In una società fortemente digitalizzata come la nostra, dove si assiste ormai ad un utilizzo capillare di internet e dei sistemi informatici in genere, uno degli aspetti che trova una nuova collocazione, nonché un nuovo spazio ed interpretazione è sicuramente quello relativo al diritto d’autore in relazione alla tutela delle opere fotografiche e delle “semplici” fotografie, immagini.

Prima di addentrarsi in un’analisi strutturata sul tema occorre innanzitutto operare una distinzione però tra quello che si intende per fotografia ed opera fotografica, questo perché la legge sul diritto d’autore, a seconda che ci si trovi di fronte ad una realtà piuttosto che ad un’altra, stabilisce una diversa garanzia e tutela.

La differenza tra opera fotografica, “semplice” fotografia e la normativa in materia

Per l’autore della fotografia è previsto un diverso grado di tutela a seconda che si tratti di una semplice fotografia, ovvero di un’opera fotografica in senso tecnico, avente connotati di originalità e creatività della rappresentazione.

La legge sul diritto d’autore (la n. 633 del 1941) inizialmente non contemplava al proprio interno la fotografia come opera dell’ingegno. Prima...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteSubentro in una locazione: come si realizza?
Prossimo ArticoloDetrazioni per redditi da lavoro dipendente e assimilati 2022
Laurea in diritto internazionale penale “I gender crimes nel diritto penale internazionale“ Iscritta all'Ordine degli Avvocati di Pistoia. Nel 2021 partecipa al Corso di Alta Formazione in Fashion Law presso l'Università Cattolica di Milano. Mi occupo di aspetti legali su proprietà intellettuale, marchi, brevetti, fashionlaw e diritto informatico.