Come vendere su eBay? Sei il proprietario di un negozio online e vuoi esplorare un nuovo canale di vendita? Oppure vuoi trovare un modo efficiente e semplice per vendere il tuo prodotto direttamente ai consumatori?

Hai deciso di iniziare a vendere su eBay? Lo scopo di questo articolo è offrirti una breve guida su come iniziare a vendere su eBay.

Per vendere su eBay, occorre, preliminarmente registrarsi e creare un account.

La procedura è molto semplice. Avere la possibilità di vendere su eBay non è un’operazione destinata solamente ai commercianti.

La vendita su eBay, segue percorsi differenti a seconda che si tratti di un venditore privato o di un commerciante. Vediamo, quindi, come creare il proprio negozio online sfruttando tutte le potenzialità offerte da eBay.

Ci sono diversi tipi di account e in questa fase è bene scegliere quello adatto a noi, in base a quanto vogliamo vendere su eBay.

Se hai intenzione di vendere sporadicamente, allora puoi anche accontentarti di un account standard eBay. Qualora la tua intenzione è, invece, di vendere oggetti con una certa continuità e disponi di una partita IVA, allora la tua scelta cade per un account business eBay.

come vendere su ebay

Quindi, per iniziare a vendere su eBay non è necessario aprire Partita IVA, qualora la tua attività sia sporadica e non continuativa.

Una persona può vendere su eBay senza partita Iva anche oggetti di propria creazione, purché avvenga nell’ambito e nei confini del puro hobby, ossia in modo sporadico e occasionale.

Tuttavia, il reddito così conseguito va dichiarato e concorrerà alla formazione del reddito complessivo.

Cos’è eBay?

Il marketplace di eBay è uno dei più longevi sul mercato ed è uno dei marketplace internazionali più grandi per la vendita online. E’ stato fondato nel 1995 negli USA, più precisamente a San José (Florida), approda in Italia nel 2001.

La piattaforma fu ideata per le aste online, e adesso rientra tra i 25 siti più visitati del mondo.

I prodotti messi in vendita attraverso la piattaforma appaiono sempre nei primi risultati dei motori di ricerca quando si scrive il nome di un qualsiasi prodotto da acquistare. Praticamente impossibili da ignorare.

Tramite il marketplace eBay si può vendere praticamente di tutto: elettronica, abbigliamento, arredamento, decorazioni, prodotti per la casa ma anche oggetti e cose particolari come cornflakes a forma di stati americani, feticci appartenuti a star e via dicendo.

Puoi vendere un regalo che non hai gradito, un oggetto che hai in più copie oppure.

Su eBay tutti possono vendere, sia i privati per vendite occasionali che aziende che decidono di utilizzarlo come canale di vendita online.

Vediamo come funziona e quanto costa vendere su eBay come privato o come venditore professionale.

Perché vendere su eBay?

Con eBay i venditori privati ed i professionisti hanno la possibilità di raggiungere oltre 72 milioni di potenziali clientiin 26 Paesi.

La piattaforma eBay è scelta anche dalle PMI che si affacciano a nuovi mercati. In Italia Il 70% dei venditori professionali esporta all’estero e oltre il 57% lo fa in più di dieci Paesi, tra cui Francia e Germania.

Rispetto ad altri marketplace, creare le schede prodotto su eBay è più immediato. Questo anche perché la piattaforma è pensata per essere utilizzata anche da chi non è un venditore professionista.

Come vendere su eBay

Vendere su eBay non è un’operazione destinata solamente ai commercianti, è possibile vendere su eBay anche se sei un venditore privato.

Vediamo quali sono i passi da seguire per vendere su eBay.

Creazione dell’account

Per vendere su eBay la prima cosa da fare è creare un account. La registrazione è gratuita ed è molto semplice da effettuare.

Per fare questo, è sufficiente raggiungere la pagina per la procedura di iscrizione degli account professionali.

Per iscriversi, infatti, basta collegarsi alla pagina principale del marketplace e cliccare sulla voce Registrati oppure scaricare l’applicazione eBay disponibile sia per iOS che per Android.

Una volta che hai effettuato la registrazione potrai attivare il tuo account e iniziare a creare inserzioni, gestire gli ordini e fare anche acquisti.

Se vuoi iscriverti come venditore professionale devi creare un account business apponendo nella schermata di Registrazione la spunta sull’opzione Account Business e inserire la ragione sociale, indirizzo email aziendale, telefono aziendale e password.

L’iscrizione è gratuita. Alcuni utenti, per gestire con maggiore semplicità grandi quantità di prodotti, preferiscono registrare due account. In questo caso, però, devi tenere presente che:

  • Gli account devono avere ID utente e email differente;
  • Gli account non devono essere adoperati per la medesima inserzione.

Effettuata l’iscrizione puoi iniziare a vendere su eBay. Prima di vendere, però, occorre predisporre tutti gli strumenti affinché l’acquirente proceda all’acquisto.

Differenza tra account privato e account venditore professionale

Come abbiamo detto sopra, chiunque può decidere di vendere su eBay tramite:

  • Account personale: per mettere in vendita oggetti basta cliccare sulla voce vendi nella parte alta a destra di ogni pagina eBay. Il marketplace permette di vendere in questa modalità fino a 50 inserzioni al mese gratuitamente. Utile a chi vende occasionalmente;
  • Apertura di un negozio: i negozi eBay sono collegati agli account business e per questa tipologia di vendita il portale offre tre pacchetti abbonamento: Negozio Base, Negozio Premium, Negozio Premium Plus.

Come vendere su eBay con i negozi?

I negozi eBay sono un altro strumento messo a disposizione dei venditori.

Un negozio eBay è una sezione dedicata a uno specifico venditore, che può esporre tutte le proprio inserzioni, informazioni personalizzate, feedback e molto altro.

In altre parole, il negozio eBay è la versione digitalizzata del negozio fisico.

Se decidi di utilizzare questo strumento, hai la possibilità di costruire un’offerta di diversi prodotti, divisi per categoria, come accade in un negozio fisico.

A tal proposito, è utile creare anche una sezione di domande frequenti a cui il venditore risponde.

Sulle piattaforme digitali come eBay, è possibile che il potenziale cliente abbia delle perplessità.

La predisposizione delle domande, comuni a tutti, aumentano il livello di fiducia dell’acquirente e, in definitiva, le possibilità di acquisto.

Feedback

Il commercio online si basa sulla fiducia per gestire la grande mole di vendite e utenti che ogni giorno ricercano, comprano e vendono all’interno dei suoi spazi ha creato un sistema di feedback che permette di individuare venditori e acquirenti affidabili.

Dopo ogni transazione sia ad acquirente che venditore viene richiesto di lasciare un feedback sulla vendita che può essere positivo, negativo o neutro. 

I venditori possono lasciare un riscontro positivo sull’acquirente o segnalare un eventuale comportamento inappropriato.

E’ possibile vendere su eBay senza aprire partita IVA?

La partita IVA serve a vendere e a pagare le tasse sul valore aggiunto ottenuto dalla vendita.

Nel caso tu sia un commerciante l’apertura della partita IVA è necessaria.

Invece, qualora tu abbia deciso di vendere occasionalmente non è necessaria l’apertura della Partita IVA. Diverso discorso è il caso in cui la vendita di libri diventi un’attività continuativa e non sporadica. Allora devi aprire una partita IVA e rivolgerti ad un commercialista.

Nel momento in cui decidi di vendere su eBay da privato dichiari di non essere un venditore di professione e che l’attività che potrai svolgere è sporadica e non continuativa.

Avvio di un Business: Partita IVA e Regimi Fiscali

Quello che ho cercato di spiegarti fino ad ora è che ci sono una serie di elementi diversi da prendere in considerazione per Aprire Partita IVA.

Gli elementi da prendere sempre in considerazione per capire se e quando devi Aprire Partita IVA sono:

  • Continuità e l’abitualità dell’esercizio dell’attività;
  • La professionalità, e l’esercizio in forma organizzata dell’attività.

Quando sussistono i requisiti sopra citati si è obbligati ad Aprire Partita IVA.

L’apertura della Partita IVA con questi requisiti si rende necessaria anche se l’attività di per se non ha prodotto alcun ricavo. L’aspetto che conta ai fini fiscali e la propensione del soggetto ad esercitare un’attività idonea a produrre reddito.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che con il termine abituale deve intendersi un’attività che si ripete nel tempo costantemente nel tempo e che necessita dell’impegno intellettuale o materiale per essere svolta.

E’ considerata abituale anche la predisposizione dei mezzi necessari a svolgere l’attività.

Esempi di attività economica abituale

Un soggetto che effettua una consulenza ad un cliente al mese per 12 mesi, pur avendo lavorato per 12 giorni all’anno, è tenuto ad Aprire Partita IVA.

Questo perchè la prestazione è continuativa ed abituale. A prescindere dal compenso percepito.

Il soggetto che ha inserito la propria candidatura su portali online per la ricerca di incarichi, deve Aprire Partita IVA. Questo perché la sola predisposizione ad esercitare un’attività professionale in modo continuativo rende quell’attività abituale.

Un altro caso è quello dell’avvocato. Soggetto che non ha ancora clienti, ma che ha aperto uno studio, e sta aspettando i suoi primi incarichi.

Per approfondimenti:

Casistiche particolari legate all’apertura della Partita IVA

Gli aspetti legati alle possibilità di apertura della Partita IVA sono davvero molte.

Ricevo sempre tantissime domande legate alle possibilità di Aprire Partita IVA in situazioni particolari.

Per questo motivo di seguito ti propongo alcune guide che ho realizzato. Ciascuna di queste riprende un argomento legato alla é partita IVA e lo approfondisce:

Apertura della Partita IVA e scelta del Regime Fiscale

Aprire Partita IVA non è importante soltanto perché permette di essere in regola. Con la Partita IVA devi necessariamente operare con un preciso regime fiscale.

Per quanto riguarda i Business Online, i regimi fiscali tra cui puoi scegliere sono essenzialmente due:

  • Il Regime Forfettario;
  • Il Regime della Contabilità Semplificata.

Sono due regimi fiscali molto diversi tra loro. Il mio obiettivo in questo momento non è quello di parlarti in dettaglio di questi regimi.

Regime Forfettario per i Business Online

Il Regime Forfettario è un regime di vantaggio, valido per chi inizia un’attività e per chi intende rimanere in volumi di fatturato contenuti, sino a € 65.000.

Sono previsti particolari requisiti di accesso e permanenza in questo regime fiscale, che ti invito a verificare con accuratezza.

Per approfondimenti:

Regime Forfettario: guida completa

Questo regime fiscale prevede una tassazione del 5% per i primi cinque anni di attività. Successivamente si passa al 15%, rispettando tutti i requisiti richiesti. Tuttavia, i costi sostenuti non possono essere dedotti analiticamente, bensì forfettariamente.

In questo regime è necessario versare contributi previdenziali obbligatori. Te ne parlo in questo articolo:

Regime Forfettario e contributi INPS

Tuttavia, in alcuni casi è possibile beneficiare di una riduzione contributiva. Scopri se puoi beneficiarne anche tu in questa guida dedicata:

Agevolazione contributiva per imprenditori individuali in Regime Forfettario

Solitamente il Regime Forfettario per un Business Online è indicato per i professionisti. Mi riferisco a quei soggetti che operano online con la prevalenza del loro intelletto rispetto ai mezzi e all’organizzazione impiegati.

Contabilità Semplificata per Business Online

La Contabilità Semplificata è il regime naturale di imprenditori e professionisti che non possono adottare il Regime Forfettario.

Questo regime fiscale è sicuramente più costoso e più complesso del precedente, in quanto:

Quello che voglio dirti è che questo regime fiscale è indicato per gli imprenditori che operano in E-commerce. Soprattutto per quelli che producono o gestiscono un magazzino prodotti.

