Il Messaggio n. 1416 del 30 marzo 2020 dell’INPS ha fornito le istruzioni per effettuare la richiesta del Congedo parentale Covid-19. Vediamo quali sono i requisiti e come fare domanda per il congedo straordinario previsto dal Decreto Cura Italia.

Il Decreto Cura Italia n. 18/2020, ha introdotto, a causa dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus, misure straordinarie a sostegno delle famiglie con figli costretti a stare a casa a causa delle chiusure delle scuole.

Il Messaggio INPS n. 1416 del 30 marzo 2020 ha chiarito quali sono le istruzioni per fare richiesta del Congedo parentale Covid-19.

Potranno fare domanda per usufruire del Congedo parentale Covid-19:

  • Lavoratori dipendenti di aziende private;
  • Iscritti alla Gestione Separata;
  • Lavoratori autonomi iscritti all’INPS.

I dipendenti pubblici dovranno fare domanda direttamente all’Amministrazione di appartenenza.

Congedo parentale Covid-19

Per fare domanda dei nuovi congedi Covid-19 occorre essere in possesso o richiedere:

  • Pin INPS;
  • SPID;
  • Carta d’identità elettronica (CIE);
  • Carta Nazionale dei servizi (CNS).
  • Non è ammesso l’utilizzo del PIN Semplificato.

La misura infatti può essere richiesta da uno o da entrambi i genitori, anche affidatari, alternativamente con figli fino a 12 anni, per un massimo di 15 giorni. Per i genitori di figli disabili non ci sono limiti di età.

L’indennità del Congedo parentale Covid-19 ammonta al 50% della retribuzione. Possono fare domanda anche i genitori con figli dai 12 ai 16 anni, ma senza indennità.

Il Congedo parentale Covid-9 è una misura retroattiva, pertanto, può coprire i periodi decorrenti dal 5 marzo 2020

Coloro che hanno presentato, precedentemente la domanda di congedo parentale ordinario e stiano usufruendo del relativo beneficio, non dovranno presentare una nuova domanda di congedo parentale Covid-19.

Vediamo cos’è e come funziona il Congedo parentale Covid-19 previsto dal Decreto Cura Italia?

Chi può beneficiare del Congedo parentale Covid-19?

Il congedo parentale Covid-19 spetta alternativamente ad entrambi i genitori, anche affidatari, per un totale di 15 giorni.

Possono beneficiare di questa misura straordinaria:

  • Dipendenti del settore privato e pubblico;
  • Lavoratori iscritti alla Gestione separata;
  • Le lavoratrici autonome iscritte all’INPS che abbiano già raggiunto il limite previsto dalla normativa sul congedo parentale (3 mesi per minori di 1 anno di età);
  • Lavoratori autonomi iscritti all’INPS a cui non è riconosciuta la tutela del congedo parentale.

Possono aderire al congedo parentale i genitori, anche affidatari, per i figli fino ai 12 anni oppure con figli fra i 12 e i 16 anni, in questo caso senza indennità.

A quanto ammonta il Congedo parentale Covid-19?

L’importo dell’indennità del Congedo parentale Covid-19, ammonta al 50% della retribuzione per i figli fino a 12 anni o di qualsiasi età per i figli disabili in situazione di gravità accertata. L’indennità del 50% è calcolata secondo quanto previsto dall’art. 23 del D.Lgs. n. 151/2001.

La base per il calcolo è la retribuzione media globale giornaliera del periodo di paga immediatamente precedente a quello nel corso del quale ha avuto inizio il congedo.

Nel caso dei lavoratori iscritti alla Gestione separata INPS, invece, l’importo è pari a 1/365 del reddito.

Congedo non retribuito

I genitori, anche affidatari, con figli di età compresa tra i 12 e i 16 anni possono richiedere un congedo parentale straordinario, non retribuito.

I 15 giorni, massimi, di assenza dal lavoro non figureranno come ferie e non ci sarà il riconoscimento della contribuzione figurativa.

Le condizioni per fruire del Congedo parentale Covid-19

Il Congedo parentale Covid-19 può essere fruito a condizione che:

  • Non sia stato richiesto il bonus baby sitter;
  • Nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa;
  • Non ci sia altro genitore disoccupato o non lavoratore.

Come fare domanda per il congedo parentale Covid-19?

La richiesta potrà essere presentata, retroattivamente, anche per giorni di permesso fruiti dal 5 marzo 2020 e prima del rilascio della procedura aggiornata per presentare domanda.

I lavoratori che abbiano già presentato domanda di congedo parentale ordinario non dovranno presentare una nuova domanda di congedo COVID-19.

I giorni di congedo parentale fruiti durante il periodo di sospensione saranno considerati d’ufficio come congedo parentale COVID-19.

Per quanto riguarda i dipendenti pubblici l’erogazione dell’indennità, e le modalità di fruizione del congedo parentale sono a cura dell’amministrazione pubblica con la quale intercorre il rapporto di lavoro.

Modalità di presentazione della domanda

Per effettuare la domanda di Congedo parentale Covid-19 è necessario avere le credenziali ordinarie per l’accesso ai servizi online INPS, ovvero:

  • Pin INPS;
  • SPID;
  • Carta d’Identità Elettronica;
  • Carta Nazionale Servizi.

Non è possibile utilizzare il PIN semplificato, utilizzabile, esclusivamente, per la richiesta del bonus di 600 euro e del bonus baby sitter.

La domanda di Congedo parentale straordinario, dovrà essere presentata:

  • Tramite il portale web dell’INPS, se in possesso del codice Pin rilasciato dall’INPS (oppure di SPID, CIE, CNS), utilizzando gli appositi servizi raggiungibili direttamente dalla home page del sito www.inps.it. Gli stessi servizi sono anche raggiungibili dal menù “Prestazioni e servizi”, nell’elenco “Tutti i servizi”:
    • Selezionando la lettera M, con il titolo “Maternità e congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata”;
  • Tramite il Contact center integrato, sempre attraverso il Pin INPS, chiamando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori);
  • Infine, tramite i Patronati.

Richiesta Pin INPS

Per effettuare la domanda è necessario essere in possesso del Pin INPS.

Con il Messaggio n. 1416 del 30 marzo 2020, l’INPS ha chiarito che per richiederlo è possibile accedere al sito dell’Istituto, alla voce “Assistenza” e cliccare su “Ottenere e gestire il PIN”.

In alternativa, la richiesta del Pin INPS si può effettuare attraverso il Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure il numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento).

Domanda del Congedo parentale straordinario per i lavoratori dipendenti pubblici

La Circolare n. 45 dell’INPS, ha confermato che i lavoratori dipendenti pubblici:

  • Non devono presentare domande all’INPS;
  • La domanda di congedo parentale Covid-19 è presentata alla propria Amministrazione pubblica secondo le indicazioni che vengono fornite dalla stessa.

1 COMMENTO

  1. La ricevuta del congedo non indica la dicitura covid. Come mai? Nel riepilogo viene indicato mentre nella ricevuta no. Il datore di lavoro potrebbe creare dei problemi.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here