La certificazione unica è uno strumento mediante il quale il sostituto di imposta provvede a comunicare i dati relativi ai redditi da lavoro dipendente, pensione e lavoro autonomo. La scadenza è fissata al 16 marzo 2022. Ma cosa accade nel caso di errore o trasmissione tardiva? Scopriamolo insieme.

La Certificazione Unica (CU) è una certificazione dei redditi da lavoro dipendente, da pensione, da lavoro autonomo o da redditi diversi corrisposti al contribuente nel periodo d’imposta relativo all’anno precedente a quello in cui viene presentata.

Questo strumento è stato introdotto per la prima volta con la modifica dell’art. 4 del D.P.R. 22.7.1998, n. 322, a partire dal 2015. La disciplina invero è stata riformata dal legislatore fiscale in Certificazione Unica. Esso, ad oggi, include, oltre ai redditi da lavoro dipendente e da pensione indicati nel vecchio CUD, anche i redditi da lavoro autonomo e i redditi diversi.

La certificazione deve essere correttamente inviata entro un termine annuale espressamente previsto. In particolare, per quest'anno dovrà essere effettuato l'invio entro il 16 marzo 2022. Tuttavia, può accadere che vi siano errori nell'invio. In caso di o...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteCos’è il Diritto d’abitazione? cosa c’è da sapere
Prossimo ArticoloPrestazioni occasionali e comunicazione preventiva per gli Enti non Profit
Avvocato "Laureatasi in Giurisprudenza con la votazione di 110 e Lode presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" e con approfondita conoscenza delle materie del Diritto Civile e del Diritto Amministrativo. Ha brillantemente concluso la pratica forense in diritto civile e il tirocinio ex art. 73 d.l. 69/2013 presso la Procura della Repubblica di Napoli Nord".