Home Fisco Nazionale Partita Iva e lavoro autonomo Vendere online senza partita IVA: è possibile?

Vendere online senza partita IVA: è possibile?

0

E’ possibile vendere online senza partita IVA? Vendere online senza partita Iva è possibile soltanto in casi casi, vendere online senza partita IVA è possibile soltanto se la tua attività è svolta occasionalmente.

Le vendite occasionali comportano un’attività sporadica, pensiamo alla vendita di beni usati che possono essere vestiti, mobili ecc… La vendita una tantum non è tassata.

Nel momento in cui le vendite avvengono in modo più costante nel tempo, per lo Stato siamo nell’ambito di un’attività commerciale che, a seconda di come viene svolta, si divide tra occasionale, dove non serve la partita Iva, e abituale dove si produce un vero e proprio reddito d’impresa.

Un’attività di vendita occasionale può diventare un’attività commerciale, qualora chi svolge questa tipologia di attività ci dedichi del tempo e si organizzi per svolgerla. Quindi, nel caso in cui, tu decida di partecipare ad un mercatino dell’usato o ad un mercatino per hobbisti una volta l’anno, stai svolgendo attività commerciale occasionale.

Pertanto, non esiste un limite di reddito perché sorga l’obbligo di apertura della partita iva, bensì, l’obbligo nasce da come viene svolta l’attività, quindi dedicarsi costantemente alla stessa. Non essendoci limiti di importo come riferimento a volte non è semplice distinguere un’attività occasionale da una abituale.

Per essere considerata occasionale, l’attività deve essere effettuata in modo sporadico, non vi deve essere organizzazione e non deve essere svolta con continuità nel tempo

Un’ attività occasionale non può avere un sito di vendita onlineE’ ben chiaro infatti che organizzare un sito E-Commerce per vendere online non è una attività non organizzata, inoltre, non può essere supportata da nessuna attività di promozione. 

Per maggiori informazioni: “Ebay: qual è la tassazione per vendere online”

“Vendere online: guida agli errori da evitare”

“Come vendere prodotti artigianali online?”

“Come vendere su etsy?”

“Come vendere su ebay?”

“Vendita di oggetti online: il compenso deve essere tassato?”


Quando è necessaria l’apertura della partita Iva?

Se hai deciso di vendere online, puoi farlo in via occasionale o in forma stabile, tale scelta determina il regime fiscale. La vendita occasionale non comporta l’obbligo di apertura della partita Iva, viceversa lo svolgimento dell’attività di vendita in modo stabile comporta l’obbligo di apertura della partita iva.

Come abbiamo detto, nel momento in cui, la vendita di prodotti avviene sistematicamente si entra nell’ambito del reddito d’impresa. Pertanto, se hai deciso di aprire un sito web per vendere i tuoi prodotti o se partecipi costantemente a mercatini per vendere oggetti, stai svolgendo un’attività commerciale, pertanto, devi aprire partita Iva.

Pertanto, non esiste un limite di reddito perché sorga l’obbligo di apertura della partita iva, bensì, l’obbligo nasce da come viene svolta l’attività, quindi dedicarsi costantemente alla stessa.

Vediamo qual è la differenza tra la vendita online una tantum, occasionale e abituale.

Vendita online abituale e vendita online occasionale: le differenze

La vendita online una tantum si realizza in modo episodico, questa tipologia di attività non è considerata attività commerciale in senso stretto, il prezzo spesso è irrisorio. Nella vendita una tantum non è necessario aprire una Partita Iva, né sarà necessario emettere fatture.

Ci sono diversi portali su cui mettere in vendita i propri oggetti: si tratta dei marketplace come, eBay, Facebook.

La vendita online abituale avviene qualora vi siano ricorrenti vendite e la ricorrenza delle transazioni in un anno, siano caratterizzate da sistematicità, regolarità e continuità nel tempo. Questa tipologia di vendita è qualificato come attività professionale ed i proventi che ne derivano vengono considerati, redditi di impresa, pertanto sarà necessario aprire Partita Iva ed effettuare i relativi adempimenti fiscali e contabili come il pagamento Irpef ed Irap, tenuta di libri e registri.

La vendita online occasionale invece è caratterizzata dalla sporadicità ed occasionalità delle transazioni, come ad esempio quelle effettuate dagli hobbisti, i quali sono operatori non professionali che vendono, espongono, barattano o propongono sporadicamente ed occasionalmente, oggetti di modico valore realizzati a mano. In tal caso non è necessario aprire una Partita Iva ed i proventi rientrano all’interno dei redditi diversi.

Per essere considerata occasionale, l’attività deve essere effettuata in modo sporadico, non vi deve essere organizzazione e non deve essere svolta con continuità nel tempo

Un’ attività occasionale non può avere un sito di vendita onlineE’ ben chiaro infatti che organizzare un sito E-Commerce per vendere online non è una attività non organizzata, inoltre, non può essere supportata da nessuna attività di promozione. 

La partita Iva si apre quando si esercita un’attività abituale e continuativa di vendita, ovvero quando siamo organizzati e pronti a vendere, indipendente dal numero di operazioni concluse.

Esempio

Sei una lavoratrice dipendente che realizza nel tempo libero bijoux lavorati a mano che espone e a volte vende. In questo caso l’attività è sporadica e non sono la fonte principale di reddito, ma un piccolo arrotondamento. In questo caso non c’è obbligo di apertura della Partita IVA.

Vendere sui marketplaces senza Partita Iva 

I marketplaces sono delle piattaforme sulle quali è consentito vendere ed acquistare prodotti afferenti a varie categorie. Queste piattaforme sono frequentate da milioni di utenti e permettono di ottenere innumerevoli visualizzazioni e la fiducia degli acquirenti, i quali nel grande nome vedono una garanzia.

La maggiorparte dei marketplaces svolge un’attività di intermediazione nella vendita, in relazione alla quale viene richiesta una commissione per ogni transazione eseguita, che si aggira intorno al 3,5% dell’importo dell’oggetto venduto.

Il consiglio che posso darti è quello di affidarti ad un dottore commercialista esperto in questo settore.

Gli adempimenti amministrativi di un e-commerce

Vediamo, in sintesi i principali adempimenti amministrativi legati all’avvio di un’attività di E-commerce (anche attraverso piattaforme come Amazon):

  1. Apertura della partita IVA – Per aprire partita Iva è necessario presentare all’Agenzia delle Entrate lo specifico modello AA7/11 nel quale dovranno essere compilati specifici campi riguardanti il codice di attività da utilizzare (codice ATECO 47.91.10 – “Commercio al dettaglio di qualsiasi prodotto effettuato via internet“) e l’eventuale adesione al regime forfettario;
  2. Compilazione della SCIA – Si tratta della comunicazione di inizio attività da inviare allo sportello unico per le attività produttive del comune (c.d. “SUAP“) dove ha sede l’attività. Per gli e-commerce il comune di riferimento è quello ove è posta la tua residenza anagrafica, non essendoci un luogo fisico di esercizio;
  3. Iscrizione al Registro delle Imprese – Essendo la vendita di beni un’attività commerciale è necessario comunicare l’inizio della vostra attività al Registro delle Imprese. Il registro è tenuto presso la Camera di commercio di competenza. Camera di commercio che vi rilascerà un numero di iscrizione. L’iscrizione al Registro delle imprese ha un costo che si aggira attorno alle €. 100,00;
  4. Iscrizione all’Inps nella sezione gestione commercianti – L’Inps richiede l’iscrizione obbligatoria alla gestione commercianti. Tale gestione prevede il pagamento di quattro rate annuali di contributi fissi di circa €. 900 ciascuna, se non si superano i €. 15.000 di reddito annuo. Tali contributi sono dovuti obbligatoriamente a prescindere dal reddito percepito dall’attività.

L’apertura della partita Iva, l’iscrizione al Registro delle Imprese, e l’iscrizione all’Inps devono essere compiuti in maniera unica attraverso la c.d. Comunicazione Unica.

Regime fiscale da adottare per un e-commerce

Una volta effettuati questi adempimenti iniziali sarai libero di avviare la tua attività online di vendita.

Tuttavia, esercitando un’attività economica dovrai scegliere il regime fiscale migliore secondo le tue caratteristiche personali e dell’attività che hai intrapreso.

La scelta del regime fiscale è molto importante perché influirà sulla gestione della tua attività.

Se non riesci ad aderire al Regime Forfettario sarà necessaria la registrazione contabile di tutte le operazioni attive e passive legate all’attività.

Per questo motivo vi raccomando di affidarvi a professionisti (dottori Commercialisti abilitati), esperti nel settore dell’E-commerce.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Nessun Commento

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome