Diventare giornalista: guida civilistica e fiscale

0
899

Come diventare giornalista professionista o pubblicista? Quali sono gli adempimenti civilistici e fiscali? Come ci si iscrive al registro praticanti? Come aprire partita Iva per diventare giornalista? Quali contributi versare all’Inpgi? In questo articolo darò risposta a tutte queste domande. 

Una delle professioni ordinistiche più gettonate e che negli ultimi anni sta subendo un forte rinnovamento è sicuramente il giornalismo.

Diventare giornalista oggi è sicuramente più difficile che in passato. Inoltre, le modalità di lavoro e l’avvento del Web, hanno radicalmente cambiato la formazione e il modo di svolgere l’attività di giornalista.

In questo report, senza alcuna pretesa di esaustività, voglio analizzare la disciplina civilistica e fiscale riguardante l’attività di giornalista.

L’obiettivo è quello di fornire un utile e pratico ausilio a tutti i giovani che vogliano intraprendere con successo questa attività.

Voglio renderti edotto del tipo di adempimenti che dovrai porre in essere per avviare in modo pratico e sicuro la tua attività da freelance.

Vediamo quindi come possiamo inquadrare fiscalmente l’attività di giornalista indipendente.

Cominciamo!


DIVENTARE GIORNALISTA: INQUADRAMENTO DELL’ATTIVITA’

L’attività di giornalista è una disciplina ordinistica. Questo vuol dire che può essere pratica soltanto dai soggetti iscritti all’ordine dei giornalisti.

All’ordine dei giornalisti appartengono:

  • I giornalisti professionisti e
  • I pubblicisti,

iscritti nei rispettivi elenchi dell’Albo.

L’Albo dei giornalisti è tenuto presso ogni ordine regionale o interregionale d’Italia. Questo ai sensi dell’articolo 1 DPR n 115/65.

Si definiscono giornalisti professionisti coloro che esercitano in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista.

Sono, invece, giornalisti pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi (articolo 1, Legge n. 69/1963).

Se vuoi diventare giornalista la prima considerazione da fare è proprio questa. Capire se l’attività giornalistica è quella principale, oppure se è soltanto occasionale.

Pensa al caso di un medico che esercita la sua attività e che occasionalmente scrive per riviste scientifiche. In questo caso, avendone i requisiti, il medico potrà iscriversi all’Albo nella sezione dei giornalisti pubblicisti.

DIVENTARE GIORNALISTA: I REQUISITI

L’esercizio dell’attività di Giornalista richiede il rispetto di alcuni requisiti. In particolare, si tratta di requisiti di onorabilità e di professionalità che di seguito vado a riepilogare.

REQUISITI DI ONORABILITA’

I requisiti di onorabilità richiesti sono i seguenti:

  • Essere cittadino italiano. Oppure italiano appartenente a territori non uniti politicamente all’Italia. Ovvero cittadino di uno Stato con cui esista trattamento di reciprocità;
  • Godere dei diritti civili;
  • Essere di specchiata condotta morale;
  • Età non inferiore a 21 anni (solo per i giornalisti professionisti).

REQUISITI DI PROFESSIONALITA’

GIORNALISTI PUBBLICISTI

Per l’iscrizione come pubblicista occorre:

  • Il possesso dei requisiti di legge. Si tratta di: cittadinanza, assenza di precedenti penali, attestazione di versamento della tassa di concessione governativa;
  • Presentare gli articoli, a firma del richiedente, pubblicati in giornali e periodici e i certificati dei direttori delle pubblicazioni, che comprovino l’attività pubblicistica regolarmente retribuita da almeno due anni. Per i corrispondenti o per gli articoli non firmati occorre allegare alla domanda, unitamente ai giornali e periodici suddetti, ogni documentazione. Ivi compresa l’attestazione del direttore della pubblicazione, atta a dimostrare in modo certo l’effettiva redazione di dette corrispondenze o articoli. I collaboratori dei servizi giornalistici della radio e della televisione, delle agenzie di stampa e dei cinegiornali, i quali non siano in grado di allegare alla domanda i giornali e periodici previsti, debbono comprovare, con idonea documentazione ovvero mediante l’attestazione del direttore del rispettivo servizio giornalistico, la concreta ed effettiva attività svolta. Coloro i quali svolgono attività di tele-cine-foto operatori per organi di informazione attraverso immagini che completano o sostituiscono l’informazione scritta, nell’esercizio di autonomia decisionale operativa e avuto riguardo alla natura giornalistica della prestazione, devono allegare alla domanda la necessaria documentazione e l’attestazione del direttore suddetta.
  • Presentare in fotocopia dell’eventuale contratto di collaborazione stipulato con la testata (o le testate) cui si collabora;
  • Presentare la documentazione dei compensi percepiti negli ultimi 24 mesi, che devono essere in regola con le norme fiscali in materia.

GIORNALISTA PROFESSIONISTA

Per l’iscrizione come giornalista professionista occorre:

  • L’esercizio continuativo della pratica giornalistica, previa iscrizione nel registro dei praticanti per almeno 18 mesi. Requisito attestato da una dichiarazione di compiuta pratica del direttore, oppure titolo rilasciato da una delle scuole di giornalismo riconosciute in Italia che attesti il tirocinio dell’allievo per la durata di due anni;
  • Il possesso dei requisiti di legge. Si tratta di: cittadinanza, assenza di precedenti penali, attestazione di versamento della tassa di concessione governativa;
  • L’esito favorevole della prova di idoneità professionale di cui all’articolo 32, Legge n. 69/1963. Prova consistente in una prova scritta e orale di tecnica e pratica del giornalismo integrata dalla conoscenza delle norme giuridiche che hanno attinenza con la materia del giornalismo (articoli 44 e seguenti DPR n. 115/1965).

L’attività di giornalista si impara, come tutte le attività professionali necessariamente attraverso un periodo di “gavetta“. Ovvero di praticantato, da effettuare preferibilmente nella redazione di un giornale (cartaceo o online).

Non è necessaria una laurea, anche se è sarebbe preferibile, tuttavia la legge richiede soltanto la licenza di scuola media superiore.

L’alternativa, è quella di frequentare una scuola.

Ricorda che soltanto i corsi giornalistici riconosciuti dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti possono garantire l’accesso all’esame. La frequentazione di uno di questi corsi è alternativa rispetto all’effettuazione del periodo di praticantato presso una testata giornalistica.

L’elenco dei corsi di giornalismo si trova sul sito www.odg.it (sezione “Scuole di giornalismo“).

Solitamente ce ne sono a Milano, Roma, Bari, Napoli, Bologna, Torino, Urbino e Perugia. Al termine del periodo di praticantato deve essere superato un esame di abilitazione.

DIVENTARE GIORNALISTA: REGISTRO PRATICANTI

I requisiti richiesti per l’iscrizione nel registro dei praticanti sono i seguenti:

  • Il possesso dei requisiti di legge (cittadinanza, assenza di precedenti penali, attestazione di versamento della tassa di concessione governativa);
  • Il possesso della dichiarazione del direttore comprovante l’effettivo inizio della pratica di cui all’articolo 34, Legge n 69/63;
  • Possesso di titolo di studio non inferiore alla licenza di scuola media superiore. Oppure, in mancanza del titolo suddetto, il superamento di un esame di cultura generale, diretto ad accertare l’attitudine all’esercizio della professione (articoli 37 e seguenti DPR n 115/65).

DIVENTARE GIORNALISTA: DISCIPLINA FISCALE

L’attività di giornalista prevede, anche da un punto di vista fiscale, un preciso iter legato agli adempimenti per avvio e gestione dell’attività.

L’attività di giornalista può essere svolta come:

  • Attività di lavoro dipendente. In questo caso il giornalista lavora alle dipendenze di una testata giornalistica con un contratto di subordinazione ed eterodeterminazione dell’attività:
  • Attività di lavoro autonomo. In questo caso il giornalista lavora con uan o più testate giornalistiche in modo del tutto autonomo. L’attività viene svolta senza la direzione altrui.

Per quanto riguarda l’attività di giornalista prestata come dipendente non vi sono particolari adempimenti fiscali. La testata giornalistica rilascia al lavoratore la propria Certificazione Unica contenente redditi e ritenute fiscali. Con questo documento il lavoratore presenta ogni anno la propria dichiarazione dei redditi.

Le cose cambiano totalmente, invece, qualora si voglia effettuare l’attività di Giornalista feelance.

ADEMPIMENTI FISCALI DEL GIORNALISTA FREELANCE

Se desideri diventare giornalista freelance il primo passo è sicuramente l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti. Come detto, devi aver superato il relativo esame di abilitazione alla professionale.

L’iscrizione all’Albo avverrà dietro apposita istanza da consegnare all’Ordine regionale competente. Si tratta dell’ordine ove è fissata la residenza del giornalista.

Gli indirizzi degli Ordini territoriali dei giornalisti sono reperibili a questo sito:

www.odg.it – sezione “Ordini regionali“.

APRIRE PARTITA IVA COME GIORNALISTA

Dopo aver ottenuto l’iscrizione all’Ordine è necessario aprire Partita IVA.

L’apertura della Partita IVA è adempimento obbligatorio. Questo in quanto tutti i soggetti che esercitano la propria attività a seguito di iscrizione in albi o elenchi professionali sono tenuti obbligatoriamente ad esercitare l’attività con partita IVA.

L’iscrizione ad un Albo professionale, infatti, presuppone la professionalità e la continuità nel tempo dell’attività. Questi requisiti, infatti, sono quelli necessari per operare con Partita IVA.

L’apertura della Partita IVA è un adempimento molto semplice.

Puoi incaricare il tuo commercialista di fiducia, che effettuerà una pratica telematica all’Agenzia delle Entrate. Oppure, puoi presentare il modulo in autonomia ad uno degli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

Il modello da utilizzare è il modello AA9/12 relativo all’apertura della Partita IVA per le persone fisiche.

All’interno del modello dovrai inserire alcune informazioni obbligatorie.

Le principali riguardano l’indicazione del tuo indirizzo di residenza anagrafica e del luogo di esercizio dell’attività giornalistica. Se non hai un ufficio ove operare i due indirizzi saranno identici. In pratica, andrai ad operare dal tuo indirizzo di residenza. Se invece hai un ufficio quello sarà l’indirizzo da comunicare.

Altro aspetto importante è inserire nel modello il corretto Codice Attività. Il codice attività serve per individuare in modo certo l’attività svolta dal professionista.

Per l’attività di giornalista il codice attività da utilizzare è il seguente:

CODICE ATTIVITA’ – 90.03.01 – “Attività dei giornalisti indipendenti”

Una volta presentato il modulo di apertura della Partita IVA, l’Agenzia delle Entrate nella ricevuta rilascia la partita IVA. Si tratta di un codice numerico che identifica la tua attività.

Questo codice è indispensabile per tutti gli adempimenti fiscali che ti riguarderanno per l’esercizio di questa attività.

DIVENTARE GIORNALISTA E PRESTAZIONI OCCASIONALI

Una delle principali domande che mi vengono poste dai lettori su questo argomento riguarda la possibilità di operare con prestazioni occasionali.

Molto spesso si crede che operare con la partita IVA sia costoso e quindi poco conveniente e per questo si crede che la prestazione occasionale sia una valida soluzione.

La prima cosa da dire è che in generale i soggetti che opera professionalmente, iscritti ad un Albo come i giornalisti non possono operare con prestazione occasionale.

Tuttavia, l’ordine dei giornalisti, interpellato su questo aspetto sostiene che sia possibile operare con prestazione occasionale. Tuttavia, soltanto quando ricorrono alcuni requisiti. Si tratta dei seguenti:

  • L’attività è svolta dal giornalista in modo del tutto autonomo ed indipendente;
  • L’attività non ha carattere di continuità ed abitualità nel tempo.

Questo significa che l’attività di redazione di articoli, ad esempio, non può durare nel tempo. Deve trattarsi di attività che si aprono e si chiudono senza ripetersi.

Facciamo qualche esempio per capire meglio.

Pensa ad un giovane giornalista che collabora con qualche testata giornalistica come freelance, scrivendo un articolo a settimana per tre testate. L’attività è sicuramente abituale e continuativa nel tempo. Occorre la Partita IVA.

Pensa, invece, al caso dello stesso soggetto che scrive un solo articolo perché opera come pubblicista e quindi la sua attività giornalistica è limitata e sporadica. In questo caso è possibile operare con le prestazioni occasionali.

IL REGIME FISCALE DEI GIORNALISTI FREEELANCE

Con l’apertura della Partita Iva il soggetto che intende diventare giornalista è chiamato anche scegliere il regime fiscale da applicare.

Ad oggi i regimi fiscali dei professionisti che si possono applicare sono sostanzialmente due. Ovvero i seguenti:

  • Il Regime Forfettario;
  • La Contabilità Semplificata.

Vediamo entrambi questi regimi in dettaglio.

DIVENTARE GIORNALISTA: IL REGIME FORFETTARIO

Per i professionisti può essere vantaggioso, se si possiedono i requisiti (che puoi trovare in questo articolo), aderire al c.d. “Regime forfettario“.

Si tratta di un regime fiscale di vantaggio disciplinato dalla Legge n. 190/2014, così come modificata dalla Legge n. 208/2015.

Tale regime prevede una tassazione forfettaria del reddito professionale derivante dall’attività, da calcolare in percentuale rispetto ai ricavi annui.

Il fatturato annuo non può superare i € 65.000. In questo regime fiscale partendo da fatturato si determina il reddito imponibile ai fini fiscali e previdenziali.

Per legge il professionista ha un reddito pari al 78% del fatturato raggiunto nell’anno.

Facciamo un esempio pratico.

Immagina di aver fatturato in un anno € 10.000. Il reddito imponibile è pari a € 7.800 (10.000 * 78%). I costi forfettari sono, quindi, di € 2.200. Sul reddito imponibile si applica l’imposta sostitutiva.

Con il regime forfettario l’imposta sul reddito è pari al 5% per i primi cinque anni dell’attività. Successivamente l’aliquota sale sino al 15%.

L’aspetto importante del Regime Forfettario è che non ha scadenza. Rispettano i requisiti di ingresso e permanenza nel regime si può utilizzare questo regime all’infinito.

Se desideri verificare tutti i requisiti di accesso e permanenza nel regime ti lascio a questo articolo dedicato.

Regime Forfettario: requisiti di accesso

DIVENTARE GIORNALISTA: LA CONTABILITA’ SEMPLIFICATA

In alternativa a questo regime semplificato esiste un unica alternativa. Mi riferisco al regime della contabilità semplificata.

Questo regime fiscale prevede la tassazione a IRPEF del reddito professionale.

In sostanza, la differenza tra ricavi tassabili e costi deducibili, ai sensi del TUIR, determina il reddito imponibile. Questo reddito è assoggettato ad IRPEF.

Nella contabilità semplificata il compenso del professionista deve essere assoggettato ad IVA ed anche alle ritenute di acconto. Inoltre, in questo caso, vi è l’obbligo di utilizzare la Fatturazione Elettronica.

Come avrai capito il regime della Contabilità Semplificata è complesso. Gli adempimenti contabili e fiscali sono molti durante l’anno. Si va dalla dichiarazione IVA, alla Certificazione unica alla contabilità.

Per questo motivo, tale regime fiscale è consigliabile solo nel caso in cui il professionista sostenga importanti costi professionali. Oppure, nel caso in cui non sia in possesso dei requisiti per operare in regime forfettario.

Se desideri avere maggiori informazioni sul regime della contabilità semplificata ti lascio a questo contributo dedicato.

Contabilità Semplificata: le regole

TASSAZIONE SECONDO IL PRINCIPIO DI CASSA

Indipendentemente dal regime fiscale scelto la tassazione del professionista avviene sempre in base al principio di cassa.

Questo significa che devi fatturare soltanto gli incassi effettivamente percepiti. Questo significa che IVA, tassazione e contribuzione saranno calcolate solo su guadagni incassati.

Un aspetto, questo, da non sottovalutare!

Il professionista, infatti, determina il proprio reddito fiscale dalla differenza tra incassi percepiti e costi pagati.

Questo significa che tasse e contributi derivano da quanto si è effettivamente incassato e pagato nell’anno, secondo le regole fiscali previste dal DPR n. 917/86 (Tuir).

ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI DEL GIORNALISTA

Il soggetto che intende diventare giornalista professionista deve fare i conti anche con gli adempimenti previdenziali.

Tutti i professionisti iscritti ad albi professionali, infatti, sono tenuti all’iscrizione ad una Cassa di previdenza privata. Per i giornalisti questa cassa di previdenza è l’Inpgi.

La gestione previdenziale dell’INPGI prevede il versamento di contributi fissi, che si suddividono in:

  • Il contributo soggettivo (sul reddito);
  • Contributo integrativo (sul fatturato) e
  • Contributo di maternità.

Il versamento dei contributi fissi e di quelli eventualmente dovuti sul reddito che eccede il minimale contributivo, sono versati con varie scadenze annue tramite modello F24.

Maggiori informazioni sul pagamento dei contributi INPGI, potete trovarli a questo link all’apposita pagina Web del sito.


DIVENTARE GIORNALISTA: CONSULENZA

In questo report ho cercato di riassumere tutte le informazioni utili per diventare giornalista.

Tuttavia, mi rendo conto che possono esserci alcuni aspetti che ti riguardano direttamente che vuoi approfondire con un esperto.

Per questo motivo se vuoi davvero avviare la tua attività di giornalista freelance contattami per una consulenza personalizzata.

Evita di commettere errori ed inizia a pianificare la tua attività anche da un punto di vista fiscale.

Se sei interessato contattami attraverso il link sottostante. Sarai ricontattato nel più breve tempo e potrai interagire con un professionista preparato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here