Il Decreto Sostegno, è stato approvato venerdì 19 marzo e tra le varie misure, prevede che, fino al 31 dicembre 2021, non sarà necessario aver lavorato almeno 30 giorni negli ultimi 12 mesi per ottenere l’indennità di disoccupazione NASPI.

La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego( NASpI) è una indennità mensile di disoccupazione, che sostituisce le precedenti prestazioni di disoccupazione ASpI e MiniASpI, in relazione agli eventi di disoccupazione involontaria che si sono verificati a decorrere dal 1° maggio 2015.

La NASpI viene erogata su domanda dell’interessato.

Il Decreto Sostegno ha previsto che, fino al 31 dicembre 2021, non sarà necessario aver lavorato almeno 30 giorni negli ultimi 12 mesi per ottenere l’indennità di disoccupazione NASPI.

NASPI

A chi spetta la NASpI?

La NASpI, ovvero la Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, è una indennità mensile di disoccupazione, istituita dall’articolo 1, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22.

La NASpI spetta ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che hanno perduto involontariamente l’occupazione, compresi:

  • apprendisti;
  • soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato con le medesime cooperative;
  • personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni.

Non possono accedere alla prestazione:

  • dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni;
  • operai agricoli a tempo determinato e indeterminato;
  • lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per i quali resta confermata la specifica normativa;
  • lavoratori che hanno maturato i requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;
  • lavoratori titolari di assegno ordinario di invalidità, qualora non optino per la NASpI.

Presentazione istanza

L’istanza di accesso al sussidio viene effettuata, generalmente, con domanda online. In particolare potrà esser fatta richiesta mediante :

  • Accesso al sito www.inps.it o dall’APP direttamente dal cittadino in possesso del PIN dispositivo, SPID, CIE o CNS;
  • Tramite patronato, che per legge offre assistenza gratuita;
  • Tramite Contact Center Multicanale INPS INAIL, chiamando da rete fissa il numero gratuito 803164 oppure il numero 06164164 da telefono cellulare, con tariffazione stabilita dal proprio gestore.

Quali sono le novità previste?

I lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che si trovavano in una situazione di disoccupazione involontaria potevano beneficiare della NASpI, se in possesso dei seguenti requisiti:

  • Anzianità contributiva di almeno 13 settimane negli ultimi quattro anni;
  • Numero minimo di giornate effettive di lavoro di 30 nei 12 mesi precedenti alla disoccupazione.

Tuttavia, con il Decreto Sostegni, fino al 31 dicembre 2021 è possibile accedere alla NASpI anche senza il requisito delle 30 giornate di lavoro effettivo effettuate nei 12 mesi precedenti alla disoccupazione.

Le altre novità previste dal Decreto Sostegno

Il Blocco dei licenziamenti è stato prorogato fino al 30 giugno, e fino a ottobre per le aziende che usano la cassa integrazione Covid, valida fino al 31 dicembre per un massimo di 28 settimane.

Per quanto riguarda la Cassa integrazione ordinaria è possibile richiedere per 13 settimane tra aprile e giugno, senza contributo addizionale.

Stanziati circa 1,5 miliardi per l’esonero dei contributi previdenziali dovuti da autonomi e professionisti.

Inoltre, i contratti a tempo determinato possono essere rinnovati o prorogati senza causale fino al 31 dicembre.

Per maggiori informazioni: “Blocco licenziamenti prorogato al 30 giugno dal decreto sostegno”

Reddito di cittadinanza e reddito di emergenza

E’ stato rifinanziato per un miliardo il reddito di cittadinanza mentre sara’ rinnovato per tre mensilita’, marzo, aprile e maggio il reddito d’emergenza.

Congedo parentale e bonus baby sitter: gli aiuti per le famiglie

Tra le misure nel Decreto Sostegno a sostegno delle famiglie, c’è il bonus babysitter, in favore dei lavoratori dipendenti ma anche dei lavoratori autonomi. Oltre al bonus baby sitter sarà previsto anche il congedo parentale con stipendio ridotto al 50%.

Per maggiori informazioni: “Congedo parentale e bonus baby sitter: gli aiuti per le famiglie”

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

3 COMMENTI

  1. Salve, volevo sapere se rientro nel nuovo decreto sostegno del 2021 considerando che ho fatto 15 giorni di prova lavorativa nel mese di Febbraio,e entro quando bisogna fare domanda??Grazie

  2. Cioè, proroga Naspi calcolata con l’ultima mensilità, che è solitamente per tutti, gli ultimi pochi giorni che avanzano. Io ad esempio, l’ultima mensilità l’ho ricevuta a dicembre, con 45 euro poiché avevo due giorni in avanzo a fine Naspi. Una bella furbata, altro che aiuti.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here