Approfondiremo sicuramente insieme, in consulenza, questo aspetto.

L’obiettivo, per i miei clienti è aiutarli a scegliere il miglior regime fiscale. Farò la stessa cosa anche con te!

Contributi INPS

Qualora tu decida di aprire un’attività e-commerce devi iscriverti alla Gestione commercianti.

Il costo da pagare è fisso e pari a circa 4.000 euro annui, che dovrai pagare anche se non guadagni nulla.

Se poi i tuoi guadagni superano i 15.000 euro, allora sulla soglia oltre i 15.000 euro dovrai pagare il 24% di contributi INPS.

Come vendere su eBay: le inserzioni

Prima di iniziare a vendere su eBay è necessario scegliere il prodotto o i prodotti da mettere in vendita.

Dopo, aver scelto il prodotto da mettere in vendita, è necessario osservare le inserzioni di prodotti simili. Ciò permette di capire quali sono le inserzioni che funzionano meglio nel business di riferimento.

Ci sono due tipologie di inserzione:

  • Aste online: consiste nel creare un’asta in cui tu inserisci un prezzo di partenza chiamato base d’asta e gli utenti fanno offerte di prezzo crescente e l’oggetto viene venduto all’utente che offre la cifra più alta alla scadenza dell’inserzione. E’ utile per ricavare il massimo da una vendita ed è l’ideale per vendere oggetti rari o molto ricercati come per esempio fumetti, giochi da collezione od oggetti hi-tech molto ricercati;
  • Compralo subito è invece la tipica vendita in cui gli oggetti hanno un prezzo fisso. Questa modalità è ideale per vendere oggetti velocemente, oggetti di cui hai più pezzi e che non hanno quelle caratteristiche attrattive che lo renderebbero interessante per un’asta.

Cosa vendere su eBay?

Tra i prodotti che si vendono più facilmente ci sono abiti e scarpe mai indossati, oggetti rari e preziosi (soprattutto se venduti a buon prezzo), prodotti di marche note e accessori venduti a stock (ad esempio il corredino di un neonato ceduto integro).

Cosa non è possibile vendere su eBay?

A parte i prodotti deperibili, nessun oggetto è inadatto ad essere venduto su ebay.

Anche computer, smartphone o piccoli e grandi elettrodomestici difettosi o rotti (ad esempio un game boy caduto nel gabinetto o un Lcd non più funzionante), potrebbero essere desiderati da qualcuno per i pezzi di ricambio.

Quanto costa vendere su eBay?

Dal 1° aprile 2018, eBay ha introdotto diverse novità nelle tariffe.

Ad esempio, i venditori che offrono prodotti in due differenti categorie, pagheranno solo la commissione sul valore finale più alto fra le due. Detto ciò, di seguito proponiamo le tariffe di eBay.

Tariffe

Per usufruire degli spazi eBay, ci sono due applica due tariffe di vendita:

  • Tariffa d’inserzione per la messa in vendita, ovvero il costo che dovrai pagare per inserire e pubblicare un annuncio;
  • Commissione sul valore finale che consiste in una commissione che varia a seconda della categoria merceologica e che viene calcolata in percentuale sul costo della transazione finale. Questo commissione si paga solo quando un oggetto viene venduto.

Queste due tariffe variano in base all’account che apri, professionale o non professionale e in base a svariati fattori, come il prezzo dell’oggetto al suo formato e dalla categoria che scegli per l’inserzione, oltre che in base alle eventuali opzioni di vendita quali l’aggiunta di un sottotitolo e il mettere in risalto l’inserzione per attrarre più acquirenti.

Tariffe account venditore non professionale

Se hai scelto di usare l’account base per la vendita non professionale eBay ti da la possibilità di pubblicare fino a 50 inserzioni al mese gratuitamente e dalla 51 inserzione ti addebiterà 0,35 euro di tariffa di inserzione per ogni annuncio messo in vendita.

