Royalty su marchi e pianificazione fiscale
Royalty su marchi e pianificazione fiscale

E’ possibile sfruttare i marchi d’impresa in ottica di pianificazione fiscale? Il percepimento a titolo personale di royalty su marchi può essere uno strumento di tax planning. Il tutto a patto di rispettare alcuni requisiti per evitare problematiche di elusione fiscale.

Quando si parla di pianificazione fiscale non è possibile sottovalutare l’importanza legata allo sfruttamento dei beni immateriali (come marchi, brevetti, invenzioni industriali, etc). Inutile nascondersi, tutte le grandi imprese utilizzano questi elementi per il proprio tax planning. Per farti un esempio concreto, ne ho già parlato in questo articolo: “IKEA: strategie di Tax Planning“, ove analizzato le strategie di tax planning della multinazionale “Svedese” che porta il marchio IKEA.

Senza entrare nei dettagli, il marchio è di proprietà di una società lussemburghese. Tutti i negozi a marchio IKEA sul territorio italiano ogni anno devono pagare canoni a questa Holding lussemburghese. Gli importi che le società italiane pagano a titolo di royalty su marchi sono dei costi deducibili. Volendo semplificare si tratta di importi per i quali la società italiana risparmia il 24% di IRES. In pratica ogni 100K euro di utili trasferiti a titolo di royalties sul marchio hai risparmiato € 24.000 di imposte. Il tutto all’interno dello stesso gruppo multinazionale. Naturalmente, questa procedura porta la multinazionale a sfruttare delle norme interne del Lussemburgo che le permettono di pagare un importo infinitesimale di imposte.

Se sfruttata nel modo corretto la corresponsione di royalty su marchi può portare ad una ottimizzazione del carico fiscale di qualsiasi impresa. Questa ottimizzazione passa attraverso anche il trattamento di vantaggio che in Italia hanno le royalty sul diritto di autore o comunque sullo sfruttamento economico degli “intangibles” d’impresa, come marchi e brevetti industriali.

Il tema che voglio trattare in questo articolo è molto attuale, ed ogni anno riceviamo moltissime richieste di consulenza sull’argomento. Anche online si trovano tantissimi articoli esplicativi sull’argomento, che sembra diventato come uno degli strumenti in grado di ridurre il carico fiscale di ogni PMI italiana. Tutto questo è frutto, spesso, di informazioni fornite in modo non corretto, o peggio ancora fornite con considerazioni solo parziali. Tutto questo fermento sull’argomento ha portato confusione ma soprattutto ha portato a sottovalutare i rischi che si corrono se la procedura legata allo sfruttamento dei beni immateriali d’impresa non viene attuata nel modo corretto.

Per questo motivo ho decido di trattare in questo articolo i vantaggi che si possono ottenere sfruttando nel modo corretto i marchi in ambito aziendale, guardando anche agli errori da non commettere. Infatti, come vedrai questa strategia è utile solo a determinate condizioni. Altrimenti, potresti incorrere in non piacevoli problematiche fiscali.

Royalty su marchi e pianificazione fiscale
Royalty su marchi e pianificazione fiscale

Quali sono i vantaggi legati alla registrazione di un marchio d’impresa?

Le imprese che operano con un brand e che vogliono sfruttarlo economicamente passano attraverso la registrazione del marchio, che può portare numerosi vantaggi, sia per la tutela che per lo sfruttamento del brand. In particolare, registrare un marchio d’impresa può portare:

  • Il diritto esclusivo di utilizzare il marchio registrato, evitando che altri possano farlo al posto tuo;
  • Possibilità di tutelarsi, anche per vie legali, nei confronti di terzi che utilizzino impropriamente tale marchio;
  • Possibilità di sfruttare economicamente il marchio attraverso la concessione in uso a terzi.

La motivazione principale che spinge un’impresa verso la registrazione di un marchio è la sua tutela nei confronti della concorrenza e per poter disporre di quel marchio sul mercato, anche attraverso la concessione in uso del marchio a soggetti terzi. Per ottenere questi vantaggi è necessario procedere alla registrazione del marchio, che può essere effettuata sia a livello nazionale che internazionale (europeo o mondiale). Si tratta di procedure che consentono di ottenere una forma di tutela graduale, in relazione alle necessità di sfruttamento territoriale del marchio. In ogni caso la registrazione del marchio ha una validità di 10 anni e può essere rinnovata alla scadenza.

Non deve essere sottovalutato il fatto che un marchio una volta registrato può diventare molto più facilmente cedibile sul mercato, in quanto è molto più semplice individuare la titolarità del marchio, e la sua unicità (e quindi il suo valore economico). Per questo motivo la registrazione di un marchio non deve essere vista solo come un vantaggio legale, ma anche come la possibilità di attribuire un valore commerciale al brand. Si tratta, in buona sostanza, di valorizzare un brand nel tempo, sfruttandone i vantaggi nel lungo periodo (pensa al caso di cessione o di sfruttamento in licenza a terzi del marchio stesso). Inoltre, la registrazione di un marchio è sempre vista dai consumatori come elemento di fiducia nei confronti della bontà del prodotto o del servizio offerto.

Pensa poi che ci sono imprese il cui marchio è il core business dell’attività, come nel caso delle imprese che lavorano con i contratti di franchising. In questi casi, la bontà del brand deriva dalla sua tutela legale, indispensabile per la valorizzazione economica dei contratti di utilizzo del marchio stesso.

Come hai potuto vedere fino a questo momento non ti ho parlato di vantaggi fiscali, perché prima di tutto la registrazione di un marchio non la si fa per sfruttare possibili attività di tax planning, ma piuttosto per tutelare giuridicamente ed economicamente, un’idea un processo o un brand da possibili minacce esterne. Solo in un secondo momento si pensa a possibili eventuali vantaggi fiscali.

Chi deve registrare il marchio? Cosa fare prima della registrazione?

Detto questo occorre capire da subito chi è il soggetto che è tenuto alla registrazione del marchio. Ebbene, la registrazione del marchio spetta al soggetto che ne ha la paternità, ovvero al creatore. Ad esempio, se un impresa ha realizzato un marchio, ha sostenuto i costi di realizzazione tale marchio è di sua paternità, quindi deve essere l’impresa stessa (e non l’imprenditore singolarmente) a registrare il marchio. Questo aspetto che a prima vista può sembrare di secondaria importanza è, invece, fondamentale soprattutto in ambito fiscale. Come vedremo di seguito, infatti, l’opportunità di sfruttare vantaggi fiscali è legata alla registrazione del marchio da parte del soggetto che ne ha l’effettiva paternità, e non ad altri soggetti.

Una volta individuato chi deve registrare il marchio è necessario verificare l’unicità del marchio presso la banca dati nazionale dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. Nel caso in cui la ricerca restituisca esito negativo è possibile procedere con la procedura di registrazione del marchio.

Come utilizzare il marchio in ottima di tax planning?

Il punto di partenza di questa analisi, in ambito fiscale, è dato dall’agevolazione legata alla tassazione dei proventi da diritto di autore in Italia. Ne ho parlato approfonditamente in questo articolo: “Redditi da diritto di autore: tassazione“.

Questa disciplina consente al titolare di un brand o di un marchio di concedere il suo sfruttamento economico ad un altro soggetto terzo, in cambio di un compenso sotto forma di royalties, spesso commisurate al fatturato raggiunto dal marchio stesso annualmente. Fiscalmente, il percepimento di queste royalties è trattato in modo agevolato dalla nostra normativa fiscale.

Molto schematicamente quello che occorre sapere in questa analisi è che vi è la possibilità di ottenere una detassazione del 25% dei canoni derivanti dallo sfruttamento economico del diritto di autore su marchi e brevetti.

Per fare un esempio, se hai percepito € 1.000 di royalties, avrai una tassazione solo su € 750. In pratica ottieni sempre un imponibile esente da tassazione per il suo 25%.

Come sfruttare questo vantaggio?

Devi fare attenzione perché questo tipo di operazione si può attuare solo nel caso di creazione di un nuovo prodotto, o di un nuovo brand o ancora di un nuovo business. Nel caso potresti pensare di attuare una struttura di questo tipo:

  • Individuare una società del gruppo (che può essere la holding) che si occuperà di sviluppare il marchio e di procedere alla sua registrazione. La holding, quindi, sostiene i costi di realizzazione e di sviluppo del marchio e nel tempo ne promuove la promozione e la sponsorizzazione per diffonderne il valore verso terzi;
  • L’azienda che ha registrato il marchio (la holding) concede lo sfruttamento del marchio ad un altra società del gruppo, operativa, che si occuperà di produrre e distribuire il prodotto con il marchio ricevuto in licenza d’uso.

Questa è, molto schematicamente, la procedura seguita da tantissime multinazionali per lo sfruttamento degli intangibles aziendali. Sfruttando la diversa localizzazione territoriale della holding e delle società operative, arrivano a raggiungere obiettivi di tax planning importanti.

Questa possibilità può essere sfruttata anche se non ho un gruppo multinazionale?

La risposta è positiva, ma soltanto se si riescono a rispettare alcune condizioni. La cosa importante è quella di attuare questo schema solo al momento della creazione del marchio. Se realizzi questo schema successivamente rispetto alla commercializzazione del marchio sul mercato è palese che l’obiettivo perseguito è quello del raggiungimento di un vantaggio fiscale indebito. Stessa cosa se la registrazione del marchio avviene da parte di un’impresa diversa rispetto a quella che ne ha sostenuto i costi di realizzazione. Classico caso è quello di un marchio creato da una società operativa ma registrato dalla holding o ancora peggio dall’imprenditore personalmente.

Se stai creando un nuovo prodotto o servizio (e non lo hai ancora messo sul mercato) puoi pensare di registrare il marchio a titolo personale. In questo modo la tua SRL potrà sfruttarlo economicamente. Con un contratto per lo sfruttamento economico del diritto di autore la SRL pagherà dei canoni (royalty su marchi) legati al diritto di autore. Tu percepirai royalties esenti da tassazione per il 25%.

Quale il risparmio di tassazione per una persona fisica

Utilizzando lo sfruttamento economico del marchio per una persona fisica è possibile ottenere un notevole risparmio fiscale. Ad esempio, la tassazione ai fini IRPEF può variare da:

  • Un minimo del 17,25%, ovvero il 75% dell’aliquota IRPEF più bassa, il 23%;
  • Un massimo del 32,25%, ovvero il 75% del 43% di IRPEF.

Se pensi che la maggior parte degli imprenditori preleva i propri compensi dalla SRL utilizzando il “compenso amministratore” puoi capire benissimo i vantaggi. Il compenso amministratore, oltre a subire tassazione IRPEF piena, prevede il versamento dei contributi INPS alla gestione separata.

Quale risparmio di tassazione per un gruppo multinazionale

Questo schema che abbiamo visto può essere ampliato e portato su scala internazionale. Come hai visto dal caso IKEA che ho citato all’inizio le imprese multinazionali sfruttano i beni immateriali in modo importante nella loro attività di tax planning. Questa procedura è legata alla diversa collocazione territoriale tra le imprese che fanno nascere nuovi marchi e le imprese che li sfruttano economicamente. In questo modo, grazie all’asimmetria dei livelli di tassazione dei vari Paesi del mondo è possibile ottimizzare il carico fiscale. Anche in questo caso, tuttavia, la situazione è complicata perché le autorità fiscali dei vari Paesi prestano molta attenzione al fatto che queste procedure vengano attuate con il rispetto delle normative fiscali nazionali e Convenzionali (ove presenti).

Quali accorgimenti da prendere nella gestione delle royalty su marchi d’impresa?

Come hai appena visto la possibilità di sfruttare nel modo corretto le royalty su marchi e brevetti può permettere un’ottima pianificazione fiscale. Non bisogna, tuttavia, correre subito a registrare il proprio marchio. Come tutte le opportunità in ambito fiscale è necessario tenere in considerazione molti aspetti. Andare a registrare il proprio marchio incassando i canoni derivanti potrebbe metterti, infatti, in una posizione non in regola da un punto di vista fiscale.

E’ opportuno, infatti, a mio avviso, effettuare una piccola riflessione sulla validità di una posizione fiscale legata alle royalty su marchi e brevetti aziendali. Quello che posso dirti è che quanto scritto sinora rappresenta una possibilità teoricamente valida, ma che deve essere correttamente inquadrata nella tua situazione fiscale personale e societaria. Senza tutto questo diventa difficile applicare correttamente questo vantaggio fiscale.

Vediamo, di seguito gli errori da non commettere nella registrazione di un marchio aziendale. In ogni caso, ti consiglio di pianificare ogni scelta con il tuo dottore Commercialista di fiducia.

Errori da evitare nella registrazione dei marchi d’impresa

L’applicazione di una normativa fiscale, anche se perfettamente lecita, deve passare attraverso un’analisi della propria situazione fiscale. Per questo motivo un consulente fiscale è indispensabile. Tuttavia, in modo molto generico passiamo in rassegna i principali errori da non commettere se vuoi mettere a reddito un brevetto o un marchio aziendale. In particolare si tratta dei seguenti:

  1. Non registrare un marchio già utilizzato sul mercato da tempo;
  2. Il rispetto del principio di inerenza per la deduzione dei canoni pagati al concedente.

Vediamo questi errori con maggiore dettaglio.

Errore 1) – Non registrare un marchio giù utilizzato da tempo

L’errore più comune che vedo realizzare da chi vuole sfruttare economicamente il proprio marchio è quello della registrazione senza controllo. Se hai già un marchio esistente ed è già utilizzato dalla tua azienda per la vendita dei prodotti, non puoi pensare di registrare il marchio per sfruttare fiscalmente la disciplina sul diritto di autore.

Mi è capitato, infatti, di fare consulenza ad imprenditori che, allettati dalla possibilità del risparmio fiscale, hanno registrato a proprio nome un marchio storico aziendale. Oppure, può accadere che l’imprenditore non si era reso conto di non aver registrato il marchio. Questo, anche se l’azienda lo stava utilizzando da diversi anni e per questo lo ha poi registrato a nome proprio.

Ebbene, tutte queste posizioni non sono corrette fiscalmente, e non sono difendibili.

Quello che si deve dire è che la registrazione del marchio aziendale in se è per sé non è illegale e nemmeno una pratica scorretta. Tuttavia, pretendere che l’azienda inizi a pagare dei canoni all’imprenditore per un marchio che in precedenza era utilizzato liberamente è un comportamento sanzionabile (al limite tra elusione fiscale ed abuso del diritto). Tutto questo diventa ancora più grave se la registrazione personale del marchio è avvenuta dopo che lo stesso è stato sviluppato utilizzando risorse aziendali.

Per farti un esempio, se l’azienda riceve fatture del grafico che ha realizzato il logo, oppure si deduce i costi del personale che ha lavorato su quel brevetto, l’operazione non può essere regolare fiscalmente, se il marchi viene registrato dall’imprenditore o da altra impresa del gruppo (ad esempio la holding).

Il concetto da ricordare è semplice: se i costi per la creazione del marchio o del brevetto sono sostenuti dall’azienda, perché lo stai registrando personalmente?!

Se ti trovi in una fattispecie come questa devi sapere che sei passibile di accertamento, con il disconoscimento di tutti i vantaggi ottenuti dall’operazione. Il tutto con sanzioni che come minimo vanno dal 90% al 180% della maggiore imposta dovuta (sanzioni per infedele dichiarazione).

Errore 2) – Mancato rispetto del principio di inerenza con la deduzione delle royalties pagate

Una seconda tipologia di errore spesso commessa nello sfruttamento delle royalty su marchi è quella di andare a dedurre sull’azienda le royalty pagate al soggetto che ne detiene il diritto di autore. Anche se non hai commesso l’errore precedente sulla registrazione, c’è un secondo aspetto a cui devi prestare assoluta attenzione. Mi riferisco al cd “principio di inerenza“.

Si tratta della regola fiscale che ti impone, prima di scaricare un costo aziendale di essere in grado di dimostrare che quel costo è inerente all’attività svolta. Sostanzialmente, si tratta di dimostrare che il costo sostenuto è relativo ad una operazione che si tradurrà in una vendita, quindi un valore positivo per l’impresa.

Per farti capire, torniamo all’esempio di IKEA. Il valore del marchio IKEA è talmente forte che qualsiasi oggetto veda aggiungersi quel marchio acquista automaticamente un valore maggiore. Quello che voglio dire è che il “brand” IKEA, con la sua rete di negozi nel mondo è un fattore determinare del processo di vendita di quel gruppo. Il marchio è in grado di aumentare il valore del singolo pezzo venduto.

In questo caso, non vi sono problemi per le società operative che pagano i canoni alla società che detiene il marchio. Per loro si tratta sicuramente di un costo inerente l’attività. Tutto questo, inevitabilmente cambia e viene meno nelle aziende di minori dimensioni. In questi casi la possibilità di provare il valore del proprio marchio è più difficile. Per questo motivo la società che detiene il marchio deve provvedere periodicamente al sostenimento di costi di sponsorizzazione del marchio sul mercato, per sostenerne l’economicità e la diffusione sul mercato.

Come superare il problema e provare il valore economico di un marchio?

Sostanzialmente per sfruttare le royalty su marchi, occorre provare che, alternativamente:

  1. Grazie al marchio la tua merce aumenta di valore sul mercato;
  2. Grazie al marchio sei stato in grado di aumentare il numero delle vendite.

L’errore che si commette è quello di stipulare l’accordo economico di sfruttamento del marchio, facendo accollare tutti i costi di pubblicità a carico della società che lo sfrutta. Spesso, infatti, chi detiene il marchio non investe in prima persona la sviluppare la reputazione del brand.

In questi casi il marchio ha acquisito forza grazie ai costi sostenuti dalla società e non dalla persona fisica (esempio il socio). Soggetto che ad un certo punto ha deciso di effettuare la registrazione e di percepire le royalties.

Per questo motivo è importante che chi detiene la paternità del marchio lo promuova direttamente quanto più possibile, altrimenti diventa difficile sostenere che i costi di promozione siano legati da chi quel marchio non lo detiene. Puoi star certo che se tutte le fatture relative alla pubblicità ed al marchio sono a carico della società allora ti sarà quasi praticamente impossibile scaricare i costi delle royalties.

Sfruttamento delle royalty su marchi d’impresa: conclusioni e consulenza fiscale

La possibilità di sfruttare la possibilità di ottenere una tassazione vantaggiosa attraverso i marchi e le royalty è più una ipotesi teorica che pratica per le PMI italiane.

La possibilità di sfruttare la disciplina sul diritto d’autore esiste, ma concretamente è necessario avere un marchio forte e conosciuto per poterla applicare.

Tutte le volte in cui ci si trova di fronte a marchinuovi” o poco conosciuti il rischio di incorrere in una contestazione fiscale è molto forte. I vantaggi potrebbero tramutarsi in poco tempo in sanzioni da pagare.

Questo tipo di strumento è uno dei principali utilizzati da molte multinazionali nel mondo. Questo perché i marchi che utilizzano sono forti, ed in questo caso la variante non è data dalla registrazione a carico di una persona fisica. Piuttosto, invece, il tutto passa dalla locazione della società che detiene la proprietà di questi “intangibles“.

In ogni caso, per sapere se puoi utilizzare questo ingegnoso sistema devi sicuramente parlarne con il tuo dottore Commercialista di fiducia. Solo così potrai analizzare nei minimi dettagli la tua situazione societaria e personale. Se hai bisogno di un consulente esperto, non esitare mettiti in contatto con me per ricevere una consulenza personalizzata. Nel caso possiamo analizzare la tua situazione anche con l’ausilio di legali specializzati.

Se vuoi conoscere altri sistemi per prelevare dalla SRL con risparmio fiscale allora leggi subito questo articolo.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

2 COMMENTI

  1. Buongiorno, possiedo due posizioni disvali: una Srl e una ditta individuale che utilizzo solo per prestazioni come servizi di docenza.

    Ho registrato dei marchi come persona fisica su codice fiscale che affitto alla Srl al fine dell’utilizzo commerciale.

    Le royalties che mi spettano posso incassare come.peraona fisica oppure, possedendo una partita iva, devo per forza fatturare con la ditta individuale, di fatto azzerando quasi i benefici fiscali?

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here