Quali sono i rischi ed i vantaggi legati ad Aprire una LTD nel Regno Unito? Scopriamo insieme quali sono i vantaggi legati all’apertura di una società in Inghilterra. Senza dimenticare i rischi che è meglio evitare.

Aprire una società all’estero è il sogno di molti. Il problema è che in pochi riescono a farlo nel modo giusto.

Online ogni giorno si trovano servizi di costituzione di società all’estero che promettono di tutto, in poco tempo e a costi irrisori. Il tutto senza mettere al corrente i potenziali imprenditori dei rischi legati all’apertura di una società estera avendo residenza fiscale in Italia.

In questo articolo voglio spiegarti quali sono i vantaggi che puoi ottenere aprendo una LTD in UK restando al riparo da contestazioni fiscali. Ti spiegherò come evitare di correre rischi e gestire la sua società estera nel migliore dei modi.

Aprire una LTD può garantirti molti vantaggi, a patto però, che l’unico scopo con cui apri la società non sia quello di evitare di pagare imposte in Italia.

Aprire una LTD nel Regno Unito
Aprire una LTD nel Regno Unito

Se questo è il tuo obiettivo, puoi benissimo evitare di proseguire nella lettura di questo articolo. Altrimenti, fai bene attenzione ai vantaggi che sto per elencarti.

Di seguito voglio cercare di spiegarti, in modo semplice:

  • Quali possono essere i vantaggi legati ad aprire una LTD in UK;
  • Quali sono gli accorgimenti da prendere nel caso in cui tu voglia operare in Italia con la tua LTD.

Naturalmente, questo articolo non può essere esaustivo e non può sostituire l’assistenza di un dottore Commercialista esperto (per quello trovi il link per contattarmi al termine dell’articolo). Tuttavia, questo contributo può essere il primo passo per prendere consapevolezza verso l’apertura della tua LTD nel Regno Unito.

Cominciamo!

aprire una LTD
aprire una LTD

Vantaggi di aprire una LTD in UK

L’imprenditore che apre una LTD in UK può godere di una serie di vantaggi amministrativi e fiscali che in Italia non esistono.

E’ vero che aprire una LTD mi permette di pagare meno tasse?

Questa è la domanda che maggiormente mi viene posta sull’argomento, ovvero quello che si crede in apparenza.

Posso rivelarti, invece, che un imprenditore italiano che vuole aprire una LTD nel Regno Unito non è attratto solo dal profilo fiscale. Bensì, soprattutto da altri aspetti.

Il fatto che nel Regno Unito le imposte sul reddito delle società siano ridotte rispetto all’Italia è cosa nota. Tuttavia, i punti forti del sistema anglosassone sono altri. La burocrazia più leggera e l’efficienza del sistema amministrativo su tutte.

Vediamo, quindi i vantaggi che può offrire una LTD nel Regno Unito.

Facilità di apertura di una LTD

La società LTD può essere aperta anche in un solo giorno ed in modo del tutto telematico. Non è necessaria la presenza di un notaio.

E’ possibile avere atto costitutivo (memorandum of association) e lo statuto (articles of association) digitalizzati, direttamente per posta elettronica.

Il tutto assieme alla copia delle azioni detenute “certificates of shares”.

Il director (amministratore) della società può essere un soggetto residente o non residente nel Regno Unito.

Per aprire una LTD occorre:

  • Individuare un indirizzo fisico da registrare come sede legale della società nel Regno Unito;
  • La presenza di un intermediario che registri l’atto costitutivo e lo statuto. Allo stesso tempo l’intermediario deve occuparsi dei vari aspetti che riguardano la Company House (Camera di Commercio) e la HM Revenue & Customs (Agenzia delle Entrate). Questo per effettuare le varie registrazioni obbligatorie;
  • Una banca disposta ad aprire un conto corrente bancario.
  • Una banca disposta ad aprirvi un conto bancario;
  • Un commercialista che compili la dichiarazione dei redditi;
  • Un contabile che tenga la contabilità;
  • Un professionista che possa tenere e aggiornare i libri sociali (statutory book) e che vi assisti nella redazione dei contratti necessari a gestire l’impresa.

Certezza normativa

Nel Regno Unito vi è un regime di certezza normativa. La norma è basata sul precedente giurisprudenziale. Ovvero sulle sentenze che i giudici hanno emesso in relazione ad un caso trattato precedentemente.

Questo significa minori possibilità di essere sanzionati per aver applicato una normativa tributaria.

Meno sanzioni significa avere maggior tempo a disposizione da dedicare al business.

Se pensi al tempo che ogni impresa italiana dedica ad adempiere oneri amministrativi ed accertamenti fiscali, puoi comprendere il vantaggio.

Costi di apertura di una LTD

Al di la di quello che sembra, è necessario investire denaro per avere una LTD che operi regolarmente.

La soluzione più economica per trovare un ufficio presso cui localizzare la sede di una società LTD è quella di acquistare un ufficio virtuale a Londra.

Tieni conto che un ufficio virtuale ha un costo medio di 100 sterline all’anno (oltre ad un deposito fisso).

Tuttavia, la sola disponibilità di un ufficio virtuale potrebbe non è sufficiente.

È infatti proprio questo uno degli errori che devi evitare nella costituzione di una LTD.

L’imprenditore deve essere in grado di dimostrare alle autorità fiscali di aver la disponibilità di un ufficio. Un luogo in cui tutta o parte dell’attività aziendale viene gestita e svolta.

Per questo motivo è opportuno prendere in affitto anche un ufficio vero e proprio. Oppure, un spazio di co-working al fine di dimostrare al Fisco italiano di avere anche una minima struttura organizzativa in Inghilterra.

Considera che il prezzo di un ufficio in un spazio condiviso varia dalle 50 £ alle 100 £ al mese.

Tassazione societaria in UK

Una volta visto perché può essere conveniente aprire una LTD in Inghilterra vediamo il sistema di tassazione societario.

Le società residenti in UK sono soggette ad un’imposta societaria (Corporation tax) sui redditi ovunque prodotti.

Le società non residenti sono soggetti a Corporation tax se esercitano un’attività d’impresa per il tramite di una stabile organizzazione. Ovvero una struttura caratterizzata dalla presenza di un luogo fisso dove viene svolta l’attività o da un agente che ha pieni poteri di rappresentare la società estera.

Una società è residente se è costituita in UK o se la direzione effettiva è ivi esercitata. Peraltro, conformemente ai parametri internazionali, se una società inglese non ha la direzione effettiva in UK, la stessa non sarà considerata residente, anche ai fini domestici.

Questo significa che è possibile che vi sia una società inglese, formalmente costituita in UK, che non è ivi fiscalmente residente (derivandone quindi che gli eventuali utili realizzati non sono ad essa fiscalmente attribuibili e quindi tassabili). Questo concetto assume una particolare rilevanza in alcune tipiche forme contrattuali di commercio internazionale (quali ad esempio i contratti di agenzia, particolarmente diffusi in UK).

L’aliquota principale è pari al 19% dal 1° aprile 2017, anche se vi sono dei progetti per ridurla ulteriormente al 15%.

Tieni conto che, a differenza di quanto avviene in Italia nel Regno Unito non si pagano acconti di imposta!

Agevolazione per aprire una LTD in UK

Tieni conto anche che esiste una particolarità che rende appetibile fiscalmente aprire una LTD.

Le società LTD che hanno un volume d’affari non superiore a 85.000 sterline (circa 96 mila Euro) l’anno, non sono obbligate a richiedere una partita IVA (VAT Number).

La costituzione di una LTD inglese senza Partita IVA è come aprire una ditta individuale in Regime Forfettario, ma con una soglia di fatturato fissata non ad Euro 65.000, bensì ad Euro 96.000 per anno.

Tutte le fatture, in questo caso, vengono emesse senza addebitare l’IVA (VAT) del 20%.

Così come un’impresa in regime forfettario, l’imprenditore, che avvia una “small Private Limited Company, non può scaricare costi ai fini IVA.

E se nel corso dell’anno dovessi superare la soglia di 85.000 sterline?

Il fisco inglese consente di regolarizzare la situazione, pagando un importo forfettario del 10% sul reddito.

Sfruttare questa opportunità è un vantaggio da non sottovalutare!


In quali casi non devi aprire una LTD nel Regno Unito

Una volta individuati gli elementi che possono darti un valore aggiunto nell’aprire una LTD nel Regno Unito vediamo adesso i casi in cui non devi aprire Limited Company.

Vediamoli insieme!

Operare in Italia con una LTD inglese, avendo un business locale

Se gestisci un business fisico in Italia devi operare con una filiale italiana della LTD. E’ opportuno chiarire subito che costituire una LTD in inghilterra per operare in Italia è perfettamente legale. Naturalmente questo non significa che pagherai le tasse in Inghilterra, se produci reddito in Italia pagherai le tasse allo stato italiano.

Ad esempio se hai un negozio, un’attività artigianale o un ufficio devi operare attraverso una filiale italiana. La Limited Company in questi casi deve operare con una stabile organizzazione.

In pratica, questo significa rinunciare a buona parte dei vantaggi fiscali della tassazione inglese. Con la stabile organizzazione devi pagare giustamente le imposte allo stato italiano.

Infatti in questo caso la tua attività, l’oggetto sociale della tua impresa, è totalmente ed indiscutibilmente in Italia. Per questo non puoi evitare la tassazione italiana.

Se ti trovi in questa situazione con un business fisico in Italia la LTD inglese non ti aiuterà. Il mio consiglio è quello di lasciar perdere. I costi da affrontare, se pur minimi, non giustificano poi la tassazione italiana.

Il discorso cambia se intendi allargare la tua attività ad altri mercati. In questo caso la Limited Company può essere vantaggiosa.

Amministrare la società dall’Italia (Esterovestizione)

Arrivato a questo punto può essere opportuno capire il motivo per cui se hai un business in Italia la tua LTD deve pagare le imposte in Italia. Per capirlo occorre analizzare cosa prevede il TUIR, in particolare i criteri di residenza fiscale delle società di capitali, nell’articolo 73 del testo unico.

In sostanza, voglio spiegarti che cos’è in estrema sintesi l’esterovestizione societaria.

Con il termine esterovestizione si intende il trasferimento fittizio della residenza fiscale di un’impresa estera controllata in paesi a bassa fiscalità come ad esempio la Gran Bretagna.

Paese questo che nonostante non sia qualificabile come Paradiso Fiscale ha comunque, rispetto all’ordinamento italiano, notevoli vantaggi. Questo soprattutto per le società che si costituiscono sotto forma di Holding.

Quindi una società Inglese che viene gestita dall’Italia, che ha l’oggetto sociale in Italia, si può considerare soltanto formalmente Inglese. Questa ha cioè soltanto la sede legale in Inghilterra, ma non ha amministratori, dipendenti, operai in Inghilterra, non ha uffici operativi e nessuna attività in Inghilterra. E’ una cosiddetta “Scatola vuota”, una Holding cosiddetta “passiva”.

Ai sensi dell’articolo 73 del DPR n 917/86 al verificarsi di questi presupposti l’Agenzia delle Entrate italiana può far sì che la residenza fiscale della società venga coattivamente riportata in Italia con tutte le conseguenze del caso.

Se intendi aprire una LTD Inglese devi stare attento a questi particolari ed organizzarti in modo da non incappare in facili contestazioni da parte delle autorità italiane.

Se vuoi soltanto la tua scatola vuota sei avvisato. Posso dirti che tanti imprenditori italiani che lo hanno fatto e non hanno avuto ripercussioni, devi considerare con attenzione il rischio che corri. Per lo meno considera l’ipotesi di farti una chiacchierata con un esperto prima di procedere.

Rimango 6 mesi nel Regno Unito per non essere residente in Italia

Il discorso della residenza fiscale è molto complesso. I non addetti ai lavori spesso credono che sia sufficiente passare 6 mesi all’estero per perdere “automaticamente” la residenza fiscale italiana.

Non è così semplice.

Sul punto ti invito a leggere il mio articolo sulla residenza fiscale delle persone fisiche (“Residenza fiscale delle persone fisiche: la guida“). Quello che voglio dirti in questa sede è che devi prestare molta attenzione, passare del tempo all’estero, non è sufficiente a spostare li la tua residenza fiscale.

Per farti un esempio molto banale se la tua famiglia rimane in Italia, se continui ad avere interessi economici in Italia, non riuscirai a trasferire all’estero la tua residenza fiscale. In questi casi l’Agenzia delle Entrate disconosce il trasferimento e lo considera fittizio, applicandoti sanzioni importanti.

Per questi aspetti ti invito a contattarmi in privato per approfondire la tua situazione.

Alti costi della manodopera

Come avrai compreso una società inglese non è sempre e comunque la soluzione perfetta a tutti i problemi degli imprenditori italiani.

Se la tua azienda è caratterizzata da una forte preponderanza di costi di manodopera, perché la produzione richiede necessariamente la presenza di molto personale, probabilmente la soluzione ideale non sarà rappresentata dalla LTD inglese. 

Ci sono molte altre giurisdizioni che potrebbero essere prese in considerazione, la prima fra tutte che mi sentirei di consigliare è l’Albania  o la Slovenia.

Punto dolente potrebbe essere rappresentato dalla difficoltà di reperire in loco manodopera specializzata, per questo motivo è una scelta da valutare con molta cautela e dopo un accurato studio del paese di destinazione prescelto. 


Aprire le LTD a basso costo: attenzione alle truffe!

Molti potenziali imprenditori, per aprire una LTD in UK, sono attratti dai prezzi ridicoli offerti dal molti consulenti.

Quello che molto spesso non viene detto è che dietro a queste offerte c’è soltanto la consegna del Certificato di Incorporazione della società presso la Company House. Il tutto, con la promessa che il potenziale imprenditore potrà continuare a lavorare dall’Italia non pagando le tasse in nessuno Stato.

Niente di più sbagliato!

Se pensi che affidarti a chi ti offre il semplice Certificato di Incorporazione possa aiutarti, ti stai sbagliando. Solo con questo certificato, molto probabilmente, non riuscirai nemmeno ad aprire un conto corrente in UK. Avere soltanto questo certificato ti porterà a problemi fiscali, sia in UK che in Italia.

Quello che ancora sento da tantissimi lettori è che se ho un’attività online e ho una LTD inglese non pago le tasse da nessuna parte. Magari perché la società è gestita da un “amministratore segreto“.

Le “società anonime” non esistono in UK, questo devi saperlo!

Ricevo tantissime richieste come queste ogni settimana. Vedo imprenditori che una volta aperta la LTD sono stati abbandonati da chi ha proposto loro di aprire la società, e con questa non sono al riparo dal Fisco italiano (la società non è mai anonima), e soprattutto si deve fare attenzione al rischio esterovestizione!

Acquistare un immobile attraverso la LTD inglese

Molti si chiedono se sia possibile evitare di pagare l’IMU sugli immobili in Italia se si fanno acquistare da una LTD inglese.

Questa affermazione non può considerarsi corretta. Infatti, l’immobile è soggetto ad IMU per il solo fatto di trovarsi sul solo italiano, con conta la proprietà. Questo significa che un immobile posto su suolo italiano, a prescindere dalla sua proprietà, è soggetto al pagamento di tutte le imposte patrimoniali dovute. Stessa cosa vale per le imposte indirette (registro, IVA, etc).

I vantaggi legati ad acquistare immobili con una LTD inglese sono altri.

Ad esempio l’acquisto di immobili in Italia con società estere lo si fa per riconfigurare assets societari, oppure per diversificare o migliorare gli investimenti. Tuttavia, la scelta principale per cui una società estera acquista immobili in Italia è per scopi di protezione del patrimonio.

Sostanzialmente, la tutela del proprio patrimonio è la prima motivazione che spinge all’acquisto di immobili attraverso società poste all’estero. Tuttavia, si tratta di un argomento molto delicato, che non tratterò in questo articolo.

Aprire una LTD in UK: cosa non fare

Molto spesso intervenire a cose fatte è molto difficile, non si può fare praticamente niente, se non invitare l’imprenditore a chiudere il prima possibile quella società, che magari non ha nemmeno mai operato, perché senza un conto corrente.

Il consiglio migliore che posso darti è quello di affidarti sempre a consulenti preparati. Prima di acquistare qualsiasi cosa, chiedimi una consulenza personalizzata ed insieme verificheremo la bontà dell’idea di business che hai avuto e di come poterla concretamente realizzare.

Il rischio che corri è che per recuperare una situazione già avviata in modo sbagliato tu debba spendere molto più tempo e denaro di quanto avresti speso facendo tutto in regola fin dall’inizio.

Altro gravissimo errore che commette chi apre una LTD negli UK è quello di creare la società solo come schermo per non pagare imposte in Italia.

Molte persone credono che gestire un business online nel mercato italiano, gestendolo da casa propria con una LTD inglese sia il modo migliore per non pagare le imposte. In realtà non è così, ma posso assicurarti che ci sono consulenti, o presunti tali, che fanno affermazioni di questo tipo.

Il rischio, in questi casi è quello di ricevere un doppio accertamento fiscale. Uno dagli UK perché magari l’autorità fiscale inglese verifica la non residenza UK dell’imprenditore, con la conseguenza che si incorre in sanzione sia personalmente sia a livello societario. Inoltre, le autorità UK informano quelle italiane. A questo punto parte il secondo controllo dall’Italia, e questa volta ci sono conseguenze peggiori, come l’esterovestizione societaria.

Non è mia intenzione spaventarti, ma soltanto farti capire che aprire una LTD in UK è molto vantaggioso ma il tutto deve essere gestito nel modo giusto.

Una LTD inglese può avere una stabile organizzazione in Italia?

Il Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) definisce all’art. 162 il concetto di stabile organizzazione, come:

Una organizzazione di persone, beni e attività con autonomia organizzativa rispetto alla casa madre, ovvero atta alla realizzazione di un programma imprenditoriale autonomo

In questi termini una LTD nel Regno Unito può dotarsi di una stabile organizzazione in Italia o anche negli altri paesi del mondo. Dotarsi di una stabile organizzazione significa, in linea pratica, dotarsi di una sede secondaria, che sarà soggetta alla normativa civilistica e fiscale del Paese ove è situata. Oltre a questo, fiscalmente, la stabile organizzazione è tenuta alla tassazione dei suoi redditi anche nel Regno Unito, ove potrà poi evitare l’ipotesi di doppia imposizione giuridica del reddito secondo quanto previsto dalla disciplina convenzionale applicabile.

Gli obblighi burocratici che una stabile organizzazione di LTD inglese richiede nel territorio italiano sono:

  • Iscrizione al Registro delle Imprese, tenuto presso la Camera di Commercio competente;
  • Ottenimento del codice fiscale e della partita IVA italiana;
  • Deposito del fondo di dotazione che dovrà versare la LTD;
  • Assoggettamento alla normativa civilistica e fiscale italiana in materia di: fatturazione, contabilità e pratiche amministrative.

Questo significa che se la stabile organizzazione italiana della LTD deve assumere un lavoratore dipendente dovrà farlo secondo la normativa civilistica, fiscale e previdenziale italiana.

Questo vuol dire che la LTD, a quel punto, sarà titolare di un contratto di lavoro redatto secondo la normativa italiana. Questo, ad esempio, potrebbe permettere al lavoratore estero che acquisirà residenza fiscale italiana di poter beneficiare (nel rispetto degli altri requisiti richiesti) dell’agevolazione legata ai lavoratori impatriati in Italia.

Aprire una LTD in UK: consulenza

Quello che ho cercato di farti capire in questo articolo è di come sia necessario affidarti a professionisti per aprire la tua società in UK.

Il mio Studio professionale è in grado di aiutarti sia a capire le potenzialità della tua idea di business, ma soprattutto è in grado di affiancarti uno Studio commerciale che opera in UK, a Londra, per gestire assieme ad esso tutte le pratiche legate alla costituzione della tua società nel Regno Unito.

L’obiettivo dell’apertura di una società all’estero deve essere legato a delle vere esigenze di business e sono queste che andremo a valutare e verificare insieme. Solo successivamente parleremo di quale tipo societario è per te il migliore. Infine, collaboreremo con il nostro partner a Londra per tutte le pratiche di apertura, ma soprattutto potrai affidare a loro tutti gli adempimenti fiscali societari in UK.

Il mio Studio, invece, si occuperà della tua fiscalità in Italia, se deciderai di rimanervi, perché vi sono obblighi legati alla disciplina sul monitoraggio fiscale da rispettare.

Il nostro obiettivo è quello di lavorare in team per permetterti di sviluppare al meglio il tuo business in UK.

Approfittane! Contattami al link seguente e mettiti in contatto con me per ricevere una consulenza personalizzata.

FAQ su come aprire una LTD nel Regno Unito

E’ legale aprire una LTD nel Regno Unito?

Un soggetto fiscalmente residente in Italia ha la possibilità di aprire legalmente una LTD nel Regno Unito. Tuttavia, occorre operare nel modo corretto per evitare possibili contestazioni da parte dell’Amministrazione finanziaria.

Ci sono vantaggi nell’aprire una LTD in UK se ho un business in Italia?

Se hai un business fisico in Italia aprire una LTD in UK non è la scelta migliore. Questo perché se vuoi continuare ad operare in Italia devi aprire una sede in Italia della tua società. Sede che rimane soggetta, comunque, alla tassazione Italia.

Quando è conveniente aprire una LTD in UK?

Aprire una LTD è vantaggioso in tutti quei casi in cui ti trovi a dover gestire business online legati ad attività immateriali, a consulenze, oppure a business non fisici. In tutti questi casi operare con una società estera è utile, specialmente se decidi di spostare all’estero anche la tua residenza fiscale personale.

Comprare immobili in Italia con una LTD è vantaggioso?

Se una LTD acquista immobili in Italia è soggetta comunque al pagamento dell’IMU e delle imposte indirette italiane. Non ci sono, quindi, particolari vantaggi. Questo a meno che il tuo obiettivo non sia quello di protezione del tuo patrimonio personale.

Posso aprire una LTD restando nel Regno Unito solo 6 mesi?

In questo caso aprire una LTD è deleterio. Se resti all’estero solo 6 mesi all’anno sei a rischio di importanti contestazioni da parte dell’Amministrazione finanziaria italiana. Non è consigliabile operare in questo modo e ti consiglio di affidarti subito a consulenti esperti per risolvere questa problematica, prima che sia troppo tardi.

Qual’è la tassazione di una LTD in UK?

La tassazione di una LTD è del 19% nel Regno Unito. Oltre a questo devi considerare che l’IVA (VAT) in UK è del 20%. I vantaggi rispetto alla tassazione italiana sono evidenti.

13 COMMENTI

  1. Condividiamo il consiglio di affidarsi a diversi professionisti sia lato UK che Lato Italia, quando si voglia considerare la costituzione di una LTD in UK. Oltre agli aspetti affrontati dall’autore, ci sono molte altre adempienze burocratiche-amministrative, come la gestione delle buste anche per un dolo Director. In quanto all’efficacia amministrativa del Regno Unito, posso assolutamente confermare che non è proprio efficacie, tutt’altro. Inoltre per la legge inglese un director di una LTD UK che opera dall’estero, è soggetto anche ai tributi da impiegato secondo le norme del paese da cui opera in remoto. Inoltre molte recenti sentenze hanno condannato i Director a risarcire eventuali inadempienze con la confisca di beni personali, anche detenuti all’estero.
    CLARITY PROFESSIONAL INTERNATIONAL CITIZEN ADVICE LLP
    ACCOUNTING FIRM & LINGUISTIC SERVICES

  2. Salve, mi complimento per l’articolo. Gentilmente vorrei sapere se una ltd può acquistare strumenti finanziari quotati a londra quali azioni societarie ed etf. In caso affermativo la tassazione dei dividendi dovrebbe essere zero? e sul gain delle azioni? grazie

  3. Salve,
    apprezzo la sua capacita’ professionale a scrivere un articolo davvero interessante.
    Intendo avviare l’attivita’ commerciale LTD in UK come numismatica in quanto la normativa inglese e’ molto migliore rispetto a quella italiana.
    E’ possibile fare la domiciliazione nella sede legale? Credo che alcune cose sono cambiate ultimamente quindi mi affido a lei per una consulenza dettagliata.

  4. ciao sono un collega dottore commercialista in napoli. ho esigenza per alcuni clienti di aprire societa’ in londra. possiamo condividere la progettualita’?
    ciao
    vincenzo palumbo

  5. Buongiorno, se per motivi di prestigio decidessi di utilizzare la LTD in Italia fatturando da una succursale italiana e pagando le imposte in Italia, qualcuno avrebbe da contestare qualcosa? Grazie

  6. Buongiorno.
    Vivo nel Regno Unito da molti anni e ho un’attività da sole trader online. Io e il mio compagno (Britannico) ci trasferiremo in Italia l’anno prossimo. Tutte e due abbiamo un digital business, quindi mi chiedevo se nel mio caso, dopo aver cambiato la mia attivita’ da sole trader a Limited Company, devo mantenere la mia residenza personale in Inghilterra o la posso trasferire in Italia e se questo coincide con la residenza fiscale? Grazie mille

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here