Sono escluse da questi 50 annunci le inserzioni delle categorie merceologiche Auto, moto e altri veicoli.

La commissione sul valore finale applicata da eBay per ogni oggetto venduto è pari al 10% del valore finale della transizione, fino ad un tetto massimo di 200 euro per oggetto venduto.

Come per la tariffa di inserzione anche la commissione sul valore finale per chi vende nelle categorie Auto, moto e altri veicoli è differente.

Qualora tu decida di vendere merci nelle categorie auto, moto e altri veicoli:

  • Per vendere auto, moto e altri veicoli, barche a motore e barche a vela la tariffa di inserzione è pari a 9,00 euro mentre la commissione sul valore finale è di 35,00 euro;
  • Per vendere moto e scooter (mini moto, gommoni, imbarcazioni, equipaggio e regate, noleggio, charter e scuole) eBay applica una tariffa di inserzione di 6,00 euro e una commissione sul valore finale di 19,00 euro;

Tariffe per le opzioni di vendita

A questi due costi devi aggiungere le Tariffe per le opzioni di vendita, ossia dei costi che vengono addebitati per ogni inserzione creata.

Le Tariffe per le opzioni di vendita sono tutte quelle opzioni aggiuntive che ti permettono di aumentare le possibilità di vendita su eBay:

  • Fotografie, eBay permette di inserire fino 12 foto prodotto gratuitamente;
  • Inserzioni programmate, permette di creare un’inserzione e di programmarne la pubblicazione in un secondo momento. Questa opzione ha un costo di 0,20 euro ad inserzione;
  • Sottotitolo, per aggiungere una riga di testo sotto al titolo dell’inserzione eBay addebita 0,50 euro a inserzione. Questa opzione è molto utile in quanto ti consente di aggiungere informazioni utili sull’oggetto aumentandone le tue possibilità di vendita;
  • Aggiunta della Proposta d’acquisto, questa opzione è gratuita attivabile solo sulle inserzioni nel formato Compralo Subito e che consente ai possibili di acquirenti di negoziare il prezzo;
  • Creazione dell’inserzione in due categorie: per aumentare la visibilità del tuo oggetto e quindi la possibilità di vendita eBay e permette di pubblicare l’inserzione in un’ulteriore categoria al doppio della tariffa d’inserzione.

Tariffe account venditore professionale

Qualora tu decisa di aprire un account venditore professionale su eBay, esso implica la sottoscrizione di un abbonamento mensile.

I pacchetti negozio rispetto alle tariffe per i venditori non professionali consentono un maggior numero di inserzioni a tariffa di inserzione gratuita e commissioni ridotte sul valore finale della transazione.

Pacchetti negozio

Per capire quanto costa vendere su eBay dobbiamo quindi analizzare i 3 pacchetti negozio:

  • Negozio base: soluzione per lanciare un’attività di vendita online a costi ridotti con l’aiuto degli strumenti di crescita offerti di eBay. Questo pacchetto ti permette di creare fino a 300 inserzioni nel formato Compralo subito e 20 nella modalità Asta online mensili al costo di 19,50 euro al mese. Qualora tu superi le soglie del pacchetto eBay ti addebiterà 0,30 euro per le inserzioni Compralo subito e 0,40 per quelle Asta online. Con il negozio base avrai inoltre accesso al gestore delle promozioni. Questo tipo di negozio è l’ideale per i venditori alle prime armi. Il negozio base non include annunci internazionali;
  • Negozio Premium, è l’upgrade del negozio base ed è utile a chi ha o vuole raggiungere un notevole volume di vendita. Per 39,50 euro eBay include nel suo pacchetto la creazione di 10.000 inserzioni Compralo subito in Italia, un numero di inserzioni a livello internazionale che variano in base alla nazione estera e 50 in modalità Aste online. Se superi la soglia il costo per inserzione applicato è di 0,05 euro per il formato Compralo Subito e 0,40 per Asta online. Il pacchetto Premium oltre alla possibilità di fare sfruttare i suoi mercati internazionali ti dà accesso a sconti sugli imballaggi con marchio eBay, al gestore delle promozioni e ad analisi e dati personalizzati.
  • Negozio Premium Plus, è il pacchetto più costoso e al costo mensile di 149,50 euro ti consente di creare un numero illimitato di inserzioni mensili nel formato Compralo subito in quasi tutti i paesi esteri e 250 nel formato Asta online. In questo abbonamento sono inclusi l’accesso al gestore delle promozioni, a sconti sull’acquisto degli imballaggi marchiati eBay, analisi e dati personalizzati, programma di espansione europea, sconto sulle inserzioni sponsorizzate e scontistiche basate sulla crescita del negozio. Per esempio 5% sulla Commissione sul valore finale per un tasso di crescita annua compreso tra il 20% e il 39,99%.

