bonus bollette

Il bonus bollette non è una figura di recente introduzione, tuttavia con gli aumenti degli ultimi mesi, si è rivelato un alleato indispensabile per le imprese.

Il legislatore ha dunque deciso di intervenire, rendendolo automatico per le famiglie il cui indice ISEE non supera 8.265 euro annui, oltre che per le famiglie numerose e i percettori del reddito e della pensione di cittadinanza.

Anche l’entità del bonus sarà presto oggetto di revisione.

Pubblicità

Sarà compito dell’ARERA definire quanto ammonterà il bonus, individuando l’importo caso per caso.

Si ritiene che per le bollette della luce si andrà da 46 a 64 euro circa, mentre per il gas da 9 a 147 euro circa.

Per beneficiarne, ovviamente, sarà necessario che almeno uno dei componenti del nucleo familiare ISEE debba essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici e attivo, oppure usufruire di una fornitura condominiale gas e/o idrica attiva.

Vediamo cosa c’è da sapere sul punto.

Cos’è il bonus bollette?

Una delle recenti novità introdotte dal Governo con il decreto energia approvato lo scorso 23 settembre 2021, attiene al c.d. bonus bollette. Di cosa si tratta? E quali sono i requisiti richiesti per l’accesso al bonus sociale sulle bollette di luce e gas?

Tale strumento rientra tra i bonus sociali ( energia elettrica, gas e idrico) riconosciuti automaticamente alle famiglie economicamente disagiate.

L’intervento, invero sarà piuttosto considerevole per una buona fascia di popolazione. Esso si è rivelato ancora di più necessario soprattutto a seguito dei rincari dell’ultimo periodo.
Come stima l’Arera (’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente) l’intervento ha un costo di circa 2,4 miliardi di euro. 

La più interessante novità sul bonus bollette è che non sarà più necessario presentare domanda.

Lo strumento, infatti non è di recente introduzione. Tuttavia, in precedenza era subordinato ad istanza dell’utente.

Grazie al recente intervento del legislatore, invece, sarà infatti riconosciuto automaticamente nella bolletta della luce e del gas ai contribuenti con ISEE non superiore al limite di 8.265 euro annui, alle famiglie numerose e ai percettori del reddito e della pensione di cittadinanza.

Sarà compito dell’ARERA definire quanto ammonterà il bonus, individuando l’importo caso per caso.

Si ritiene che per le bollette della luce si andrà da 46 a 64 euro circa, mentre per il gas da 9 a 147 euro circa.

Quindi un considerevole incentivo per le famiglie.

Esso, inoltre, sarà percepito sulle bollette di luce e gas relative all’ultimo trimestre dell’anno e, per quanto riguarda l’energia elettrica, spetterà sia ai contribuenti titolari dello sconto per disagio fisico che economico.

I requisiti

Come detto poc’anzi, il bonus bollette è erogato automaticamente. Tuttavia, solo una parte della popolazione potrà beneficiare del presente contributo.

In primo luogo, l’ARERA riconosce a tre categorie di soggetti la facoltà di accedere al contributo in questione. Questi sono:

Inoltre, come è logico che sia, è necessario che almeno uno dei componenti del nucleo familiare ISEE debba essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici e attivo, oppure usufruire di una fornitura condominiale gas e/o idrica attiva.

Tutti coloro, dunque, che presentano i predetti requisiti otterranno automaticamente il riconoscimento dell’incentivo, a differenza di quanto accadeva in precedenza, quando era necessario presentare apposita domanda.

Quando è necessario ancora presentare domanda?

Invero, non per tutti gli utenti sarà erogato automaticamente l’incentivo. Il bonus bollette è ancora soggetto a domanda laddove l’utente versi in uno stato di disagio fisico.

Infatti, ai clienti affetti da grave malattia o conviventi con un malato grave, lo sgravio spetta a prescindere dal limite di ISEE, ciò richiedendo, dunque, apposita domanda.

In questo caso, la domanda dovrà essere presentata al Comune, corredata dei seguenti documenti:

  • un certificato ASL che attesti la grave situazione di salute, la necessità di utilizzo di apparecchiature elettromedicali, la tipologia delle stesse e l’indirizzo presso cui è installata;
  • il documento di identità e il codice fiscale del richiedente e del malato;
  • il modulo B compilato.

Tuttavia, ti ricordiamo che dovrai eventualmente munirti del codice POD e conoscere la potenza impegnata o disponibile della fornitura.

Bonus bollette: a quanto ammonta?

Abbiamo poc’anzi affermato che il bonus bollette è previsto in misura variabile a seconda del caso concreto.

L’Arera dovrà poi intervenire anche al fine di ridefinire l’importo dell’incentivo.

Ad oggi possiamo però fare mente locale su quelli che sono gli sgravi attuali.

L’incentivo valido fino a settembre 2021

Dal 1° gennaio 2021, il bonus sulle bollette dell’energia elettrica va da 128 a 177 euro.

Secondo l’originaria disciplina, l’importo dello sconto sulle bollette della luce è calcolato in base al numero dei componenti del nucleo familiare, ed è pari a:

  • 128 euro per le famiglie con 1-2 componenti;
  • 151 euro per le famiglie con 3-4 componenti;
  • 177 euro per le famiglie numerose con più di 4 componenti.

Mentre per quanto riguarda il bonus gas, questo varia a seconda di due indici: modalità di utilizzo, e zona climatica.

In particolare, possiamo così riassumere gli sgravi previsti:

IMPORTO BONUS BOLLETTE GAS FAMIGLIE FINO A 4 COMPONENTIZONA CLIMATICA A/BCDEF
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura3030303030
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura + Riscaldamento6783109136170
Importo bonus bollette gas famiglie oltre a 4 componentiZona Climatica A/BCDEF
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura4646464646
Acqua calda sanitaria e/o Uso cottura + Riscaldamento93121157192245

Dopo l’approvazione del decreto, tuttavia, ricordiamo che tale indici subiranno una modifica.

Bonus bollette per disagio fisico

Ad oggi, l’ammontare dell’importo del bonus bollette, in caso di disagio fisico, ha delle proprie regole, che sono individuate dal legislatore.

Infatti, per coloro che dovranno ancora fare domanda per accedere allo sgravio in questione, l’importo riconosciuto della riduzione, sull’energia elettrica, è così determinato:

L’importo dello sconto riconosciuto sarà quindi articolato su tre livelli, ossia:

€/anno per punto prelievo anno 2021FASCIA MINIMAFASCIA MEDIAFASCIA MASSIMA
extra consumo rispetto a utente tipo (2700/kWh/anno)fino a 600 kWh/annotra 600 e 1200 kWh/annooltre 1200 kWh/anno
fino a 3 kW€ 189€ 311€ 449
oltre 3 kW (da 4,5 kW in su)€ 442€ 559€ 67
"Laureatasi in Giurisprudenza con la votazione di 110 e Lode presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" e con approfondita conoscenza delle materie del Diritto Civile e del Diritto Amministrativo. Ha brillantemente concluso la pratica forense in diritto civile e il tirocinio ex art. 73 d.l. 69/2013 presso la Procura della Repubblica di Napoli Nord".

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome