modello p60

Il Modello P60 è il riassunto della retribuzione e delle tasse che sono state dedotte durante il corso dell’anno fiscale (dal 6 aprile al 5 aprile dell’anno successivo). Il P6O è una certificazione ufficiale che il datore di lavoro UK è obbligato a rilasciare ad ogni lavoratore dipendente in possesso del NIN. Ogni datore di lavoro è obbligato a fornire ai suoi dipendenti il P60 entro e non oltre il 31 maggio di ogni anno, qualora, non ti sia stato fornito alla fine dell’anno fiscale sei autorizzato a richiederlo al tuo datore di lavoro UK. 

Pubblicità

Il Modello P60 è utilizzato, di solito, per effettuare la dichiarazione dei redditi e per la richiesta del rimborso delle tasse, esso racchiude, infatti, tutte le tasse pagate da quando si è stati assunti, le tasse che bisogna ancora pagare, il National Insurance Number (NIN), l’ammontare dei contributi pensionistici maturati, ma anche il National Insurance corrisposto allo Stato, gli utili maturati e le detrazioni fiscali applicate. Il P60, infatti è fondamentale per compiere importanti operazioni fiscali in UK, come:

  • Chiedere il rimborso delle imposte eventualmente pagate in eccesso;
  • Fare domanda per i Tax Credits;
  • Come prova del proprio reddito qualora si decidesse di richiedere un prestito o accendere un mutuo.

Il modello P60 può essere fornito su supporto cartaceo o elettronico

Il 2018 è l’ultimo anno in cui verrà rilasciato un P60 ai dipendenti. Dal 1° gennaio 2019, il P60 viene abolito e sostituito con un riepilogo dettagliato dell’occupazione, in linea con la modernizzazione PAYE.

Per maggiori informazioni leggi: “Lavoro dipendente nel regno unito da tassare in italia: istruzioni operative”


Cos’è il Modello P60?

Il Modello P60 è utilizzato, di solito, per effettuare la dichiarazione dei redditi e per la richiesta del rimborso delle tasse, esso racchiude, infatti, tutte le tasse pagate da quando si è stati assunti, le tasse che bisogna ancora pagare, il National Insurance Number (NIN), l’ammontare dei contributi pensionistici maturati, ma anche il National Insurance corrisposto allo Stato, gli utili maturati e le detrazioni fiscali applicate.

Il modulo P60 ha validità annuale, tuttavia, è importante riuscire a conservare una copia dei modelli P60, in quanto possono essere necessari ad esempio in caso di richiesta di restituzione delle tasse. Inoltre, è opportuno conservare insieme alla copia dei modelli P60, le copie delle buste paga.

Il modello P45 viene rilasciato se il lavoratore dipendente si dimette o viene licenziato nel corso dell’anno fiscale. Il datore di lavoro è obbligato per legge a rilasciarlo al dipendente, ed il lavoratore deve fornire il modello P45 al nuovo datore di lavoro UK al fine di poter adeguare le trattenute fiscali sulla base del reddito cumulato.

Il modello P60 è necessario per conoscere e dimostrare quante tasse hai pagato sul tuo stipendio, e poter:

  • Chiedere il rimborso delle tasse pagate in eccesso;
  • Richiedere il credito d’imposta;
  • Prova del tuo reddito se richiedi un prestito o un mutuo.

Modello P60 in Italia

Il modello P60 è il documento che ti occorre (eventualmente assieme al Tax Return) per la dichiarazione dei redditi italiana, tuttavia, il periodo di imposta italiano è diverso ad quello inglese.

Per questo motivo questa certificazione non può essere utilizzata integralmente nella dichiarazione dei redditi italiana. Il P60, infatti, comprende (da un lato) redditi che non sono di competenza dell’anno fiscale italiano (periodo gennaio / marzo “n+1”) e dall’altro non include i redditi che, invece, sono di competenza dell’anno fiscale italiano (gennaio – marzo “n”). Questi redditi, infatti, sono presenti nella Certificazione di lavoro dipendente estero (P60) dell’anno fiscale precedente (aprile “n-1” / marzo “n”).

Per maggiori informazioni leggi: “Lavoro dipendente nel regno unito da tassare in italia: istruzioni operative”

Dichiarazione del reddito da lavoro dipendente nel regno unito tramite due modelli p60

Per dichiarare il reddito da lavoro dipendente nel Regno Unito è necessario chiedere al committente estero due certificazioni. Si tratta delle due Certificazioni del reddito che influenzano l’anno fiscale italiano, ovvero stiamo parlando di:

  • Quella che va da aprile a dicembre del periodo di imposta italiano e
  • Quella relativa al precedente periodo di imposta UK, periodo gennaio marzo dello stesso anno.

Ad esempio, se mi trovo a dover dichiarare l’annualità 2021 in Italia avrò bisogno della certificazione inglese che va da aprile a dicembre 2021. Allo stesso tempo avrò bisogno anche della Certificazione del periodo di imposta precedente in UK, ovvero quella che comprende il periodo gennaio marzo del 2021. Questo, naturalmente, a condizione che il soggetto possieda anche la Certificazione dell’anno precedente. In alcuni casi, pensa al primo anno che lavori all’estero, non è possibile avere la Certificazione dell’anno precedente.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti

2 COMMENTI

  1. Buongiorno, sempre interessante la lettura del vs. sito. Grazie.
    Un chiarimento: se mi trovo a dover dichiarare l’annualità 2021 in Italia avrò bisogno della certificazione inglese che va da aprile a dicembre 2021. Allo stesso tempo avrò bisogno anche della Certificazione del periodo di imposta precedente in UK, ovvero quella che comprende il periodo gennaio marzo del 2021.
    Questo significa che il datore di lavoro, oltre ai classici P60, ne dovrà fornire anche due ad hoc per permettermi di fare la dichiarazione dei redditi. E’ corretto? Grazie.

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome