Nei criteri legati all'individuazione della residenza fiscale del contribuente gli interessi economici dello stesso sono da considerarsi prevalenti rispetto agli interessi familiari ed alle relazioni affettive, ovvero, quando il contribuente non è in grado di dimostrare che sia l'aspetto familiare che quello economico sono rilevanti all'estero, il mantenimento di uno di essi in Italia (nei casi seguenti si fa riferimento all'interesse economico) determina la residenza fiscale in Italia. Sulla base di questo principio la Cassazione riporta in Italia la residenza fiscale di contribuenti espatriati all'estero.

Il contenzioso tributario in materia di residenza fiscale delle persone fisiche presenta dei profili di peculiarità che rendono ogni casistica diversa dall'altra. Per questo motivo, difficilmente, è possibile rinvenire orientamenti costanti, in quanto la specificità delle situazioni soggettive finisce sempre per influenzare l'esito della vicenda e delle conclusioni dei giudici. Tuttavia, appare interessante soffermarci su due (recenti) sentenze della Corte di Cassazione, secondo le quali per l'individuazione della residenza fiscale delle persone fisiche secondo il criteri...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login