E’ molto importante essere a conoscenza della differenza tra marchio debole e marchio forte, questo perché la natura stessa del marchio riflette direttamente su quelle che sono le caratteristiche identificative dello stesso e di conseguenza anche su quella che sarà poi la tutela allo stesso riservata nell'ambito della proprietà intellettuale. Per questo motivo andiamo ad analizzare le differenze esistenti sotto il profilo legale tra marchio debole e marchio forte.

Cosa si intende per marchio forte

Un marchio forte si definisce tale quando il suo significato non coincide con la denominazione o con la descrizione di un prodotto/servizio. Un marchio forte è quindi, per sua natura, privo di qualsiasi attinenza con il prodotto o servizio che contraddistingue oltre ad avere, come ulteriore elemento caratterizzante, una componente di fantasia/creatività data dall'utilizzo di nomi o parole che non hanno, concettualmente, attinenza con il prodotto o il servizio interessato.

Uno degli esempi più calzanti di marchio forte è “Apple”: in questo caso infatti il nome di un frutto viene utilizzato per individuare un mercato che niente ha a che fare con il settore alimentare e che riguar...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteBlogger e partita Iva: guida fiscale ai guadagni online
Prossimo ArticoloResto al sud: cos’è e come fare domanda
Laurea in diritto internazionale penale “I gender crimes nel diritto penale internazionale“ Iscritta all'Ordine degli Avvocati di Pistoia. Nel 2021 partecipa al Corso di Alta Formazione in Fashion Law presso l'Università Cattolica di Milano. Mi occupo di aspetti legali su proprietà intellettuale, marchi, brevetti, fashionlaw e diritto informatico.