Con la Risoluzione n. 36 del 28/03/2022, l’Agenzia delle Entrate è tornata nuovamente sul tema della corretta tenuta della contabilità meccanizzata alla luce della procedura semplificata introdotta dall’articolo 12-octies del D.L. n. 34/2019, fornendo specifiche indicazioni sulle regole per la stampa cartacea dei registri contabili e sulla loro conservazione in formato elettronico, nonché sulla necessaria tempistica da rispettare.

Il motivo che ha portato l’Amministrazione Finanziaria a pubblicare il nuovo documento di prassi, si legge nella risoluzione, risiede nell’intento di rispondere a diverse richieste avanzate in ordine alle modifiche recate nel corso del tempo alle disposizioni in tema di tenuta della contabilità in forma meccanizzata ed a come deve essere correttamente interpretato l’attuale quadro normativo di riferimento.

Non sussiste alcun obbligo di stampa dei registri almeno fino al terzo mese (sesto se si tratta del 2019) dopo la dichiarazione dei redditi, a meno che non ci sia una richiesta da parte degli organi di controllo competenti in sede di accesso, ispezione o verifica. Entro il suddetto termine, inoltre, deve essere portato a compimento anche il proce...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteChe cos’è la visura ipotecaria?
Prossimo ArticoloIl Family Act diventa legge: ecco i provvedimenti
Laureato in Economia Aziendale presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, svolge la sua attività come Consulente Amministrativo per imprese, privati ed enti non profit. Appassionato di gestione aziendale, approfondisce tematiche legate alla contabilità d'impresa, al bilancio d'esercizio e ai principi contabili.