Home IVA Triangolazioni Iva nazionali: la disciplina

Triangolazioni Iva nazionali: la disciplina

Le operazioni triangolari sono modalità con le quali può essere effettuata una cessione di beni. Si parla di triangolazione nazionale quando almeno due dei soggetti sono identificati in Italia.

0

Le operazioni triangolari (triangolazioni Iva nazionali) sono una particolare modalità attraverso al quale può essere effettuata una cessione di beni. Un operazione economica riguardante la cessione di un bene si considera triangolare, quando la stessa coinvolge almeno tre soggetti diversi, vale a dire:

  • Il promotore della triangolazione (primo cessionario e secondo cedente);
  • Il suo fornitore (primo cedente);
  • Il destinatario finale dei beni (secondo cessionario).

A fronte di un unico trasferimento fisico dei beni (dal primo cedente italiano al cessionario finale comunitario o extracomunitario), si verifica un duplice trasferimento di proprietà, ossia dal primo cedente al promotore della triangolazione e da quest’ultimo al proprio cliente.

Triangolazioni Iva nazionali

Quando nell’operazione appena descritta due soggetti coinvolti (primo cedente e promotore della triangolazione) sono identificati in Italia siamo di fronte ad operazione triangolare nazionale. Vediamo, in questo contributo come sono disciplinate ai fini IVA queste operazioni.

Triangolazioni Iva nazionali: la disciplina

Le triangolazioni Iva nazionali sono quelle operazioni caratterizzate dalla presenza di due soggetti (primo cedente e promotore della triangolazione) identificati in Italia. Il terzo soggetto (secondo cessionario), invece, risulta essere identificato in altro Paese UE o in un Paese extra-UE.

Da un punto di vista normativo le triangolazioni Iva sono disciplinate, a seconda del Paese di destinazione finale dei beni:

  • Dall’articolo 8, comma 1, lettera a) del DPR n. 633/72 – Se i beni sono destinati in un Paese extra UE, il quale dispone che costituiscono cessioni all’esportazione, non imponibili Iva, “le cessioni, anche tramite commissionari, eseguite mediante trasporto o spedizione dei beni fuori del territorio della Comunità economica europea, a cura o a nome dei cedenti o dei commissionari, anche per incarico dei propri cessionari o commissionari”;
  • Dagli articoli 41, comma 1, lettera a), e 58, comma 1, del D.L. 331/93, convertito dalla Legge n. 427/93 – Se i beni sono destinati in altro Paese UE, i quali dispongono che il regime di non imponibilità previsto, per le cessioni intracomunitarie di beni, dall’articolo 41 dello stesso decreto si applica alle “cessioni di beni, anche tramite commissionari, effettuate nei confronti di cessionari o commissionari di questi se i beni sono trasportati o spediti in altro Stato membro a cura o a nome del cedente, anche per incarico dei propri cessionari o commissionari di questi”.

Condizioni per la triangolazione

In pratica, la triangolazione nazionale, indipendentemente dal Paese di destinazione finale dei beni (in altro Paese UE o in un Paese extra UE), si verifica quando la cessione, anche tramite un commissionario, è eseguita dal cedente con trasporto/spedizione dei beni nel Paese del cessionario finale su incarico del cessionario italiano o del suo commissionario.

Come anticipato, a fronte di un unico trasferimento fisico dei beni (dal primo cedente italiano al cessionario finale comunitario o extracomunitario), si verifica un duplice trasferimento di proprietà. La merce transita dal primo cedente al promotore della triangolazione e da quest’ultimo al proprio cliente non residente.

Trasporto a cura del cedente

Ai fini della non imponibilità Iva della cessione interna, le norme precedentemente richiamate richiedono che i beni siano trasportati/sperditi nel Paese di destinazione “a cura a nome del cedente“.

L’articolo 13, comma 1 della Legge n. 413/91, stabilisce che, ai fini della non imponibilità, non conta che la fattura relativa alla spedizione o al trasporto dei beni all’estero sia emessa nei confronti del primo cedente o del cessionario nazionale. Per questo motivo è irrilevante il soggetto nei confronti del quale vengano fatturate le prestazioni di trasporto/spedizione.

