Home Fisco Nazionale Immobili e Tax Planning Nazionale Ecobonus 2021: guida alle detrazioni del 50%, 65% e 110%

Ecobonus 2021: guida alle detrazioni del 50%, 65% e 110%

Detrazione fiscale 50%, 65% e 110% sul risparmio energetico (Ecobonus). Guida ai bonus legati alla riqualificazione energetica degli edifici. Quali sono le pratiche, gli interventi e i lavori a cui spettano le agevolazioni? Qual è l'importo massimo detraibile e quando applicare l'iva al 10%? Bonifico parlante e gli altri adempimenti richiesti.

20
Ecobonus 2021

L’Ecobonus 2021 è costituito da una serie di detrazioni fiscali che il contribuente può sfruttare sugli interventi strutturali di riqualificazione energetica o di messa in sicurezza antisismica degli edifici esistenti. La detrazione fiscale, valida ai fini IRPEF, riguarda gli interventi di riqualificazione energeticariduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici.

Il bonus in commento riguarda le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 (come previsto dalla Legge di bilancio 2021). I soggetti beneficiari, ovvero, persone fisiche fisiche, condomini ed enti del terzo settore hanno la possibilità di:

  • Sfruttare direttamente l’agevolazione in dichiarazione dei redditi, ripartendo il bonus in 5 rate annuali di pari importo;
  • Ottenere uno sconto dall’impresa che effettua i lavori di importo massimo del 100% dei lavori;
  • Cedere il credito di imposta ad istituti bancari o finanziari o ai fornitori.

Si tratta, essenzialmente, di tre possibilità che hanno effetti diversi per il contribuente. Si tratta di tre possibilità valide ma che comportano conseguenze finanziarie differenti. All’interno di questo articolo ho deciso di raccogliere le principali informazioni che possono esserti utili per chiarire come applicare questo tipo di agevolazioni. La guida ha un taglio pratico e vuole essere di aiuto nel districarsi nella complessità di questa normativa. Per questo motivo se hai altre informazioni pratiche che ritieni possano essere utili anche ad altri lettori puoi condividerle nei commenti. Vediamo adesso tutti gli aspetti in dettaglio.

Ecobonus 2021

Che cos’è l’ecobonus 2021?

L’Ecobonus indica le detrazioni fiscali concesse ai fini IRPEF in relazione agli interventi edili ed impiantistici che hanno l’obiettivo di ridurre i consumi energetici all’interno di edifici esistenti. L’obiettivo del Governo con l’introduzione di questi bonus è quello di:

  • Incentivare il settore dell’edilizia in Italia e tutto il suo indotto;
  • Superare l’utilizzo di combustibili fossili a vantaggio di fonti energetiche rinnovabili.

Sostanzialmente, a seconda della tipologia di intervento di riqualificazione effettuato dal contribuente questi ha la possibilità di ricevere indietro una percentuale della spesa. Si tratta del 50%, del 65% o del 110% di quanto sostenuto. Le detrazioni del 50% e del 65% si possono ottenere a seconda della tipologia di intervento effettuato, mentre la detrazione del 110% (la più conveniente, ma anche la più complicata da ottenere) è legata ad un’ulteriore forma di bonus ottenibile (legata all’effettuazione di interventi definiti “trainanti“). Su tutte le tipologie di bonus, con modalità ed adempimenti diversi, è possibile optare per lo sconto in fattura, la cessione del credito o l’utilizzo della detrazione in dichiarazione dei redditi.

Esempio:
Immagina di effettuare un’intervento sulla tua abitazione di riqualificazione energetica e di spendere 10.000 euro per la sostituzione dell’impianto di riscaldamento con caldaia a condensazione. L’agevolazione ottenibile è quella del 65% della spese sostenuta (6.500 euro, ovvero il 65% di 10.000), che possono essere fruiti in rate annuali (10) oppure immediatamente con sconto in fattura o cessione del credito.

Chi può usufruire dell’Ecobonus 2021?

Possono usufruire delle detrazioni Ecobonus al 65% o al 50% tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito sulle persone fisiche (IRPEF), residenti o non residenti, nel territorio dello Stato, su prima e seconda casa ed anche i titolari di reddito di impresa.

L’agevolazione spetta non soltanto ai proprietari degli immobili, infatti, possiamo schematizzare che i soggetti beneficiari dell’agevolazione sono:

  • Le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni e i nudi proprietari;
  • Titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • Contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali). I titolari di reddito d’impresa possono fruire della detrazione solo con riferimento ai fabbricati strumentali che utilizzano nell’esercizio della loro attività imprenditoriale (Risoluzione n. 340/E/2008 dell’Agenzia delle Entrate).
  • Locatari (affittuari) o comodatari;
  • Gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale;
  • Associazioni tra professionisti;
  • Gli istituti autonomi per le case popolari e le cooperative di abitazione a proprietà indivisa;

Sono inoltre ammessi a fruire della detrazione, purché sostengano le spese per la realizzazione degli interventi e questi non siano effettuati su immobili strumentali all’attività d’impresa:

  • Il familiare convivente con il possessore o il detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (coniuge, componente dell’unione civile, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado);
  • Il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato (Risoluzione n. 64/E/2016 dell’Agenzia delle Entrate).

La regola per l’ottenimento della detrazione fiscale

La detrazione IRPEF legata all’Ecobonus spetta al soggetto che effettua il pagamento della fattura mediante bonifico parlante. Questo soggetto deve essere titolare di un diritto reale, come detto in precedenza.

Il soggetto, possessore o acquirente, anche di una porzione di unità abitativa, può beneficiare interamente dell’agevolazione, purché sia colui che sostenga la spesa e che sia intestatario delle fatture.

Se la spesa per i lavori è sostenuta da più soggetti, dovranno essere indicati nome, cognome e codice fiscale delle persone interessate alla detrazione fiscale.

Per gli interventi realizzati sulle parti comuni condominiali, è necessario indicare il codice fiscale del condominio e quello dell’amministratore o di altro condomino, che effettui il pagamento.

Come sfruttare l’Ecobonus 2021? Quali forme possibili?

Sostanzialmente, possiamo dire che le disposizioni relative all’ecobonus 110% danno la possibilità di fruire di una detrazione Irpef del 110% delle spese sostenute per la realizzazione di specifici interventi riguardanti la riqualificazione energetica di edifici o il loro adeguamento antisismico.

Ordinariamente la detrazione fiscale deve essere ripartita in quote costanti nell’arco di 5 anni. La detrazione parte dall’anno in cui è stata sostenuta la spesa e a seguire negli anni successivi. Tuttavia, il contribuente, al posto dell’utilizzo diretto della detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi ha la possibilità di scegliere un’opzione diversa tra le seguenti:

  • Ottenere uno sconto sul corrispettivo dovuto da parte dell’impresa che esegue i lavori. In questo caso il beneficiario del bonus rinuncia alla detrazione in dichiarazione per ottenere uno sconto in fattura sul valore dell’intervento. Lo sconto massimo, scelto a discrezione dell’impresa non può superare il 100% dell’importo dei lavori. Il fornitore recupera l’importo corrispondente allo sconto in fattura sotto forma di credito d’imposta pari alla detrazione spettante, ossia il 110%. Questi ha la possibilità, poi, di cedere tale credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;
  • Cedere il credito di imposta ad altri soggetti, inclusi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari, con facoltà di successive cessioni. Si tratta di cedere il credito ad istituti bancari, che a quel punto utilizzano il credito come una sorta di “titolo di credito” che può essere nuovamente ceduto da loro ad altri soggetti. La banca mette a disposizione due soluzioni: l’acquisto di crediti fiscali e l’apertura di credito a scadenza per anticipo contratti/fatture.

Quali sono i lavori detraibili al 110%?

La possibilità di ottenere l’Ecobonus al 110% delle spese sostenute è legata al sostenimento di interventi definiti “trainanti” di riqualificazione energetica degli edifici (sia sulle prime che sulle seconde case). Gli interventi trainanti sono i seguenti:

  • Cappotto termico: interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate (quindi non sugli infissi), che interessano l’involucro dell’edificio per oltre il 25% della superficie disperdente lorda o dell‘unità immobiliare situata all’interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno. I materiali isolanti utilizzati devono rispettare i Criteri Ambientali Minimi – CAM (ex DM 11 ottobre 2017);
  • Impianto di riscaldamento in condominio: interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione, del 18 febbraio 2013, a pompa di calore, ivi compresi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, oppure con impianti di microcogenerazione o a collettori solari;
  • Impianto di riscaldamento in proprietà esclusiva: interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione, del 18 febbraio 2013, a pompa di calore, ivi compresi gli impianti ibridi  o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, oppure con impianti di microcogenerazione o a collettori solari

Tabella: interventi di riqualificazione energetica, Ecobonus al 110%

InterventiLimite di spesaDetrazione
Isolamento termico– Edifici unifamiliari o unità indipendenti € 50.000
– Condomini fino a 8 unità € 40.000 * n° unità
– Condomini con più di 8 unità € 30.000 * n° unità
110%
Impianti di riscaldamento centralizzati– Condomini fino a 8 unità € 20.000 * n° unità
– Condomini con più di 8 unità € 15.000 * n° unità
110%
Impianti di riscaldamento centralizzati su edifici unifamiliari€ 30.000110%
Interventi di efficentamento energetico art. 14 D.L. n. 63/13Tetto massimo per singoli interventi110%
Impianti solari fotovoltaici€ 48.000110%
Sistemi di accumulo integrati su impianti fotovoltaici€ 48.000110%
Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici€ 3.000110%
Misure anti sismiche su parti comuni di edifici condominiali in zona sismica 1 2 3€ 96.000 * n° unità dell’edificio110%
Misure anti sismiche su singole unità immobiliari con riduzione di classe di rischio€ 96.000110%
Misure anti sismiche su parti comuni di edifici condominiali con riduzione di classe di rischio€ 96.000 * n° unità dell’edificio110%
Demolizione e ricostruzione di intero edificio€ 96.000110%

Nel caso in cui vengano realizzati, contestualmente agli interventi appena elencati, anche interventi detraibili al 65% e al 50% (che vedrai di seguito), è possibile portare anch’essi in detrazione con l’aliquota del 110%. Ovviamente, fatto salvo il fatto di dover rispettare i massimali previsti. Di fatto è per questo motivo, che gli interventi sopra indicati vengono comunemente definiti come “trainanti“.

ATTENZIONE:
Non è sufficiente realizzare questi interventi per ottenere il Superbonus del 110%. Oltre all’intervento agevolato è necessario migliorare di due classi l’attestato di certificazione energetica dell’edificio.

Ricorda sempre che se non puoi (o non vuoi, vista la complessità) accedere al bonus del 110%, restano validi gli interventi che permettono di sfruttare l’Ecobonus al 50% ed al 65% di detrazione fiscale IRPEF.

Quali sono gli interventi detraibili al 65% per l’Ecobonus?

In relazione al sostenimento delle spese in relazione agli interventi sotto indicati è possibile ottenere un rimborso del 65% della spesa sostenuta (art. 14 D.L. n. 63/13) per la riqualificazione energetica degli edifici. Gli interventi agevolati al 65% sono i seguenti:

  • Gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro;
  • Gli interventi di sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con generatori d’aria calda a condensazione;
  • L’acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro, a condizione che gli interventi producano un risparmio di energia primaria pari almeno al 20%;
  • Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. In pratica, il rifacimento dell’impianto di riscaldamento;
  • Gli interventi di sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione realizzato.;
  • Gli interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore, dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria;
  • L’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative. Questi dispositivi, mediante la fornitura periodica dei dati, dovranno indicarti le condizioni di funzionamento correnti e consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto;
  • Gli interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, che ottengono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori riportati nel decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010;
  • Gli interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali (muri), strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti). La condizione per fruire dell’agevolazione è che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica U, espressa in W/mqK, contenuti nell’allegato E del decreto attuativo del Mise “efficienza energetica” o “requisiti ecobonus“;
  • L’installazione di impianto pannelli solare termico per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università;
  • Infine, la building automation.

Requisito indispensabile al fine di ottenere la detrazione IRPEF del 65% in relazione a questi interventi è l’ottenimento dell’asseverazione rilasciata da parte di professionisti abilitati ed il rilascio della Attestazione di Prestazione Energetica (APE) dell’edificio.

Quali sono gli interventi detraibili al 50% per l’Ecobonus?

Tra gli interventi per cui è possibile ottenere la detrazione IRPEF del 50% (art. 14 D.L. n. 63/13) vi sono i seguenti:

  • L’acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi e di schermature solari (allegato M al decreto legislativo 29 dicembre 2006, n. 311), porte esterne, portoncini;
  • La sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto, senza la contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti;
  • L’acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (pellets, truciolato etc.), fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.

In realtà, esistono ulteriori aliquote. Difatti, se l’intervento riguarda il cappotto termico e la coibentazione del tetto di un condominio, l’aliquota di detrazione passa dal 70% all’85%.

Ecobonus 2021: qual è l’importo massimo detraibile?

massimali di spesa per il risparmio energetico sono variabili, in base alla tipologia di intervento. In generale possiamo dire che le spese vengono restituite in 10 anni. L’unica eccezione riguarda il Superbonus al 110%, che viene recuperato in soli 5 anni. Vediamo, quindi, nella tabella seguente l’importo massimo detraibile per ogni tipologia di intervento:

TIPOLOGIA DI INTERVENTOSPESA MASSIMA IN EUROIMPORTO MASSIMO DETRAZIONE IN EURO
Riqualificazione energetica di edifici esistenti (Legge 296/06, art. 1 co. 344). 153.846,15 100.000
Coibentazione dell’involucro di edifici esistenti (per esempio, cappotto pareti, tetti e pavimenti). Legge 296/06 art. 1 co. 345.€ 92.307,6960.000
Sostituzione di finestre comprensive di infissi (Legge 296/06 art. 1 co. 345).120.00060.000
Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda (Legge 296/06, art. 1 co. 346).92.307,6960.000
Acquisto e posa in opera di schermature solari (art. 14 co. 2 D.L 63/13).120.00060.000
Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione ad aria o ad acqua (Legge 296/06,  art. 1 co. 347). Sia nel caso di installazione di sistemi di regolazione evoluti della temperatura, sia senza.– 46.153,84 (con regolazione)
– 60.000 (senza regolazione)
30.000
Sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza o impianti geotermici a bassa entalpia.46.153,8430.000
Sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi (D.L. 63/13 art. 14 co.1).46.153,8430.000
Sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore, dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria (D.L. 201/11, art. 4 co. 4).46.153,8430.000
Micro-generatori (D.L. 63/13 art. 14 co. 2 lett. b-bis)153.846,15100.000
Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale, dotati di generatori di calore, alimentati da biomasse combustibili: stufe e caldaie pellet, cippato, legna ecc. (art. 14 co. 2-bis D.L. 63/13).46.153,8430.000
Sistemi di building automation per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative (Legge 208/15 art. 1 co. 88).23.07615.000

IMPORTANTE: 
La detrazione riguardante un intervento non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per i medesimi interventi da altre disposizioni di legge nazionali. Sono cumulabili solo i massimali, ma realizzati su lavorazioni diverse!

Quali interventi possono essere oggetto di sconto o cessione del credito di imposta?

Devi sapere che non tutti gli interventi sopra indicati possono essere oggetto di operazioni di sconto o di cessione del credito di imposta. L’opzione per queste due modalità alternative di fruizione del bonus può essere esercitata relativamente alle detrazioni spettanti per le spese per gli interventi di:

  • Riqualificazione energetica rientranti nell’ecobonus. Per esempio, gli
    interventi di sostituzione degli impianti di riscaldamento o delle finestre
    comprensive di infissi, gli interventi sulle strutture o sull’involucro degli edifici,
    nonché quelli finalizzati congiuntamente anche alla riduzione del rischio sismico;
  • Adozione di misure antisismiche rientranti nel sismabonus. L’opzione può essere
    esercitata anche con riferimento alla detrazione spettante per l’acquisto delle “case
    antisismiche
    ”;
  • Recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, ivi inclusi quelli di sola
    pulitura o tinteggiatura esterna, per i quali spetta il bonus facciate introdotto dalla
    legge di bilancio 2020;
  • Installazione di impianti fotovoltaici, compresi quelli che danno diritto al superbonus;
  • Installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, compresi quelli che danno diritto al superbonus.

Come scegliere la migliore soluzione tra detrazione in dichiarazione, sconto in fattura e cessione del credito di imposta?

In generale non esiste una scelta che in assoluto è migliore delle altre. Ogni scelta, infatti, deve essere valutata in relazione alle specifiche caratteristiche personali del soggetto beneficiario. Le tre opzioni di utilizzo del bonus, infatti, sono state pensate proprio per venire incontro alle diverse esigenze dei soggetti che decidono di effettuare interventi sui propri immobili. Tuttavia, proviamo comunque ad effettuare qualche considerazione di ordine pratico sulle tre opzioni a disposizione cercando di valutarne gli effetti, ovvero:

  • L’utilizzo della detrazione del 110% in dichiarazione dei redditi in quote costanti in 5 anni;
  • L’ottenimento dello sconto in fattura da parte del fornitore che esegue i lavori;
  • La cessione del credito agli istituti bancari.

Vediamo ogni scelta con dettaglio.

Utilizzo in dichiarazione della detrazione del 110%

Questa possibilità per sfruttare l’Ecobonus al 110% è sicuramente da prendere in considerazione prima. Ipotizziamo un costo dei lavori pari a € 10.000. In questo caso il contribuente può sfruttare l’interno bonus, che è pari a € 11.000 in dichiarazione dei redditi.

Sostanzialmente, il contribuente ha diritto di portarsi a riduzione delle proprie imposte (Irpef) una quota pari a € 2.200 per cinque anni. Il vantaggio di questa opzione è che non devono intervenire soggetti terzi (fornitori o istituti bancari) per sfruttare la detrazione. Questo aspetto è fondamentale e determina, infatti, la fruizione massima del bonus (si sfrutta per tutto il suo ammontare, ovvero il 110%). Tuttavia, per poter usufruire a pieno di questa opzione è necessario verificare di poter essere fiscalmente “capienti”. Questo significa, guardando al nostro esempio, di avere imposte Irpef da versare in dichiarazione almeno pari (o superiori) al bonus annuale (es. € 2.200). Solo in questo caso, infatti, la detrazione viene sfruttata in pieno. Qualora, invece, l’importo delle imposte risulti essere inferiore alla quota annuale del bonus, il contribuente si trova in una situazione di “incapienza” fiscale.

E’ proprio in situazione di incapienza che il contribuente deve pensare di usufruire di una delle altre opzioni disponibili tra lo sconto in fattura la possibilità di cedere il credito di imposta.

Lo sconto in fattura

La possibilità di fruire del bonus fiscale attraverso lo sconto in fattura, sostanzialmente, deve essere presa in considerazione solo in un secondo momento. Prima di tutto occorre verificare che il soggetto che sostiene la spesa risulti incapiente fiscalmente, e quindi non sia in grado di sfruttare pienamente la detrazione fiscale in dichiarazione.

A questo punto può essere vantaggioso concordare con il fornitore che eseguirà i lavori lo sconto in fattura che può ottenere. Lo sconto deve essere di importo massimo non superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati.

Il fornitore recupera il contributo anticipato sotto forma di credito d’imposta di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successive cessioni di tale credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Questa opzione, quindi, facendo intervenire un ulteriore soggetto determina un minor impatto da un punto di vista del bonus, ma in compenso finanziariamente si ha diritto ad una riduzione dell’importo da corrispondere al fornitore.

Cedere il credito di imposta agli istituti bancari o finanziari

La terza opzione a disposizione del soggetto che effettua interventi agevolati per cui è possibile optare per una delle ipotesi alternative alla fruizione in dichiarazione dei redditi è la cessione del credito. In questo caso si opta per la cessione di un credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successive cessioni.

Anche in questo caso, la convenienza di questa opzione è legata all’incapienza fiscale del soggetto che ha diritto al bonus. Infatti, cedendo il credito il contribuente ha diritto ad ottenere la cessione del proprio credito, a fronte di un corrispettivo che comunque deve tenere conto del margine che vuole tenersi l’istituto bancario che effettua l’operazione.

Anche in questo caso il costo di questa operazione supera la possibilità diretta di fruire del bonus in dichiarazione. Per questo motivo la scelta di questa opzione deve essere valutata solo come ipotesi residuale rispetto all’utilizzo diretto del bonus in dichiarazione dei redditi.

Disposizioni utili per cedere correttamente il credito di imposta

L’opzione per la cessione de credito di imposta può essere effettuata in relazione a ciascuno stato di avanzamento dei lavori che, con riferimento agli interventi ammessi all’ecobonus, non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo.

Il primo stato di avanzamento, inoltre, deve riferirsi ad almeno il 30% e il secondo ad almeno il 60% dell’intervento medesimo.

I crediti d’imposta, che non sono oggetto di ulteriore cessione, sono utilizzati in compensazione attraverso il modello F24. Il credito d’imposta è fruito con la stessa ripartizione in quote annuali con la quale sarebbe stata utilizzata la detrazione.

La quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno non può essere fruita negli anni
successivi, e non può essere richiesta a rimborso.

Non si applica il limite generale di compensabilità previsto per i crediti di imposta e
contributi pari a € 700.000 (elevato a 1 milione di euro per il solo anno 2020), né il
limite di € 250.000 applicabile ai crediti di imposta da indicare nel quadro RU della
dichiarazione dei redditi.

Inoltre, non si applica il divieto di utilizzo dei crediti in compensazione, in presenza di
debiti iscritti a ruolo per importi superiori a € 1.500.

La cessione può essere disposta in favore:

  • Dei fornitori di beni e servizi necessari alla realizzazione degli interventi;
  • Di altri soggetti (persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o
  • d’impresa, società ed enti);
  • Di istituti di credito e intermediari finanziari.

Quali sono gli adempimenti richiesti per la detrazione Ecobonus 2021?

Per ottenere l’Ecobonus è necessario inviare una comunicazione all’ENEA, allegando l’asseverazione rilasciata a firma di un tecnico abilitato, legata alla rispondenza dell’intervento effettuato ai requisiti richiesti dalla Legge. L’invio deve essere effettuato entro 90 giorni dal termine dei lavori, tramite modalità telematica (sito ENEA).

ATTENZIONE!
Per gli interventi iniziati successivamente al 6 ottobre 2020 riguardanti gli Ecobonus al 65 e al 50%, per i quali l’asseverazione di un professionista può essere sostituita da una dichiarazione del fornitore, occorre rispettare i prezzi unitari della tabella I del D.L. 20 agosto 2020.

Nel caso di Ecobonus al 65%, i requisiti sono inoltre comprovati dalla scheda prodotto del dispositivo di controllo della temperatura che deve appartenere alle classi V, VI oppure VIII della Comunicazione della Commissione 2014/C 207/02. Lo stesso vale per:

  • generatori di aria calda a condensazione;
  • Per le pompe di calore di potenza termica utile non superiore a 100 kW, come dichiarata dal fornitore nelle condizioni di temperatura cui all’allegato F, l’asseverazione può essere sostituita da una dichiarazione del fornitore attestante il rispetto dei requisiti tecnici di cui al punto 5.1 del decreto efficienza energetica.
  • Per sistemi ibridi con potenza termica utile della caldaia minore o uguale a 100 kW, l’asseverazione può essere sostituita da una dichiarazione del fornitore attestante il rispetto dei requisiti tecnici di cui al punto 6.1 del decreto efficienza energetica.
  • Limitatamente alla sola sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliari la suddetta asseverazione può essere sostituita da una dichiarazione dei fornitori o assemblatori o installatori di detti elementi, attestante il rispetto dei valori riportati minori o uguali ai valori riportati nella tabella 1 dell’allegato E.

Per questi interventi, per i quali l’asseverazione può essere sostituita da una dichiarazione del fornitore o dell’installatore, l’ammontare massimo delle detrazioni fiscali o della spesa massima ammissibile è calcolato sulla base dei massimali di costo specifici per singola tipologia di intervento di cui all’allegato I del decreto requisiti.

E’ necessario effettuare i pagamenti tramite specifico bonifico bancario.

Le documentazioni raccolte, comprese le asseverazioni a firma del tecnico incaricato, devono essere consegnate al proprio dottore Commercialista entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Cosa verificare nelle fatture relativa all’Ecobonus 2021?

La corretta descrizione della fattura è essenziale, per non aver contestazioni dall’Agenzia delle Entrate. Quando ricevi le fatture da parte dei fornitori che hanno eseguito i lavori ti consiglio sempre di verificare l’esatta indicazione dell’Ecobonus in fattura. In particolare, gli elementi essenziali sono: tipo di opera (manutenzione straordinaria, ordinaria, risanamento, ristrutturazione), descrizione intervento, localizzazione dell’immobile (indirizzo ed estremi catastali) ed eventuale secondo soggetto che detrae.

Vediamo un esempio:

Descrizione: “Opere di riqualificazione energetica eseguite presso l’immobile sito in via _________, Città _______ distinto al NCEU al foglio xx p.lla xx sub x consistenti nella ________________. Beneficiario _____________________, residente in via ______, Città _______ C.F. ________________.”

Qual è la corretta dicitura del bonifico parlante per l’Ecobonus?

Per fruire della detrazione fiscale legata all’Ecobonus il pagamento della fattura dell’idraulico, del muratore, dell’elettricista, del caldaista, o dell’ingegnere devono essere effettuate con bonifico parlante, indicando una specifica causale.

Fortunatamente molte banche hanno predisposto dei bonifici pre-compilati. Sicuramente attraverso la home-banking troverai questo servizio. Altrimenti, ti segnalo la corretta dicitura della causale:

Causale Ecobonus:

“Riqualificazione energetica, articolo 1, commi 344-347, legge 296 / 2006. – Pagamento fattura n. ___ del___ a favore di ___ partita Iva ___ C.f. beneficiario detrazione_________”.

Come si applica l’Iva per gli interventi legati all’Ecobonus 2021?

L’Agenzia delle Entrate, per favorire ulteriormente la riqualificazione del patrimonio immobiliare ad uso residenziale, ha ridotto l’Iva agevolata da pagare su beni e servizi. Ne ho parlato in dettaglio in questo articolo: “Iva agevolata al 10% in edilizia: guida“. Volendo schematizzare possiamo affermare che si applica:

  • Iva al 4%: tutti i lavori, che hanno come obiettivo l’eliminazione delle barriere architettoniche (messa a norma di un ascensore, installazione di servoscala montascale, abbattimento di gradini per la sostituzione con scivoli, installazione rampe);
  • Iva al 10%, solo nei seguenti casi:
    • Prestazioni di servizi (manodopera) relativi a interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria;
    • Beni, solo se la relativa fornitura è posta in essere nell’ambito del contratto di appalto. Quindi, l’aliquota agevolata al 10% dei beni, sarà applicata solo se questi prodotti saranno inclusi all’interno del contratto di appalto, che il committente stipulerà con l’impresa. L’impresa, in questo caso, acquisterà i prodotti dal fornitore (mattonelle, pavimenti, sanitari, etc) con l’Iva al 22% e poi applicherà al committente l’Iva al 10% (andando quindi in “credito d’IVA” nei confronti dello Stato); 
  • Iva al 22%, ma solo per gli onorari dei professionisti eventualmente coinvolti nei lavori o per l’acquisto di beni finiti, quando è diretto, da parte del committente, presso il negozio o il deposito di materiali edili.

L’Iva ridotta al 10%, se acquisti direttamente tu, puoi ottenerla solo se i tuoi lavori ricadono in restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia. Non in manutenzione straordinaria. Differentemente, quando l’appaltatore fornisce beni di valore significativo, il 10% si applica ai predetti beni soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione, considerato al netto del valore dei beni stessi.

Ecobonus 2021: considerazioni finali

Come ho cercato di indicarti in questo articolo non esiste una scelta migliore in assoluto per fruire del bonus del 110% per gli interventi volti al miglioramento energetico degli edifici e del loro adeguamento antisismico.

Ogni soggetto, infatti, può essere portatore di esigenze diverse. Può esserci chi decide di fruire del complessivo 110% in dichiarazione dei redditi per non perdere nemmeno un euro del credito. Ci può essere, invece, chi decide di non voler finanziariamente sostenere in modo completo la spesa per gli interventi ed ottenere uno sconto in fattura, perdendo parte del bonus. Oppure ancora può esserci chi decide di cedere il credito agli istituti bancari e finanziari per farsi finanziare completamente l’operazione. In questi ultimi due casi, tuttavia, per poter ottenere sconto o cessione del credito è necessario che l’intervento rientri tra quelli per cui queste opzioni sono possibili (come abbiamo visto).

Inoltre, può capire anche l’ipotesi di incapienza fiscale per l’utilizzo del bonus in dichiarazione dei redditi, ed in questo caso occorre verificare se la tipologia di operazione può permettere sconto o cessione del credito. Altrimenti il soggetto che vuole fruire del bonus potrebbe restare inderogabilmente in situazione di “incapienza” e perdere parte o tutto il bonus spettante.

Sicuramente, se stai pensando di usufruire del bonus il consiglio che posso darti è quello di valutare tutte le opzioni possibili. Se non sei in grado di valutare la convenienza fiscale in autonomia il consiglio è quello di affidarti a dottori commercialisti esperti.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

20 COMMENTI

  1. Buongiorno, mi sto informando per l’installazione di una schermatura solare.
    Mi sembra di ricordare che nel 2020 la detrazione al 50% fosse riferita ad un costo massimo di 230 €/mq.
    Questo massimale è valido anche per il 2021 o, invece, la detrazione si calcola sul 50% dell’importo totale?

    Grazie

  2. Buonasera,
    Complimenti come sempre per l’ottimo articolo.
    In caso di ristrutturazione di immobile A/4 privo di impianto riscaldamento pre esistente è possibile beneficiare della detrazione del 65% per i collettori solari (installazione, no sostituzione)? ossia, pannelli per produzione di acqua calda sanitaria e produzione di corrente?
    Inoltre, se vengono installati gli split per riscaldare le stanze, questi possono anch’essi rientrare nel 65% in quanto collegati ai collettori?
    grazie
    Alessandro

  3. Buongiorno,
    in riferimento alle cessione del credito con lavori iniziati a dicembre 2020 e per i quali sono state pagate nel 2020 solo fatture di acconto (totale inferiore al 30% dei valori e quindi non sufficiente per produrre asseverazione ENEA) e fine lavori previsto per aprile 2021 è possibile fare una sola asseverazione ENEA entro i 90gg dalla fine lavori inserendo le fatture 2020 (acconti) e 2021 e procedere alla cessione del credito?
    Grazie

  4. Salve,
    se possibile vorrei una precisazione, in merito alla tempistica di deducibilità delle spese per lavori con Eco-bonus diversi da Super Eco 110%.
    Prima dell’introduzione di queste nuove ripartizioni percentuali vi era la sola possibilità di dedurre il 50% dei lavori sostenuti nelle ristrutturazioni, che ne indicava deducibilità in 10 anni salvo che il richiedente non avesse più di 70anni, nel qual caso la tempistica di deduzione veniva abbassata ad anni 5. Con la normativa attuale questa condizione si è mantenuta?
    Ringraziando anticipatamente per l’attenzione.
    Massimo Pivi

  5. buongiorno, ho un immobile intestato a società di capitali che viene utilizzato per lo svolgimento dell’attività dell’impresa.
    composto da otto unità immobiliari. vorrei utilizzare ecobonus 65% per lavori di efficientemento energetico.
    è un intervento di ristrutturazione importante che riguarderà gran parte delle voci al 65% e al 50%.
    non riesco a capire se i massimali indicati di spesa e soprattutto di credito fiscale che si maturano sono quelli indicati nelle tabelle per ciascun capitolo di spesa o se il massimale per tutto l’edificio e per tutti i capitoli di spesa è di 100.000 euro di detrazione.
    pertanto anche se dovessi generare un credito di 60.000 euro per i serramenti, 60.000 euro per il cappotto, 30.000 euro per la pompa di calore,
    cioè per 150.000 euro potro’ dedurre solo 100.000 euro o 150.000 euro.
    grazie anticipatamente
    davide tarzi

  6. Buongiorno, io volevo utilizzare il sismabonus con contributo 85%(avendo villetta a schiera con muro di confine in comune) ed ecobonus al 110% ma ho alcune cartelle esattoriali.
    Posso avere le agevolazioni ugualmente o devo prima sistemare le pendenze?
    Grazie per la risposta

  7. buonasera Dr, Migliorini
    Tra gli interventi per cui è possibile ottenere la detrazione IRPEF del 50% (art. 14 D.L. n. 63/13) non risulta l’installazione di impianto fotovoltaico , può cortesemente confermarmi la loro esclusione o la la loro inclusione?
    Graie anticipatamente per la risposta.

  8. Buongiorno. Ho ereditato da mio padre un locale catastato “C2”, destinato per anni a deposito.
    Dovendo trasformare il deposito in appartamento di civile abitazione, previa variazione di destinazione urbanistica da C2 in civile abitazione, posso usufruire delle detrazioni dello sconto in fattura del 50% della spesa da sostenere?
    Poiché i lavori per ristrutturazione prevedono varie tipologie di acquisti e spese, come: mattonelle; infissi; sanitari; porte; impianto elettrico ed idraulico e quant’altro (che richiederebbero il rilascio di più di una fattura), mi chiedo se sia consentito rivolgersi al solo costruttore a cui richiedere il servizio complessivo, al fine di farsi rilasciare una sola fattura da presentare all’Agenzia delle Entrate per il rimborso del 50% della spesa.
    Ringrazio ed auguro una buona giornata.

  9. Salve volevo sapere … se utilizzo L economia all 110 posso anche usare lo sconto in fattura al 50 però su due lavori diversi. Il 110 sul fotovoltaico e il 50 su una Pergola esterna? Grazie alla risposta

  10. salve,
    per quanto riguarda l’ecobonus sono detraibili anche le spese per la manodopera? ad esempio i costi per il montaggio dei condizionatori sono detraibili?

    non sono riuscito a trovare questa informazione da nessuna parte.

    Grazie anticipatamente.

  11. Buonasera, articolo molto chiaro, ma una questione non è chiara:
    – si possono utilizzare contemporaneamente bonus al 65% per sostituzione caldaia e bonus al 50% per ristrutturazione edilizia?

    Grazie in anticipo

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome