La retribuzione dei lavoratori dipendenti è una spesa importante per la maggior parte delle aziende. Pertanto, molte di queste trovano più facile pagarne almeno una parte della retribuzione, non in denaro ma attraverso l'attribuzione di azioni ai dipendenti. Anche in Europa, specialmente negli ultimi anni, molte imprese multinazionali stanno modificando le modalità di erogazione della retribuzione dei lavoratori dipendenti attraverso l'assegnazione di azioni vincolate. Questo tipo di remunerazione, attraverso l'erogazione di un fringe benefit, ha due vantaggi: da una parte, questo tipo di remunerazione, riduce la quantità di denaro che i datori di lavoro devono distribuire, ed inoltre il fringe benefit funge anche da incentivo per la produttività e la fidelizzazione dei lavoratori.

Nella pratica esistono molti tipi di erogazione di azioni, ed ognuno ha il proprio insieme di regole e condizioni. In particolare, vi sono le stock option, ovvero delle opzioni che consentono al lavoratore assegnatario, di poter esercitare la possibilità di convertire la stock in azioni, ad un determinato prezzo (solitamente inferiore al valore di mercato). In alternativa, vi può essere l'assegnazio...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteDue diligence fiscale: cos’è e come si effettua
Prossimo ArticoloRegistrazione contabile dei corrispettivi di vendita
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.