Di seguito vediamo alcuni esempi di triangolazioni Iva nazionali. Come detto, nelle operazioni triangolari nazionali intervengono due operatori soggetti passivi IVA in Italia ed un soggetto passivo d’imposta in altro Stato comunitario.

Primo caso – Triangolazioni Iva nazionali con soggetto promotore italiano

L’art. 58 comma 1 del D.L. 331/93 disciplina l’operazione triangolare nella quale intervengono due operatori soggetti passivi IVA in Italia in qualità di fornitore ed acquirente dei beni, ed un soggetto comunitario destinatario finale dei beni.

L’operatore italiano (IT2) acquista dei beni da un fornitore italiano (IT1) con incarico a quest’ultimo di consegnarli direttamente al proprio cliente residente in Francia (FR).

L’operatore italiano IT1:

  • Effettua una cessione interna non imponibile ai sensi dell’art. 58 co. 1;
  • Annota la fattura nel registro delle fatture emesse;
  • Non deve presentare alcun listing.

L’operatore italiano IT2:

  • Effettua un acquisto interno non imponibile art. 58 co. 1;
  • Annota la fattura nel registro degli acquisti;
  • Effettua una cessione intracomunitaria nei confronti dell’operatore francese;
  • Cessione non imponibile ai sensi dell’art. 41 co. 1;
  • Registra la fattura distintamente nel registro delle fatture emesse;
  • Compila il listing delle cessioni intracomunitarie agli effetti fiscale e, se mensile, statistici.

Secondo caso – Triangolazioni Iva nazionali con soggetto fornitore estero

L’operatore italiano (IT1) acquista beni da un fornitore francese (FR) con incarico a quest’ultimo di consegnarli direttamente al proprio cliente residente in Italia (IT2).

L’operatore italiano IT1:

  • Effettua un acquisto intracomunitario;
  • Riceve una fattura senza imposta dall’operatore francese e la integra assoggettandola ad IVA con il meccanismo del Reverse charge;
  • Registra la fattura nel registro IVA delle fatture emesse e degli acquisti;
  • Compila il listing degli acquisti;
  • Emette una fattura con IVA per la cessione ad IT2.

L’operatore italiano IT2:

  • Effettua un acquisto interno;
  • Riceve una fattura con IVA italiana da IT1 e la registra a norma del DPR n 633/72.

Terzo caso – Triangolazioni IVA nazionali con soggetto promotore estero

L’operatore italiano (IT1) cede dei beni ad un cliente francese (FR) con incarico da quest’ultimo di consegnarli direttamente al proprio cliente residente in Italia (IT2).

L’operatore italiano IT1:

  • Effettua una cessione interna con applicazione dell’IVA italiana al cliente francese;
  • Non deve compilare il listing delle cessioni;

L’operatore italiano IT2:

  • Effettua un acquisto interno da operatore comunitario;
  • Riceve una fattura da FR senza addebito d’imposta;
  • Emette autofattura ai sensi dell’art. 17 co. 3 del DPR n 633/72;
  • Non compila il listing degli acquisti.

In questo tipo di operazione triangolare all’operatore francese (FR) è consigliabile effettuare una identificazione diretta in Italia. In questo modo l’operatore ha la possibilità di detrarsi l’Iva italiana addebitata da IT1.

Triangolazioni Iva nazionali: conclusioni

In questo articolo ho cercato di evidenziare le principali operazioni triangolari nazionali. Si tratta di operazioni che nella prassi quotidiana si presentano molto frequentemente.

In particolare, soprattutto nelle attività di E-commerce le operazioni triangolari sono molto comuni. Tuttavia, in alcuni casi possono diventare più complicate, con casistiche particolari legate alla natura dell’attività esercitata.

Per questo motivo il consiglio che posso darti è quello di affidarti sempre ad un professionista esperto di queste operazioni. Solo in questo modo puoi essere sicuro di non commettere errori.

Se desideri che un professionista valuti la tua casistica offrendoti la corretta applicazione dell’IVA, contattami!

Segui il link sottostante per sottoporci la tua situazione e ricevere una consulenza dedicata.

Nessun Commento

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here