Visto di conformità asseverazione bonus casa
Visto di conformità asseverazione bonus casa

Recentemente con le nuove disposizioni in materia di bonus fiscali per l’edilizia, si è parlato frequentemente di visto di conformità e asseverazione, indicando alcune documentazioni importanti relative ai lavori per cui vengono richieste particolari agevolazioni fiscali. In particolare, nel 2022 torneranno moltissimi dei bonus per l’edilizia già presenti quest’anno, ma verranno applicate, secondo il nuovo “Decreto antifrode” (D.L. n. 157/2021), misure specifiche per limitare l’eventualità di illeciti proprio sulla ricezione delle agevolazioni fiscali previste con i lavori sugli immobili.

Il visto di conformità (che attesta il diritto al beneficio) viene introdotto in modo obbligatorio per tutti i richiedenti le agevolazioni, ed esteso anche a quei bonus per cui in precedenza non era previsto. L’asseverazione è una attestazione redatta da un professionista che conferma la congruità delle spese sostenute rispetto alla possibilità di accedere alle detrazioni fiscali. Tuttavia, tra visto di conformità e asseverazione, non è raro cadere in confusione. Vediamo in questo articolo quali sono le differenze tra visto di conformità e asseverazione, e a cosa serviranno secondo le ultime decisioni in merito ai bonus fiscali che vengono riproposti per il 2022.

Bonus per l’edilizia e Decreto antifrode

I bonus per l’edilizia proseguiranno anche nel 2022, e questo significa che a partire da gennaio sarà nuovamente possibile chiedere le agevolazioni fiscali per il nuovo anno come il Superbonus 110%, il Sismabonus e l’Ecobonus ordinario, il Bonus facciate, e altri importanti Bonus Casa, seppur con qualche modifica introdotta dalla nuova Legge di Bilancio 2022.

I bonus per l’edilizia sono tuttavia sottoposti alle nuove misure del Decreto antifrode, che vuole limitare la diffusione di episodi di raggiro delle norme per accedere alle agevolazioni fiscali. Si tratta di fatto di limitazioni agli accessi che vengono introdotte per evitare il compimento di illeciti a danno dello stato.

Con il Decreto antifrode viene introdotto in forma estesa l’obbligo del visto di conformità per poter procedere alla richiesta delle agevolazioni, per tutti i bonus fiscali dell’edilizia disponibili. Secondo il Decreto antifrode tutti i cittadini che vorranno accedere ai bonus dovranno presentare il visto di conformità per tutti i bonus, sia se le agevolazioni vengono riconosciute con il metodo standard, ovvero dilazionate negli anni, sia tramite cessione del credito o sconto in fattura. Queste due modalità sono state la causa maggiore del moltiplicarsi di situazioni di illeciti a danno dei bonus stessi, per cui il Decreto Antifrode propone un maggiore controllo, tramite anche la sospensione delle possibilità da parte dell’Agenzia delle Entrate nel caso di soggetti o situazioni considerate a rischio. Infine, il Decreto ha introdotto anche un listino prezzi unificato per tutte le regioni italiane, in modo da limitare l’eventualità del proliferare di un aumento dei prezzi senza controllo per i lavori.

Visto di conformità per i bonus casa: di cosa si tratta

Il Visto di conformità di fatto è un documento, come spiegava l’Agenzia delle Entrate in una comunicazione ufficiale, che conferma che sono rispettati tutti i criteri e le limitazioni per poter accedere alle agevolazioni fiscali previste dai bonus:

“Il visto di conformità è rilasciato, ai sensi dell’articolo 35 del decreto legislativo n. 241/1997, dai soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro) e dai responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF.”

Il visto di conformità quindi si può richiedere direttamente ai professionisti che si occupano di fare da intermediari tra cittadini e fisco, come commercialisti o centri CAF. Questo documento viene rilasciato previo controllo sulla trasmissione telematica di tutta la documentazione inerente al lavoro svolto, alle spese, e alle informazioni sui soggetti coinvolti. In pratica, chi si occupa di erogare il visto di conformità deve anche verificare che siano presenti tutte le documentazioni da parte di professionisti incaricati al controllo dei lavori. Tra questa documentazione rientra anche l’asseverazione tecnica. Non bisogna confondere il visto di conformità con l’asseverazione. Mentre per l’asseverazione si tratta di una documentazione rilasciata dai professionisti dell’assistenza fiscale, nel secondo caso il visto viene rilasciata dai professionisti che verificano la presenza della documentazione utile all’ottenimento del bonus fiscale sui lavori eseguiti.

Con la Circolare n. 16/E/2021 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che le spese sostenute per l’apposizione del visto di conformità sono detraibili IRPEF anche se il contribuente fruisce del superbonus direttamente nella propria dichiarazione dei redditi. Il contribuente è tenuto a conservare la documentazione che attesta il rilascio del visto di conformità (che deve essere rilasciato entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi), unitamente ai documenti giustificativi delle spese e delle attestazioni che danno diritto alla detrazione.

