Visto per nomadi digitali in Grecia
Visto per nomadi digitali in Grecia

Tra tutte le località possibili per stabilirsi nel mondo, le ultime tendenze mostrano che sempre più nomadi digitali si stanno spostando in Grecia e finiscono per restare nel Paese più a lungo del previsto. Aree come la capitale Atene, e Salonicco, nel nord , e alcune isole sembrano offrire condizioni favorevoli ai nomadi digitali per soggiornare e lavorare in Grecia.

Nonostante l’economia debole, il Paese si sta lentamente trasformando in una delle principali destinazioni per imprenditori, lavoratori a distanza e nomadi digitali. Di fatto, nell’ultimo anno la Grecia sta inserendo una serie di misure legislative volte a favorire l’ingresso di soggetti extra-UE nel suo territorio, attraverso uno speciale visto per nomadi digitali. Inoltre, è stata introdotta una speciale disciplina fiscale per i c.d. “residenti non domiciliati“, che ha l’obiettivo di portare in Grecia lavoratori provenienti da ogni parte del mondo. In cambio la Grecia offre una detassazione importante dei redditi prodotti in cambio di un impegno ad ivi mantenere la residenza fiscale per almeno due anni.

Quindi, se stai pensando alla Grecia come la tua prossima destinazione per il lavoro a distanza (c.d. “smart working“), continua a leggere questo articolo. Di seguito puoi trovare tutte le informazioni principali da conoscere sulle disposizioni fiscali greche che hanno l’obiettivo di attrarre soggetti esteri. Se stai pensando di trasferirti all’estero, in Grecia, il consiglio che possiamo darti è quello di affidarti ad un dottore Commercialista esperto in fiscalità internazionale (al termine dell’articolo il link per contattarci) ed un consulente fiscale greco, per approfondire la normativa fiscale interna.

Pubblicità

La normativa per i nomadi digitali in Grecia

La Legge n. 4825/2021 (Government Gazette Α’ 157/4.9.2021), ha introdotto il concetto di nomade digitale nella legislazione greca sull’immigrazione. In particolare, con l’articolo 11, la norma consente ai lavoratori di paesi terzi (extra-UE) di lavorare a distanza nel territorio della Grecia. La legge, entrata in vigore il 4 settembre 2021, delinea la procedura e i criteri per il visto per nomadi digitali, dando un significativo motivo di sviluppo economico per le comunità di tutte le dimensioni e offrendo una migliore qualità di vita ai lavoratori a distanza. Questa norma, evidentemente, ha l’obiettivo di attrarre soggetti residenti fuori dalla zona UE per entrare in Europa e vivere in Grecia come nomadi digitali.

La disposizione dell’articolo 11 è stata introdotta quando l’ecosistema tecnologico in Grecia era sufficientemente maturo per accogliere nuove politiche favorevoli al digitale. Deve essere tenuto presente anche che è stato introdotto uno specifico quadro normativo legato alla concessione di licenze alle società per la detenzione di portafogli digitali e allo scambio di criptovalute. Pertanto, è sicuramente possibile affermare che la Grecia è sicuramente favorevole all’introduzione di tecnologie digitali nella propria economia, anche per attrarre investitori stranieri.

In generale, il nuovo regime dei nomadi digitali in Grecia ha bassi costi amministrativi, e una procedura accelerata (circa 10 giorni) davanti all’autorità consolare greca competente a cui gli individui devono richiedere il visto. La documentazione richiesta, espressamente prevista dalla legge, può benissimo essere inviata anticipatamente per la presentazione della relativa richiesta, mentre potrebbe essere aperto un conto corrente bancario locale a seguito della registrazione TIN della persona fisica. Se desideri approfondire questi aspetti è consigliabile rivolgersi all’ambasciata o al consolato italiano di riferimento in Grecia, oppure, direttamente all’autorità consolare greca competente al rilascio del visto.

Ottenimento del visto per nomadi digitali in Grecia

I titolari di un visto per nomadi digitali hanno il diritto di residenza legale all’interno del territorio greco, senza alcun diritto di accesso al lavoro dipendente greco o all’attività commerciale in Grecia in alcun modo. Quindi, l’ottenimento del visto per nomadi digitali in Grecia non ha alcun legame con l’inizio di un’attività di lavoro dipendente o autonomo in Grecia.

Chi ha diritto a un visto per nomadi digitali?

Cittadini di paesi terzi (extra-UE) dipendenti o lavoratori autonomi, che lavorano a distanza con datori di lavoro o clienti al di fuori della Grecia utilizzando tecnologie dell’informazione e della comunicazione (nomadi digitali). L’obiettivo di questa norma, infatti, è quello di favorire l’ingresso in Grecia di lavoratori ed investitori che risiederanno nel Paese aumentando i consumi ed indirettamente anche gli investimenti.

Quale autorità è competente per il rilascio del Digital Nomad Visa?

L’autorità consolare greca del luogo di residenza principale del richiedente è competente a rilasciare un visto per nomadi digitali, applicando una procedura accelerata (di circa 10 giorni). Il permesso di soggiorno per nomadi digitali è rilasciato dall’autorità competente del Ministero greco per la migrazione e l’asilo.

Condizioni richiesta per il visto per nomadi digitali in Grecia

Il rilascio del visto per nomadi digitali è subordinato al deposito della seguente documentazione:

  • Contratto di lavoro o di lavoro con controparte stabilita al di fuori del territorio greco;
  • Dichiarazione solenne che dichiara l’intenzione delle persone di risiedere in Grecia e il loro impegno a non lavorare per un datore di lavoro o un cliente che ha sede in Grecia;
  • Conferma della carica ricoperta dal soggetto nonché dati societari;
  • Prova del reddito percepito, che dimostri che l’individuo ha una situazione reddituale e finanziaria regolare sufficiente. Una situazione finanziaria adeguato è fissato all’importo netto minimo di 3.500 euro/mese. Tale importo è maggiorato di 700 euro per ogni coniuge/convivente e di 525 euro per ogni figlio; 
  • Pagamento della tassa per il visto nazionale di 75 euro; e
  • Spese amministrative di 1.000 euro.

Se le risorse del richiedente derivano da lavoro subordinato o da prestazione di servizi autonoma, l’importo minimo di cui sopra si riferisce al reddito netto, dopo il pagamento delle imposte previste nel Paese in cui l’attività o la prestazione è prestata. L’importo di cui sopra è aumentato del venti per cento (20%) per il coniuge o convivente e del quindici per cento (15%) per ciascun figlio. Inoltre, il richiedente è tenuto a fornire la documentazione comprovante di essere lavoratore dipendente o lavoratore autonomo persona che lavora a distanza con datori di lavoro o clienti al di fuori della Grecia, coprendo il periodo di validità del visto per nomadi digitali.

Ai titolari di visto per nomadi digitali viene concesso il diritto di soggiorno legale all’interno del territorio greco, senza tuttavia alcun diritto di accesso al lavoro dipendente greco o all’attività commerciale in Grecia per 12 mesi. Questo non si applica agli affitti a breve termine che sono ormai molto comuni in Grecia. 

I nomadi digitali potrebbero portare anche i propri familiari, che alla scadenza del permesso di soggiorno hanno tutti diritto alla proroga del permesso di soggiorno di due anni, a seconda della relativa richiesta presentata prima della scadenza del visto.  Si segnala, infine, che in attesa dell’emanazione di linee guida di dettaglio da parte dell’Autorità Indipendente delle Entrate in materia di residenza fiscale dei nomadi digitali, le relative problematiche sollevate sono disciplinate dalle norme generali sulla residenza fiscale e dalle linee guida OCSE su un caso per caso.

Sono già in Grecia, ho diritto a un visto per nomadi digitali?

Un cittadino di un paese terzo, nonché i membri della sua famiglia, che soddisfano le condizioni per richiedere un visto per nomadi digitali e sono già entrati nel greco possono fare richiesta del visto. Questa possibilità è limitata al periodo di validità del loro visto esistente. Entro questo termine è possibile di richiedere allo sportello unico del Ministero greco della migrazione e dell’asilo il rilascio di un Permesso di soggiorno per nomadi digitali. In tal caso è necessario anche presentare la documentazione comprovante il proprio indirizzo di residenza in Grecia.

I membri della famiglia hanno diritto a un visto?

I familiari hanno diritto a un visto individuale, valido per lo stesso periodo del visto nomade digitale, che non prevede il diritto al lavoro o all’attività professionale in Grecia.

Per quanto tempo è valido un visto per nomadi digitali?

Un visto per nomadi digitali è valido per un periodo fino a 12 mesi. Se il cittadino di un paese terzo ritiene di poter continuare a essere idoneo dopo tale periodo, prima della scadenza del visto può richiedere il rilascio di un permesso di soggiorno per nomade digitale, con un periodo di validità di 2 anni ( con possibilità di rinnovo). Anche in questo caso sono ammessi i familiari.

E i cittadini UE/SEE?

Per i titolari di passaporto dell’Unione Europea e del SEE, devi sapere che è possibile vivere e lavorare in Grecia senza bisogno di un visto speciale. L’unico requisito è che dopo 3 mesi dovrai registrarti presso le autorità e che dopo aver trascorso 183 giorni in un anno fiscale avrai la residenza fiscale in Grecia.

Regime non-dom in Grecia: come attirare nuovi residenti fiscali?

Accanto alla normativa legata all’ottenimento del visto di ingresso in Grecia per nomadi digitali, il Paese ellenico ha introdotto una normativa (Legge n. 4758/2020) legata ad evitare la c.d. “fuga dei cervelli” all’estero. In particolare, per questo motivo è prevista una riduzione dell’imposta sul reddito del 50% valida per 7 anni. Questa normativa si applica nel caso in cui il lavoratore si trasferisca a lavorare in Grecia, come lavoratore dipendente o autonomo. La norma in commento, quindi, prevede una tassazione del 50% del reddito guadagnato da coloro che sono lavoratori autonomi o neoassunti in posizioni create in Grecia già nel 2021.

La Grecia attualmente applica un’aliquota fiscale del 44% per qualsiasi guadagno superiore a 40.000 euro. Questo nuovo incentivo si applica per un massimo di sette anni a qualsiasi lavoratore che voglia trasferire la propria residenza fiscale in Grecia, indipendentemente dalla nazionalità o dal tipo di lavoro. Questa disposizione di favore è valida anche per i greci che vivono all’estero se tornano nel loro paese d’origine.

Possono fare domanda per questo regime speciale dei residenti non domiciliati:  

  • Persone fisiche che non erano fiscalmente residenti in Grecia per i precedenti cinque (5) dei sei (6) anni precedenti il ​​trasferimento della loro residenza fiscale in Grecia; 
  • Persone fisiche che trasferiscono la propria residenza fiscale da uno Stato membro dell’UE o del SEE o da uno Stato con cui è in vigore un accordo di cooperazione amministrativa in materia fiscale con la Grecia;
  • Le persone fisiche che prestano servizi in Grecia nell’ambito di un rapporto di lavoro per una nuova posizione lavorativa o iniziare un’attività imprenditoriale come lavoratore autonomo; e 
  • Le persone che dichiarano che rimarranno in Grecia per almeno due anni. 

Le misure mirano ad attirare residenti fiscali in Grecia e offrono un regime fiscale preferenziale per un periodo di tempo alle persone aventi diritto che trasferiscono la loro residenza fiscale in Grecia. Ciò serve a sostenere la base fiscale della Grecia ea migliorare il suo sviluppo economico. Tuttavia, tieni presente che le regole di applicazione di questo regime fiscale di favore possono rivelarsi piuttosto complicate. Pertanto è consigliabile che le persone ei loro datori di lavoro che desiderano avvalersi delle nuove regole si consultino con i loro professionisti fiscali qualificati. In particolare, il problema principale riguarda le regole legate alla perdita della residenza fiscale nel Paese di emigrazione.

Gli individui che si qualificano per questo regime fiscale speciale possono avvalersi delle sue disposizioni vantaggiose solo per sette (7) anni fiscali consecutivi. Decorso il periodo di sette anni, il regime fiscale speciale non è più applicabile e si applicano le regole fiscali ordinarie per la tassazione dei redditi nazionali (o di fonte estera).

Processo di presentazione della domanda

  • Le persone fisiche che desiderano avvalersi del regime fiscale speciale devono presentare domanda all’autorità fiscale entro l’anno in cui hanno iniziato i loro servizi per il lavoro (o l’inizio dell’attività commerciale) e non oltre il 31 luglio dello stesso anno;
  • L’autorità fiscale a sua volta esaminerà la domanda e prenderà una decisione entro 60 giorni dalla presentazione della domanda.

Per la presentazione della domanda è consigliabile rivolgersi a consulenti fiscali greci.

Nomadi digitali in Grecia: consulenza fiscale

Se hai letto questo articolo e desideri effettuare un trasferimento di residenza fiscale in Grecia per sfruttare i vantaggi che abbiamo visto ti consiglio di prestare attenzione. Come indicato, infatti, l’applicazione di questi regimi fiscali legati ai c.d. “residenti non domiciliati” si rivelano spesso di difficile applicazione concreta. Il problema principale, infatti, è legato al rispetto dei requisiti che il paese di emigrazione (in questo caso l’Italia) dettano per trasferire la propria residenza fiscale all’estero. In alcuni casi questi criteri non si incrociano con quelli previsti per i regimi non-dom e per questo motivo si finisce per restare anche fiscalmente residenti nel Paese di partenza. Questa fattispecie può portare a subire accertamenti fiscali con applicazione di sanzioni anche importanti. Per questo motivo, prima di affrontare problematiche di questo tipo è consigliabile confrontarsi con dottori Commercialisti esperti in fiscalità internazionale.

Se desideri analizzare la tua situazione con me, ti consiglio di seguire il link sottostante e descrivere la tua situazione per ricevere il preventivo per una consulenza personalizzata. Solo in questo modo, infatti, potrai sciogliere i tuoi dubbi ed evitare di incorrere in contestazioni (future).

Nomadi digitali in Grecia: FAQ

La Grecia ha un visto digitale per nomadi?

Sì, la Grecia ha un visto Digital Nomad che consente ai lavoratori a distanza di lavorare legalmente per il proprio datore di lavoro o per la propria azienda registrata all’estero. Lo prevede la legge 4825/2021.

La Grecia va bene per i nomadi digitali?

La Grecia ha tutti gli ingredienti che piacciono ai nomadi digitali: un costo della vita ragionevole, tanto sole, ottimo cibo, velocità di Internet decenti e molto da vedere e da fare. Con il programma di visto Grecia Digital Nomad, vogliono diffondere il messaggio che la Grecia ti vuole.

Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome