Microstati d'Europa paradisi fiscali
Microstati d'Europa paradisi fiscali

Quanti sono e quali sono i microstati d’Europa? Se ci poniamo questa domanda sicuramente ci possiamo accorgere che intorno ai principali stati europei vi sono situati dei microstati, che gravitano attorno a stati ben più grandi. Se ci pensi bene partendo dall’Italia, possiamo trovare San Marino, ma anche per certi versi Campione d’Italia, che gode di ampia autonomia a livello fiscale (ambito che a noi interessa) ed è interessante anche per la Svizzera.

Se ampliamo lo sguardo agli altri paesi d’Europa l’analisi prosegue con il Liechtenstein che gravita attorno all’Austria ed alla Germania. La Spagna ha Andorra e Gibilterra, così come le Isole del Canale e l’Isola di Man (che gravitano comunque intorno alla Gran Bretagna). Tutto questo senza dimenticarci del microstato della Francia, ovvero il Principato di Monaco.

Tutti i microstati d’Europa hanno, tranne rare eccezioni, dei regimi fiscali favorevoli, tanto da essere considerati dei veri e propri paradisi fiscali. Senza alcuna pretesa di esaustività, ma soprattutto con l’invito ad approfondire con un dottore Commercialista esperto di fiscalità internazionale i vari regimi, di seguito ho pensato di riepilogare i regimi fiscali di favore che i vari microstati d’Europa offrono ai soggetti che intendo ivi trasferire la propria residenza fiscale.

Microstati d'Europa paradisi fiscali
Microstati d’Europa paradisi fiscali

Il Principato di Monaco

Senza alcuna imposta sul reddito delle persone fisiche, il microstato del Principato di Monaco ha una caratteristica fondamentale per essere considerato un paradiso fiscale. Tuttavia, affermare che la terra di Monte-Carlo è un paradiso fiscale per i francesi non è del tutto vero. I cittadini francesi sono ancora completamente tassati a Monaco, anche se ottengono la residenza fiscale monegasca. Altri stranieri che diventano residenti nel Principato di Monaco beneficiano invece dell’esenzione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche. Questa esenzione si estende anche sui redditi di fonte estera percepiti da un soggetto dotato di residenza fiscale nel Principato di Monaco. Nessuna imposta sul reddito deve essere quindi pagata su questo reddito guadagnato all’estero: in Germania, Spagna, Regno Unito, o in qualsiasi altro stato estero. Non ti sorprenderebbe che i governi di questi altri stati non ne siano molto contenti. Non solo il reddito guadagnato nei rispettivi paesi viene speso solo in parte lì (quindi, reimmessi nelle loro economie) ma per di più non guadagnano una sola percentuale del denaro in tasse. Pertanto, per i cittadini non francesi Monaco può essere considerato un vero e proprio paradiso fiscale. 

Monaco non ha un’imposta generale sul reddito delle società. Tuttavia, nel 1963 il minuscolo Paese firmò un trattato con la Francia in cui si specificava che ci sono alcune imprese i cui profitti sono tassati. Ad esempio, aziende che hanno il 25% o più delle loro attività commerciali al di fuori di Monaco e aziende che si occupano di vendere la licenza di marchi, brevetti, processi di produzione o diritti d’autore artistici. Tuttavia, senza alcuna imposta generale sul reddito delle società e senza tasse sui dividendi pagati dalle società locali, Monaco può essere sicuramente considerato un paradiso fiscale per le società. 

Dal 1963 esiste un’unione doganale tra Francia e Monaco. Pertanto, l’imposta sul valore aggiunto viene applicata sulla stessa base e con le stesse aliquote della Francia. L’IVA standard è del 19,6% ad eccezione dei prodotti e servizi ai quali si applica un’aliquota ridotta. 

Come acquisire la residenza nel Principato di Monaco?

A differenza di altri paradisi fiscali di piccole dimensioni il Principato di Monaco è una monarchia. Apparentemente ciò non comporta nessuna evidenza particolare, ma nel concreto le autorità dello Stato decidono in maniera molto selettiva se una persona o una società sono gradite o meno nello Stato.

Qualora non foste graditi la richiesta di trasferimento permanente di residenza verrebbe rifiutata.

L’aspetto principale da tenere in considerazione per trasferirsi nel Principato è che non è affatto semplice ottenere la residenza monegasca. Pensa che su una popolazione complessiva di circa 40.000 abitanti, solo 8.500 di questi sono nati o hanno passaporto monegasco. Possiamo dire, quindi, che diventare cittadini del Principato è un vero e proprio privilegio, che da diritto ad ottenere un trattamento fiscale di favore. Per poter chiedere di essere dichiarati residenti nel Principato di Monaco e, quindi, non pagare imposte sul reddito, una persona fisica deve:

  1. Aprire un Conto corrente in una Banca del Principato e depositarvi almeno 500.000 euro;
  2. Disporre di una abitazione, di proprietà o anche in affitto, ed abitarvi stabilmente;
  3. Possedere e conservare una fedina penale pulita.

Per approfondire: “Principato di Monaco: guida ai criteri di tassazione del reddito“.

Il Liechtenstein

Il Liechtenstein è un piccolo paese di montagna incuneato tra la Svizzera e l’Austria ha un’imposta di base sul reddito delle persone fisiche dell’1,2%. Tuttavia, i diversi comuni del Liechtenstein impongono un’imposta sul reddito aggiuntiva che porta a un’imposta sul reddito combinata del 17,82%. Un’imposta sul reddito addizionale si applica per le persone nell’ambito del programma di sicurezza sociale e per i lavoratori autonomi. Per quest’ultima categoria è implicito un 11% in più, quindi l’imposta sul reddito diventa quasi il 29%.

L’aliquota dell’imposta sulle società in Liechtenstein è del 12,5% ed è un’importante fonte di reddito per il governo. Le società residenti nel Lichtenstein devono pagare l’imposta sulle società sul loro reddito mondiale. Le società non residenti devono pagare l’imposta sulle società esclusivamente sul reddito guadagnato da proprietà o filiali all’interno del Liechtenstein.

L’imposta sul valore aggiunto in Liechtenstein è del 7,7%, fatta eccezione per i prodotti a cui si applica un’aliquota del 2,5% (ad esempio alimenti, medicinali e libri). Per l’alloggio e l’alloggio si applica un’aliquota ridotta del 3,7%. Il turismo è un’attività economica importante per questo paese alpino. 

A differenza di Monaco, il Liechtenstein applica un’imposta sul reddito delle persone fisiche e un’imposta sulle società. Tuttavia, storicamente parlando, il Liechtenstein è sempre stato considerato un paradiso fiscale poiché è particolarmente noto per la sua segretezza e sicurezza. Molte delle persone più ricche della terra hanno immagazzinato il loro capitale in Liechtenstein. Inoltre, quando confrontiamo l’imposta sul reddito delle persone fisiche del Liechtenstein con quella della Germania (fino al 42%) e dell’Austria (fino al 42%) e facciamo lo stesso per l’aliquota dell’imposta sulle società (Germania: 29,8%; Austria: 25%), capire perché il Liechtenstein, con aliquote fiscali ampiamente inferiori a quelle dei paesi alpini, è stata una destinazione attraente sia per gli individui che per le aziende. 

Come acquisire la residenza fiscale in Liechtenstein?

Ottenere la residenza fiscale in Liechtenstein non è semplice. Infatti, ogni anno il Governo assegna un certo numero di posti a disposizione per cittadini stranieri che vogliono stabilirsi nel territorio. Devi sapere, infatti, che questo microstato conta circa 38mila abitanti, per questo il numero dei soggetti ammessi ogni anno è davvero limitato. Ci sono poi accordi con singoli Stati per l’immigrazione, come ad esempio con la Svizzera. Sostanzialmente il Paese assegna parte dei visti in base alla richiesta ed alle disponibilità ed un altra parte in base a concessione Governativa.

Ad ogni modo una volta ottenuto il permesso di soggiorno è possibile restare nel Paese per 5 anni e poi richiedere la residenza permanente.

La Serenissima Repubblica di San Marino

San Marino è un microstato arroccato sul monte Titano, nell’Italia centro-settentrionale. È una delle repubbliche più antiche del mondo. L’imposta sul reddito delle persone fisiche in questo piccolo paese varia dal 9% al 35% (quest’ultima applicata per tutti i redditi superiori a 80.000 euro).

San Marino ha un’aliquota dell’imposta sulle società del 17% e un’ulteriore ritenuta alla fonte (un’imposta sul reddito che deve essere pagata dal contribuente del reddito anziché dal percettore) del 5% che viene applicata alla distribuzione degli utili. Tuttavia, San Marino ha voluto attrarre nuove imprese e quindi ha messo in atto un particolare regime fiscale di favore. Dal 2013 in poi, tutte le nuove società ricevono una riduzione del 50% sull’imposta sulle società per i primi sei anni di attività a San Marino. Pertanto, per queste società di nuova immatricolazione l’aliquota dell’imposta sulle società diventa dell’8,5% + la ritenuta d’acconto del 5%. 

San Marino non applica un’imposta sul valore aggiunto, ma applica un’imposta unica su tutti i beni e servizi importati a San Marino. L’aliquota standard è del 17% e le aliquote ridotte del 6% e del 2%. Tuttavia, le aziende possono recuperare completamente questo importo pagato all’importazione, quindi l’impatto di questa tassa si riduce a zero. 

Quando confrontiamo l’Irpef di San Marino con quella italiana (che va dal 23% al 41%) e facciamo lo stesso per l’aliquota dell’imposta sulle società (Italia: 24%), riconoscere i vantaggi fiscali di questo microstato è immediato. Il settore bancario a San Marino è l’asset più forte dell’economia di questo microstato. Tuttavia, a causa di una serie di eventi, si è creata la pressione internazionale affinché San Marino diventi più trasparente. Sicuramente per San Marino la situazione è in divenire con probabili modifiche ai regimi fiscali attuali nei prossimi anni.

Nuovi residenti a San Marino con aliquota al 7%

Con la Legge n. 223/20, art. 69, San Marino ha introdotto un particolare regime fiscale da applicare per i soggetti che acquisiscono la residenza fiscale a San Marino (senza averla mai avuta in passato) e che producono redditi di fonte estera. Sui redditi prodotti all’estero è dovuta un’imposta sostitutiva pari al 7% sul “netto frontiera” con un importo minimo di 10mila euro ed un massimo di 100mila euro. Questo regime fiscale agevolato è soggetto ad una valutazione di ammissione da parte del Congresso di Stato che si esprime nel termine di 60 giorni dalla presentazione della domanda. In ogni caso, questo regime fiscale è applicabile con una durata massima di 15 anni.

Come ottenere la residenza fiscale a San Marino?

Il regime delle residenze è disciplinato nella Repubblica di San Marino dalla Legge n. 118/2010 la quale prevede che la residenza anagrafica nel territorio dello Stato sammarinese possa essere concessa ai richiedenti che rientrino nelle seguenti casistiche:

  1. Soggetto coniugato con cittadino sammarinese, ovvero figlio di cittadino sammarinese;
  2. Soggetto titolare di permesso di soggiorno ordinario da almeno cinque anni continuativi (la domanda di residenza può altresì comprendere alcuni congiunti);
  3. Soggetti che rivestono incarichi apicali in strutture sanitarie, di pubblica sicurezza, ovvero all’interno di istituti bancari, assicurativi o finanziari, nonché ai Giudici di primo grado del Tribunale;
  4. Soggetti che rivestano incarichi dirigenziali in società di diritto sammarinese che occupano un numero significativo di dipendenti;
  5. Soggetti che investono capitali o li abbiano già investiti in territorio in attività produttive con garanzia di impegno occupazionale, per l’acquisto di opifici industriali, mediante presentazione di specifico business plan, nella ricerca o in settori di particolare interesse per lo Stato sammarinese.

Campione d’Italia

Ho deciso di includere in questa lista di microstati d’Europa anche Campione d’Italia, che non è un microstato, in quanto il territorio pur essendo in Svizzera fa parte della Repubblica Italiana. Con i suoi 1,7 metri quadrati e 3000 abitanti (di cui 1000 stranieri) ha davvero le dimensioni di un piccolo paese. Fu il Casinò di Campione, il Casinò più antico d’Europa fondato nel 1917 come luogo per raccogliere informazioni durante la Prima Guerra Mondiale, a generare entrate sufficienti per far funzionare il microstato. Di conseguenza, non c’era bisogno di imporre alcuna tassa ai suoi residenti, sia persone fisiche che società. Sebbene il casinò non sia più in attività, alcune delle agevolazioni fiscali molto particolari per i residenti sono rimaste in vigore.

Contrariamente agli stranieri che vivono in Svizzera, non si è soggetti ai trattati sulla doppia imposizione con la maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale per i residenti a Campione. Tutti i profitti provenienti da depositi bancari, immobili, azioni e obbligazioni, e altre transazioni provenienti da una fonte svizzera o internazionale non vengono registrati ai fini fiscali per i residenti di Campione con l’obbligo che siano convogliati attraverso una banca svizzera. 

Anche i residenti a Campione pagano meno tasse rispetto agli standard italiani. I primi 200’000 franchi del loro reddito vengono convertiti in euro a un tasso di cambio speciale. Grazie a questo tasso di cambio, il loro reddito imponibile è inferiore e di conseguenza si applica un’aliquota fiscale inferiore. Gli stranieri che vivono a Campione devono pagare le tasse alle autorità italiane sul loro reddito mondiale. 

Per le aziende si applica la consueta aliquota di tassazione italiana (24% di IRES). Tuttavia, anche per loro Campione può ancora fungere da paradiso fiscale per le sue notevoli specificità. Tutte le attività bancarie sono svizzere mentre allo stesso tempo non sono soggette al reddito e alla ritenuta alla fonte della Svizzera. Inoltre, le società possono essere completamente possedute e controllate da stranieri, cosa che è limitata dalla legge svizzera. 

Non c’è imposta sul valore aggiunto da pagare a Campione d’Italia. 

Il Principato di Andorra

Andorra è un microstato situato nelle montagne dei Pirenei tra Spagna e Francia. Non è più completamente esentasse dopo che la pressione della comunità internazionale ha fatto modificare il regime fiscale. Al giorno d’oggi, i residenti di Andorra pagano l’imposta sul reddito del 10% quando guadagnano più di 40.000 euro. Anche i redditi derivanti da investimenti esteri sono soggetti a questa aliquota. I non residenti pagano l’imposta sul reddito del 10% su tutti i redditi prodotti in Andorra.

Confrontiamo l’imposta sul reddito del 10% applicata in Andorra per qualsiasi reddito superiore a 40.000 euro con l’imposta sul reddito da pagare in Spagna: per qualsiasi reddito superiore a 35.201 euro si paga il 37% e per qualsiasi reddito superiore a 60.000 euro si paga il 45%. Considerando anche che l’aliquota più bassa della Spagna è del 19%, capirai subito che con la sua imposta sul reddito del 10% Andorra è considerata un paradiso fiscale. Tuttavia, ciò non illustra ancora il quadro completo poiché la Spagna ha un sistema fiscale parzialmente decentralizzato. L’imposta spagnola sul reddito da pagare è divisa per una parte nazionale e una parte regionale. Le aliquote fiscali sulla porzione regionale variano da regione a regione. La Catalogna, la regione spagnola confinante con Andorra – la lingua parlata in Andorra è infatti il ​​catalano – ha l’aliquota fiscale regionale più alta (che può portare l’imposta sul reddito delle persone fisiche totale fino al 48%). 

L’aliquota dell’imposta sulle società in Andorra è, come l’imposta sul reddito, fissata al 10%. Rispetto a un’imposta sulle società del 25% in Spagna, Andorra è un paradiso fiscale anche per le imprese.

Anche Andorra si è fatta un nome quando si tratta di shopping. Nessuna imposta sulle vendite viene addebitata al registro in Andorra. Prodotti e servizi hanno un’imposta sul valore aggiunto, ma con un’aliquota generale del 4,5% è l’IVA più bassa d’Europa.

Come acquisire residenza fiscale ad Andorra?

Acquisire la residenza fiscale ad Andorra passa attraverso una di queste tre possibilità:

  • Ottenimento di un permesso di lavoro: i permessi di lavoro ad Andorra sono rari e vengono rilasciati esclusivamente a cittadini europei e solo se non vi è già un cittadino andorriano che può svolgere tale mansione;
  • Residenza per investimento: si tratta di un permesso di residenza per coloro che non vogliono lavorare ad Andorra o creare un’impresa. Per ottenere questo tipo di residenza è necessario dimostrare di avere il 300% del salario minimo più il 100% per ogni familiare. Tradotto in numeri assoluti dovresti dimostrare di avere circa 35.000 euro,  più 12.000 euro  per ogni familiare, e depositarli in una banca di Andorra. Inoltre devi fare un investimento di 400.000 euro in Andorra (incluso acquistare bond del governo andorriano per un valore di 50.000 euro, oltre ulteriori 10.000 euro per ogni familiare);
  • Residenza per imprenditori: in questo caso è necessario di essere in possesso di 35.000 euro, oltre 12.000 euro per ogni familiare e depositarli in una banca di Andorra. Devi acquistare bond del governo andorriano per un valore di 50.000 euro, più 10.000 euro per ogni familiare.  Non hai bisogno di fare investimenti, ma devi dimostrare che entro 9 mesi hai aperto un’azienda in Andorra.

Per approfondire: “Andorra: il regime fiscale di tassazione per privati e imprese“.

Gibilterra

Situata all’estremità meridionale della penisola iberica, Gibilterra non fa parte del Regno Unito, ma è territorio britannico d’oltremare. La valuta utilizzata è la sterlina di Gibilterra, che non è la stessa della sterlina inglese. Il sistema di imposta sul reddito delle persone fisiche a Gibilterra non è del tutto semplice. Tuttavia, per mantenere le cose piuttosto comprensibili, possiamo dire che l’aliquota massima effettiva di tassazione è del 24%.

L’aliquota dell’imposta sulle società a Gibilterra britannica è del 10%. Le società di servizi e forniture di carburante e le società che abusano di una posizione di mercato dominante pagano il 20% di imposta sulle società. Gibilterra ha una base imponibile territoriale, il che significa che le imprese sono tassate per i loro profitti maturati o derivati ​​dal territorio di Gibilterra. Ciò rende Gibilterra un paradiso fiscale per le imprese non residenti, ancora di più se si considera che Gibilterra non applica una tassa sulle plusvalenze o sul patrimonio. 

Non c’è l’imposta sul valore aggiunto a Gibilterra, ma proprio come San Marino, c’è un’imposta da pagare sull’importazione di merci, che va dallo 0% al 12%. 

La Gibilterra è anche considerata un paradiso fiscale a causa del suo solido sistema bancario che offre molti conti offshore e opportunità di investimento per società residenti e non residenti.   

Regime fiscale per non residenti abituali a Gibilterra

A Gibilterra è in vigore un particolare regime fiscale definito HNWI “High Net Worth Individuals” che cerca di attirare coloro che hanno dei patrimoni consistenti. Tale programma non permette a chi vi aderisce di lavorare o aprire un’azienda. Ecco perché puoi entrarci solo se rispetti i seguenti requisiti:

  • Devi avere un patrimonio complessivo di almeno 2.400.000 euro;
  • Devi acquistare o affittare una residenza solo per uso personale (non da sub-affittare);
  • Non devi essere stato un residente di Gibilterra per i precedenti 5 anni;
  • Non puoi lavorare o gestire un business a Gibilterra (l’unica eccezione è se la tua azienda è una Gibraltar Exempt Company oppure se la tua azienda non conduce alcun business a Gibilterra);
  • Devi avere un’assicurazione sanitaria privata a Gibilterra.

Queste sono le condizioni per entrare a far parte di tale programma (HNWI), che ovviamente ha l’obiettivo di attrarre nel paese cittadini stranieri con patrimonio elevato.

Il Guernsey 

Guernsey è la seconda isola più grande (dopo Jersey) delle Isole del Canale situata vicino alla costa francese. Proprio come Jersey, i residenti di Guernsey pagano un’imposta sul reddito personale del 20%.

L’aliquota standard dell’imposta sulle società è 0% (qualcuno ha detto paradiso fiscale?). Tuttavia, i servizi finanziari sono tassati al 10% e un paio di altre categorie di attività (comprese le attività al dettaglio che hanno utili imponibili annuali superiori a £ 500.000) sono soggette a un’aliquota dell’imposta sulle società del 20%.

L’isola di Guernsey non ha un’imposta sul valore aggiunto e, a differenza di Jersey, non c’è nemmeno l’imposta su beni e servizi.

Sicuro di dire che Jersey, proprio come sua sorella maggiore Guernsey, può essere considerata un paradiso fiscale.

Isola di Man

L’Isola di Man è un’isola indipendente situata nel mare d’Irlanda tra l’Irlanda e l’Inghilterra. È famoso per il suo regime fiscale diretto, completamente separato dai suoi vicini.

Sull’Isola di Man, si paga il 10% di imposta sul reddito delle persone fisiche sulla parte più bassa del reddito e il 20% sulla parte più alta del reddito (oltre £ 6.500). Inoltre, è in vigore un tetto fiscale sul reddito totale da pagare – fissato a £ 125.000 a persona – che rende l’isola una destinazione attraente per i più ricchi. 

Le aliquote dell’imposta sulle società sull’Isola di Man sono paragonabili a quelle di Jersey e Guernsey. L’aliquota standard dell’imposta sulle società è dello 0%. Le attività bancarie sono soggette al 10%, proprio come le attività commerciali al dettaglio con utili imponibili di £ 500.000 o più all’anno. 

L’Isola di Man ha un’imposta sul valore aggiunto del 20% che viene applicata alla maggior parte dei beni e servizi. Inoltre, c’è l’aliquota ridotta del 5% (applicata all’energia domestica e ai seggiolini auto per bambini, tra gli altri) e dello 0% (applicata alla maggior parte degli alimenti e dei vestiti dei bambini). 

Le basse aliquote fiscali sia per le persone fisiche che per le società, il tax cap, la totale indipendenza del sistema fiscale dai paesi limitrofi come il Regno Unito e l’Irlanda e un moderno Registro delle Imprese che consente un accesso rapido ed efficiente ai documenti aziendali sia per gli utenti locali che stranieri rendere l’Isola di Man un paradiso fiscale. 

I regimi fiscali dei microstati d’Europa: conclusioni

Quindi, abbiamo visto che quasi tutti i paesi dell’Europa occidentale hanno il proprio paradiso fiscale, che sono tutti microstati. Uno dei motivi per cui questi paradisi fiscali godono della totale libertà di creare le proprie leggi fiscali e sono in grado di offrire un alto livello di segretezza allo stesso tempo, è che non sono veri membri dell’Unione Europea. Sebbene abbiano una qualche forma di relazione con l’Unione Europea (facendo parte del territorio doganale per esempio) rimangono al di fuori dell’Unione. Nonostante la crescente pressione internazionale per diventare più trasparente, l’UE non è in grado di applicarla legalmente, nel caso lo volesse.

Nel 2019, l’UE ha pubblicato un rapporto in cui i propri Stati membri venivano indagati per pratiche di paradiso fiscale. Sette paesi dell’UE sono stati accusati di “pianificazione fiscale aggressiva” o, in altri termini, di presentare le caratteristiche di un paradiso fiscale: Belgio, Cipro, Ungheria, Irlanda, Lussemburgo, Malta e Paesi Bassi. Sulla base di questo rapporto, sono iniziate le trattative per nuove leggi fiscali. In futuro, l’UE potrebbe adottare nuove normative fiscali che elimineranno alcune delle opportunità di ottimizzazione fiscale attualmente in essere. Tuttavia, sebbene i paradisi fiscali microstatali condivideranno molto probabilmente sempre più informazioni con altri paesi, in quanto Stati non UE continueranno a godere di un livello relativamente elevato di libertà nel plasmare il proprio ambiente fiscale.

Se hai letto questo articolo e ti stai rendendo conto che necessiti dell’analisi della tua situazione personale, ti invito a contattarci attraverso il form di cui al link seguente. Riceverai il preventivo per una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi sull’argomento. Soltanto in questo modo, infatti, potrai essere sicuro di evitare di commettere errori, che in futuro possono esserti contestati e quindi sanzionati.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here