I contribuenti residenti in Italia sono tenuti a dichiarare i redditi da lavoro dipendente prodotti all'estero se con il Paese estero non esiste una convenzione contro le doppie imposizioni o, in presenza di quest’ultima, gli stessi devono essere assoggettati a tassazione sia in Italia sia nello Stato estero. In entrambi i casi, essi hanno diritto al credito per le eventuali imposte pagate all'estero a titolo definitivo.

I contribuenti residenti in Italia sono tenuti a dichiarare i redditi da lavoro dipendente prodotti all'estero qualora:

Con il Paese estero non esiste convenzione contro le doppie imposizioni, oppure Con il Paese estero è in vigore una convenzione contro le doppie imposizioni ed i redditi da lavoro devono essere assoggettati a tassazione sia in Italia sia nello Stato estero (tassazione concorrente).

In tali ipotesi, i soggetti in questione hanno, tuttavia, diritto al credito per le eventuali imposte pagate all'estero a titolo definitivo, a norma dell'articolo 165 del TUIR. All'interno di questo articolo voglio andare ad analizzare tutte le peculiarità che riguardano la tassazione in Italia dei redditi da lavoro dipendente estero.

Al termine dell'ar...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedentePassaggio al forfettario con perdite fiscali da gestire
Prossimo ArticoloFalse partite Iva e presunzione di lavoro subordinato
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.