Home Fisco Nazionale Partita Iva e lavoro autonomo Come diventare Influencer su Instagram? La guida

Come diventare Influencer su Instagram? La guida

0

Il modo in cui le persone si guadagnano da vivere sta cambiando in modo sempre più rapido. Sempre più persone stanno cercando un lavoro da remoto a discapito delle tradizionali opportunità lavorative in sede. Il mondo del web ha permesso negli ultimi anni una crescita esponenziale delle opportunità di lavoro: tra questi, uno dei più diffusi è quello dell’Influencer.

Negli ultimi anni è cresciuto a dismisura il numero delle persone che vogliono diventare influencer e guadagnare con Instagram. Instagram è una piattaforma in grande crescita, utilizzata da molti brand per promuovere i loro prodotti tramite gli influencer

L’influencer, come suggerisce la parola, è una persona in grado di influenzare scelte d’acquisto, o decisionali di altre persone, in quanto dotata di autorevolezza su un determinato argomento. La parola influencer si è diffusa molto negli ultimi anni nel web, ad oggi si parla anche di Influencer Marketing.

Gli “Instagrammer”,ma anche gli youtuber ed i blogger, riescono a guadagnare online grazie ai propri contenuti riuscendo ad influenzare un vasto pubblico di follower, che seguono quotidianamente gli aggiornamenti. Per riuscirci occorre un impengo costante altrimenti resterà molto difficile oggi riuscire a guadagnare con Instagram. Molte persone che sono riuscite, nel tempo, a guadagnare ingenti cifre ed altre che riescono, molto più semplicemente, ad ottenere un’entrata extra e magari qualche prodotto gratis fornito da qualche sponsor.

Di seguito vediamo quali sono i principali adempimenti amministrativi e fiscali al fine di poter avviare l’attività di Influencer.


Chi è l’Influencer e come ci si diventa?

Negli ultimi anni è cresciuto a dismisura il numero delle persone che vogliono diventare influencer e guadagnare con Instagram. Instagram è una piattaforma in grande crescita, utilizzata da molti brand per promuovere i loro prodotti tramite gli influencer

L’influencer è una persona in grado di influenzare scelte d’acquisto, o decisionali di altre persone, in quanto dotatadi autorevolezza su un determinato argomento. La parola influencer si è diffusa molto negli ultimi anni nel web, ad oggi si parla anche di Influencer Marketing.

Per diventare influencer, è preliminarmente necessario trovare un proprio tema specifico al fine di reperire una propria nicchia. Affermarsi come influencer richiede un incremento dei propri followers.

Pertanto, la prima cosa da fare per diventare un influencer è trovare una propria nicchia, qualcosa che ti piaccia e di cui ti ritieni esperto. Di qualunque tema si tratti è necessario tu abbia abbastanza conoscenza e interesse. Di temi su cui puoi concentrarti ce ne sono molti, Musica, libri, animali, lifestyle, cucina, fitness ecc.

Inoltre, diventa fondamentale a questo punto pubblicare foto di qualità e didascalie, Stories e Video Live e anche interagire con la propria community mediante una presenza costante sul canale.

Altra cosa fondamentale, è di individuare uno stile narrativo ed applicarlo ad ogni scatto, ogni didascalia, chi guarda un tuo post o una storia deve riuscire subito a capire che sei tu. Lo storytelling su Instagram è fondamentale per diventare influencer.

Uno dei metodi per riuscire a guadagnare con Instagram è quello di ricevere offerte dai brand, questo è il miglior modo per monetizzare su Instagram ed anche il più efficace. Tuttavia, per essere presi in considerazione dai brand per ricevere le offerte, devi migliorare i tuoi numeri da un punto di vista qualitativo e quantitativo. Occorre avere tanti follower attivi e reali, è necessario avere tanta interazione.

L’algoritmo di Instagram è sempre più a quello dei motori di ricerca come Google, pertanto, la pubblicazione di post frequentemente sarà premiata rispetto a chi pubblica meno spesso.

E ancora, devi avere tante visualizzazioni a video e stories di Instagram: questo è un requisito fondamentale.

Come guadagnare su Instagram?

