Vuoi intraprendere un’attività con Partita Iva come medico? Quali adempimenti fiscali ci sono? Una breve guida sull’apertura partita Iva come medico.

Se sei un giovane medico, appena iscritto all’albo dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri e stai per avviare la tua attività professionale in modo autonomo? Sicuramente dovresti conoscere tutti gli adempimenti da fare e i vari Regimi fiscali applicabili.

La professione del medico può essere esercitata nel settore pubblico, se svolta nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale ma può essere anche esercitata all’interno di cliniche private o in modo autonomo, tramite l’apertura della Partita Iva: come i liberi professionisti.

Qualsiasi sia il tuo ambito se vuoi operare come autonomo devi conoscere i tuoi obblighi come contribuente sia ai fini fiscali che previdenziali.

Apertura partita iva come medico
Apertura partita iva come medico

L’obiettivo di questo articolo è fornire una guida utile per i giovani medici che hanno deciso di avviare la loro attività professionale. All’interno troverai i nostri consigli e nel caso potrai contattarci per affidarti a noi per la tua consulenza fiscale.

Cominciamo!

Le attività professionali esercitate dal Medico

Le attività professionali esercitabili dal medico sono:

  • Attività svolta direttamente nei confronti dei pazienti destinatari della prestazione in uno studio privato;
  • Attività intramoenia, si riferisce alle prestazioni erogate al di fuori del normale orario di lavoro dai medici di un ospedale, i quali utilizzano le strutture ambulatoriali dell’ospedale stesso a fronte del pagamento da parte del paziente di una tariffa;
  • Infine attività extramoenia (attività da libero professionista) in questo caso, il medico utilizza strutture o studi privati per esercitare la sua attività, senza vincoli con le strutture pubbliche ospedaliere.

Se desideri approfondire la disciplina legata alle attività sanitarie svolte dai medici, puoi leggere questo articolo dedicato: “Prestazioni sanitarie dei medici: disciplina IVA e fatturazione“.

Iscrizione all’albo e Apertura Partita Iva come Medico

Al momento dell’inizio dell’attività professionale, per i giovani medici spesso legata all’attività di “guardia medica” si pone il problema di inquadrare l’attività da un punto di vista fiscale.

Si tratta, quindi, di capire come effettuare l’apertura di una Partita Iva.

Prima di poter effettuare l’apertura della partita Iva come medico ci sono essenzialmente due passaggi fondamentali da svolgere.

Per prima cosa è necessario effettuare l’iscrizione all’albo professionale nel comune in cui si ha la residenza (ovvero nel Comune ove si esercita l’attività).

Ottenuta l’iscrizione all’Albo dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, si può aprire Partita IVA.

Il primo adempimento necessario riguarda la compilazione del modello AA9/11 ovvero la dichiarazione di inizio attività delle persone fisiche.

Trovi il link qui sotto per scaricare il modello:

Questo modello deve essere consegnato all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dall’inizio della tua attività con Partita Iva. Per la presentazione del modello hai a disposizione due possibilità:

  • Presentare personalmente (o tramite delegato) il modello cartaceo presso uno degli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, oppure
  • Avvalerti di un professionista abilitato (dottore Commercialista) in modo che possa effettuare la presentazione telematica del modello all’Agenzia delle Entrate.

Una volta presentato il modello nel giro di qualche ora riceverai il tuo numero di partita IVA e potrai iniziare concretamente la tua attività.

Il secondo adempimento da svolgere riguarda i tuoi obblighi previdenziali.

Da questo punto di vista devi obbligatoriamente iscriverti alla cassa previdenziale dedicata ai medici, ovvero l’ENPAM (Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri).

Una volta effettuata online la domanda di iscrizione riceverai tutte le istruzioni necessarie ad accedere alla tua posizione personale all’interno del sito. Da qui dovrai comunicare annualmente il reddito professionale generato dall’attività autonoma, in modo da determinare i contributi previdenziali dovuti.

La comunicazione del reddito professionale si effettua ogni anno nel mese di luglio, con riferimento all’anno di imposta precedente.

Chi deve aprire la partita IVA come medico?

Per esercitare l’attività come Medico non è indispensabile avere Partita IVA, tuttavia, è indispensabile averla nel caso in cui, l’attività professionale venga svolta:

  • Nei confronti dei pazienti destinatari della prestazione in uno studio privato;
  • Attività extramoenia, che si realizza qualora i medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale utilizzino strutture o studi privati per svolgere la libera professione;
  • Infine se l’attività venga svolta a favore di strutture sanitarie private di terzi o mediante un rapporto di convenzioni con le Aziende sanitarie locali (ASL).

In sintesi non sussiste l’obbligo di apertura della partiva Iva come medico nel caso in cui:

  • L’attività sia svolta direttamente nei confronti del paziente nell’ambito di strutture sanitarie pubbliche o private;
  • Attività intramoenia, cioè quando la prestazione viene erogata al di fuori del normale orario di lavoro dai medici di un ospedale, i quali utilizzano le strutture ambulatoriali dell’ospedale stesso a fronte del pagamento da parte del paziente di una tariffa;
  • La sua attività nell’ambito di strutture sanitarie pubbliche da parte di medici specializzandi, sulla base di convenzioni stipulate con le Università;

In questi ultimi tre casi, i compensi percepiti dal medico sono assimilabili al reddito di lavoro dipendente, ai sensi dell’art. 49, comma 1, del DPR n. 917/86.

Quale codice ATECO scegliere per l’attività di Medico?

A seconda del tipo di attività intrapresa, i codici ATECO da indicare al momento dell’apertura della Partita Iva come medico, possono distinguersi in:

86.22.01Prestazioni sanitarie svolte da chirurghi
86.22.02Ambulatori e poliambulatori del Servizio Sanitario Nazionale
86.22.03Attività dei centri di radioterapia
86.22.04Attività dei centri di dialisi
86.22.05Studi di omeopatia e di agopuntura
86.22.06Centri di medicina estetica
86.22.09Altri studi medici specialistici e poliambulatori

Quando si parla di attività di Medico, si possono intendere una molteplicità di mansioni differenti, sopra ne sono scritte soltanto alcune.

Iscrizione all’ENPAM

Ulteriore adempimento a carico dei Medici è l’iscrizione all’ENPAM, nel caso in cui non sia stata effettuando durante il percorso universitario.

L’ENPAM è l’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri e si occupa della previdenza obbligatoria dei medici ed odontoiatri.

L’ENPAM prevede l’iscrizione obbligatoria per tutti i Medici e Odontoiatri che siano iscritti nell’Albo, e avviene tramite il versamento di due quote:

  • Quota A: è una quota che qualunque Medico e Odontoiatra dovrà versare, a prescindere dalla circostanza che svolga effettivamente o meno la professione oppure abbia aderito ad altre fondi previdenziali;
  • Quota B: deve essere versata obbligatoriamente da tutti i Medici e Odontoiatri che esercitano la professione ricavandone profitto. E’ commisurato in percentuale al reddito prodotto nell’anno precedente e non riguarda soltanto i profitti derivanti dalla libera professione pura, ma anche i redditi derivanti dalla professione intramoenia, extramoenia, prestazioni occasionali mediche e collaborazioni coordinate e continuative.

Gli importi della Quota A variano a seconda della fascia di età, e quindi dell’anzianità del Medico, ed è possibile effettuare i versamenti fino al 70° anno di età.

Gli importi della quota B vengono calcolati in base ai redditi derivanti dalla libera professione, attività di ricerca o di incarichi di amministrazione di società, indicati nel modello D. Tra i redditi non assoggettati ci sono quelli derivanti da assegni di ricerca e dottorato e i compensi percepiti per la partecipazione a corsi di specializzazione.

La scelta del regime fiscale per i Medici

Aprendo Partita Iva, per i Medici è fondamentale scegliere anche il regime fiscale da applicare. Tale scelta non è da sottovalutare, da essa influirà la tassazione dei tuoi redditi.

A partire dal 2016, per i giovani Medici che hanno iniziato da poco l’attività, è possibile aprire la Partita Iva con un regime agevolato, chiamato Regime Forfettario.

Il Regime Forfettario, è un Regime fiscale di vantaggio, che permette di effettuare una serie di semplificazioni e riduzioni alla tassazione ordinaria.

L’unico limite da rispettare per l’applicazione di tale regime è quello di non superare i 65.000 euro di ricavi nell’anno precedente.

Naturalmente, l’applicazione di questo regime fiscale di vantaggio necessita del rispetto di alcuni requisiti di accesso, rispettando le clausole di esclusione previste. Ne abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo a cui ti rimando: “Casi di esclusione dal Regime Forfettario“.

Regime forfettario per i Medici

Come ho già detto, il Regime Forfettario permette di godere di numerose semplificazioni fiscali e contabili.

Una delle semplificazioni più importanti riguarda l’esonero dall’applicazione della fatturazione elettronica.

Inoltre, con l’applicazione di tale regime agevolato:

  • Potrai avere l’esenzione dall’applicazione dell’Iva.
  • Potrai avere l’esenzione dall’applicazione della ritenuta d’acconto;
  • Sarai esonerato dall’obbligo di registrazione contabile delle fatture e dei corrispettivi;
  • Sarai sottoposto ad una tassazione ridotta rispetto agli altri regimi fiscali.

L’imposta sui redditi viene calcolata con un’aliquota del 5% per i primi 5 anni, aumentando al 15% dal sesto anno in avanti (nel rispetto dei requisiti previsti dal regime).

Per approfondire tutti i vantaggi che il Regime Forfettario può garantire ad ogni Medico, puoi cliccare sul seguente link:

Regime Forfettario: vantaggi e requisiti di accesso“.

Una peculiarità del Regime Forfettario riguarda l’impossibilità di dedurre le spese, anche quelle facenti parte dell’attività svolta. Questo perché l’imponibile su cui si pagano le imposte è semplicemente una percentuale del fatturato definita da un coefficiente di redditività.

Si tratta di un forfettario di spesa che lo Stato ha ipotizzato per ogni tipologia di attività e identificabile grazie al Codice ATECO, che per i medici ammonta al 78%.

Nel caso in cui, invece, tu non abbia i requisiti per applicare il Regime Forfettario devi operare nel regime ordinario, ovvero la cd “Contabilità semplificata“.

Emissione della Fattura per i Medici

Sia nel caso di fattura per regime semplificato che nel forfettario, la fattura deve contenere i seguenti elementi essenziali, come previsto nell’art. 21 del DPR n. 633/72:

  • Data e numerazione in ordine progressivo;
  • Dati identificativi del professionista, ovvero cognome e nome, residenza e domicilio, partita IVA e codice fiscale;
  • Deve riportare i dati identificativi del cliente/paziente;
  • Descrizione della natura dei servizi formanti oggetto dell’operazione;
  • Indicazione dell’ammontare e gli altri dati necessari per la determinazione della base imponibile;
  • Riferimento dell’IVA (esente, imponibile, forfettario).

La Fatturazione Elettronica per i Medici e i chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate

I Medici e gli Odontoiatri saranno esonerati, almeno parzialmente dall’obbligo di emissione della fattura elettronica.

Saranno esonerati dall’emissione della fattura elettronica per tutte quelle prestazioni che verranno poi inviate al Sistema Ts per il 730 precompilato. Inoltre saranno esonerati dall’emissione di fattura elettronica i medici convenzionati per quanto riguarda i compensi compresi nel cedolino delle ASL.

Al contrario i Medici e gli Odontoiatri saranno chiamati ad utilizzare la fatturazione elettronica nel caso di una retribuzione legata ad una sostituzione, alla partecipazione ad un corso di formazione o a qualsiasi attività professionale nei confronti della pubblica amministrazione o di una società privata.

Con la Circolare n. 14 del 17 giugno 2019 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che gli operatori sanitari possono emettere e-fattura mediante SdI con riferimento alle prestazioni non sanitarie, solo qualora non siano presenti elementi idonei a far desumere lo stato di salute del paziente.

Le prestazioni sanitarie rese da soggetti passivi d’imposta a soggetti diversi dalle persone fisiche, fatte salve eventuali eccezioni, ai sensi dell’art. 1, comma 3, sesto periodo, del Dlgs n. 127 del 2015, vanno documentate a mezzo fattura elettronica via SdI. 

Come ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nell’Interpello del 24 luglio 2019 n. 307, ciò avviene per le operazioni effettuate:

  • Direttamente nei confronti dei soggetti diversi dalle persone fisiche (si pensi, ad esempio, alla locazione di apparecchiature o dispositivi medici tra soggetti passivi d’imposta);
  • Materialmente nei confronti delle persone fisiche, ma imputate a soggetti diversi che se ne fanno carico, in tutto o in parte, per contratto ovvero per altro motivo.

In sostanza sono tenuti alla fatturazione elettronica i terzi (medici, fisioterapisti, odontoiatri etc..) che fatturano la visita o la terapia non direttamente al paziente, ma allo studio. Questo perché si tratterebbe di un servizio prestato all’ambulatorio e non a una persona fisica.

Apertura Partita Iva come medico: conclusioni

In questo articolo ho cercato di fornirti tutte le informazioni che possono esserti utili se hai deciso di avviare la tua attività professionale di Medico.

Sicuramente non ti saranno chiari tutti i passaggi che hai visto, sia per l’avvio della tua attività, ma soprattutto per la scelta del tuo regime fiscale.

Sono scelte delicate che possono influenzare il proseguimento della tua attività. Per questo motivo è utile che tu ti faccia seguire da un dottore Commercialista per farti consigliare le scelte migliori. Solo in questo modo potrai evitare di commettere inutili errori.

Da anni il nostro studio professionale assiste online medici che avviano la propria attività professionale, per questo non avremo alcun problema ad offrirti la nostra assistenza fiscale.

Se sei un giovane Medico, e vuoi aprire partita Iva, o vuoi semplicemente una consulenza per scegliere il regime fiscale migliore per le tue caratteristiche segui il link sottostante. Potrai metterti in contatto con noi e ricevere la migliore assistenza possibile.

2 COMMENTI

  1. Buonasera, sono una neolaureata e sto cercando di avere alcune informazioni circa la possibilità di aprire una partita IVA per un tempo limitato (circa 2 mesi) per poter lavorare nell’attesa di ottenere un contratto da dipendente, che dovrebbe partire, però, da gennaio. C’è un modo per contattarvi ed ottenere una consulenza?
    Vi ringrazio

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here