Le carte prepagate, note anche come carte prepagate ricaricabile oppure carte di credito ricaricabile o carte ricaricabile appartengono a una tipologia di carta di pagamento il cui credito non viene sottratto dal conto corrente bancario. La somma viene infatti decurtata dai fondi correnti che sono stati ricaricati alla carta stessa. Si tratta dunque di portafogli virtuale. Esistono dunque, diverse tipologie di carte prepagate. E ci si chiede, quindi se è possibile procedere al pignoramento di predette! In genere, possiamo affermare che non esistono carte di credito non pignorabili. Tuttavia, esiste una particolare tipologia di carte prepagate detta “usa e getta”, oggi in disuso, che sono sottratte al regime della pignorabilità. Per quanto riguarda le altre, soprattutto se collegate ad un conto, sono oggetto di esecuzione forzata.

In tal caso, troverà applicazione il regime del pignoramento del conto corrente, che è una fattispecie di pignoramento presso i terzi. Esso infatti non è un pignoramento della carta in quanto bene, ma della somma depositata sul conto corrente.

Le carte prepagate: cosa sono e come funzionano

Le carte prepagate, note anche come carte prepagate ricaricabile oppure carte di credito ricaricabile o carte ricaricabile appartengono a una tipologia di carte di pagamento il cui credito non viene sottratto dal conto corrente bancario. La somma viene infatti decurtata dai fondi correnti che sono stati ricaricati alla carta stessa. Si tratta di un portafogli virtuale.

Si distinguono invece dalla carta di credito, che è un documento che consente l’utilizzo di denaro depositato su un fondo acceso presso la banca. Essa è quindi collegata, di norma, a un conto corrente da cui attinge quando viene utilizzata. Salvo per le carte di credito con apertura di fido (come le carte revolving), le normali carte di credito utilizzano solo il denaro del titolare già depositato sul conto.

Tuttavia, le carte prepagate comunque utilizzano gli stessi circuiti di credito, come Visa Electron e MasterCard. Numerose sono le tipologie di carte prepagate. Le più note sono le seguenti:

  • Abbiamo le carte ricaricabili che non sono agganciate ad un conto corrente – si tratta di carte che non richiedono un canone, ma solo un costo di attivazione;
  • Vi sono le carte ricaricabili agganciate ad un conto corrente – spesso richiedono il costo di attivazione che un canone;
  • Spesso scelte sono le carte prepagate ricaricabili con funzioni di conto – sono carte legate ad un IBAN che permette di effettuare operazioni basilari. Questa carta di credito prepagata altro non è che un documento che attesta un deposito di denaro presso la banca, accantonato in uno speciale “fondo”. Il titolare, in questo caso, vanta un diritto di credito nei confronti della banca, pari alla somma depositata;
  • Carte prepagate usa e getta – note anche come carte prepagate non pignorabili.

Sono pignorabili le carte prepagate?

Come abbiamo visto nel paragrafo precedente esistono diverse tipologie di carte prepagate. Proprio per tale ragione che anche il regime del pignoramento tende a variare a seconda della fattispecie che viene in evidenza. Possiamo quindi operare alcune significative distinzioni.

Carte di credito ricaricabili

Abbiamo già definito cosa sono le carte di credito ricaricabili, che possono essere definite come una sottocategorie della prepagate, in quanto dotate di IBAN e collegate sostanzialmente ad un conto, nella maggior parte dei casi.

In questo caso, le carte di credito ricaricabili possono essere pignorate. Ovviamente in questo caso il creditore non andrà a pignorare la carta intesa come bene mobile, ma i soldi che ad essa afferiscono e che si trovano in banca. Si ricorda poi che in questo caso non c’è alcun bisogno che il creditore chieda alla banca se il debitore è titolare di carte di credito prepagate, affinché la relativa disponibilità venga bloccata. Questo è un effetto automatico che scaturisce già dalla notifica del generico atto di pignoramento presso terzi.

Nel caso di specie, infatti, si andrà ad applicare la disciplina del pignoramento del conto corrente che è una fattispecie di pignoramento presso terzi. Quest’ultima è una forma di espropriazione che incide su beni mobili in possesso di terzi, in questo specifico caso somme di denaro depositate in banca.

Dunque, ci sembra opportuno effettuare alcuni chiarimenti sull’esecuzione presso i terzi.

Le particolarità dell’espropriazione presso terzi è che ad essa partecipano:

  • il creditore procedente, come soggetto attivo processualmente e sostanzialmente;
  • il debitore, come soggetto passivo processualmente e sostanzialmente;
  • e il terzo, come soggetto solo ai fini processuali, in questo caso è la banca.

Il pignoramento nell’espropriazione presso i terzi presenta alcune peculiarità:

  • ha il duplice scopo di impedire al terzo di pagare, ovvero di consegnare la cosa al debitore esecutato e di accertare la sussistenza di quest’ultimo;
  • è atto scritto complesso che deve contenere una serie di elementi individuati all’art. 543 c.p.c.

Come individuare la banca destinataria

Sempre nell’ottica del pignoramento delle carte prepagate di credito, possiamo ora andare a risolvere altro annoso quesito. Cioè, come si individua la banca destinataria del pignoramento?

Invero, ad oggi è molto semplice reperire questa informazione. Infatti, ciascun creditore, dopo aver notificato l’atto di precetto al debitore, può farsi autorizzare dal presidente del tribunale ad accedere all’anagrafe tributaria, e segnatamente all’archivio dei rapporti finanziari, in uso all’Agenzia delle Entrate. In tal modo, sarà possibile conoscere il nome dell’istituto di credito ove il debitore ha il rapporto bancario. Dopodiché si provvederà a notificare l’atto di pignoramento presso predetta banca.

Carte prepagate non pignorabili

Esistono poi alcune tipologie di carte prepagate che non sono pignorabili. Tuttavia, queste carte non sono molto comuni, anche perché consentono di compromettere la tutela del creditore, quindi sono tendenzialmente cadute in disuso. Sono in genere carte prepagate “usa e getta” che vengono utilizzate fino a quando la somma a disposizione giunge ad esaurimento.

Esse non sono collegate ad alcun conto, quindi non sono dotate di IBAN, né tantomeno presuppongono un abbonamento. Tuttavia non possono essere utilizzate quando l’importo che è stato caricato sulla carta termina. Ciò che caratterizza questa tipologia di carta è che il denaro che è stato caricato può essere solo speso. Ciò significa che non potrai più prelevare il denaro, una volta che avrai proceduto alla ricarica.

Fino a che pochi anni fa queste carte potevano essere acquistate in tabaccheria o in qualsiasi ufficio postale, oggi invece è molto difficile acquistarle. Infatti, si è ritenuto preferibile sostituirle con le carte di credito ricaricabili, che sono nominali.

Le carte prepagate non pignorabili costano circa 5 euro. Hanno, inoltre, una semplice gestione, infatti, non essendo nominali, possono anche essere acquistate senza presentare i propri documenti di riconoscimento al momento dell’acquisto. Sul mercato vi sono anche delle carte prepagate anonime, che possono essere ritenute come delle vere e proprie carte di credito.

Come è evidente, questo strumento si presta a non pochi usi ambigui, che hanno indotto il legislatore ad incentivare il ricorso ad altri strumenti.

La carta N26 è pignorabile?

Il conto n26 è un conto corrente fruibile mediante un’app (disponibile per IOS 11 e superiori e Android 6.0 o superiori). Con esso è possibile aprire un canale con una banca tedesca (N26 Bank). Dunque, si tratta di un vero e proprio conto corrente, facilmente gestibile dal proprio smartphone. L’app consente di aprire il conto in appena 8 minuti con IBAN italiano e di ottenere una carta di debito MasterCard utilizzabile in tutto il mondo senza maggiorazioni sui tassi di cambio.

Quindi, dopo aver scaricato l’apposita app, sarà possibile utilizzare N26 collegando una carta di debito Mastercard, che viene richiesta alla banca e concessa ad un costo di 10 euro circa. Questa ha anche il supporto a pagamenti contactless e da smartphone e pagamenti gratis in qualsiasi valuta.

Tuttavia, queste carte prepagate sono pignorabili, in quanto considerate a tutti gli effetti collegato ad un conto corrente. Quindi rientra nella prima categoria che abbiamo considerato.

Articolo precedenteL’utilizzo di Marchi altrui nelle opere
Prossimo ArticoloStock option: disciplina fiscale per le imposte dirette
Avvocato "Laureatasi in Giurisprudenza con la votazione di 110 e Lode presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" e con approfondita conoscenza delle materie del Diritto Civile e del Diritto Amministrativo. Ha brillantemente concluso la pratica forense in diritto civile e il tirocinio ex art. 73 d.l. 69/2013 presso la Procura della Repubblica di Napoli Nord".

Lascia una Risposta