Esonero dal visto di conformità per chi presenta la dichiarazione precompilata

Con il D.L. n. 157/2021 è stata introdotta l’estensione del visto di conformità (non solo in caso di sconto in fattura o cessione del credito) anche nel caso in cui il contribuente decida di fruire della detrazione direttamente in dichiarazione dei redditi. Il contribuente è esonerato dal rilascio del visto qualora la dichiarazione dei redditi venga presentata direttamente del contribuente all’Agenzia delle Entrate (tramite la dichiarazione precompilata, modello 730 o Redditi), ovvero tramite il sostituto di imposta (datore di lavoro o ente pensionistico) che presta l’assistenza fiscale.

La check list dei commercialisti per il visto di conformità su ecobonus e sismabonus

La Fondazione Nazionale dei Dottori Commercialisti ha pubblicato le check list legate al visto di conformità per l’ecobonus e per il sismabonus. Di seguito si riportano i documenti pubblicati, relativi ai controlli che devono essere effettuati ai fini dell’apposizione del visto di conformità sull’apposita comunicazione da inoltrare all’Agenzia delle entrate per attestare la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta, nei casi di opzione per la cessione del credito d’imposta o per lo sconto in fattura. 

Allegati
pdf Il superbonus 110%: check list visto di conformità ecobonus e sismabonus
pdf Check list 110% ecobonus
pdf Check list 110% sismabonus

Asseverazione per i bonus casa: di cosa si tratta

L’asseverazione tecnica è un documento che viene erogato da professionisti, come geometri, ingegneri o architetti, che la quale attesta la congruità delle spese sostenute lavori. L’asseverazione è indispensabile per poter richiedere l’accesso a determinati bonus per l’edilizia, come il Superbonus 110%.

Tramite l’asseverazione, il soggetto dimostra che sono rispettati i requisiti tecnici dei lavori specifici per poter richiedere l’agevolazione fiscale, e che le spese sostenute sono effettivamente quelle per i lavori specifici indicati. Il D.L. n. 157/2021 ha previsto che, per stabilire la congruità delle spese che devono essere asseverate, è necessario fare riferimento ai prezziari individuati dal decreto ministeriale (decreto del Ministro dello sviluppo economico del 6 agosto 2020, recante “Requisiti tecnici per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici – cd. Ecobonus“), ma anche ai valori massimi stabiliti da un decreto del Ministro della transizione ecologica (di prossima pubblicazione). Di fatto, quindi, l’asseverazione attesta il costo massimo per ogni tipologia di intervento sostenuto dal contribuente.

I tecnici che si occupano di fornire l’asseverazione tecnica per l’accesso ai bonus possono anche confermare la congruità delle spese sostenute, al fine di garantire l’accesso ai bonus ai soggetti beneficiari. Successivamente, l’asseverazione va presentata ai professionisti che si occupano dei rapporti con il fisco, per poter procedere alla domanda e alla conferma dei requisiti tramite Visto di Conformità.

Come spiegava la comunicazione ufficiale dell’Agenzia delle Entrate sul Superbonus 110%, l’asseverazione è anche un documento importante da inviare all’ENEA:

“Una copia dell’asseverazione riferita agli interventi di efficientamento energetico è trasmessa, esclusivamente per via telematica, all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) secondo le modalità stabilite dal decreto del Ministro dello sviluppo economico del 6 agosto 2020.”

Per quanto riguarda il Superbonus 110%, le asseverazioni non possono essere sostituite da altra documentazione come la dichiarazione del fornitore o installatore, non abilitato. Nel caso di dichiarazioni false o scorrette, si può anche incorrere ad importanti sanzioni.

Lavori trainati: visto di conformità e asseverazione

Il Visto di Confromità e l’asseverazione, secondo una recente conferma, sono necessari per il Superbonus 110% sia per i lavori detti “trainanti” che sui lavori “trainati”. La normativa prevede che per poter accedere all’agevolazione in questo caso è necessario effettuare almeno un lavoro considerato come trainante, insieme ai lavori trainanti. Tuttavia l’obbligo di procedere con il Visto di Conformità e l’asseverazione tecnica è previsto sia per i lavori definiti come trainanti che per i lavori trainati, non ci sono distinzioni in questi casi. I nuovi obblighi di fatto rendono più rigidi gli accessi ai bonus, in linea con il Decreto antifrode.

Visto di conformità e asseverazione sono entrambe necessarie per molti dei bonus per l’edilizia al momento presenti, che torneranno a partire dal prossimo anno. Per approfondimento su quali bonus torneranno nel 2022, è consigliata la lettura di questo articolo: “Bonus edilizia 2022 e decreto antifrode“.

Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle partite Iva. Collaboro con Fiscomania.com per la pubblicazione di articoli di news a carattere fiscale. Un settore complesso quello fiscale ma dove non si finisce mai di imparare.

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome