Home Fisco Nazionale Orari visita fiscale Inps dipendenti privati e pubblici

Orari visita fiscale Inps dipendenti privati e pubblici

Visite fiscali 2022: guida completa per dipendenti pubblici e privati. Orari fasce di reperibilità ed ipotesi di esenzione.

0
Orari visita fiscale

La visita fiscale è una possibilità con cui devono fare i conti i lavoratori dipendenti che si trovano in malattia. Infatti, su istanza del datore di lavoro o della stessa Inps i medici della mutua sono chiamati ad effettuare le visite fiscali per i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato. In questo contesto assumono vitale importanza le fasce di reperibilità e gli orari visite che i lavoratori in malattia devono rispettare in caso di malattia ed assenza dal lavoro. Inoltre, devono essere tenuti in considerazione i casi di esonero dalla visita fiscale e le possibili sanzioni che possono essere applicate al lavoratore dipendente in caso di assenza alla reperibilità non giustificata.

In questo articolo facciamo il punto sulle regole da seguire in caso di malattia: le fasce di reperibilità per lavoratori dipendenti e pubblici.

Fasce orarie di reperibilità alla visita fiscale

Durante la malattia, sussiste, in capo al lavoratore assente, l’obbligo di garantire la reperibilità alla vista medica di controllo. Tale obbligo sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi. In caso di malattia ed assenza dal lavoro è di fondamentale importanza conoscere gli orari delle visite fiscali e le fasce di reperibilità.

Con il termine “fasce di reperibilità” si fa riferimento dei due periodi di mattina e pomeriggio in cui il dipendente, che ha ottenuto il certificato di malattia, deve risultare reperibile presso l’indirizzo di reperibilità comunicato all’Inps. Ricordo che la trasmissione del certificato di malattia all’Inps viene effettuata telematicamente a cura del medico curante.

Gli orari visite fiscali, ovvero le fasce di reperibilità per i dipendenti privati, sono i seguenti:

Orari visita fiscale dipendenti privati

Per i dipendenti privati le visite fiscali si effettuano sette giorni su sette, con le seguenti fasce di reperibilità:

  • Dalle ore 10:00 alle ore 12:00;
  • Dalle ore 17:00 alle ore 19:00.
Lavoratore Settore PrivatoFasce di reperibilità (7 gg su 7 compresi weekend e festivi)
Mattina10:00/12:00
Pomeriggio17:00/19:00
Tabella fasce orarie visita fiscale dipendenti privati

Orari visita fiscale dipendenti pubblici

Il D.L. n. 98/2011 – convertito in Legge n. 111/2011 – ha stabilito che, le fasce di reperibilità sono le seguenti:

  • Dalle ore 09:00 alle ore 13:00;
  • Dalle ore 15:00 alle ore 18:00.

Il decreto ha affermato inoltre che l’obbligo di reperibilità sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi. La legge 15 luglio 2011 n. 111 ha stabilito che la verifica può essere fatta già dal primo giorno di malattia. Il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, con parere del 21 novembre 2011, ha chiarito che l’obbligo previsto dalla legge del 2011 sussiste se l’assenza si verifica nelle giornate precedenti o successive a quelle non lavorative.

Lavoratore Settore PubblicoFasce di reperibilità (7 gg su 7 compresi weekend e festivi)
Mattina9:00/13:00
Pomeriggio15:00/18:00
Tabella fasce orarie visita fiscale dipendenti pubblici

Come funziona la visita fiscale Inps?

Per avere un quadro schematico del funzionamento pratico di una visita fiscale ti invito a guardare l’infografica seguente pubblicata dall’Inps.

Come funziona la visita fiscale

Durante gli orari di reperibilità il lavoratore può essere sottoposto, dopo l’invio del certificato medico all’INPS, a controllo da parte del medico fiscale. La visita fiscale può essere ripetuta anche due volte nello stesso giorno. Tuttavia, questa procedura deve avvenire sempre nel rispetto degli orari stabiliti per il dipendente di azienda privata o per il dipendente statale.

Durante le fasce orarie fissate dall’attuale normativa, il lavoratore è obbligato a rimanere a casa. Nel caso di mancata presenza presso l’indirizzo indicato nel certificato INPS, si rischia l’applicazione di sanzioni. Detto questo andiamo ad analizzare adesso i vari passaggi leganti al funzionamento della visita fiscale Inps per dipendenti pubblici e privati.

Malattia del lavoratore: il certificato telematico

Il certificato di malattia è l’attestazione, rilasciata dal medico curante o dal Sistema Sanitario Nazionale per giustificare l’assenza per malattia dal lavoro. Tale certificato viene inviato telematicamente all’Inps dal medico curante. Il datore di lavoro può verificare il certificato telematicamente.

Il lavoratore dipendente che si assenta da lavoro per malattia ha l’obbligo di farsi rilasciare il certificato telematico di malattia. Il rilascio di questo documento è compito del medico di base che, una volta accertato lo stato di malattia, predispone ed invia telematicamente il certificato. In questo documento assume particolare importanza l’indirizzo del lavoratore, ovvero il luogo ove questi si rende reperibile per l’eventuale visita fiscale.

Il certificato di malattia una volta predisposto dal medico curante viene inviato all’Inps con modalità telematica. Il lavoratore ha, comunque, la possibilità di chiedere una copia elettronica del certificato che viene inviato al proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). E’ compito del lavoratore dipendente comunicare, entro due giorni, il numero di protocollo del certificato telematico di malattia al proprio datore di lavoro. E’ utile ricordare che solo dopo l’invio del certificato medico vengono avviate dal Polo Unico Inps le procedure relative alle visite fiscali.

Il certificato di malattia deve obbligatoriamente contenere:

  • Generalità del lavoratore;
  • Prognosi dei giorni di malattia;
  • Data e luogo di compilazione;
  • Indicazione della data di inizio o di continuazione della malattia;
  • Firma e timbro del medico;
  • Indirizzo del domicilio del lavoratore nel quale verrà eseguita la visita fiscale.

Il certificato di malattia può essere consultato dal lavoratore attraverso la procedura SPIED per l’accesso al proprio cassetto previdenziale. In alternativa è possibile consultare il numero verde INPS 803.164. Ti consiglio sempre di verificare la correttezza dei dati obbligatori del certificato di malattia. I dati da verificare sono:

  • Dati anagrafici;
  • Indirizzo di reperibilità in caso di malattia;
  • Ogni informazione utile (specificando eventuale località, frazione, borgo, contrada, precisando se si tratta di via, piazza, vicolo e aggiungendo, se occorre, palazzina, residence…).

Come comunicare assenza o variazione di indirizzo per la visita fiscale?

Per modificare l’indirizzo di reperibilità per la visita fiscale è necessario darne notizia al medico curante. Questi, infatti, ha la possibilità di intervenire e modificare il certificato telematico di malattia. Con la circolare INPS 23 settembre 2020, n. 106, l’Inps ha reso noto un nuovo servizio per comunicare il cambio di indirizzo di reperibilità, durante l’evento di malattia comune, ai fini dell’eventuale visita medica di controllo domiciliare disposta dal datore di lavoro.

Il nuovo servizio, rivolto ai lavoratori dei settori privato e pubblico, non sostituisce in alcun caso gli obblighi contrattuali di comunicazione da parte degli stessi lavoratori nei confronti dei propri datori di lavoro.

Sospensione del periodo di ferie durante la malattia

Qualora lo stato di malattia del lavoratore si verifichi durante un periodo di ferie, queste vengono sospese fino alla completa guarigione. Questo, tuttavia, solo nel caso in cui la malattia:

  • E’ tale da pregiudicare le finalità tipiche delle ferie;
  • Compromette il recupero psicofisico, il riposo e la funzione ricreativa delle ferie.

Questo significa che l’effetto sospensivo della malattia sulle ferie non ha valore assoluto. Viene dato rilievo, infatti, solo a quegli stati morbosi incompatibili con l’essenziale funzione delle ferie. In tutti i casi ordinari le ferie non vengono sospese durante il periodo di malattia del lavoratore.

Come funziona il rientro anticipato in servizio del lavoratore?

Nel caso in cui un dipendente assente per malattia si consideri guarito e intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi formulata dal proprio medico curante, può essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica dell’originaria prognosi. In questo caso, infatti, il datore di lavoro non è in grado di valutare se e in che misura il dipendente abbia effettivamente recuperato le proprie energie psicofisiche tali da garantire se stesso e l’ambiente di lavoro da qualsivoglia evento avverso connesso ad una capacità di impegno non completamente riacquisita.

Chi invia i controlli della visita fiscale?

La visita fiscale è una possibilità con cui devono fare i conti i lavoratori dipendenti che si trovano in malattia. Infatti, su istanza del datore di lavoro o della stessa INPS i medici della mutua sono chiamati ad effettuare le visite fiscali per i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato.

Per i lavoratori privati, l’Inps generalmente esegue dei controlli a campione, inviando le visite fiscali tra i vari soggetti, oppure richiesti direttamente dal medico istituzionale di sede che, esaminato il caso, richiede la visita domiciliare.

Casi di esenzione dalla visita fiscale Inps

casi di esonero dalla visita fiscale Inps per il lavoratore sono i seguenti:

  • Malattia connessa all’esistenza di una patologia grave che richiede cure salvavita;
  • Infortunio sul lavoro e malattia professionale;
  • Malattia correlata a un’eventuale invalidità o menomazione del dipendente pari o superiore al 67%.

Per quanto riguarda i dipendenti pubblici, i casi di esonero sono:

  • Malattia connessa a patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • Dipendente con:
    • Menomazione ascritta alle prime 3 categorie della Tabella A allegata al decreto sul riordinamento delle pensioni di guerra;
    • Patologie rientranti nella Tabella E dello stesso decreto;
  • Malattia connessa alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.

Quali sono le malattie che esonerano la visita fiscale?

  • Emorragie severe, infarti d’organo;
  • Stati vegetativi di qualsiasi etiologia;
  • Insufficienza renale;
  • Trapianti di organi vitali;
  • Insufficienza respiratoria acuta anche su base infettiva (polmoniti e broncopolmoniti severe, ascesso polmonare, fibrosi cistica, ecc);
  • Insufficienza miocardica acuta su base elettrica (gravi aritmie acute), ischemica (infarto acuto), meccanica (defaillance acuta di pompa) e versamenti pericardici;
  • Cirrosi epatica nelle fasi di scompenso acuto;
  • Infezioni sistemiche fra cui aids conclamato;
  • Intossicazioni acute ad interessamento sistemico anche di natura professionale o infortunistica non inail (arsenico, cianuro, acquaragia, ammoniaca, insetticidi, farmaci, monossido di carbonio, ecc.);
  • Ipertensione liquorale endocranica acuta;
  • Malattie dismetaboliche in fase di scompenso acuto;
  • Malattie psichiatriche in fase di scompenso acuto e/o in TSO;
  • Neoplasie maligne, in:
    • trattamento chirurgico e neo-adiuvante;
    • chemioterapico antiblastico e/o sue complicanze;
    • trattamento radioterapico;
  • Sindrome maligna da neurolettici
  • Malattie acute con compromissione sistemica;
  • Quadri sindromici a compromissione severa sistemica secondari a terapie o trattamenti diversi (a tipo trattamento interferonico, trasfusionale).

L’assenza per recarsi ad una visita medica è giustificabile?

L’essere a visita dal proprio medico curante per situazioni che non rivestano i caratteri dell’urgenza o dell’indifferibilità, tranne se debitamente certificata con diagnosi in chiaro a solo uso medico che ne espliciti le predette caratteristiche, non è oggetto di giustificazione medica e per questo sanzionabile. Alcuni esempi, confermati da prassi e giurisprudenza, di giustificata assenza dal proprio domicilio durante le fasce di reperibilità per le visite fiscali sono:

  • Visite mediche presso il proprio medito curante, quando risulti impossibile effettuarle fuori dalle fasce di reperibilità;
  • Necessità di iniezioni per trattamenti legati alla causa di presentazione del certificato medico a lavoro;
  • Ritiro di radiografie collegate al certificato medico;
  • Cure dentistiche urgenti;
  • Necessità di recarsi in farmacia.

Ad esempio, costituisce giustificato motivo di assenza durante le fasce di reperibilità il ritiro di radiografie collegate alla malattia in atto o l’effettuazione di un trattamento terapeutico indifferibile e indispensabile, come un’iniezione (Cass. n. 14503/1999) oppure il doversi recare a una visita presso l’ambulatorio del proprio medico, in caso di orario inconciliabile con le fasce di reperibilità (Cass. n. 4247/2004) o di cure urgenti (Cass. n. 12458/1998). È giustificato dall’assenza alla visita fiscale anche chi si reca dal medico curante, durante le fasce di reperibilità, per far constatare la guarigione della malattia, al fine della ripresa lavorativa (Cass. n. 8012/2006), nonché il lavoratore che deve recarsi in farmacia per esigenze indifferibili.

L’assenza è giustificata anche per chi effettua attività di volontariato non realizzabili al di fuori delle fasce orarie (Cass. n. 2604/90) o si reca in ospedale per visitare un familiare stretto, quando l’orario di visita ai degenti coincide con le fasce di reperibilità (Cass. 5718/2010) o lo assiste mentre si trova in gravi condizioni (Cass. n. 10661/2016).

Il lavoratore, perché l’assenza alla visita fiscale possa non essere sanzionata, deve fornire la documentazione comprovante il giustificato motivo di assenza, a nulla rilevando la preventiva comunicazione al datore di lavoro o all’INPS (circolare INPS n. 147/96).

Per approfondire: “Come evitare la visita fiscale inps? i casi di esonero“.

Cosa fare in caso di assenza alla visita fiscale Inps?

In caso di assenza durante la visita fiscale, verrà rilasciato il verbale di mancata presenza e sarà invitato a recarsi presso gli ambulatori della Struttura territoriale INPS di competenza. Qualora, il giorno previsto per la visita ambulatoriale, il lavoratore deve rientrare al lavoro dopo la malattia, lo stesso è esonerato.

I lavoratori assenti durante la visita fiscale hanno 15 giorni di tempo dalla visita fiscale mancata per comunicare le motivazioni dell’assenza con una valida giustificazione. Il verbale di mancata presenza alla visita fiscale viene inviato dal medico a INPS e al datore di lavoro che potrebbe anche avviare un procedimento disciplinare contro il lavoratore.

Certificato malattia Inps: cos’è il codice E?

Tra le moltissime domande che ci arrivano riguardanti le possibilità di esenzione dal certificato di malattia Inps c’è anche quella che riguarda l’indicazione del Codice “E” nel certificato di malattie. Non si tratta di un elemento utile ai fini della comunicazione dell’esonero dalle visite fiscali Inps. Si tratta, infatti, di una convinzione comune che l’indicazione di tale codice consentisse di evitare le visite fiscali durante gli orari di reperibilità. Tale codice, infatti, non ha finalità di esenzione ma serve ad uso interno dell’Istituto. L’esenzione dalle visite fiscali riguarda soltanto la reperibilità e non il controllo. Questo significa quindi che il controllo concordato sarà sempre possibile.

Quali sanzioni in caso di assenza alla visita fiscale?

Per il lavoratore che si assenta da lavoro in caso di malattia e, qualora non risultasse reperibile presso l’indirizzo indicato nel caso di visita fiscale durante le fasce di reperibilità, è prevista l’applicazione di sanzione per assenza ingiustificata. In caso di assenza e di non reperibilità durante le fasce orarie per le visite fiscali al lavoratore viene decurtata una parte dello stipendio.

Le sanzioni per assenza durante gli orari visite fiscali sono le seguenti:

  • 100% della decurtazione della retribuzione per i primi 10 giorni di patologia;
  • 50% per le successive giornate.

I lavoratori assenti dall’indirizzo indicato per le visite fiscali possono comunque presentare, entro 15 giorni dalla notificata sanzione, una giustificazione valida per l’assenza immotivata.

Per approfondire: “Sanzioni per assenza alle visite fiscali Inps“.

Giurisprudenza e licenziamento in caso di assenza ingiustificata alla visita medica di controllo

Vediamo, di seguito, alcune pronunce interessanti della Cassazione in merito alle conseguenze legate all’assenza reiterata alla visita fiscale di un lavoratore dipendente.

Licenziamento per giusta causa per assenza reiterata alla visita fiscale

Assenza reiterata alla visita fiscale (Cass. 2.12.2016 n. 24681)
Il lavoratore assente per malattia che violi ripetutamente l’obbligo di reperibilità nelle fasce orarie che la legge (art. 5 co. 14, Legge n. 638/83) prevede per l’effettuazione delle visite domiciliari di controllo può essere legittimamente licenziato per giusta causa. Questo a prescindere dall’effettivo stato di malattia, a meno che non dimostri che l’assenza sia stata determinata dalla necessità di allontanarsi dal suo domicilio.
A tal fine non è sufficiente che il lavoratore, come nel caso di specie, esibisca il certificato medico attestante l’effettuazione di una visita specialistica. E’ necessario che dimostri che quest’ultima non poteva essere effettuata in altro orario diverso da quello previsto per le fasce di reperibilità.

Visite fiscali come giusta causa di licenziamento del lavoratore

Assenza alle visite domiciliari durante la malattia (Cass. 4.1.2017 n. 64)
Lo stato di malattia della lavoratrice determina l’inefficacia del primo licenziamento per giustificato motivo irrogatole per l’inadeguatezza al ruolo rivestito. Tuttavia, non impedisce il successivo licenziamento per giusta causa, per essere venuta meno all’obbligo di permanenza presso il proprio domicilio durante le fasce orarie previste per le visite fiscali. La giusta causa, infatti, impedendo la prosecuzione del rapporto di lavoro anche solo in via temporanea, prevale sull’esigenza di conservazione del posto di lavoro durante la malattia. Inoltre, la sanzione del licenziamento può dirsi proporzionata rispetto alla condotta tenuta dalla dipendente. Ancora più grave tenuto conto dell’incarico dirigenziale ad essa attribuito.

Visita fiscale Inps: FAQ

Chi decide di inviare la visita fiscale?

La visita fiscale è una possibilità con cui devono fare i conti i lavoratori dipendenti che si trovano in malattia. Infatti, su istanza del datore di lavoro o della stessa INPS i medici della mutua sono chiamati ad effettuare le visite fiscali per i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato.

Quando può arrivare la visita fiscale?

Il personale medico incaricato dall’Inps può far visita al lavoratore, presso il domicilio indicato nel certificato di malattia, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 se si tratta di un dipendente pubblico, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 se si tratta di un lavoratore del settore privato.

Cosa succede se il medico fiscale viene fuori orario?

Le sanzioni per assenza durante gli orari visite fiscali sono le seguenti: 100% della decurtazione della retribuzione per i primi 10 giorni di patologia. 50% per le successive giornate. L’assenza alla terza visita causa la perdita totale dell’indennità sino al termine della malattia.

Cosa fare in caso di assenza alla visita fiscale?

Come giustificare l’assenza alla visita fiscale? Il dipendente, per giustificare l’assenza dal proprio domicilio durante le fasce di reperibilità, quando la motivazione dell’assenza stessa è di natura sanitaria, deve trasmettere all’Inps la relativa documentazione entro 15 giorni.

Come si fa a sapere se è passato il medico fiscale?

Del passaggio a vuoto del medico fiscale può avere conoscenza soltanto il datore di lavoro, accedendo alla sezione del sito web dell’Inps dedicata alle visite mediche di controllo.

Cosa succede se durante la malattia non mi trovano a casa?

Il lavoratore deve recarsi all’ambulatorio indicato per effettuare la visita ma se non lo fa lo stesso dovrà fornire all’Istituto e al datore di lavoro una giustificazione entro 10 giorni. Se non si presenta una giustificazione si rischia di perdere l’indennità di malattia spettante.

Quante volte il datore di lavoro può chiedere la visita fiscale?

Durante gli orari di reperibilità il lavoratore può essere sottoposto, dopo l’invio del certificato medico all’INPS, a controllo da parte del medico fiscale. La visita fiscale può essere ripetuta anche due volte nello stesso giorno.

Quante volte si può prolungare la malattia?

Addirittura, il medico fiscale può passare due volte nell’arco della stessa giornata. Ma procediamo per ordine, e vediamo, in caso di malattia, come prolungare l’assenza dal lavoro.

Come comunicare all’Inps la fisioterapia?

Nel comunicare all’Inps e alla propria azienda tale necessità, il dipendente dovrà presentare la documentazione medica attestante il suo stato di salute, il motivo dell’assenza dal domicilio, giorni e orari in cui la fisioterapia potrà coincidere con un’eventuale visita fiscale.

Cosa succede dopo sei mesi di malattia?

Il termine del comporto ricomincia da capo ogni anno. Per cui, ad esempio, un dipendente con più di 10 anni di servizio non può essere licenziato dopo 6 mesi se questi sono a cavallo tra due anni.

Chi paga la malattia dopo 180 giorni?

L’indennità pagata dall’INPS spetta dal quarto giorno successivo a quello di inizio della malattia e per tutta la durata della malattia, indicata nella prognosi, fino ad un massimo di 180 giorni complessivi per ciascun anno solare.

Quanti giorni di malattia si possono fare prima di essere licenziati?

Se il periodo di comporto è secco, per un eventuale licenziamento verranno prese in considerazione solo le assenze consecutive: pertanto il dipendente dovrà accertarsi di non assentarsi oltre 180 giorni di fila. In tal caso, al cent’ottantunesimo giorno di assenza potrebbe scattare il licenziamento.

Chi paga la malattia del lavoratore?

L’indennità di malattia Inps viene erogata direttamente dal datore di lavoro in busta paga. I primi tre giorni di malattia non vengono indennizzati dall’INPS. Tuttavia, la generalità dei contratti collettivi pone la retribuzione a carico del datore di lavoro, in misura pari al 100%. Di conseguenza, il dipendente non subirà alcuna diminuzione del compenso.

Quanta malattia si può fare nella vita lavorativa?

6 mesi, per anzianità di servizio fino a 3 anni compiuti; 9 mesi, per anzianità di servizio oltre i 3 anni e fino ai 6 anni compiuti; 12 mesi, per anzianità di servizio oltre 6 anni.

Quanto si può stare in malattia in caso di depressione?

I giudici rilevano infatti che dal certificato medico presentato dal dipendente risulta una diagnosi di “episodio di depressione maggiore” e una prescrizione di 15 giorni di riposo e cura. Lo specialista che cura depressione e ansia è lo psichiatra, il medico cioè che, dopo la laurea in medicina, ha frequentato un corso di specializzazione di cinque anni per la cura dei disturbi della sfera emotiva.

Nessun Commento

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome