La Spagna è il secondo paese più visitato al mondo e le persone vi viaggiano per una serie di motivi. Ci sono vari tipi di visto per la Spagna a seconda della nazionalità e della motivazione del tuo trasferimento. La Spagna è membro dell’Unione Europea e fa parte dell’area Schengen, condivide una politica sui visti e un confine esterno comune con gli altri paesi partecipanti. In quanto tale, è particolarmente facile per i cittadini facenti parte dell’UE trasferirsi in Spagna. I viaggiatori possono muoversi liberamente tra i paesi Schengen senza passare attraverso il controllo passaporti. Un visto Schengen offre ai visitatori l’accesso a tutti i 26 paesi Schengen. I lavoratori e gli studenti hanno bisogno di diversi tipi di visto.

La Spagna ha salari più bassi e una disoccupazione più alta rispetto a molti altri paesi dell’UE. Il paese è stato duramente colpito dalla pandemia di COVID-19, tuttavia, gli economisti prevedono che si riprenderà. Si prevede che il PIL crescerà del 5,5% nel 2022 e del 3,8% nel 2023.

Chi ha bisogno di un visto per la Spagna?

La Spagna è membro dell’Unione Europea e fa parte dell’area Schengen. Prima di capire chi ha bisogno di un visto per la Spagna, occorre effettuare una distinzione fra:

  • Cittadini UE/SEE;
  • Cittadini non UE/SEE.

Chiunque decida di entrare in Spagna via terra, mare o aria deve presentare almeno un documento alla polizia di frontiera. I documenti che dovrai portare con te dipendono dalla tua nazionalità.

Cittadini UE/SEE

I cittadini dell’UE, dello Spazio economico europeo (SEE) e della Svizzera non hanno bisogno di un visto per visitare, vivere, lavorare o studiare in Spagna. Occorre una carta d’identità valida o un passaporto. 

Tuttavia, se hai intenzione di rimanere a lungo termine in Spagna, devi registrarti presso le autorità spagnole e ottenere un numero di identità nazionale. Tale registrazione deve essere effettuata entro tre mesi dal tuo arrivo.

Cittadini non UE/SEE

I cittadini di altri paesi avranno bisogno di un visto per visitare, vivere e studiare in Spagna. Nella maggior parte dei casi è richiesto anche un permesso di lavoro. Sono inclusi anche i cittadini del Regno Unito che non erano residenti legali in Spagna prima del 1 gennaio 2021. 

I cittadini provenienti da paesi senza un accordo con gli stati Schengen hanno bisogno di un visto per soggiornare a breve termine (meno di 90 giorni) in Spagna.

Tutti i viaggiatori non UE/SEE devono presentare i seguenti documenti alla polizia di frontiera quando arrivano a un porto di ingresso spagnolo:

  • Passaporto o un documento di viaggio valido per almeno altri tre mesi oltre la data prevista per l’uscita dall’area Schengen. Inoltre, deve essere stato rilasciato negli ultimi 10 anni.
  • Un visto, se sei soggetto al regime dei visti spagnolo.
  • Prova di alloggio, ovvero un documento che mostra dove soggiornerai durante il tuo soggiorno in Spagna, ad esempio un contatto per la prenotazione di un hotel o per l’affitto.
  • Un biglietto di andata e ritorno o di andata e ritorno.
  • Scopo dei documenti di ingresso: possono includere contratti di lavoro, itinerari di viaggio o lettere di accettazione dell’università.

L’ufficiale di frontiera spagnolo ti chiederà di fornirgli questi documenti e potrà anche porti alcune domande, ad esempio su quale sia il tuo scopo? Quanto tempo pensi di rimanere e dove alloggerai. La polizia di frontiera potrebbe decidere di negarti l’ingresso in Spagna se ritiene che ci sia qualcosa che non va nei tuoi documenti o nello scopo dell’ingresso in Spagna. 

L’ufficiale di frontiera spagnolo dovrà timbrare il tuo passaporto.

Tipologie di visti in Spagna

  • I visti per la Spagna a breve termine , noti come visti Schengen o di tipo C ( visado de corta duracion ), consentono soggiorni fino a 90 giorni per turismo o viaggi d’affari;
  • Visti nazionali a lungo termine ( visado nacional ) per i cittadini non UE/SEE che desiderano soggiornare per più di 90 giorni in Spagna. Ad esempio, il visto combinato di residenza e lavoro ( visado de residencia y trabajo ) o il visto per studenti ( visado de estudios ). 
  • Visti di solo soggiorno – Se vuoi rimanere a lungo in Spagna senza lavorare o studiare, avrai bisogno di un visto di soggiorno ( visado de residencia no lucrativa ). Questi sono solitamente rilasciati a persone che vogliono vivere in Spagna per il ricongiungimento familiare o il pensionamento. 

Visti Spagna per soggiorni di breve durata

Molte nazionalità possono entrare in Spagna senza visto per periodi fino a 90 giorni. Questi includono Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Argentina, Brasile e Giappone. Tuttavia, devi comunque richiedere un visto di soggiorno di lungo periodo per rimanere per più di tre mesi. Dopo la fine del 2022, i cittadini dei paesi che attualmente possono entrare in Spagna senza visto dovranno ottenere un’esenzione dal visto ETIAS, simile all’ESTA statunitense.

La Spagna fa parte dell’area Schengen, pertanto, se hai un visto per soggiorni di breve durata rilasciato da un altro stato Schengen puoi anche visitare la Spagna. Tuttavia, dovrai ottenere un visto se:

  • Sei cittadino di un paese non UE/SEE che non ha né un accordo di visto per la Spagna né uno con gli stati Schengen (e non hai un visto Schengen).
  • Sei cittadino di un paese che ha raggiunto un accordo di esenzione dal visto con gli Stati Schengen, ma in precedenza ti era stato impedito di entrare in Spagna o in qualsiasi altro paese Schengen senza visto.

Di che tipo di visto ho bisogno per entrare in Spagna?

Se hai intenzione di visitare la Spagna per un soggiorno di breve durata fino a 90 giorni, devi richiedere un visto Schengen per soggiorni di breve durata per la Spagna, noto anche come visto di tipo C. Un visto Schengen per soggiorni di breve durata, o visto di tipo C, ti consente di rimanere in Spagna per un massimo di 90 giorni in un periodo di 180 giorni. Il visto in genere costa 80 euro per gli adulti e 40 euro per i bambini di età compresa tra i sei ei 12 anni.

A seconda dello scopo del tuo ingresso in Spagna, puoi ottenere uno dei seguenti tipi di visto Schengen per la Spagna:

  • Visto di transito aeroportuale: questo visto ti permetterà di entrare nella zona di transito internazionale di un aeroporto in Spagna. Non tutti ne hanno bisogno.
  • Visto turistico spagnolo  – per coloro che desiderano visitare la Spagna per vacanze o visite turistiche.
  • Visto turistico spagnolo  – per i viaggiatori che desiderano visitare amici o familiari residenti in Spagna.
  • Visto d’affari spagnolo  – per uomini d’affari che hanno bisogno di partecipare ad attività commerciali in Spagna.
  • Visto spagnolo per visita ufficiale  – per le delegazioni ufficiali che vengono in Spagna per un viaggio ufficiale.
  • Visto medico spagnolo  – per le persone che cercano cure mediche in Spagna.
  • Visto di studio spagnolo  – per gli studenti che desiderano frequentare un corso per un massimo di tre mesi presso un istituto di istruzione in Spagna.
  • Visto spagnolo per troupe culturali, sportive e cinematografiche  – per le persone che desiderano partecipare a un’attività in Spagna che appartiene a questa natura.

Visti a lungo termine in Spagna

Per soggiorni di lunga durata in Spagna, è necessario un visto nazionale, se non sei un cittadino dell’UE/SEE o della Svizzera

Il visto nazionale spagnolo è chiamato anche visto di tipo D, e ti permette di vivere nel paese per più di tre mesi. In genere, questi visti sono validi da uno a cinque anni, sono rinnovabili. Con questa tipologia di visto sei libero di lavorare, studiare ecc. in Spagna. Il costo di questi visti variano a seconda della tua nazionalità, solitamente costano almeno 87 euro.

Visto di lavoro

In questo caso dovrai prima ottenere un permesso di lavoro prima di poter richiedere un visto di lavoro. Ci sono diversi tipi di visto di lavoro in Spagna. La legge spagnola impone che il tuo datore di lavoro debba presentare domanda per tuo conto. Pertanto per chiedere questo tipo di visto devi avere un contratto e un’offerta di lavoro.

I permessi di lavoro sono rilasciati sotto l’autorità del Ministero del Lavoro e dell’Economia Sociale in Spagna.  I permessi di lavoro sono generalmente rilasciati a livello locale dagli uffici per il lavoro e l’immigrazione nelle regioni autonome della Spagna

Se intendi lavorare come libero professionista dovrai richiedere tu stesso un permesso di lavoro autonomo.

Un visto di lavoro in Spagna è generalmente valido per un anno e puoi rinnovarlo per un massimo di cinque anni. Dopo cinque anni, hai diritto alla residenza permanente in Spagna.

Visto per studenti

Per avere questa tipologia di visto occorre che un istituto di istruzione ti abbia già accettato. Il visto è valido per tutta la durata del tuo corso di studio. Puoi anche svolgere un lavoro retribuito per un massimo di 20 ore settimanali con un visto per studenti in Spagna.

Lavorare in Spagna come nomade digitale

E’ stato approvato dal governo un progetto di legge circa l’assegnazione dei visti ai nomadi digitali e ai lavoratori a distanza .

E’ previsto un visto speciale di cinque anni e lo status di imposta sul reddito per non residenti. Ciò significa che l’aliquota dell’imposta sul reddito sarà del 15%. Questo vale per:

  • Dirigenti e dipendenti di startup
  • Investitori
  • Nomadi digitali e lavoratori a distanza (oltre a quelli in assegnazione temporanea in Spagna)
  • Le famiglie dei soggetti sopra indicati

Puoi trovare gli aggiornamenti sul portale web del governo spagnolo.

Visti per coniuge e ricongiungimento familiare

Se vivi in Spagna da un anno e hai la conferma ufficiale che il tuo visto sarà esteso di un anno, puoi richiedere che i membri della famiglia ti raggiungano. Sono compresi il coniuge, il convivente, i figli di età inferiore a 18 anni o i genitori di età superiore ai 65 anni. Anche gli studenti possono richiedere che i membri della famiglia si uniscano a loro. La Spagna concede visti per la stessa durata del permesso di soggiorno dello studente

Se sei titolare di un permesso di soggiorno di lungo periodo di un altro Stato membro dell’UE (o di una Carta Blu UE ), puoi fare domanda in qualsiasi momento.

Pensione

Se vuoi andare in pensione in Spagna come cittadino non UE/SEE, puoi richiedere il visto di soggiorno non redditizio per la Spagna. Occorre dimostrare di avere i mezzi finanziari per mantenerti in Spagna senza lavorare. Il visto ti permette di rimanere in Spagna per un anno dopo l’ingresso nel paese. Devi trascorrere un minimo di 183 giorni nel paese per poter rinnovare. 

Residenza permanente e cittadinanza

Trascorsi cinque anni ininterrotti di residenza temporanea in Spagna, puoi richiedere una residenza a lungo termine o permanente. Hai anche diritto alla residenza permanente in Spagna se sei titolare di una Carta blu di un altro stato membro dell’UE e hai vissuto in un altro paese dell’UE per lo stesso periodo. Un permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo ti permette di rimanere in Spagna a tempo indeterminato. 

La residenza permanente ti permette di avere gli stessi diritti dei cittadini spagnoli, con l’eccezione del voto alle elezioni.

Potrai richiedere la cittadinanza spagnola dopo 10 anni di residenza

Dove richiedere un visto spagnolo per soggiorni di breve durata

A seconda di come le autorità spagnole nel tuo paese di residenza hanno regolamentato la presentazione del visto, dovrai presentare domanda presso uno dei seguenti organismi diplomatici spagnoli nel tuo paese d’origine:

  • L’Ambasciata di Spagna
  • Un consolato spagnolo
  • Un centro per la domanda di visto a cui la Spagna ha esternalizzato la presentazione del visto
  • L’Ambasciata/Consolato di un altro Paese Schengen a cui la Spagna ha esternalizzato la presentazione del visto

Chi può richiedere un visto Schengen presso l’Ambasciata / Consolato / VAC di Spagna?

La Spagna è membro dell’area Schengen pertanto anche la presentazione del visto per soggiorni di breve durata è regolata dal codice dei visti Schengen. Dovrai presentare la tua domanda di visto presso un’ambasciata / consolato / VAC spagnolo, solo se ti trovi in una delle seguenti dichiarazioni:

  • A parte la Spagna, non visiterai nessun altro paese Schengen.
  • Visiterai più stati Schengen, ma la Spagna è la tua destinazione principale , il che significa:
    • Trascorrerai più giorni in Spagna che negli altri paesi.
    • Trascorrerai lo stesso numero di giorni in ogni paese, ma entrerai nella zona Schengen attraverso la Spagna.

Inoltre, ti sarà permesso presentare una domanda di visto per soggiorni di breve durata in Spagna presso un’ambasciata/consolato/VAC spagnolo solo se sei un:

  • Un cittadino del paese da cui si presenta la domanda.
  • Un cittadino straniero con permesso di soggiorno permanente/temporaneo nel Paese di provenienza.

Non puoi richiedere un visto spagnolo per soggiorni di breve durata da un paese in cui sei attualmente con un visto.

Il tempo di elaborazione per un visto per soggiorni di breve durata per la Spagna può richiedere fino a 15 giorni lavorativi . Tuttavia, a seconda della tua situazione specifica, questo periodo può essere esteso fino a 30 giorni

Quanto tempo possiamo puoi restare in Spagna senza visto?

La durata consentita del tuo soggiorno senza visto in Spagna dipende dalla tua nazionalità. Se sei titolare di uno dei seguenti passaporti, puoi entrare in Spagna senza visto e restarci fino a 90 giorni:

  • Paesi membri dell’UE / SEE: è necessario registrarsi presso le autorità spagnole competenti se si desidera rimanere più a lungo.
  • Australia, Israele, Giappone, Canada, Nuova Zelanda, Repubblica della Corea del Sud o Stati Uniti d’America: è necessario ottenere un permesso di soggiorno entro tre mesi dall’arrivo in Spagna se si desidera rimanere più a lungo.
  • Paesi esenti dal visto per la Spagna: se desideri rimanere più a lungo, devi ottenere un visto nazionale spagnolo per soggiorni lunghi dal tuo paese di residenza.

Se sei un titolare di passaporto di uno dei paesi che non hanno ancora firmato un accordo di esenzione dal visto con l’area Schengen, devi ottenere un visto prima di recarti in Spagna o in qualsiasi altro paese membro Schengen.

Articolo precedenteAccertamento sintetico e analitico: quali le differenze?
Prossimo ArticoloImmobili patrimonio delle imprese: la tassazione
Laureata in Giurisprudenza presso l'Università di Firenze. Approfondisce i temi legati all'IVA ed alla normativa fiscale domestica oltre ad approfondire aspetti legati al diritto societario.

Lascia una Risposta