisposti ammontano a € 1.500.

La compilazione del quadro RW è la seguente:

  • Colonna 1: si indica il codice 1 relativo alla proprietà;
  • Colonna 2: viene lasciata in bianco in quanto la società semplice non si qualifica come titolare effettivo;
  • La Colonna 3: si indica il codice 1 relativo ai conti correnti;
  • Colonna 4: si indica il codice della Germania;
  • Colonna 5: si indica la quota di possesso pari al 100%;
  • La Colonna 6: si indica il criterio di determinazione de valore, quello nominale;
  • Colonna 7: si indica il valore al 1° gennaio;
  • Colonna 8: si indica il valore al 31 dicembre 2017;
  • La Colonna 9: non viene compilato non essendo un Paese paradisiaco la Germania;
  • Colonna 18: si indica il codice 2. Il conto ha maturato interessi che vanno indicati nel quadro RM;
  • Colonna 19: non si compila in quanto la società semplice non riveste la qualifica di titolare effettivo;
  • La Colonna 21: non si compila;
  • Colonne 22 e 23: non devono essere compilate. I soci non devono indicare l’investimento;
  • Colonna 24: non deve essere compilata.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

COMPILAZIONE DEL QUADRO RW PER LE SOCIETÀ SEMPLICI: CONSULENZA

Vuoi sapere se anche tu devi compilare il quadro RW? Devi compilare il quadro RW della tua dichiarazione dei redditi e hai bisogno di aiuto?

Vuoi sapere se dovrai pagare le imposte patrimoniali Ivie e/o Ivafe?

Stessa cosa se ti sei accorto di non aver compilato correttamente la dichiarazione dei redditi per le annualità passate. In relazione a redditi esteri, e attività patrimoniali e finanziarie detenute all’estero.

Hai sicuramente bisogno della consulenza di un professionista preparato su questo argomento.

Considerate le sanzioni che si applicano per infedele dichiarazione, se hai dubbi sulla gestione delle tue attività estere rivolgiti ad un professionista.

Ho ideato per te un apposito servizio di consulenza fiscale online.

Questo è il link, per acquistare la consulenza:

CONSULENZA PIANIFICAZIONE FISCALE INTERNAZIONALE

Ti risponderò nel più breve tempo e potrai risolvere i tuoi dubbi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here