Le dimissioni amministratore Srl. Le dimissioni costituiscono l’atto formale con il quale l’amministratore di una società a responsabilità limitata, comunica il termine del proprio incarico, indicandone anche le ragioni.

L’amministratore di una srl costituisce una carica importante, soprattutto se l’amministratore è unico con pieni poteri. Inoltre, accade in modo ricorrente, il fatto che l’amministratore unico sia anche un socio della società.

L’amministratore di una srl non è vincolato da un contratto di lavoro e può, in qualsiasi momento, rinunciare al proprio incarico.

Tuttavia, qualora l’amministratore decida di dimettersi e rinunciare alla carica, occorre, in primo luogo, fare riferimento all’atto notarile che, solitamente, prevede la decadenza dell’amministratore unico per revoca dell’assemblea dei soci o per dimissioni spontanee.

Dimissioni amministratore srl

Secondo il principio di buona fede, l’amministratore rimane in carica fino alla nomina di un nuovo amministratore, in sua sostituzione.

Prima di esaminare quando e come può dimettersi, vediamo quali sono i requisiti e le funzioni che ricopre l’amministratore di una srl.

Chi può essere nominato amministratore di una srl?

Gli amministratori affinché siano nominati dall’assemblea dei soci, o dall’atto costitutivo (per i primi amministratori), è necessario che abbiano i requisiti di onorabilità, professionalità, indipendenza, secondo quanto stabilito dall’art. 2387 c.c.

Inoltre non devono essere interdetti, inabilitati, falliti, nè essere stati condannati a pene che comportino l’interdizione dai pubblici uffici, né devono essere incapaci di esercitare uffici direttivi.

L’amministrazione srl deve essere affidata ad uno o più soci, tuttavia, l’atto costitutivo può contenere una disciplina diversa, ad esempio può prevedere la possibilità di nominare come amministratore un soggetto non socio oppure può prevedere che tutti gli amministratori siano terzi non soci.

Persone fisiche

Per quanto riguarda le persone fisiche, possono essere nominate amministratore a condizione:

  • Che sia un soggetto maggiorenne o minorenne emancipato autorizzato all’esercizio dell’impresa;
  • Capacità giuridica e di agire;
  • Assenza di situazione di incompatibilità assoluta.

Persone giuridiche

Per quanto riguarda le persone giuridiche o enti, possono essere nominate amministratore a condizione che:

  • La società-amministratore designi un rappresentante persona fisica appartenente alla propria organizzazione (che abbia i requisiti necessari per le persone fisiche);
  • Il rappresentante persona fisica assuma gli stessi obblighi e le stesse responsabilità civili e penali previsti a carico degli amministratori persone fisiche, ferma restando la responsabilità solidale della persona giuridica amministratore;
  • Le formalità pubblicitarie per l’amministratore sono applicate anche al rappresentante persona fisica.

Funzioni di un amministratore

All’amministratore vengono attribuite funzioni che lo statuto può prevedere che siano assolte anche da altre figure interne, come la gestione ordinaria e straordinaria della società, concludere e firmare contratti.

Vi sono, alcune funzioni di competenza esclusiva dell’amministratore, come:

  • La tenuta dei libri obbligatori;
  • Redazione del bilancio d’esercizio;
  • Redazione della relazione sulla gestione;
  • Decisione sugli aumenti di capitale a pagamento;
  • Assolvimento di tutti gli adempimenti in materia di pubblicità con il registro delle imprese;
  • Predisposizione di operazioni straordinarie, quali: scissioni, fusioni, acquisizioni rami aziendali ecc.

L’amministratore unico può anche convocare l’assemblea e fissare gli ordini del giorno.

Autonomia degli amministratori

L’art. 2476 c.c. dispone che, i soci che non sono rivestano anche il ruolo di amministratori e non partecipano all’attività amministrativa possono chiedere agli amministratori informazioni circa lo svolgimento degli affari sociali e possono consultare anche i libri sociali ed i documenti inerenti al’amministrazione, nonché possono effettuare verifiche e ispezioni sulle scritture contabili, libri sociali, estratti conto, acquisizione di documenti.

I soci devono usare la buona fede, correttezza e riservatezza e non devono cedere a terzi informazioni di cui sono venuti a conoscenza nell’esercizio delle loro funzioni, diversamente saranno tenuti a risarcire la società.

Nomina dell’amministratore

L’atto costitutivo deve indicare i primi amministratori, può indicare il nome dei primi amministratori e il modo di nomina degli amministratori successivi, oppure può indicare il numero esatto degli amministratori o un numero minimo ed un massimo, lasciando la determinazione delle persone degli amministratori alla decisione dei soci.

In mancanza di indicazioni, il potere di amministrazione sia automaticamente conferito a tutti i soci.

Durante il decorso della società, gli amministratori sono nominati con una decisione dei soci, i quali possono decidere in assemblea o con la consultazione o con il consenso espresso per iscritto.

Deve sempre essere prestata attenzione all’atto costitutivo, il quale, può stabilire altre modalità di nomina.

L’accettazione della carica, da parte dell’amministratore non richiede forme particolari, può essere fatta espressamente, tacitamente o anche per atti o fatti concludenti.

Pubblicità della nomina

Deve, successivamente, essere data pubblicità alla nomina entro 30 giorni:

  • Dalla data dell’atto costitutivo, se la nomina e l’accettazione avvengono contestualmente alla costituzione della società;
  • Dalla notizia della loro nomina, se la nomina e l’accettazione avvengono durante la vita della società.

L’onere di pubblicità viene assolto predisponendo telematicamente:

  • Nel primo caso, oltre al modello S1 per la costituzione, un modello Int. P per ogni soggetto nominato;
  • Nel secondo caso, il modello S2 e un modello Int. P per ogni soggetto nominato.

Responsabilità civile degli amministratori

L’amministratore è responsabile verso i singoli soci, verso la società, verso i creditori sociali.

Nell’adempiere alle sue funzioni l’amministratore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia.

Responsabilità degli amministratori verso la società

Secondo quanto previsto dall’art.2476 c.c., gli amministratori sono responsabili nei confronti della società dei danni arrecati dall’inosservanza dei doveri indicati nell’atto costitutivo e dalla legge.

Sono esenti da colpa qualora dimostrino, che, durante il compimento dell’atto hanno manifestato il proprio dissenso.

Gli amministratori sono solidalmente responsabili, qualora pur essendo a conoscenza di fatti pregiudizievoli non hanno fatto tutto quanto potevano per impedirne il compimento o eliminarne o attenuarne le conseguenze dannose.

L’art. 2476 c.c. recita che:

Gli amministratori sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dall’inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge e dall’atto costitutivo per l’amministrazione della società. Tuttavia la responsabilità non si estende a quelli che dimostrino di essere esenti da colpa e, essendo a cognizione che l’atto si stava per compiere, abbiano fatto constare del proprio dissenso.
I soci che non partecipano all’amministrazione hanno diritto di avere dagli amministratori notizie sullo svolgimento degli affari sociali e di consultare, anche tramite professionisti di loro fiducia, i libri sociali ed i documenti relativi all’amministrazione.
L’azione di responsabilità contro gli amministratori è promossa da ciascun socio, il quale può altresì chiedere, in caso di gravi irregolarità nella gestione della società, che sia adottato provvedimento cautelare di revoca degli amministratori medesimi

Responsabilità degli amministratori verso i soci

I soci possono promuovere un’azione di responsabilità verso gli amministratori, in caso di compimento di gravi irregolarità, l’incarico può essere revocato.

Inoltre i soci e i terzi creditori hanno diritto di essere rimborsati dei danni causati da atti dolosi o colposi da parte degli amministratori.

Responsabilità degli amministratori verso i creditori sociali

Gli amministratori secondo quanto stabilito dall’art.2394 c.c. rispondono verso i creditori sociali quando non abbiano conservato l’integrità del patrimonio sociale e il patrimonio sociale non è sufficiente a soddisfare i loro crediti.

Dimissioni amministratore srl: come e quando un amministratore di una srl può dimettersi?

L’amministratore di una srl può dimettersi in qualunque momento.

Non ha vincoli temporali che ne impediscano le dimissioni, sia in caso di nomina a tempo determinato sia in caso di nomina a tempo indeterminato.

Tuttavia, è opportuno dare un congruo preavviso che consenta ai soci di sostituire e nominare un nuovo amministratore.

Le dimissioni di un amministratore srl devono essere rassegnate mediante una lettera di dimissioni, nella quale viene comunicato alla società la propria volontà di dimettersi, il termine dal quale la comunicazione è valida e fino a quando si rimarrà in carica, oltre alle proprie motivazioni.

La lettera di dimissioni non richiede particolari accorgimenti, può essere redatta in forma libera.

In presenza di un organo amministrativo composto da un consiglio di amministrazione, la lettera di dimissioni, andrà notificata al consiglio di amministrazione il quale potrà convocare l’assemblea dei soci.

Nel caso, invece, di dimissioni amministratore unico srl, l’amministratore uscente dovrà convocare l’assemblea dei soci, ponendo all’ordine del giorno le Dimissioni da Amministratore e la eventuale nomina di nuovo amministratore.

In tale sede verrà presentata ai soci la lettera raccomandata A/R inviata alla società nella quale si comunicano e si motivano le dimissioni, e verrà discussa dall’assemblea dei soci.

Il link di seguito per scaricare un fac simile di una lettera di dimissioni per un amministratore srl:

Efficacia dimissioni amministratore srl

L’efficacia delle dimissioni varia a seconda della tipologia di società ed al numero di amministratori:

  • In caso di più amministratori (3 o più), le dimissioni sono immediatamente efficaci poiché l’amministrazione della società viene effettuata dagli amministratori restanti che restano in carica;
  • In caso di amministratore unico, invece, le dimissioni non hanno immediata efficacia, a meno che non venga nominato contestualmente un nuovo amministratore.

L’amministratore uscente ha il compito, secondo il principio della buona fede, di restare in carica finché non sarà eletto un nuovo amministratore.

La modifica dovrà essere comunicata all’Agenzia delle Entrate, alla Camera di Commercio e a tutti gli enti presso cui l’amministratore era accreditato.

L’art. 2385 c.c. disciplina le dimissioni di un amministratore srl:

L’amministratore che rinunzia all’ufficio deve darne comunicazione scritta al consiglio d’amministrazione e al presidente del collegio sindacale. La rinunzia ha effetto immediato, se rimane in carica la maggioranza del consiglio di amministrazione, o, in caso contrario, dal momento in cui la maggioranza del consiglio si è ricostituita in seguito all’accettazione dei nuovi amministratori.
La cessazione degli amministratori per scadenza del termine ha effetto dal momento in cui il consiglio di amministrazione è stato ricostituito.
La cessazione degli amministratori dall’ufficio per qualsiasi causa deve essere iscritta entro trenta giorni nel registro delle imprese a cura del collegio sindacale

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here