A partire dal 27 gennaio 2021  è possibile presentare la domanda per beneficiare del nuovo Bonus università 2021. L’INPS ha pubblicato il bando per borse di studio universitarie relativo all’anno accademico 2018/2019.

E’ un incentivo economico relativo alla frequenza dell’anno accademico 2018/2019, non è richiesto che si tratti di corso di laurea triennale o magistrale.

Potranno beneficiare del nuovo bonus, gli studenti maggiorenni iscritti regolarmente nell’anno accademico 2018/2019 all’università, conservatorio, accademia di belle arti e corsi post-laurea.

E’ necessario presentare domanda in via telematica. La domanda sarà possibile inoltrarla dalle 12 del 27 gennaio 2021, fino alle 12 del 1° marzo 2021.

Vediamo cos’è il Bonus università 2021 e chi può richiederlo.

Per scaricare il Bando:

Bonus università

Cos’è il Bonus università 2021?

Il bonus università è un incentivo che l’INPS riconosce agli studenti universitari. Il contributo ammonta fino a 2.000 euro e potranno richiederlo gli studenti iscritti presso una qualunque università italiana o Conservatori, Istituti musicali e Accademie di Belle Arti. Il bonus viene riconosciuto anche agli iscritti ai corsi post-laurea, tuttavia, in questo caso il bonus ammonta a 1.000 euro.

Per beneficiare del Bonus è necessario presentare domanda in via telematica. La domanda sarà possibile inoltrarla dalle 12 del 27 gennaio 2021, fino alle 12 del 1° marzo 2021.

Chi può beneficiare del Bonus università 2021?

Come specificato dal bando, il titolare del diritto è individuato tra:

  • Iscritto (dipendente o pensionato) alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • Pensionato utente della Gestione dipendenti pubblici;
  • Iscritto (dipendente o pensionato) alla Gestione Assistenza Magistrale;
  • Iscritto al Fondo ex Ipost.

Il beneficiario è lo studente maggiorenne destinatario della prestazione ed è individuato tra:

  • figlio o orfano del titolare del diritto;
  • giovane regolarmente affidato al titolare del diritto nell’anno accademico 2018/2019 e per un periodo non inferiore ai sei mesi.

Potranno beneficiare del Bonus università 2021, gli studenti universitari che nell’anno 2018/19 erano iscritti all’Università, Conservatori, Istituti musicali e Accademie di Belle Arti. In questo caso il bonus ammonta fino a 2000 euro.

Nel caso di corsi post-laurea il bonus ammonta a 1.000 euro.

Per poter presentare la domanda occorre essere in possesso:

  • Iscrizione nell’anno 2018/19 all’Università, Conservatori, Istituti musicali e Accademie di Belle Arti;
  • Iscrizione nell’anno 2018/19 ad un corso post-lauream;
  • Aver conseguito tutti i crediti durante l’anno accademico e aver avuto una media di almeno 24/30.
  • Aver avuto una valutazione non inferiore a 92/110, se iscritto ad un corso post-lauream.

L’assegnazione del bonus da parte sarà effettuata sulla base di un punteggio, riguardante:

  • Reddito ISEE del richiedente:
    • Inferiore agli 8.000 euro ha un valore di 14 punti;
    • ISEE da 8.000,01 a 16.000 euro ha valore di 11 punti;
    • ISEE da 16.000,01 a 24.000 euro ha valore di 9 punti;
    • ISEE da 24.000,01 a 32.000 euro ha valore di 6 punti;
    • ISEE da 32.000,01 a 40.000euro ha valore 4 punti;
    • ISEE superiore 40.000 euro ha valore 2 punti.
  • Votazione: occorre dimostrare una media ponderata minima di 24/30, mentre, per i corsi post lauream occorre una valutazione non inferiore a 92/110.

Come richiedere il Bonus università 2021?

Le domande, da presentare in via telematica sul sito INPS, per il bonus potranno essere presentate a partire dalle ore 12 del 27 gennaio 2021. La scadenza del bando è il 1° marzo 2021. E’ necessario essere in possesso delle credenziali SPID.

Il richiedente alla voce inserisci domanda, troverà il modulo. Il richiedente dovrà inserire l’indirizzo di posta elettronica, il recapito telefonico e le coordinate bancarie dove ricevere il bonifico.

Nel caso di una carta prepagata, questo può essere indicato solo se valido per la ricezione dei bonifici dalla Pubblica Amministrazione.

L’esito del concorso sarà comunicato a tutti i vincitori con avviso inviato all’indirizzo di posta elettronica o mediante sms al numero di telefono mobile, indicati nella domanda.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

8 COMMENTI

  1. Sconcertante, come tutto quello che avviene in Italia.
    Del bonus università 2021, sarebbe giusto è più normale che ne potessero usufruire anche i figli degli impiegati di “serie B”, cioè chi LAVORA nel privato.

  2. Vorrei trovare almeno uno studente che abbia sostenuto tutti gli esami dell’anno 18/19 per stringergli la mano perché almeno nella mia università non ho mai visto una cosa del genere.

  3. penso lo stesso..come se chi lavora nel privato soprattutto come dipendente, non pagasse le tasse regolari ,oltre a quelle universitarie ,senza contare gli affitti,non riconosciuti se sotto i 100km,,,quando ci sono rami universitari, che per gli orari..è impossibile fare il pendolare.

  4. Vorrei sapere quindi mia figlia è iscritta primo anno Università nell anno 218/2019 frequentava il liceo scientifico con diploma 100 non può fare questa domanda ho telefonato al centralino Imps mi ha detto può farla ma io non ne sono convinta mi può dare delucidazioni in merito grazie

  5. Qualcuno mi spieghi perché non si riesce ad entrare nella piattaforma per inoltrare la domanda; la stessa non è reperibile tra i motori di ricerca, in nessun formato; più volte ho tentato di contattare il numero di telefono pubblicato, ma nessuno è stato in grado di indirizzarmi e darmi spiegazioni esaustive, peraltro, in alcuni casi, rispondendo in modo sbrigativo. Posto che quasi sicuramente non avrò la possibilità di partecipare alla selezione, mi sorge il dubbio che tutta la procedura sia stata messa su con fini di esclusione e qualcuno mi dimostri il contrario!

  6. È vergognoso,perché non solo questi ragazzi non frequentono università più di un anno,e hanno pagato le tasse per intero,come i figli dei dipedenti publici,e se c è un bonus universitario lo devono esufriere tutti,come al solito leggi del cavolo italiane.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here