Quando si parla di marchio normalmente ci riferiamo ad un marchio individuale, cioè a quello che identifica un brand o i prodotti/servizi allo stesso collegati. Attraverso di esso un bene riesce a “fidelizzare” il consumatore circa la presenza di determinate caratteristiche da lui stesso ricercate.  Quando si sceglie un brand infatti è perché ci fidiamo dello standard qualitativo che questo può offrirci. 

In maniera più generica possiamo quindi spingerci a dire che il marchio (di un determinato prodotto o servizio) rappresenta uno stretto collegamento che un certo sentimento di fiducia nascente nel consumatore.

Il marchio collettivo invece ha lo scopo di identificare una tipologia di prodotti con determinate caratteristiche: quello che conta in questa tipologia di marchio è essenzialmente e principalmente la caratteristica o le caratteristiche del prodotto stesso, come per esempio la sua composizione e/o la provenienza. 

Il Marchio individuale e quello collettivo hanno quindi funzioni diverse tra loro.

Nel presente articolo daremo una definizione di marchio collettivo ed esamineremo gli aspetti più importanti ad esso concernenti.

Defini...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteSuccessione degli eredi nel contratto di mutuo: cosa c’è da sapere?
Prossimo ArticoloDismissione cassetto previdenziale INPS
Laurea in diritto internazionale penale “I gender crimes nel diritto penale internazionale“ Iscritta all'Ordine degli Avvocati di Pistoia. Nel 2021 partecipa al Corso di Alta Formazione in Fashion Law presso l'Università Cattolica di Milano. Mi occupo di aspetti legali su proprietà intellettuale, marchi, brevetti, fashionlaw e diritto informatico.