Home Fisco Nazionale Partita Iva e lavoro autonomo Assegni familiari e gestione separata: quando spettano?

Assegni familiari e gestione separata: quando spettano?

Assegni familiari: agli iscritti alla Gestione separata spettano gli assegni familiari? Quando spettano? Come si ottengono? Vediamo insieme tutto ciò che c'è da sapere.

0

Gli assegni familiari possono essere concessi anche ai lavoratori che sono iscritti alla Gestione separata. Questi sono, in genere, lavoratori autonomi o parasubordinati che non sono iscritti ad apposite casse o albi. Tale forma di incentivo è erogata dall’INPS nel caso in cui il lavoratore abbia a proprio carico figli o equiparati, anche non conviventi:

  • che abbiano meno di 18 anni di età,
  • che siano apprendisti o studenti di scuola media inferiore sino a 21 anni,
  • oppure che siano studenti universitari sino a 26 anni e nei limiti del corso legale di laurea,
  • che siano inabili al lavoro e abbiano qualsiasi età.

Le modalità di accesso, invero, sono molto semplici. E’ possibile procedere alla compilazione del form online, dichiarando il possesso dei requisiti.

Vediamo insieme cosa c’è da sapere sugli assegni familiari per i lavoratori iscritti alla gestione separata.


Cosa sono gli assegni familiari?

In primo luogo, individuiamo brevemente l’inquadramento generale della fattispecie in analisi.

L’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) è una prestazione economica erogata dall’INPS ai nuclei familiari di alcune categorie di lavoratori, tra i quali i titolari:

  • delle pensioni;
  • delle prestazioni economiche previdenziali;
  • prestazioni da lavoro dipendente;
  • delle prestazioni dei lavoratori assistiti dall’assicurazione contro la tubercolosi

Ai fini del riconoscimento degli assegni familiari, possono essere considerati familiari a carico e, pertanto, possono legittimare la concessione dell’assegno, innanzitutto i figli o equiparati, anche non conviventi:

  • che abbiano meno di 18 anni di età,
  • che siano apprendisti o studenti di scuola media inferiore sino a 21 anni,
  • oppure che siano studenti universitari sino a 26 anni e nei limiti del corso legale di laurea,
  • che siano inabili al lavoro e abbiano qualsiasi età.

Recenti novità in tema di assegni familiari

La novità maggiormente attesa è la sostituzione dei molteplici incentivi che vengono generalmente erogati con un assegno unico familiare. Tale nuovo strumento dovrebbe diventare incentivo onnicomprensivo per il sostegno alle famiglie con figli, in sostituzione delle misure frammentate ad oggi vigenti.

I sussidi che sono stati sostituiti dall’assegno unico sono:

  • assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori, di cui all’articolo 65 della legge 23 dicembre 1998, n. 448;
  • assegno di natalità o bonus bebè;
  • premio nascita o anche bonus mamma domani.

Assegni familiari e gestione separata

I lavoratori iscritti alla Gestione Separata INPS, come collaboratori o come liberi professionisti hanno diritto agli assegni familiari (denominati Assegni al Nucleo Familiare – ANF), se hanno figli minori e/o familiari inabili. Sono una prestazione economica di natura previdenziale per i nuclei familiari dei lavoratori iscritti alla Gestione Separata. Dal beneficio sono esclusi i lavoratori iscritti ad altre forme obbligatorie e i pensionati.

Vediamo preliminarmente cosa si intende per Gestione separata.

La gestione separata

Gli assegni familiari sono, dunque, dovuti anche agli iscritti alla gestione separata. La riforma del 1996 ha introdotto una specifica modalità di calcolo di riferimento il sistema contributivo. La normativa, infatti, ha previsto che l’entità delle pensioni degli iscritti dipenderà cioè dai contributi effettivamente versati dal lavoratore.

Lo scopo principale della legge Dini era quello di garantire tutela ai lavoratori a categorie di lavoratori fino ad allora escluse. I modi individuati dalla normativa erano essenzialmente tre:

  • costituzione di nuovi fondi previdenziali;
  • aggregando alcune categorie di professionisti a casse professionali già esistenti;
  • istituendo la Gestione separata.

Quest’ultima è stata proprio prevista in favore di coloro che non hanno una propria cassa previdenziale.

Chi sono i destinatari degli assegni familiari

Gli assegni familiari sono dovuti ai lavoratori parasubordinati e autonomi iscritti alla Gestione Separata, di cui all’articolo 2, comma 26, legge 8 agosto 1995, n. 335, laddove si verifichino le seguenti condizioni:

  • iscrizione esclusiva alla Gestione Separata (ad esempio parasubordinati, collaboratori e figure assimilate, liberi professionisti);
  • versamento dell’aliquota contributiva comprensiva della quota aggiuntiva (attualmente pari a 0,72%) destinata al finanziamento dell’Assegno per il Nucleo Familiare e della maternità;
  • copertura contributiva nel periodo di interesse.

Ogni anno l’INPS comunica le aliquote, il valore minimale e il valore massimale del reddito considerato per il calcolo dei contributi dovuti da tutti i soggetti iscritti alla Gestione Separata (circolare INPS 5 febbraio 2021, n. 12).

Inoltre, è necessaria la contestuale iscrizione ad altre forme obbligatorie di previdenza gestite dall’Istituto  oppure fruizione di assegni pensionistici  per periodi coincidenti non consente  il riconoscimento delle prestazioni.

Come funziona?

L’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF),a partire dal 1° gennaio 1998 è stata esteso anche agli iscritti alla Gestione Separata, di cui all’articolo 2, comma 26, legge 335/1995, previa domanda all’Istituto. Il periodo di riferimento per l’ANF nella Gestione Separata va dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

L’erogazione dell’ANF è legata alle modalità di accredito dei contributi.

Per il criterio di cassa, i contributi versati per l’anno in cui il lavoratore ha percepito gli emolumenti, sono accreditati a decorrere dal mese di gennaio dello stesso anno di percezione degli emolumenti. In caso di prima iscrizione del lavoratore alla Gestione Separata, l’accredito dei contributi decorre dal mese d’iscrizione.

I contributi vengono accreditati per tutti i mesi relativi a ciascun anno solare a condizione che sia stata versata una contribuzione annua non inferiore a quella calcolata sul minimale di reddito rivalutato annualmente. In caso di contribuzione annua inferiore a questo importo, i mesi sono ridotti in proporzione alla somma versata e sono accreditati, continuativamente, sempre a partire da gennaio per un numero di mesi pari a quello risultante dalla divisione per 12 del minimale annuo.

Quanto spetta?

L’importo varia in base al numero dei componenti, alla tipologia e al reddito complessivo percepito dal nucleo familiare.

I redditi del nucleo familiare da considerare ai fini ANF sono quelli, conseguiti da tutti i componenti del nucleo familiare, assoggettabili all’ IRPEF , al lordo delle detrazioni d’imposta, degli oneri deducibili e delle ritenute erariali. Sono da indicare anche i redditi esenti da imposta o soggetti alla ritenuta alla fonte a titolo di imposta o imposta sostitutiva (se superiori complessivamente a 1.032,91 euro).

Il reddito familiare è quello relativo all’anno solare precedente il 1° luglio di ciascun anno.

Per aver diritto alla prestazione, è necessario che il reddito complessivo del nucleo familiare sia composto, per almeno il 70%, da reddito derivante da attività indicate all’articolo 2, comma 26, legge 335/1995. In caso di nucleo familiare a composizione reddituale mista, si considera realizzato il requisito del 70% anche con la somma dei redditi da lavoro dipendente e dei redditi derivanti da attività di cui all’articolo 2, comma 26, legge 335/1995, sia che questi redditi siano conseguiti dai due coniugi/parte di unione civile o dal solo lavoratore richiedente.

Come procedere all’iscrizione alla gestione separata

Come abbiamo evidenziato nel precedente paragrafo, è possibile accedere agli assegni se sei iscritto alla gestione separata. A tal proposito ricordiamo che il lavoratore deve procedere autonomamente all’iscrizione in questione. La procedura, invero, è piuttosto semplice e può essere posta in essere anche in via elettronica.

Il modulo di domanda può essere presentato attraverso uno dei seguenti canali:

  • web, avvalendosi dei servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’INPS;
  • via telefono, contattando il Contact Center Multicanale al numero verde 803164; in alternativa, è possibile usare il numero 06-164164, a pagamento secondo le tariffe predisposte dal proprio gestore telefonico 
  • patronati e tutti gli intermediari dell’Istituto, usufruendo dei serviti telematici offerti dagli stessi.  

Quale reddito bisogna prendere in considerazione al fine di ottenere gli assegni familiari?

 Il reddito familiare da considerare è quello conseguito nell’anno solare precedente il 1° luglio di ciascun anno per il quale si richiede la prestazione familiare ,  fino al 30 giugno dell’anno successivo. 

Il reddito deve essere calcolato tenendo conto del reddito dell’intero nucleo familiare. Non rileva che la composizione del reddito sia mista, cioè cha alcuni membri della famiglia sono lavoratori autonomi ed altri lavoratori dipendenti. Per aver diritto alla prestazione, è necessario che il reddito complessivo del nucleo familiare sia composto, per almeno il 70%, da reddito derivante da attività indicate all’articolo 2, comma 26, legge 335/1995.

Laddove abbia carattere misto è necessario che nell’anno solare di riferimento, il 70% del reddito complessivo derivi da lavoro dipendente e il reddito derivante da attività occasionali o parasubordinate.

Gli assegni familiari, dunque, è determinato in base al numero dei componenti, alla tipologia e al reddito complessivo percepito dal nucleo familiare, secondo quanto stabilito nelle tabelle reddituali pubblicate ogni anno.

Come ottenere gli assegni familiari

Potrai accedere molto semplicemente agli assegni familiari. L’incentivo viene erogato direttamente dall’INPS, tramite accredito su conto bancario o postale.

Per quanto attiene invece alla presentazione della domanda, quest’operazione può essere effettuata esclusivamente attraverso il servizio online dedicato.

E’ necessario, quindi, presentare l’istanza a decorrere dal 1° febbraio dell’anno successivo a quello in cui sono stati corrisposti gli emolumenti.

Articolo precedenteValute virtuali con monitoraggio trimestrale
Prossimo ArticoloBonus asilo nido 2021
"Laureatasi in Giurisprudenza con la votazione di 110 e Lode presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" e con approfondita conoscenza delle materie del Diritto Civile e del Diritto Amministrativo. Ha brillantemente concluso la pratica forense in diritto civile e il tirocinio ex art. 73 d.l. 69/2013 presso la Procura della Repubblica di Napoli Nord".

Nessun Commento

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome