Le problematiche legate alla delega alla movimentazione ed alla delega al prelievo nei conti correnti esteri cointestati. Aspetti legati al caso dell’amministratore di società estera con delega ad operare che non è tenuto alla presentazione del quadro RW.

La gestione degli adempimenti relativi alla compilazione del quadro RW da parte dei soggetti cointestatari di conti correnti esteri è sicuramente non semplice. Da considerare, infatti, che la disposizioni in vigore prevedono obblighi gravosi che impattano non solo sul titolare del conto corrente, ma anche su eventuali soggetti che ne detengono la contitolarità o la delega al prelievo.

Per questo motivo, inevitabilmente, si vengono a creare situazioni di adempimenti duplicati ed importi da comunicare che spesso non rispecchiano la vera realtà delle cose. Molto spesso, infatti, al momento della compilazione del quadro RW diventa problematica la gestione dei conti correnti cointestati (classico caso è quello dei genitori e del figlio, magari residente all’estero), ma soprattutto gli aspetti legati agli amministratori di società con delega ad operare su conti correnti esteri della società.

In questo articolo, vediamo di andare a chiarire le corrette modalità di compilazione del quadro RW in relazione ai conti correnti cointestati, con particolare attenzione alla delega ad operare ed alla delega al prelievo guardando a quanto chiarito sinora dai documenti di prassi e giurisprudenza.

Delega ad operare e al prelievo quadro RW
Delega ad operare e al prelievo quadro RW

Gli adempimenti sul monitoraggio fiscale in caso di conti correnti cointestati

Le prime indicazioni di prassi chiare per quanto riguarda i conti correnti esteri derivano dalla Circolare n. 38/E/2013 dell’Agenzia delle Entrate. In questo documento l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che il soggetto delegato al prelievo su un conto corrente è tenuto ad indicarlo nel quadro RW (pur non essendone proprietario).

Questa posizione dell’Amministrazione finanziaria deriva da un precedente documento, la Circolare n. 45/E/2010, che aveva recepito alcune sentenze sull’argomento (Sentenze della Cassazione, Sezione tributaria, 11 giugno 2003 n. 9320 e 21 luglio 2010 n. 17051 e 17052). Con questo documento si afferma che sono tenuti agli obblighi di monitoraggio non solo i titolari di attività detenute all’estero, ma anche coloro che ne hanno la disponibilità o la possibilità di movimentazione. Come già anticipato, il fatto che sia il titolare del conto che il soggetto con delega debbano adempiere agli obblighi di segnalazione non fa altro che aumentare gli adempimenti, senza fornire indicazioni aggiuntive per l’Amministrazione finanziaria.

Nella sentenza n. 17051/2010 è stato affermato che è sufficiente ad integrare l’obbligo in esame anche il fatto di aver trasmesso “istruzioni e volontà dell’effettivo titolare”, perché tale attività integri, comunque, un’opera di vera e propria “movimentazione” degli investimenti e/o delle attività finanziarie rilevanti ai fini della norma.

Possiamo, quindi, affermare che:

Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio fiscale non solo i titolari delle attività finanziarie detenute all’estero, ma anche coloro che ne hanno la disponibilità o la possibilità di movimentazione

Circolare n. 45/e/2010

Il tema della delega al prelievo e della delega ad operare sul conto estero

Il tema della cointestazione dei conti correnti si è fatto poi ancora più complesso per quanto riguarda la corretta indicazione delle percentuale di possesso del conto corrente nel quadro RW. Per dirimere la questione occorre prendere a riferimento quanto indicato nel punto 1 della Circolare n. 45/E/2010. Infatti, le attività finanziarie o patrimoniali in comunione o cointestate devono essere indicate da ciascun soggetto intestatario con riferimento al valore relativo alla propria quota di possesso. Tuttavia, la segnalazione deve avvenire per l’intero importo da parte di più soggetti nei seguenti casi:

  • Se ciascuno ha la disponibilità piena dell’investimento senza che sia necessario un analogo atto di disposizione da parte degli altri cointestatari;
  • Se un soggetto pur non essendo proprietario, ha la possibilità di movimentazione dell’investimento. Potrebbe essere, infatti, questo il caso del soggetto delegato al prelievo in un conto corrente.

Nella successiva Circolare n. 28/E/2011 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che sono tenuti agli obblighi di monitoraggio non solo i titolari delle attività detenute all’estero, ma anche coloro che ne hanno la disponibilità o la possibilità di movimentazione.

Questo è, ad esempio, il caso in cui vi è un conto corrente estero intestato ad un soggetto residente fiscalmente in Italia sul quale vi è la delega di firma di un altro soggetto residente. In tal caso, anche il delegato è tenuto alla compilazione del quadro RW per l’indicazione dell’intera consistenza del conto corrente detenuto all’estero e dei relativi trasferimenti.

L’aspetto più importante da sottolineare in questo tipo di ragionamenti è che l’obbligo di indicazione sussiste esclusivamente qualora si tratti di una delega al prelievo e non soltanto di una mera delega ad operare per conto dell’intermediario.

Esclusione dall’obbligo di monitoraggio per la delega ad operare sul conto estero

Riprendendo quanto affermato sinora possiamo dire, quindi, che vi possa essere una esclusione da autonomo obbligo di monitoraggio fiscale nel caso in cui il soggetto che detiene la disponibilità dell’attività estera possa esercitare esclusivamente un mero potere dispositivo in ordine alle predette attività, in esecuzione di un mandato per conto del soggetto intestatario.

Esonero dal quadro RW per gli amministratori con mera delega dispositiva

L’esclusione dall’obbligo di monitoraggio fiscale in caso di conto corrente estero sul quale si detiene la sola delega dispositiva ad operare è il caso che riguarda gli amministratori di società con delega sul conto corrente estero. Tali soggetti, pur avendo potere di firma sui conti correnti della società in uno Stato estero, oltre alla possibilità di movimentare i capitali, non sono i beneficiari dei relativi redditi. Per questo motivo, per gli amministratori con sola delega dispositiva non vi è obbligo di indicazione del conto nel quadro RW.

L’obbligo di monitoraggio fiscale, quindi, sussiste esclusivamente qualora si tratti di una delega al prelievo da parte dell’amministratore e non soltanto di una mera delega ad operare per conto dell’intestatario.

Per concludere, è la stessa Circolare n. 45/E/2010 ad affermare l’esclusione dall’obbligo di compilazione del modulo RW proprio per gli amministratori che hanno il potere di firma su conti correnti della società in uno Stato estero e che hanno la possibilità di movimentare i capitali, pur non essendo beneficiari dei relativi redditi.

Esempio – conto corrente estero cointestato e compilazione del quadro RW

Ipotizziamo due soggetti che sono cointestatari al 50% di un conto corrente in Germania. Il saldo ad inizio anno è di € 10.000 e la consistenza media annua è di € 12.500. Il quadro RW deve essere compilato in questo modo da parte di entrambi i soggetti.

Conto corrente cointestato estero RW
Conto corrente cointestato estero RW

Nel rigo 22 deve essere indicato il codice fiscale del soggetto cointestatario del conto corrente.

Da precisare che, in questo caso, l’indicazione della quota di possesso al 50% per ciascuno dei contitolari è stata chiarita dalla Circolare n. 38/E/2013.

Esempio – conto corrente estero con delega al prelievo e compilazione del quadro RW

Ipotizziamo che vi sia un unico soggetto titolare di un conto corrente nel Regno Unito con valore iniziale di € 6.000 e consistenza media annua di € 9.500. Sul conto un secondo soggetto ha la delega al prelievo. Vediamo, per entrambi i soggetti come deve essere compilato il quadro RW.

Soggetto titolare del conto corrente estero:

Conto corrente cointestato estero RW delega prelievo
Conto corrente cointestato estero RW delega prelievo

Anche in questo caso al rigo 22 deve essere indicato il codice fiscale del soggetto con delega al prelievo.

Soggetto con delega al prelievo sul conto corrente estero:

Conto corrente cointestato estero RW delega prelievo 2
Conto corrente cointestato estero RW delega prelievo 2

Anche in questo caso al rigo 22 deve essere indicato il codice fiscale del soggetto titolare del conto. Entrambi i soggetti devono indicare il valore complessivo dell’investimento estero (si presume che entrambi possano prelevare l’intero importo detenuto).

Particolarmente interessante su questo esempio è il versante sanzionatorio. Infatti, per un unica attività finanziaria estera detenuta, vi saranno, eventualmente, due soggetti a dover versare le relative sanzioni per il mancato o inesatto monitoraggio fiscale.

Esempio – amministratore di società con conto corrente estero

Ipotizziamo il caso di un amministratore di società (SRL) italiana che detiene il possesso di un conto corrente in Spagna. In questo caso, come indicato in precedenza, occorre andare a verificare se l’amministratore della società sia dotato di mera delega ad operare oppure sia in possesso di delega al prelievo. Soltanto in quest’ultimo caso l’amministratore è tenuto alla compilazione del quadro RW.

La società italiana, SRL, non ha alcun obbligo legato al quadro RW, in quanto il conto corrente estero deve trovare corretta indicazione nel proprio bilancio d’esercizio.

Gestione dei conti correnti altrui e quadro RW: conclusioni e consulenza

Come abbiamo visto la compilazione del quadro RW in caso di cointestazione del conto corrente o di delega al prelievo sicuramente complica le cose. L’aggravio non riguarda soltanto la duplicazione dell’indicazione da parte di più soggetti di una stessa attività finanziaria estera, ma anche l’aspetto sanzionatorio.

Come anticipato, infatti, se per una stessa attività finanziaria estera vi sono più soggetti tenuti alla sua segnalazione ognuno di questi soggetti è tenuto, eventualmente, a rispondere in caso di violazione con il versamento delle sanzioni dovute. Come sappiamo le sanzioni legate al mancato monitoraggio fiscale sono importanti. La sanzione base va dal 3% al 15% del valore dell’attività finanziaria estera non dichiarata (importi che raddoppiano, dal 6% al 30% in caso di attività detenuta in paese black list).

Per questo motivo nella gestione dei conti correnti esteri occorre pianificare bene ed in anticipo la migliore modalità di gestione al fine di evitare successivamente di poter, anche solo potenzialmente evitare di incorrere in questo tipo di sanzione (moltiplicata per il numero di cointestatari o soggetti con delega al prelievo).

Se hai letto questo articolo e ti stai rendendo conto che necessiti dell’analisi della tua situazione personale, in relazione al quadro RW ti invito a contattarci attraverso il form di cui al link seguente. Riceverai il preventivo per una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi sull’argomento. Soltanto in questo modo, infatti, potrai essere sicuro di evitare di commettere errori, che in futuro possono esserti contestati e quindi sanzionati.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here