Gli “Instagrammer”,ma anche gli youtuber ed i blogger, riescono a guadagnare online grazie ai propri contenuti riuscendo ad influenzare un vasto pubblico di follower, che seguono quotidianamente gli aggiornamenti. Per riuscirci occorre un impengo costante altrimenti resterà molto difficile oggi riuscire a guadagnare con Instagram. Molte persone che sono riuscite, nel tempo, a guadagnare ingenti cifre ed altre che riescono, molto più semplicemente, ad ottenere un’entrata extra e magari qualche prodotto gratis fornito da qualche sponsor. Ci sono diversi modi per poter guadagnare su Instagram, tra questi:

  1. Le sponsorizzazioni dei prodotti dei brand;
  2. Partecipare a programmi di Affiliazioni;
  3. Vendita dei prodotti, fisici, digitali o anche dei servizi; 
  4. Portando traffico su altre piattaforme.

Post sponsorizzati

I brand di quasi tutti i settori (dall’abbigliamento, ai gioielli, al settore della cucina) si rivolgono sempre più spesso agli influencer sponsorizzare i loro prodotti. I follower vedono gli influencer come dei trendsetter, anche grazie al meccanismo di fiducia che si instaura, riuscendo a modificare ed influenzare le scelte di acquisto del pubblico.

Ogni post sponsorizzato può essere pagato da qualche centinaia di auto a migliaia di euro. La differenza la fa la quantità dei follower, ma soprattutto il livello di fiducia e di engagement del pubblico.

Solitamente, gli accordi stipulati dagli influencer con i vari brand includono la creazione di contenuti — foto, video e storie su Instagram. A volte, consentono all’azienda di utilizzare questi contenuti sul proprio sito o nelle inserzioni pubblicitarie, altre volte i post rimangono esclusivamente nell’account dell’influencer. Queste condizioni sono generalmente negoziabili ed in relazione alla negoziazione viene a determinarsi anche il compenso.

Il brand è attratto dagli influencer per la possibilità di poter attrarre un pubblico che difficilmente potrebbe raggiungere da sola e per questo motivo le aziende sono disposte a pagare gli Instagrammer.

Per rispondere alla domanda su quanto vengono fatti pagare i post sponsorizzati, secondo www.webfx.com puoi mettere in preventivo un guadagno di circa 10 dollari per 1.000 follower.

Affiliazioni

L’Affiliate marketing è uno fra strumenti più utilizzati per guadagnare online. L’affiliate marketing, conosciuto anche con il termine affiliazione, è una particolare strategia di marketing legata al mondo di internet.

Sono coinvolti tre soggetti:

  • Il ratailer. L’azienda che ha prodotti o servizi da promuovere sul mercato, che utilizza il webmaster per promuovere la propria rete di vendita;
  • Il webmaster. Gestore del sito web, che si avvale dell’affiliazione con il retailer, per promuovere prodotti o servizi, tramite appositi articoli, o tramite appositi banner presenti nel sito web;
  • Il customer. Il cliente finale che acquista il prodotto o il servizio cliccando sul link contenente l’affiliazione, presente sul sito del webmaster.

In pratica, il webmaster funge da motore dell’operazione di marketing. La riuscita dell’operazione dipende dal numero di click ottenuti sull’affiliazione da parte dell’utente finale.

In pratica tutto dipende dalla capacità di attrarre l’utente verso determinati prodotti o servizi da promuovere. Maggiore è la capacità di invogliare l’utente all’acquisto maggiori sono i risultati che si possono ottenere.

Ci sono due modi principali in cui la maggior parte delle persone fa marketing di affiliazione:

  • Prodotti informativi.  Promuovi prodotti come ebook, siti di abbonamento, serie di video, ecc.
  • Partner di Amazon.

Per sapere come funziona l’affiliazione Amazon: “Affiliazione amazon: come funziona?”

Vendita di prodotti

Un’altra possibilità per monetizzare con Instagram è vendere direttamente prodotti o servizi attraverso un proprio canale di E-commerce. Si possono vendere beni fisici, servizi, o prodotti digitali. In questo caso, l’E-commerce deve essere visto come un’estensione del proprio brand costruendo un business intorno ai propri follower.

In questo caso occorre investire tempo e risorse, potrai creare il tuo marchio e venderlo direttamente con guadagni sicuramente più elevati rispetto agli altri modelli di business che abbiamo analizzato.

Disciplina fiscale

La domanda che molti Instagrammer si pongono e se e come devono dichiarare i proventi che percepiscono al Fisco italiano. Quello che c’è da sapere è che al momento in Italia non esiste ancora una  vera e propria regolamentazione giuridica o fiscale che definisca come devono essere dichiarati i guadagni on-line.

Per l’Amministrazione finanziaria l’attività di gestione di E-commerce, di affiliazione commerciale o di vendita di post a pagamento, all’interno di un sito web o di un social network è considerata un’attività economica di tipo abituale, pertanto è necessario l’apertura di una partita IVA.

Leggi: “Guadagnare con instagram: modelli di business ed aspetti fiscali”

Non sempre è possibile ovviare all’apertura della Partita IVA con la prestazione occasionale, difatti, i guadagni legati alle affiliazioni con i brand sponsorizzati la prestazione occasionale non è mai utilizzabile.

Se non rispetti queste disposizioni potresti essere passibile di sanzioni amministrative molto pesanti in materia di IVA.

Quali sono gli adempimenti fiscali ed amministrativi?

Se hai deciso di operare come uno Instagrammer professionista devi sapere quali sono i passi da compiere per essere in regola. Proviamo a schematizzarli:

  • Effettuare l’apertura della partita IVA, per l’esercizio di attività di impresa;
  • Iscrizione in Camera di Commercio (costo circa 120,00 euro annue);
  • Iscrizione alla Gestione commercianti dell’Inps (€. 4.000 annue, dovuti indipendentemente dai guadagni percepiti);
  • Verificare eventuali obblighi di presentazione della SCIA al Comune ove è situata la sede dell’attività.

Proviamo ad analizzare questi adempimenti di seguito, con maggiore dettaglio.

Apertura della partita iva per instagrammer

Una volta arrivato a questo punto, il passo successivo è quello di rivolgerti al tuo dottore Commercialista di fiducia. In ogni caso, sei chiamato a comunicare l’avvio di questo tipo di attività all’Agenzia delle Entrate.

L’indicazione avviene attraverso l’iscrizione di un codice attività legato alla promozione di spazi pubblicitari in internet. I codici attività da utilizzare possono essere, alternativamente, i seguenti:

  • Codice attività Ateco 73.11.02 – “Conduzione di campagne di marketing e altri servizi pubblicitari”;
  • Codice attività Ateco 74.90.99 – “Altre attività professionali nca”.

Inoltre, è obbligatoria anche l’iscrizione al Registro delle Imprese, tenuto presso la Camera di Commercio. Il costo dell’iscrizione al Registro ammonta ad 37,00 euro per diritti e bolli. Oltre al costo del diritto annuale per circa 88,00 euro (per le ditte individuali), oppure di 200,00 euro per le imprese iscritte nella sezione ordinaria.

Dopo aver aperto partita IVA è necessario scegliere il regime fiscale. Per poter rientrare nel Regime Forfettario, ovvero un regime fiscale di vantaggio che:

  • Determina il reddito di impresa esclusivamente in base al criterio di cassa. Ovvero sulla base dei ricavi o dei compensi percepiti nel periodo d’imposta, su cui è applicato un coefficiente di redditività;
  • Le spese per l’esercizio dell’attività non possono essere dedotte dal reddito. Fanno eccezione dei contributi previdenziali versati nell’anno di imposta;
  • Il reddito imponibile così determinato è soggetto ad imposta sostitutiva del 15% (ridotta al 5% nei primi cinque anni di attività);
  • Ai fini IVA il soggetto che applica il regime è considerato alla stregua di un consumatore finale (salvo alcune tipologie di operazioni internazionali);
  • E’ esclusa l’applicazione di studi di settore e degli Indicatori di Affidabilità Fiscale (ISA);
  • Gli esercenti attività d’impresa hanno la facoltà di applicare, ai fini contributivi, un regime agevolato che consente la riduzione dei contributi minimi da versare.

Per approfondire: “Regime forfettario: requisiti e vantaggi“.

Tuttavia, nel caso in cui per te non si renda applicabile il regime forfettario, l’alternativa è l’applicazione del regime ordinario dell’IRPEF, con una partita IVA individuale. In alternativa alla partita IVA individuale, in alcuni casi, può essere conveniente pensare anche ad una società di persone o una società di capitali.

I contributi previdenziali per un instagrammer

Per gli esercenti attività commerciale, oltre agli adempimenti amministrativi è anche obbligatoria l’iscrizione a una forma previdenziale. Se l’attività svolta è al 100% di affiliazione commerciale o di E-commerce, allora è obbligatoria la scelta della Gestione Commercianti dell’INPS. Si tratta di un regime previdenziale che prevede il versamento di 4 rate obbligatorie annue per complessivi 4.200 euro. Il versamento di questi contributi copre un minimale di circa 15.000 euro annue. Superato il quale è necessario versare ulteriori contributi, calcolati in percentuale, con aliquota del 24%. Da tale contribuzione sono esonerati soggetti che sono già iscritti alla gestione previdenziale dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato.

Per approfondire: “Gestione commercianti INPS: aliquote e contributi“.

Nessun Commento

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome