Attraverso il contratto di cessione di azienda l'imprenditore permette ad un soggetto terzo la continuazione dell'attività, incassando il corrispettivo pari al valore dell'azienda ceduta. La cessione può determinare l'emersione di un plusvalore (c.d. plusvalenza) che deve essere assoggettata a tassazione.

Che cos'è l'azienda?

Il Legislatore, definisce l'azienda come "il complesso dei beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa", (articolo 2555 c.c.). L'imprenditore, di regola, esercita l'attività di impresa servendosi di meni materiali quali macchinari, locali, materie prime e prestazioni di servizi ed anche di beni immateriali, come brevetti e marchi d'impresa. Da questa definizione emerge il rapporto esistente tra azienda e impresa: l'azienda è il complesso dì beni a disposizione dell'imprenditore per l'esercizio dell'attività d'impresa. Quindi, sotto il profilo giuridico vi è un rapporto di strumentalità dell'azienda rispetto all'impresa, concepita dal diritto come attività (art. 2082 c.c.).

AZIENDAComplesso di beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa (art. 2555 c.c.)IMPRESAAttività dell'imprenditore che utilizza gli elemen...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteAssegno Unico: ecco chi avrà un sostegno fino a 2.000 euro!
Prossimo ArticoloBonus Irpef 2022: a chi spetta il trattamento integrativo?
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.