Contributi riscatto laurea, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti nella risposta all’interpello n. 225 del 23 luglio 2020 sulla disciplina fiscale da applicare al riscatto dei periodi di studio universitario.

L’Agenzia delle Entrate, nella Risposta all’Interpello n. 225 del 23 luglio 2020, ha offerto alcuni chiarimenti riguardanti la detrazione prevista, qualora l’onere da riscatto sia pagato dal genitore in favore del figlio.

E’ stato chiarito che, ai fini fiscali, qualora i contributi siano versati in favore degli inoccupati da familiari di cui gli stessi risultino “fiscalmente a carico”, spetta una detrazione nella misura del 19%

Mentre, se il soggetto per il quale si richiede il riscatto laurea, è stato iscritto, anche solo in passato, ad una qualsiasi gestione previdenziale, i contributi di riscatto sono deducibili ai sensi dell’art. 10 del TUIR.

Contributi riscatto laurea

Qualora la domanda per il riscatto laurea, sia effettuata, dal genitore che ne sosterrà anche il relativo onere, potrà portare in detrazione nella misura del 50% di quanto corrisposto in ogni singolo periodo di imposta, da ripartire in 5 quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento e in quelli successivi.

Contributi riscatto laurea

Qualora, la domanda per il riscatto dei periodi non coperti da contributi sia il genitore, la detrazione ammonta al 50% di quanto corrisposto in ogni periodo di imposta, da ripartire in 5 anni.

Qualora i contributi siano versati in favore degli inoccupati da familiari di cui gli stessi risultino fiscalmente a carico, spetta una detrazione nella misura del 19%

Il riscatto agevolato dei periodi non coperti da contributi è rivolto agli iscritti all’INPS privi di contributi al 31 dicembre 1995 e non titolari di pensione.

Presentazione della domanda di riscatto laurea

La domanda di riscatto laurea agevolato può essere presentata:

  • Dall’assicurato;
  • Dai parenti ed affini entro il secondo grado, indipendentemente dal fatto che il familiare sia o meno “fiscalmente a carico.

Detrazione 50%

Qualora la domanda per il riscatto laurea, sia effettuata, dal genitore che ne sosterrà anche il relativo onere, potrà portare in detrazione nella misura del 50% di quanto corrisposto in ogni singolo periodo di imposta, da ripartire in 5 quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento e in quelli successivi.

Detrazione 19% per i figli a carico

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la detrazione fiscale del 19% trova applicazione soltanto se i contributi sono versati in favore di soggetti inoccupati da familiari di cui gli stessi sono fiscalmente a carico.

Nel caso in cui, il soggetto per il quale si richiede il riscatto degli anni di laurea è stato iscritto a una qualsiasi gestione previdenziale, i contributi di riscatto sono deducibili ai sensi dell’articolo 10 del Tuir.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here