L’Agenzia delle Entrate ha recentemente pubblicato le istruzioni e il modello 730 precompilato relativo all’anno 2021. Il modello 730 precompilato è necessario per presentare la propria dichiarazione dei redditi nell’anno corrente, con riferimento al 2020.

Ricordiamo che dal 14 maggio il cittadino può decidere se accettare la dichiarazione dei redditi così fornita oppure modificare i dati già presenti.

Come spiega l’Agenzia delle Entrate, on-line ogni contribuente può accedere ad una dichiarazione dei redditi precompilata.

Questo significa che l’Agenzia delle Entrate in modo automatico presenterà già nella dichiarazione dei redditi precompilata le spese sanitarie di cui è a conoscenza, oltre a quelle universitarie, funebri o relative alle assicurazioni, ai contributi previdenziali e ai bonus eventuali che il cittadino ha richiesto per la ristrutturazione della propria abitazione.

Come spiega nella pagina ufficiale l’Agenzia delle Entrate, si può accettare il 730 precompilato così com’è senza apportare ulteriori modifiche:

“Chi accetta online il 730 precompilato senza apportare modifiche non dovrà più esibire le ricevute che attestano oneri detraibili e deducibili e non sarà sottoposto a controlli documentali.”

Vediamo nel dettaglio come funziona il modello 730 precompilato presentato dall’Agenzia delle Entrate e quali sono le ultime novità.

Modello 730 precompilato novità
Modello 730 precompilato: novità

Chi deve presentare il modello 730 precompilato?

Vediamo in particolare chi deve presentare la dichiarazione tramite modello 730 precompilato accedendo alla propria area riservata del portale ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Come specifica il documento ufficiale del provvedimento per l’accesso alla precompilata:

“A partire dall’anno d’imposta 2015, sono destinatari della dichiarazione 730 precompilata i contribuenti che hanno percepito, per l’anno d’imposta precedente, redditi di lavoro dipendente e assimilati indicati agli articoli 49 e 50.”

L’Agenzia delle Entrate spiega che dal 2020 ci sono alcune novità per quanto riguarda i dati precompilati on-line già presenti. Sono automaticamente inseriti nel documento di dichiarazione 730 precompilato i dati relativi a oneri detraibili e deducibili:

  • • Informazioni relative ai mutui;
  • • Dati che riguardano assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni;
  • • Assicurazioni sulla vita e sui rischi di eventi calamitosi;
  • Contributi previdenziali e di assistenza;
  • • Contributi versati per i lavoratori domestici e dell’assistenza familiare;
  • • Tutte le spese sanitarie e veterinarie;
  • Spese universitarie, scolastiche e rimborsi;
  • Spese funebri;
  • • Spese effettuate su lavori di ristrutturazione o di recupero edilizio con l’obiettivo di migliorare l’abitazione dal punto di vista sostenibile;
  • • Erogazioni verso Onlus, associazioni e fondazioni;
  • • Spese per il pagamento degli asili nido con i relativi rimborsi, oltre che per la frequenza scolastica;
  • • Detrazioni inerenti il bonus vacanze.

Come funziona il portale dell’Agenzia delle Entrate

Per poter presentare, correggere, accettare e inviare il documento relativo al modello 730 precompilato, il cittadino può accedere alla propria area riservata sul portale ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, attraverso le modalità di autenticazione ufficiali.

Secondo le indicazioni è possibile accedere al sito web attraverso un identità digitale SPID, oppure usando l’identità elettronica CIE, o con le credenziali messe a disposizione dall’INPS o dalla Guardia di Finanza. Sarà poi possibile per il cittadino visionare l’intera situazione relativa a tutti i punti che abbiamo visto sopra sulla propria dichiarazione 730 precompilata.

Il Cittadino potrà accettare, modificare o integrare con dati aggiuntivi la dichiarazione.

Si potrà anche procedere a versare eventuali somme dovute tramite modello F24, collegando in questo caso anche le informazioni del proprio conto corrente bancario per procedere con eventuali accrediti. Ricordiamo che anche se il modello precompilato si presenta contenendo già molte informazioni rilevanti, può accadere che il cittadino deve andare a inserire manualmente molti dati che non sono ancora stati caricati.

E’ possibile comunque operare con un tramite, come un centro CAF convenzionato, che può accedere alle dichiarazioni del 730 precompilato, in modo da essere supportati da esperti che si occupano di gestire le pratiche.

Novità 2021 sul modello 730 precompilato: il bonus IRPEF

Ricordiamo che per l’anno 2021, con riferimento alla situazione fiscale del 2020, sono state introdotte moltissime novità per quanto riguarda il fisco. Negli ultimi anni si è accesa una lotta all’evasione fiscale rilevante, per questo motivo sono privilegiati tutti i pagamenti che avvengono tramite strumenti elettronici e che si rendono tracciabili.

Per questo motivo l’accesso a molte agevolazioni fiscali che sono state rese disponibili attraverso i bonus dal governo, è garantito esclusivamente a chi opera pagamenti tramite mezzi tracciabili. In questo modo si cerca di limitare la circolazione del contante, favorendo il rispetto della tassazione presente in Italia.

Tra le novità importanti del modello 730 precompilato 2021, si parla molto di IRPEF. Il nuovo bonus IRPEF va a sostituire il bonus Renzi. Sono coinvolti i redditi inferiori ai 28.000 euro annui e superiori in diversa misura. Gli scaglioni di reddito sono così suddivisi:

  • • Credito IRPEF di 100 euro per redditi inferiori a 28.000 euro;
  • • Credito IRPEF di 80 euro circa per redditi tra 28.000 e 40.000 euro;
  • • Credito IRPEF che tende a scendere fino a 0 per i redditi superiori a 40.000.

Per sapere con esattezza qual è il bonus IRPEF relativo al reddito specifico, e è consigliato utilizzare un software specifico per il calcolo, perché le cifre possono variare, tra quelle viste in base al reddito.

Ricordiamo che per presentare la dichiarazione è necessario rispettare i tempi previsti. Il modello 730 precompilato è disponibile per essere presentato entro il 30 settembre 2021. Il cittadino può avvalersi di un professionista abilitato oppure del portale dell’Agenzia delle Entrate per confermare i dati.

Per conoscere tutte le specifiche relative al modello 730 precompilato vi rimandiamo a questo articolo, per sapere nello specifico quali sono le spese che si possono detrarre fiscalmente nel 2021 tramite dichiarazione dei redditi vi rimandiamo a questa lettura.

Le novità del modello 730 precompilato 2021: i bonus

Le novità che riguardano il modello 730 precompilato relativo alla dichiarazione dei redditi non finiscono con il credito IRPEF. Dal 2020 infatti sono stati introdotti diversi bonus dal governo relativi a specifiche agevolazioni fiscali per i cittadini. Tra le novità Infatti sappiamo che rientrano il bonus facciate, il superbonus 110% e il bonus bici, oltre al credito relativo al bonus vacanze 2020. Vediamo nel dettaglio quali informazioni nuove saranno disponibili nel modello precompilato:

  • Superbonus 110%: il superbonus 110 già dal 2020 ha aiutato moltissimi italiani a ottenere delle agevolazioni per le ristrutturazioni della propria abitazione. Il superbonus 110% avrà uno spazio apposito nel modello 730/2021 per chi decide di utilizzare direttamente il bonus nella detrazione, invece di scegliere una cessione del credito o uno sconto in fattura;
  • Bonus facciate: come per il superbonus, anche bonus facciate può essere incluso nella detrazione fiscale del 2021, nell’apposito riquadro;
  • Bonus bici: ricordiamo anche che il bonus bici, valido per l’acquisto di una bicicletta o un monopattino, potrà essere indicato nella dichiarazione con il modello 730 relativamente il credito di imposta;
  • Bonus vacanze: chi ha utilizzato il bonus vacanze 2020 può sfruttare il modello precompilato ai fini di rientrare del 20% di credito reso disponibile da questo particolare bonus.
  • Bonus mobili: per questo particolare bonus non sarà possibile chiedere di scegliere una cessione del credito o uno sconto in fattura. Questo particolare bonus è attivabile nel momento in cui si presentano le spese sostenute per acquistare mobili e elettrodomestici, purché si rientri nei requisiti necessari.
Articolo precedenteDetrazioni fiscali spese sanitarie 2021: tutto quello che c’è da sapere
Prossimo ArticoloPagamenti e rimborsi da 730: le tempistiche
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura e ne ho fatto un lavoro. Autrice indipendente. Ho collaborato con agenzie web e svolto diverse attività di volontariato: durante gli anni di studio rappresentavo un’associazione studentesca impegnata ad organizzare eventi culturali nel mondo della comunicazione. Nel 2019 ho viaggiato all’estero, partecipando come volontaria ai lavori per il Global Platform for Disaster Risk Reduction presso l’ONU di Ginevra (Svizzera)."

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here