Royalties in uscita verso la Svizzera. Trattamento fiscale delle royalties che una società residente in Svizzera, priva di stabile organizzazione in Italia, riceve dalla sua controllata italiana. Disciplina applicabile in presenza di royalties corrisposte a soggetti non residenti, e confronto con la disciplina convenzionale in base al trattato contro le doppie imposizioni tra l'Italia e la Svizzera e del regime di esenzione previsto dall'accordo sulla fiscalità del risparmio tra l'UE e la Svizzera. 

Il presente contributo parte dall'analisi di un caso concreto riguardante la tassazione delle royalties in uscita dall'Italia. Nello specifico si tratta di compensi corrisposti da soggetti fiscalmente residenti in Italia a soggetti non residenti, a titolo di remunerazione per lo sfruttamento di un marchio industriale. L'analisi parte da un case study relativo ad un gruppo multinazionale con casa madre in Svizzera. Questo gruppo si compone, tra le altre, di una società holding ed una società operativa fiscalmente residenti in Svizzera, ed una società commerciale residente in Italia.

La capogruppo svizzera, che non opera per mezzo di una stabile organizzazi...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteTemporary Store: guida all’apertura e adempimenti
Prossimo ArticoloCodice tributo 6035 – compilazione del modello F24
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.