Commissioni sul valore finale dei negozi

Le commissioni sul valore finale dei negozi varia in base alla categoria degli oggetti messi in vendita.

Per esempio per i prodotti della categoria Tech-dispositivi la commissione sul valore finale è pari al 4,3% mentre quella per la categoria Vini, Caffè e Gastronomia è pari all’8,7%.

Anche per i negozi, i prodotti della categoria auto e moto hanno tariffe e commissioni dedicate:

  • Per vendere auto, moto e altri veicoli, barche a motore e barche a vela la tariffa di inserzione è pari a 7,830 euro mentre la commissione sul valore finale è di 30,43 euro;
  • Per vendere moto e scooter (mini moto, gommoni, imbarcazioni, equipaggio e regate, noleggio, charter e scuole) eBay applica una tariffa di inserzione di 5,22 euro e una commissione sul valore finale di 16,52 euro.

Come per l’account non professionale anche i negozi sono soggetti alle tariffe per le opzioni di vendita aggiuntive:

  • Fotografie: inserimento fino a 12 foto prodotto gratuitamente;
  • Inserzioni programmate: il costo per programmate le inserzioni per i negozi è lo stesso dell’account non professionale ovvero 0,20 euro ad inserzione;
  • Sottotitolo: per aggiungere la riga di testo sotto al titolo dell’inserzione dei negozi eBay addebita 1,30 euro a inserzione;
  • Creazione dell’inserzione in due categorie: il costo è il doppio della tariffa d’inserzione.

Fare pratica acquistando

Se sei del tutto all’oscuro circa il meccanismo di funzionamento di eBay ed hai intenzione di creare il tuo account e iniziare a vendere, prima di effettuare annunci gratuiti, consulta come quelli che già ci sono.

Utilizzato il sito come acquirente ti farai un’idea di come funziona e dato che su ebay si può acquistare praticamente di tutto, dai calzini al dentifricio, avrai l’imbarazzo della scelta.

Come vendere su eBay? Conclusioni

Dopo averti offerto una breve guida su come vendere su eBay, puoi decidere se ti conviene o meno affidarsi a questo marketplace.

La tua valutazione deve partire riflettendo sulla categoria di prodotti che vuoi vendere e dall’attività di vendita che intendi attuare.

Occorre ricordare, infine, che i costi che dovrai sostenere per vendere su eBay non si limitano alle tariffe e alle commissioni del portale ma ci sono anche spese legate alla gestione del magazzino e alla spedizione.

Se hai bisogno di un consulente fiscale che possa assisterti nella tua attività contattami al link sottostante. Potrai metterti in contatto con me per avere una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi su questo tipo di attività.

2 COMMENTI

  1. uso molto ebay per acquisti, vorrei vendere degli orologi e altro, usati da privato. Mi potete dare una guida semplice schematica pe r poter vendere subito e con l’asta. Grazie

  2. Per vendere su Ebay in modo continuativo può far riferimento a quanto indicato nell’articolo, ma se vuole farlo in modo continuativo ha bisogno dell’assistenza di un consulente fiscale, per gli adempimenti obbligatori che dovrà adempiere.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here