Anche per il 2021 viene confermato uno dei bonus per la casa che può rivelarsi utile per le spese da affrontare: il bonus condizionatori. Lo sconto può andare da 50% a 65% della spesa totale, su acquisti di condizionatori a pompa di calore.

Lo sconto di fatto prevede un’agevolazione fiscale, destinata a chi acquista un nuovo condizionatore o decide di sostituire quello vecchio. La spesa per i condizionatori può essere detratta fiscalmente sugli acquisti effettuati per tutto l’anno 2021, e varia in base alla tipologia di lavoro effettuata.

La detrazione anche in questo caso segue principi di risparmio energetico, secondo le ultime misure del governo, applicate e spiegate dall’Agenzia delle Entrate. Ricordiamo che per il 2021 lo stato ha previsto grosse agevolazioni per tutta una serie di lavori edili, tra cui la ristrutturazione degli immobili.


Detrazioni fiscali per l’acquisto di condizionatori: le cifre

Abbiamo visto che la percentuale di detrazioni fiscali applicabili è variabile in base al tipo di lavoro che si applica:

  • Agevolazione del 50% sull’acquisto di un condizionatore per ristrutturazione di tipo ordinario;
  • Agevolazione del 50% sull’acquisto di un climatizzatore per una ristrutturazione straordinaria con almeno classe energetica A+;
  • Agevolazione del 65% sull’acquisto di un nuovo condizionatore a pompa di calore ad alta efficienza energetica che va a sostituzione di un condizionatore vecchio, con classe energetica inferiore.

Un fattore interessante riguarda chi può accedere a questo tipo di bonus fiscale. Di fatto, tutti gli interventi agevolati dei nuovi bonus seguono in linea generale interventi di ristrutturazione definiti come “trainanti”. Questo significa che, per accedere a determinati sconti sulla tassazione, è necessario svolgere sulla propria abitazione, immobile o condominio, determinati tipi di lavori.

Per quanto riguarda il bonus condizionatori 2021, è possibile accedere alle detrazioni che abbiamo visto, senza avvalersi di altri lavori di ristrutturazione in concomitanza. Ristrutturare l’abitazione non è condizione strettamente necessaria per richiedere questo tipo di bonus. Le detrazioni andranno a scalare di fatto sulla tassazione IRPEF.

IRPEF e bonus condizionatori: i dettagli

Gli sconti fiscali del 50% o del 65% vengono applicati sulla tassa sul reddito, l’IRPEF. Basta presentare la propria situazione reddituale a professionisti dedicati o al portale ufficiale dell’Agenzia delle Entrate per poter beneficiare di questo particolare bonus.

Ricordiamo che questo bonus è applicabile sia su sostituzioni di condizionatori che sulle nuove installazioni.

Per poter beneficiare di questo bonus, è necessario tenere traccia dei pagamenti effettuati a questo proposito, utilizzando metodi di pagamento elettronici o tracciabili. E’ anche consentito il pagamento tramite finanziamento.
Rientrano in questo tipo di pagamenti: i bonifici, i pagamenti con bancomat e con sistemi elettronici.

Il bonus può essere richiesto solo da determinati soggetti, che detengono diritti sull’immobile di riferimento:

  • • Dai proprietari dell’immobile;
  • • Da persone fisiche o società proprietarie di immobili, associazioni;
  • • Enti pubblici o privati che sono titolari dell’immobile, cooperative;
  • • Persone titolari di diritti sull’immobile;
  • • Persone che pagano le spese sull’immobile (come i locatari, conviventi, coniugi separati);

Di fatto, chi detiene un diritto sull’immobile e fisicamente compie la transazione relativa al pagamento per il nuovo condizionatore o a sostituzione di quello vecchio, può accedere al bonus condizionatori.

Nel pagamento, devono essere presenti in chiaro i dati di chi effettua la spesa, la causale e il destinatario.

Bonus condizionatori e riqualificazione energetica

L’obiettivo principale dei bonus presenti in materia ristrutturazione, come il bonus condizionatori e il bonus infissi, è quello di attuare una riqualificazione energetica complessiva. I lavori in questa direzione ottengono particolari sconti fiscali perché consentono di risparmiare complessivamente nei consumi.

Risparmiare sui consumi ha un vantaggio sia economico che di sostenibilità ambientale, e permette di ottenere sgravi sulle spese sul lungo periodo. L’Agenzia delle Entrate ha comunicato sul portale ufficiale quali sono i lavori che rientrano nella riqualificazione energetica, da svolgere presso la propria abitazione, immobile o condominio.

Nella maggior parte dei casi la detrazione è del 50%, ma può arrivare fino al 65%, come abbiamo visto prima. Questi sono i principali tipi di lavori che rientrano nel programma generale di riqualificazione energetica:

  • • Riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • • Miglioramento termico complessivo dell’edificio (tramite coibentazioni, pavimenti, infissi);
  • • Installazione dei pannelli solari;
  • • Sostituzione impianti di climatizzazione invernale.

La detrazione fiscale si ottiene anche attraverso altri tipi di lavori, come l’acquisto di schermature solari, impianti di climatizzazione, dispositivi multimediali per la domotica, ecc…

Cessione crediti per lavori di ristrutturazione

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente comunicato istruzioni su come funziona la nuova piattaforma online per la cessione dei crediti, da utilizzare anche nel caso di lavori di ristrutturazione.

Secondo le istruzioni, il soggetto che chiede di usufruire di specifiche agevolazioni, come quella del bonus condizionatori, ottiene dei crediti, che può riscuotere o cedere a terzi. Oltre allo sconto immediato, si può scegliere quindi di cedere il credito accumulato ad un altro soggetto.

Per farlo, esiste la nuova piattaforma online dell’Agenzia delle Entrate che permette di tenere traccia dei movimenti, e di cedere il credito.

La cessione del credito può avvenire anche verso la società che ha svolto i lavori di ristrutturazione, sempre tramite pagamenti tracciabili. Procedere nella tracciabilità dei pagamenti è una misura voluta dal governo per la lotta all’evasione fiscale, e viene incentivata anche con gli attuali bonus per la casa.

Articolo precedenteModello 730/2021 senza sostituto d’imposta
Prossimo ArticoloIRAP non versata: proroga versamento al 30 settembre
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura e ne ho fatto un lavoro. Autrice indipendente. Ho collaborato con agenzie web e svolto diverse attività di volontariato: durante gli anni di studio rappresentavo un’associazione studentesca impegnata ad organizzare eventi culturali nel mondo della comunicazione. Nel 2019 ho viaggiato all’estero, partecipando come volontaria ai lavori per il Global Platform for Disaster Risk Reduction presso l’ONU di Ginevra (Svizzera)."

5 COMMENTI

  1. Salve, sono un installatore e ho grande difficoltà nel capire qual tipologia di intervento inserire nella comunicazione nel cassetto fiscale in merito alla fornitura o sostituzione di condizionatori.
    Nell’elenco che mettono a disposizione non vengono mai menzionati, come ci si deve comportare? Il numero 2 potrebbe essere quello giusto ma rientra nel super bonus…
    Potete aiutarmi?

  2. Buonasera
    ho sostituito il vecchio impianto di climatizzazione (2004) con un nuovo impianto TRIAL 8 KW – A+++ – EER 3,90 – COP 4,40. Chiedo di conoscere la procedura per l’accesso alla detrazione fiscale 65% (procedura telematica con ENEA/AGENZIA DELL’ENTRATE – documentazione da allegare).
    Si ringrazia per una risposta professionale e iter corretto

  3. Per Il Signor Franco …
    Dovrai farti rilasciare da chi ti ha venduto/montato la certificazione della casa costruttrice che attesti le caratteristiche da te descritte ,copia del libretto impianto , registrazione f gas e copia della conformità. Poi dovrai registrarti al sito Enea creando un profilo come utente privato … e non come intermediario (cioè per conto di terzi) .
    Creato il profilo accedi alla sezione risparmio energetico 65% e compili le domande … dati catastali caratteristiche ecc. … in alternativa de non ci riesce si rivolge a un geometra/temrotecnico/commercialista . Con un 100 di € fanno la pratica e detrae anche quella spesa . Spero di essere stata utile . Ah! Non da meno devi aver eseguito il bonifico per detrazione fiscale risparmio energetico

  4. Buongiorno,
    sono in procinto di sostituire l’impianto di climatizzazione della mia abitazione privata (villetta a schiera).
    Ho richiesto alla mia banca la possibilità di fare la cessione del credito, in quanto l’installatore a cui mi sono rivolto non intende fare lo sconto diretto in fattura e richiedere lui la cessione del credito.
    La cessione del credito dovrebbe essere relativa al 50% del costo dell’intervento.
    Ora la società a cui si appoggia la banca per questa pratica mi ha inviato un lista di 32 documenti per la cessione del credito d’imposta, però credo di capire che non tutti siano relativi all’intervento di mio interesse ma anche per superbonus 110, ristrutturazione, ecc..
    Vorrei sapere per favore quali sono i soli documenti che servono per la cessione del credito per la sostituzione del clima (sia quelli di pertinenza dell’installatore sia quelli che dovrei avere io).
    Ringrazio in anticipo per la disponibilità.
    Cordiali saluti.

  5. Salve, volendo installare ex novo un impianto di climatizzazione, quindi non sostituire uno obsoleto, oppure non in corso di ristrutturazione ordinaria o straordinaria, è ugualmente possibile portare in detrazione il 50% della spesa in dieci anni?

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here