La Certificazione Unica è un modello certificativo che, ai sensi del art. 4, comma 6-ter del DPR n. 322/98, i sostituti d’imposta che hanno erogato redditi di lavoro dipendente e assimilati, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, rilasciano ai percipienti per attestare:

  • Dati fiscali;
  • Dati previdenziali ed assistenziali.

La Certificazione Unica deve essere consegnata ai percipienti entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui le somme e i valori sono corrisposti. La stessa, deve essere trasmessa in via telematica all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo di ogni anno. Per le CU contenenti solo redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione precompilata il termine di trasmissione è fissato al 31 ottobre (in concomitanza alla scadenza di presentazione del modello 770).

Detto questo vediamo chi sono i soggetti obbligati al rilascio della Certificazione Unica.

Soggetti obbligati alla Certificazione Unica
Soggetti obbligati alla Certificazione Unica

I soggetti obbligati al rilascio della Certificazione Unica

I soggetti che sono obbligati al rilascio della Certificazione Unica sono indicati di seguito e sono quelli per i quali, l’art. 23 del DPR n. 600/73 riconosce con la qualifica di “sostituto di imposta“, più altre situazioni dove il soggetto che eroga il reddito è comunque chiamato ad effettuare una ritenute al prestatore. Più in particolare, si tratta dei seguenti soggetti:

  • Persone fisiche che esercitano arti o professioni in contabilità semplificata;
  • Persone fisiche che esercitano attività commerciali o artigianali in contabilità semplificata;
  • Aziende familiari se l’attività è esercitata in società;
  • Condomini;
  • Società di capitali (SPA, SRL, SAPA, società cooperative e di mutua assicurazione) residenti nel territorio dello Stato;
  • Società di persone (società semplici, SNC, SAS) residenti nel territorio dello Stato;
  • Enti commerciali equiparati alle società di capitali. Si tratta di enti pubblici e privati che hanno per oggetto attività commerciali residenti nel territorio dello Stato;
  • Enti non commerciali. Regioni, Province e Comuni non aventi per oggetto esclusivo l’esercizio di attività commerciali;
  • Amministrazioni dello Stato;
  • Associazioni non riconosciute, consorzi ed aziende speciali di cui agli art. 22 e 23 della Legge n. 142/90;
  • Società ed enti di ogni tipo, con e senza personalità giuridica, non residenti nel territorio italiano;
  • Società di armamento residenti nel territorio italiano;
  • Società di fatto o irregolari residenti nel territorio dello Stato;
  • Associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni residenti nel territorio italiano;
  • Curatori fallimentari e commissari liquidatori;
  • Eredi che non proseguono l’attività del sostituto d’imposta deceduto;
  • Soggetti residenti che effettuano attività di intermediazione immobiliare, nonché quelli che gestiscono portali telematici, qualora incassino i canoni o corrispettivi relativi ai contratti di locazione breve (contratti di locazione abitativa di durata non superiore a 30 giorni), ovvero qualora intervengano nel pagamento dei canoni o corrispettivi operando in qualità di sostituto di imposta, una ritenuta del 21% sull’ammontare dei canoni.

Quali compensi presuppongono la predisposizione e l’invio della Certificazione Unica?

In base a quanto previsto nel modello di istruzioni alla compilazione della Certificazione Unica, sono tenuti alla predisposizione ed all’invio del modello i soggetti che abbiamo precedentemente individuato, qualora nel periodo di imposta abbiano corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte. In particolare si tratta delle seguenti fattispecie:

  • Redditi di lavoro dipendente, ritenuta di cui all’art. 23 DPR n. 600/73;
  • Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, ritenuta di cui all’art. 24 DPR n. 600/73;
  • Reddito derivante da lavoro autonomo o su altri redditi, ritenuta di cui all’art. 25 DPR n. 600/73;
  • Provvigioni inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza, di commercio e di procacciamento d’affari, con ritenuta di cui all’art. 25-bis DPR n. 600/73;
  • Corrispettivi dovuti dal condominio all’appaltatore, con ritenuta di cui all’art. 25-ter DPR n. 600/73;
  • Comensi corrisposti a raccoglitori occasionali di tartufi, con ritenuta di cui all’art. 25-quater DPR n. 600/73;
  • Compensi ed altri redditi corrisposti dallo Stato, con ritenute di cui all’art. 29 DPR n. 600/73;
  • Partecipazioni agli utili spettanti ai promotori ed ai soci fondatori di SPA, SAPA, SRL, redditi derivanti dall’utilizzazione economica delle opere dell’ingegno, di brevetti industriali e processi. Ritenuta di cui all’art. 33, comma 4, DPR n. 42/88;
  • Somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi, con ritenuta di cui all’art. 21, co. 15, Legge n. 449/97;
  • Somme erogate a seguito di procedure di esproprio. Ritenuta di cui all’art. 11 Legge n. 413/91;
  • Somme corrisposte per la cessazione di rapporti di agenzia per la cessazione di funzioni notarili e per la cessazione dell’attività sportiva. Ritenuta di cui all’art. 17, co. 1, lettere d), e), f), del TUIR;
  • Ritenute sui corrispettivi per le locazioni brevi. Ritenuta di cui all’art. 4 D.L. n. 50/17.

Chi sono i soggetti esonerati dalla Certificazione Unica?

Vi sono anche alcune categorie di sostituti di imposta che non sono tenuti al rilascio della Certificazione Unica. Mi riferisco alle seguenti fattispecie:

  • Privati datori di lavoro, per compensi erogati a collaboratori familiari, autisti e giardinieri;
  • Privati committenti che erogano reddito a fronte di attività di lavoro autonomo (es. caso di privato che riceve fattura o ricevuta (per lavoro autonomo occasionale) da un committente;
  • Soggetti che erogano esclusivamente indennità e rimborsi che non determinano reddito per il percipiente.

Il presente contributo è stato realizzato prendendo a riferimento le istruzioni legate alla compilazione del modello di Certificazione Unica.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here