L'applicazione dell'agevolazione per i lavoratori impatriati in Italia è possibile anche mantenendo il contratto di lavoro estero, operando in smart working dall'Italia. L'Agenzia delle Entrate dopo averlo affermato nella Circolare n. 33/E/2020 lo conferma con i seguenti documenti di prassi. Tuttavia, occorre prestare attenzione all'eventuale presenza di stabile organizzazione occulta in Italia del datore non residente.

È possibile applicare l'agevolazione impatriati con datore di lavoro non residente?

L'agevolazione per i lavoratori impatriati di cui all'art. 16 del D.Lgs. n. 147/15 è un beneficio previsto per i lavoratori che verificano i requisiti previsti dalla norma al momento del loro impatrio in Italia. L'Agenzia delle Entrate, prima con la Circolare n. 33/E/2020 e poi con i chiarimenti di prassi che andremo a vedere di seguito ammette la possibilità, a determinate condizioni, di beneficiare dell'agevolazione anche per i lavoratori che operano in smart working (remote working) dall'Italia per conto di un datore di lavoro non residente. Naturalmente, occorre prestare moltissima attenzione a questa agevolazione (come più volte indicato su questo portale) in relazione...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteAutodichiarazione aiuti di stato: modalità e termini di presentazione
Prossimo ArticoloPrincipio contabile OIC 11- finalità e postulati del Bilancio
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.