Il mondo dell’e-commerce continua ad essere in continua crescita, ed uno dei principali mercati di riferimento è sicuramente quello degli Stati Uniti. Tuttavia, poiché gli Stati Uniti hanno uno dei regimi fiscali più complicati del mondo, è fondamentale che le aziende rafforzino le proprie strategie per valutare la corretta applicazione della Salex Tax (la nostra IVA) per garantire la conformità e sfruttare le opportunità di vendita. L’attività di pianificazione fiscale, come vedremo, riguarda sia la modalità di insediamento, per un’impresa italiana negli Stati Uniti, ma anche le diverse modalità di applicazione dell’imposta generale sulle vendite che, come vedremo, presenta peculiarità diverse per ciascuno degli Stati USA. Per questo motivo è di fondamentale importanza essere affiancati da professionisti esperti e preparati sull’argomento.

Quali sono le principali forme giuridiche utilizzate dalle imprese per fare e-commerce negli Stati Uniti?

Prima di passare all’analisi dell’applicazione della Sales Tax USA è importante partire da un presupposto importante. Se stai pensando con il tuo e-commerce di rivolgerti al mercato USA hai sicuramente bisogno di avviare un processo di internazionalizzazione della tua società negli USA. Non intendo trattare l’argomento in dettaglio avendolo già fatto in altri contributi (“Aprire una società negli stati uniti? normativa e consigli“). Quello che posso dirti, schematicamente, è che le forme giuridiche più utilizzate per insediarsi negli USA sono due:

  • La LLC (Limited Liability Company) – questa viene tassata negli USA per “trasparenza” direttamente sul socio, con attribuzione del reddito alla controllante estera, che dovrà identificarsi negli USA ai fini fiscali ed assolvere al pagamento delle imposte. Per questo motivo, la LLC non è uno strumenti tipicamente utilizzato se controllato da società non residenti negli USA;
  • La Corporation – rappresenta, invece, la forma giuridica di insediamento più diffusa per le società estere che vogliono operare negli USA. La Corporation, infatti, come autonomo soggetto giuridico di imposta viene tassata direttamente negli USA, e non ci sono riflessi fiscali per la sua controllante estera fino a quando non vengono distribuiti dividendi. Tieni presente che la tassazione federale è del 20%, poi vi sono tassazioni statali ed in alcuni casi anche comunali.

Per i redditi transfrontalieri è possibile applicare le disposizioni contenute nella Convenzione contro le doppie imposizioni siglata tra Italia e Stati Uniti.

Il messaggio che voglio lasciarti è quello legato al fatto che la scelta della modalità di insediamento negli USA, anche per un e-commerce, deve essere attentamente pianificata, in quanto comporta riflessi fiscali importanti. Ci sono almeno due normative che devi assolutamente rispettare e che riguardano la normativa fiscale italiana connessa alla costituzione di società all’estero. Una soluzione valida e conveniente standardizzata non esiste, ogni soluzione deve essere analizzata nel dettaglio con esperti del settore (al termine dell’articolo puoi trovare il link per metterti in contatto con noi).

Vendita online negli USA con piattaforme di vendita

Per i soggetti italiani che intendono iniziare un’attività di vendita online negli USA può essere utile avvalersi dell’intermediazione di una piattaforma di commercio elettronico appositamente attrezzata ad effettuare le vendite. Il caso più diffuso è sicuramente quello legato ai servizi di Amazon. Infatti, l’apertura di un “negozio virtuale” su Amazon può riguardare sia il commercio elettronico diretto che quello indiretto. In questo modo, opzionalmente, è possibile usufruire della gestione logistica che dei sistemi di pagamento offerti da Amazon (Fulfillment by Amazon).

Per l’apertura Amazon richiede l’identificazione ai fini fiscali negli USA e quindi il possesso di un EIN (Employee Identification Number), nonché di un indirizzo fisico (registered address) e di un recapito telefonico negli USA. Per questo è sicuramente necessaria la costituzione di una società di diritto USA, che effettuerà tutti gli adempimenti richiesti per l’esercizio dell’attività. Per questo l’attività di pianificazione fiscale vista sopra è di fondamentale importanza. Tieni presente che la società deve poi attivarsi per l’apertura di un conto corrente presso una banca USA per la gestione dei flussi di incassi e pagamenti (di fonte USA).

Sales Tax USA: obblighi di identificazione e registrazione

L’applicazione dell’imposta sulle vendite di prodotti negli Stati Uniti è sicuramente complessa. Infatti, devi sapere che non esiste per questa imposta un sistema fiscale standardizzato negli Stati Uniti: ogni Stato stabilisce le proprie regole di applicazione e spesso utilizzando anche approcci molto diversi. Questo significa, quindi, che ogni Stato ha un regime di applicazione dell’imposta diverso, con normative diverse che vanno dalla responsabilità, alle aliquote, alle esenzioni ed agli obblighi di rendicontazione periodica. Tutto questo rende l’applicazione di questa imposta complessa e da pianificare con attenzione.

Il nexus approach per la Sales Tax

Ogni Stato americano ha un proprio regolamento specifico per l’applicazione della Sales Tax. Periodicamente, ogni Stato pubblica delle linee guida per aiutare a capire se una società presenta una connessione (Nexus), che può essere economica o fisica, con lo Stato per l’applicazione della Sales Tax sul prezzo di vendita del bene al consumatore finale. La causa principale di applicazione dell’imposta sulle vendite degli Stati Uniti è il principio del nesso (Nexus), in altre parole, il requisito che esista una connessione qualificata tra lo stato che esercita il suo potere fiscale e il soggetto passivo. Mentre storicamente questo si basava su aziende che avevano un nesso fisico, quando si tratta di vendite digitali il termine è stato interpretato in modi diversi dai singoli stati. Sempre più spesso, in risposta alla crescita dell’e-commerce e al calo delle entrate fiscali derivanti da attività fisiche, gli stati stanno anche implementando regole di individuazione del Nexus economico, direttamente correlate al livello di attività di vendita ai clienti all’interno dello stato. 

Senza gli strumenti giusti in atto, i venditori online possono trovarsi di fronte ad un sistema complesso con diversi obblighi fiscali per ciascuno dei 50 stati USA. Per aiutare a mitigare il rischio di non conformità e alleviare l’onere per eventuali inadempienza è opportuno, anche in questo caso, pianificare in anticipo anche questi aspetti. Per questo è importante che i professionisti comprendano alcune considerazioni chiave sul processo di determinazione dell’imposta sulle vendite USA.

Applicazione della Sales Tax:
Tieni presente che le disposizioni sulla Sales Tax si applicano solo sulle vendite B2C (“Business to Consumer“) ed “in State“. Le vendite B2C sono le vendite che un’impresa commerciale effettua nei confronti dei consumatori finali, mentre le vendite “in State” riguardano le vendite i cui prodotti vengono consegnati nello stesso Stato in cui il fornitore ha insediato la sua attività commerciale.

Requisito della presenza fisica ed economica (Nexus) per l’applicazione della Sales Tax

L’individuazione del Nexus consente di individuare in quale giurisdizione USA un’impresa è tenuta a pagare la Sales Tax sui prodotti venduti. Solitamente i criteri per identificare il nesso sono quello fisico e quello economico. Ricorda che determinare se hai un nesso in uno stato e se questo nesso è fisico, economico o entrambi, dovrebbe essere la tua prima considerazione da fare nella tua attività di pianificazione negli USA

Non esiste una definizione specifica condivisa di nesso tra i 50 stati. Inoltre, le definizioni e le regole per determinare il nesso cambiano costantemente e la maggior parte degli stati è attenta a darsi spazio di manovra nelle proprie definizioni. Ciò significa che un’azienda deve considerare ogni stato individualmente quando determina il nesso di imposta sulle vendite e deve rimanere costantemente al passo con una serie di normative e interpretazioni in evoluzione.

Nesso fisico

Generalmente il nesso fisico riguarda il luogo dove viene incorporata la società e gli Stati dove l’azienda ha deciso di effettuare operazioni commerciali. A titolo esemplificativo possiamo dire che verificano il nesso fisico:

  • La presenza di un ufficio;
  • La presenza di dipendenti;
  • La presenza di un magazzino;
  • La consegna dei prodotti in loco.

Questo tipo di nesso, solitamente, non riguarda le imprese di e-commerce, ma occorre comunque prestarvi attenzione.

Nesso economico

Accanto al nesso fisico vi sono le definizioni che riguardano il nesso economico. Sempre più stati USA stanno aggiornando la loro regolamentazione in tema di Nexus dando importanza a limiti di vendita, oppure attività tipiche del mondo online come il download di cookie sul computer di un cliente o persino il pagamento di persone per aiutarti a stabilire e mantenere un mercato in uno stato (puoi avere Nexus in uno stato, senza avere un ufficio lì). È importante comprendere le regole specifiche dello stato sul valore dei ricavi delle vendite, sulle soglie e sui periodi di calendario, poiché alcuni stati hanno definizioni rigorose di ciò che conta come nesso fisico mentre altri no. In altri casi la presenza di specifici incoterms può essere determinante per la verifica del Nexsus.

Con il nesso economico ci sono solo due aspetti utilizzati per valutare questo: il valore dei ricavi di vendita e il numero di transazioni (incluso il rinnovo degli abbonamenti). Alcuni stati usano solo una di queste misure mentre altri usano entrambe. Poiché non c’è coerenza tra gli stati sul livello delle entrate o sul numero di transazioni utilizzate per determinare il nesso economico, le aziende devono assicurarsi di monitorare costantemente le vendite stato per stato. 

Il nesso economico è stato una questione centrale nel caso della Corte Suprema degli Stati Uniti, South Dakota v. Wayfair . Il 21 giugno 2018, la Corte Suprema degli Stati Uniti si è pronunciata a favore del South Dakota e ha annullato la tradizionale regola della presenza fisica come requisito necessario per imporre l’imposta sulle vendite e i requisiti di riscossione a un rivenditore remoto. Questa è stata la prima decisione della Corte Suprema su Nexus dal 1992. Gli Stati ora hanno il diritto di richiedere la riscossione delle tasse da rivenditori online e altri rivenditori remoti senza presenza fisica nel loro stato se soddisfano determinate soglie economiche. Il principale nesso economico previsto dai vari stati riguarda le vendite effettuate. Infatti, “Any seller which does not have a physical presence in this state shall remit sales or use tax, if the seller meets either: 1. Gross sales from the sale of taxable items delivered in this state exceed $100,000; or 2. The seller sold taxable items for delivery in this state in 200 or more separate transactions”.

Cosa succede se non c’è nessun nesso?

Generalmente se l’azienda che gestisci non presenta nessun Nexus in uno Stato, non è tenuta a versare la Sales Tax. Ricorda che è sufficiente verificare, alternativamente, il nesso fisico o economico per essere assoggettati all’imposta sulle vendite. E’ consigliabile valutare con esperti la mancata presenza del nesso di vendita.

Quale aliquota di Sales Tax dovrebbe essere applicata ai prodotti?

L’applicazione della Sales Tax avviene a livello di prodotto e riguarda la classificazione di prodotti e servizi simili per garantire l’applicazione dell’aliquota fiscale corretta. Le singole giurisdizioni fiscali possono scegliere di escludere determinati tipi di beni dall’imposta o di fornire un’aliquota ridotta a seconda dell’articolo venduto. Tuttavia, questo non è semplice. La crescita digitale ha portato gli stati a definire le nuove tecnologie nei loro quadri normativi. Il che significa che le definizioni possono anche essere piuttosto vaghe. Questa complessità può essere ulteriormente estesa poiché le giurisdizioni fiscali locali possono anche applicare regole diverse che rendono difficile capire se un prodotto o servizio è responsabile o meno.

Tabella riepilogo: aliquote della Sales Tax USA

StateState RateRange of Local RatesLocal Rates Apply to Use Tax
Alabama4.000%0% – 9.0% Yes/No  
Alaska0.000%0% – 7.85% Yes/No 
Arizona5.600%0 – 7.30% Yes/No 
Arkansas6.500%0% – 6.125% Yes
California7.250% 0% – 3.25%Yes
Colorado2.900% 0% – 8.3% Yes/No 
Connecticut6.350% 0% -1% N/A
Delaware0.000% 0%N/A
District of Columbia6.000%0%N/A
Florida6.000% 0% – 2.5% Yes
Georgia4.000% 1% – 5%Yes
Hawaii4.000% 0% – 0.5% N/A
Idaho6.000%0% – 3% No
Illinois6.250% 0% – 5.25% Yes/No 
Indiana7.000%0%N/A
Iowa6.000% 0% – 2% No 
Kansas6.500% 0% – 5.1% Yes
Kentucky6.000%0%N/A
Louisiana4.450% 0% – 8.5% Yes
Maine5.500% 0%N/A
Maryland6.000%0%N/A
Massachusetts6.250%0%N/A
Michigan6.000% 0%N/A
Minnesota6.875% 0% – 2% Yes
Mississippi7.000% 0% – 1% No
Missouri4.225%0.5% – 7.763%Yes/No 
Montana0.000%0%N/A
Nebraska5.50%0% – 2.5% Yes
Nevada6.85% 0% – 1.525% Yes
New Hampshire0.000%0%N/A
New Jersey6.625%0%N/A
New Mexico5.125%0.125% – 7.75%No
New York4.000%0% – 5% Yes
North Carolina4.750% 2% – 3%Yes
North Dakota5.000% 0% – 3% Yes
Ohio5.750%0 – 2.25% Yes
Oklahoma4.500%0% – 7% Yes/No 
Oregon0.000%0%N/A
Pennsylvania6.000%0% – 2% No
Puerto Rico11.500% 0%Yes
Rhode Island7.000%0%N/A
South Carolina6.000% 0% – 3% Yes
South Dakota4.500% 0% – 8% Yes
Tennessee7.000% 1.5% – 2.75% Yes
Texas6.250%0% – 2% 
1.75%  local rate for remote sellers
Yes
Utah4.850% 1% – 7.5%Yes
Vermont6.000% 0% – 1% No
Virginia4.300% 1% – 2.7%Yes
Washington6.500%0.5% – 4.0%Yes
West Virginia6.000%0% – 1% Yes
Wisconsin5.000%0% – 1.75% Yes/No 
Wyoming4.000% 0% – 4% Yes
Fonte: salestax institute

Sales Tax USA: conclusioni e consulenza pianificazione fiscale

In questo articolo ho cercato di riassumere, schematicamente, alcune informazioni importanti che riguardano le problematiche di pianificazione fiscale per gli e-commerce che intendono operare negli USA e le problematiche connesse alla Sales Tax (ed all’identificazione del Nexus). Si tratta di attività che richiedono, necessariamente, un’attenta analisi ed attività di pianificazione prima di iniziare ad effettuare vendite negli USA.

In questi termini possiamo aiutarti a valutare, l’attività di pianificazione fiscale se sei un imprenditore italiano che vuole operare negli Stati Uniti. Se sei interessato a parlare con lo studio legale e fiscale internazionale Tech Legal Partners PLLC con sede a New York, puoi prenotare una consulenza. Al termine dell’articolo trovi il modulo di contatto da compilare. Tech Legal Partners offre pacchetti all-inclusive per iniziare la tua attività negli Stati Uniti con un team esperto di consulenti legali e fiscali che ti supporterà nella crescita. Inoltre, lo studio potrà metterti in contatto con esperti USA di Sales Tax per pianificare anche questo aspetto.

Se sei interessato ad una consulenza su questi aspetti, segui il link sottostante per metterti direttamente in contatto con noi.

Sales Tax USA: FAQ

Il venditore riscuote le tasse per lo Stato in cui si trova o per lo Stato in cui si trova il cliente?

Ai fini dell’imposta sulle vendite, lo stato che ha il diritto di tassare la vendita è lo stato in cui avviene la consegna. 
Il venditore dovrebbe riscuotere l’imposta per lo stato in cui l’immobile viene consegnato al cliente.

Come funzionano le spedizioni in drophipping ai fini dell’imposta sulle vendite?

Una spedizione drop è una transazione in cui un venditore accetta un ordine da un cliente, quindi effettua l’ordine con un fornitore di terze parti, in genere un produttore o un distributore all’ingrosso, e indirizza il produttore a spedire la merce direttamente al cliente. 
Il produttore/fornitore fattura al rivenditore il prezzo all’ingrosso e il rivenditore quindi fattura al cliente il prezzo al dettaglio. 
Le regole dello stato che devono essere seguite e la tassa che si applica è lo stato in cui le merci vengono consegnate al cliente, quindi la nave allo stato. Per le spedizioni drop quando il rivenditore non ha il Nexus  nello stato di consegna e quindi non è registrato per riscuotere l’imposta sulle vendite nello stato di consegna, la maggior parte (ma non tutti gli stati) consente al produttore che ha il Nexus nello stato di consegna di accettare documentazione alternativa per comprovare un vendita per rivendita al rivenditore. 
In caso contrario, il produttore/fornitore sarebbe tenuto a riscuotere l’imposta sulla sua vendita al rivenditore anche se si tratta in realtà di una vendita per la rivendita.  Ricorda, le vendite esenti sono esenti solo se viene presentata la documentazione corretta.

Se non hai Nexus e non addebiti l’imposta sulle vendite, sei responsabile se il cliente non paga l’imposta?

Se sei un rivenditore e non hai stabilito il nesso in uno stato, non sei tenuto a riscuotere e versare l’imposta sulle vendite in quello stato. Se il rivenditore non riscuote l’imposta sulle vendite, l’acquirente ha l’obbligo di pagare l’imposta sull’uso direttamente allo stato in cui viene utilizzato il bene purché l’oggetto sia tassabile. È responsabilità dell’acquirente accumulare e versare l’imposta sull’uso dovuta all’acquisto. Tuttavia, se un rivenditore riscuote l’imposta sulle vendite in uno stato in cui non è registrato per farlo, ciò costituisce un’attività illegale

Quali Stati impongono la Sales Tax? e tra quelli che la prevedono qual è lo Stato con aliquota più bassa?

L’imposta sulle vendite più bassa negli Stati Uniti sarebbe tecnicamente nei cinque stati senza tasse generali sulle vendite. 
I cinque stati senza imposta generale sulle vendite sono: Alaska, Delaware, Montana, New Hampshire e Oregon. 
Tuttavia, l’Alaska consente le tasse locali sulle vendite. Il Delaware impone una tassa di noleggio e servizio. La maggior parte di questi stati impone anche accise, pasti o tasse di alloggio diverse anche se non impongono una tassa generale sulla vendita e sull’uso. 
Il New Hampshire impone una tassa (affitto) per pasti e camere.  Il Montana impone tasse sull’uso degli alloggi e sulle vendite, tasse varie sulle telecomunicazioni e una tassa sul licenziamento sulla produzione di petrolio e gas.  L’Oregon impone una tassa sull’alloggio e una tassa sul licenziamento sulla raccolta del legname.
Senza contare i cinque stati senza imposte generali sulle vendite, l’imposta sulle vendite più bassa negli Stati Uniti è il Colorado, che ha un’aliquota dell’imposta statale sulle vendite del 2,9%.

Articolo precedenteBolletta doganale nell’importazione di beni
Prossimo ArticoloSaldo IVA entro il 16 marzo: guida al versamento
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.

Lascia una Risposta