In questo articolo affrontiamo una caso pratico di applicazione dell’IVA in ambito internazionale. In particolare, si tratta dei una cessione intracomunitaria di beni ad un cliente UE, il quale chiede la restituzione indietro della merce rimasta invenduta.

A quel punto l’azienda fornitrice invece di far tornare la merce in Italia la cede ad un altro cliente residente sempre nello stesso stato UE del precedente. In questi casi il dubbio che ci si pone è se la rivendita dei beni al secondo cliente può essere considerata come una cessione intracomunitaria o una vendita extra territoriale ex art. 7-bis del DPR n. 633/72. Questo, in considerazione del fatto che la merce è rimasta nello stesso paese dopo la prima consegna.

Vediamo in questo articolo la risposta a questo interrogativo che riguarda la corretta applicazione del criterio di territorialità ai fini Iva, di cui all’art. 7 e 7-bis del DPR n. 633/72.

Criteri di territorialità iva

I criteri che definiscono la territorialità ai fini IVA

L’art. 7 del DPR n. 633/72 ripropone la definizione di territorio dello Stato e di territorio della Comunità. Per quanta riguarda nello specifico il nostro Paese per “Stato” o “territorio dello Stato” ai fini dell’imposta sul valore aggiunto si intende il territorio della Repubblica Italiana, con esclusione di:

  • Comune di Livigno;
  • Comune di Campione d’Italia;
  • Acque italiane del Lago di Lugano.

Restano esclusi dalla disciplina Iva i territori appartenenti alla Repubblica di San Marino e Città del Vaticano, perché, pur facendo parte del territorio fisico, non sono soggetti alla
sovranità della Repubblica italiana, costituendo territori extracomunitari.

L’art. 7-bis del DPR n. 633/72 disciplina la territorialità ai fini Iva delle cessioni di beni
mobili ed immobili. Ai sensi del suddetto articolo si evince che per considerare effettuata
nel territorio dello Stato la cessione di un bene sia esso mobile che immobile è necessario
che il bene al momento di effettuazione dell’operazione esista fisicamente nel territorio
dello Stato. Affinché una cessione di beni possa essere qualificata come cessione intracomunitaria non imponibile ai sensi dell’art. 41 D.L. n. 331/93 devono sussistere i seguenti requisiti:

  • Cedente ed acquirente entrambi soggetti passivi;
  • Onerosità dell’operazione;
  • Acquisizione o trasferimento del diritto di proprietà’ o di altro diritto reale sui beni;
  • Effettivo trasferimento dei beni in altro Stato comunitari.

La mancanza di uno solo di tali requisiti rende l’operazione assoggettata ad IVA ad aliquota propria del bene.

Caso pratico di applicazione della territorialità IVA

La nostra società vende del materiale ad un cliente Francese. Successivamente poiché il cliente non l’ha venduta ci chiede di restituirla. Tuttavia, anziché farla tornare in Italia la dirottiamo direttamente da un altro cliente sempre in territorio francese. Procediamo quindi all’accredito del materiale al primo cliente e al riaddebito dello stesso materiale al secondo cliente. La rivendita al secondo cliente può essere considerata una cessione intra comunitaria o piuttosto una vendita extra territoriale art. 7-bis DPR n. 633/72 visto che la merce dopo la prima consegna rimane all’interno della Francia?

Risposta al quesito: trattasi di cessione extraterritoriale di beni

Per individuare il luogo di effettuazione delle operazioni è necessario fare riferimento
all’art. 7-bis DPR n. 633/72.

Ai sensi del suddetto articolo, assume rilevanza al fine dell’individuazione del luogo di
effettuazione dell’operazione, il luogo dove i beni si trovano all’atto del loro
trasferimento:

  • Se i beni si trovano in Italia la cessione è territorialmente rilevante e soggetta alla disciplina IVA in Italia;
  • Se invece i beni si trovano al di fuori del territorio dello Stato la loro cessione è carente del requisito territoriale e non è rilevante agli effetti del tributo italiano.

Nel quesito emergono tre distinte operazioni:

1. Prima cessione di beni al cliente francese

Cessione di beni al cliente francese, riconducibile ad una cessione intracomunitaria
di beni non imponibile art. 41 D.L. n. 331/93.

2. Restituzione dei beni da parte del cliente ed emissione di nota di credito

Restituzione di beni da parte del cliente francese che implica l’emissione
facoltativa di una nota di credito intracomunitaria da parte del soggetto italiano.

In particolare, il D.L. n. 331/1993 non prevede alcuna norma specifica sulle modalità
da osservare in relazione alle variazioni in diminuzione intervenute nelle cessioni.
Tuttavia il richiamo alla disciplina generale dell’IVA, fatto dall’art. 56 del D.L. n.
331/1993 consente per le cessioni intracomunitarie, di emettere note di
variazione in diminuzione.

Nel caso in cui il modello Intra-1/bis relativo alla cessione intracomunitaria sia già stato presentato al momento dell’emissione della nota di credito, la variazione in diminuzione dovrà essere indicata come rettifica nell’elenco riepilogativo delle cessioni intracomunitarie, con apposita annotazione nel modello Intra-1/ter. Questo, avendo cura di compilare anche la parte statistica nel caso in cui il contribuente sia tenuto a presentare mensilmente il modello. Qualora, invece, il modello Intra-1/bis non sia stato ancora presentato, l’impresa italiana potrà compilare il modello tenendo già conto dell’emissione della nota di credito.

3. Rivendita al secondo cliente francese come cessione extraterritoriale

L’ultima operazione è quella che riguarda la rivendita dei beni al secondo cliente francese. In questo caso, la merce, come anticipato, rimane all’interno del territorio francese. In questi casi, la regola generale da ricordare è la seguente:

La vendita di merce che si trova in uno Stato diverso da quello in cui è stabilito il venditore è una cessione interna nello Stato in cui è presente il bene.

In relazione a quanto detto la “seconda” cessione effettuata in Francia non potrà essere considerata una cessione intracomunitaria ma una operazione non soggetta all’imposta in Italia ai sensi dell’art. 7-bis, comma 1, del DPR n. 633/72.

Territorialità ai fini IVA: consulenza fiscale

Se hai letto questo articolo e ti stai rendendo conto che necessiti dell’analisi della tua situazione personale, ti invito a contattarci attraverso il form di cui al link seguente.

Riceverai il preventivo per una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi sull’argomento.
Soltanto in questo modo, infatti, potrai essere sicuro di evitare di commettere errori, che in futuro possono esserti contestati e quindi sanzionati.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here