Quale valenza attribuire ai certificati fiscali esteri? vale a dire fino a che punto queste certificazioni, specie nelle contestazioni di esterovestizione societaria, possono essere utilizzate. Vediamo le indicazioni di prassi ed alcune riflessioni sull’argomento.

Il concetto di residenza fiscale assieme a quello di esterovestizione societaria sono quelli più dibattuti in ambito giurisprudenziale. Per questo motivo ho pensato di soffermare la mia attenzione su un aspetto importante. Vale a dire l’importanza per l’Amministrazione finanziaria italiana dei certificati fiscali esteri. Si tratta delle certificazioni di residenza fiscale estera, rilasciate dall’Amministrazione finanziaria del Paese estero su richiesta del contribuente interessato.

Il dibattito sull’effettiva validità dei certificati fiscali rilasciati da uno Stato estero si pone all’interno della gestione dell’onere della prova in caso di accertamento della residenza fiscale. Più in dettaglio l’obiettivo di questa analisi è quello di capire fino a che punto queste certificazioni, specie davanti ad una contestazione di esterovestizione societaria, possono essere fatte valere sia nell’ambito di un procedimento fiscale di verifica. Naturalmente, l’analisi è del tutto personale e non si pone come elemento esaustivo sul tema. Anzi, se hai avuto anche tu dei riscontri pratici sul tema puoi lasciare le tue considerazioni nei commenti di questo articolo. Vediamo, quindi, alcuni spunti di prassi riguardanti i certificati fiscali esteri.

certificati fiscali esteri
certificati fiscali esteri

Certificati di residenza fiscale estera e riferimenti nella normativa nazionale

Il primo aspetto da prendere in considerazione è che la normativa fiscale interna non contempla alcuna valenza probatoria nei confronti dei certificati fiscali esteri. Ovvero, di quei certificati rilasciati dalle autorità fiscali estere per identificare la residenza fiscale di un soggetto o di una società. In buona sostanza, si tratta di quei certificati rilasciati anche in virtù della presenza di convenzioni contro le doppie imposizioni tra l’Italia ed il Paese estero di residenza del soggetto istante.

Tuttavia, detto questo, vi sono due casi nei quali il certificato di residenza fiscale estera viene contemplato nella nostra normativa fiscale. Si tratta delle seguenti:

  • La disciplina sull’esenzione da ritenuta in uscita per interessi e royalties di cui all’art. 26-quater de DPR n. 600/73;
  • La disciplina sull’esenzione da tassazione per i dividendi incassati e pagati tra società italiane ed estere appartenenti allo stesso gruppo.

Nell’articolo 26-quater del DPR n. 600/1973, nel dettare le condizioni al ricorrere delle quali il sostituto di imposta residente in Italia può erogare all’interno del gruppo interessi o royalties in esenzione da ritenuta, viene semplicemente stabilito che il certificato estero – richiesto per accedere al regime di esonero – ha validità per un anno decorrente dalla data del rilascio.

In tema di esenzione da tassazione (al 95%) di ritenuta per i dividendi incassati e pagati tra società italiane ed estere appartenenti allo stesso gruppo, si rintraccia una valenza probatoria. Infatti, tra i requisiti richiesti per aver accesso al regime, oltre quelli della forma legale e del regime fiscale, vi è anche quello della residenza fiscale in uno Stato membro dell’Unione europea. Infatti, l’individuazione della residenza fiscale della società può essere risolta in via procedimentale sulla base di un certificato delle competenti autorità dello Stato comunitario che attesti il possesso del requisito in parola.

Certificati fiscali esteri ed indicazioni della prassi

Nella prassi dell’Agenzia delle Entrate, invece, i riferimenti ai certificati di residenza fiscale estera sono sicuramente maggiori. Di seguito una breve e schematica indicazione dei principali riferimenti.

Certificazione di residenza estera per l’applicazione della minore aliquota convenzionale

L’Agenzia delle Entrate si è espressa sul tema dei certificati fiscali esteri con la Risoluzione n. 167/E/2008. Nel documento l’istante chiedeva all’Amministrazione finanziaria chiarimenti in merito alla documentazione da produrre per consentire al sostituto d’imposta italiano l’applicazione diretta della minore aliquota convenzionale ai fini del prelievo alla fonte.

In risposta al quesito proposto, le Entrate hanno subordinato l’applicazione delle aliquote convenzionali alla presentazione di:

  • Una dichiarazione del soggetto non residente effettivo beneficiario degli utili. Dalla quale risultino i dati identificativi del soggetto medesimo, la sussistenza di tutte le condizioni alle quali è subordinata l’applicazione del regime convenzionale. Ed anche gli eventuali elementi necessari a determinare la misura dell’aliquota applicabile ai sensi della convenzione;
  • Un’attestazione dell’autorità fiscale competente dello Stato ove l’effettivo beneficiario degli utili ha la residenza. Dalla quale risulti la residenza nello Stato medesimo ai sensi della convenzione.

Da precisare che i sostituti d’imposta hanno la facoltà, e non l’obbligo, di applicare direttamente l’esenzione o le minori aliquote convenzionali, previa presentazione della documentazione idonea a dimostrare l’effettivo possesso di tutti i requisiti previsti dalla Convenzione per fruire dell’agevolazione. Quindi, una volta che il sostituto di imposta si è premunito di ottenere la documentazione proveniente dall’autorità fiscale estera, ossia il certificato di residenza fiscale estero, nulla può e dovrebbe essere richiesto al sostituto quanto allo status soggettivo del sostituito non residente.

Esterovestizione e certificazioni fiscali estere

L’Agenzia delle Entrate si è poi espressa con nota 20.12.2010 n. 157346, nella quale si fornivano chiarimenti sulla “esterovestizione di diritto” ex articolo 73, comma 5-bis, del DPR n. 917/86. In tale occasione l’Amministrazione finanziaria ha chiarito la questione della validità, ai fini del rigetto della presunzione di residenza in Italia, dei certificati fiscali esteri. Sul punto, l’Agenzia delle Entrate ha dichiarato che:

il certificato di residenza fiscale o altra certificazione attestante l’assoggettabilità a imposizione nello Stato membro di stabilimento della società rilevano significativamente ai fini della prova dell’insussistenza di un attendibile collegamento con l’Italia […]“.

nota 20.12.2010 n. 157346

Tuttavia, ha proseguito l’Agenzia delle Entrate, il suddetto documento, pur trattandosi di prova necessaria, non è da solo sufficiente per rigettare la presunzione di “esterovestizione di diritto“. Da ciò la certificazione è stata elevata ad elemento probatorio rilevante ai fini della dimostrazione della non-residenza in Italia del soggetto comunitario ma allo stesso tempo “non sufficiente“.

Dividendi in uscita dall’Italia e certificazioni di residenza estere

Ulteriore precisazione si è avuta con la Circolare n. 32/E/2011 dell’Agenzia delle Entrate. Il documento ha affrontato il tema dei dividendi in uscita dall’Italia verso un Paese comunitario. E’ stato precisato che le autorità italiane devono tenere in debita considerazione le certificazioni prodotte dalle autorità estere.

Nel dettare agli uffici locali le regole da seguire nella gestione delle istanze di rimborso delle ritenute già applicate sui dividendi in uscita, l’Agenzia ha dato alcune spefiche. In particolare i rimborsi in questione saranno subordinati alla dimostrazione da parte delle società interessate, tramite certificazione del proprio Stato di residenza, di essere soggetti passivi nel proprio Stato di residenza di una imposta sul reddito delle società analoga all’IRES.

La verifica delle certificazioni che le società interessate produrranno potrà avvenire, come già ricordato, avvalendosi delle regole di collaborazione fiscale transfrontaliera previste dalla Dir. 77/799/CEE, o di analoghe regole previste da convenzioni bilaterali.

Contestazione di esterovestizione societaria e certificati residenza fiscale estera

L’Agenzia delle Entrate nel corso degli anni ha evidenziato come il meccanismo presuntivo di residenza fiscale italiana di società estere di cui all’art. 73, comma 5-bis, del TUIR non limita, in alcun modo, il contenuto della prova contraria a carico del contribuente. In questa fattispecie (ovvero quella di esterovestizione) è lasciata al contribuente ogni possibilità di dotarsi, caso per caso, degli elementi probatori idonei a dimostrare che la società estera, indipendentemente dal rapporto di controllo ovvero dalla residenza dei consiglieri, è di fatto amministrata al di fuori del territorio italiano.

In questi termini l’Agenzia delle Entrate ha, altresì, chiarito la questione della validità probatoria del certificato rilasciato dalle Autorità fiscali dello Stato membro di residenza della società, attestante la residenza fiscale e/o l’assoggettabilità ad imposizione in tale Stato membro. In particolare, l’Agenzia ha precisato che tale certificato rileva “significativamente” ai fini della prova dell’insussistenza di un attendibile collegamento con lo Stato italiano. Tuttavia, il suddetto documento, pur trattandosi di prova necessaria, non è da solo sufficiente per rigettare la presunzione di “esterovestizione”.

A supporto di tale considerazione, l’art. 4 del Modello OCSE di Convenzione contro le doppie imposizioni, il quale non definisce in modo univoco la locuzione luogo di direzione effettiva (place of effective management). Pertanto, nell’applicazione delle “tie breaker rules” previste dal medesimo art. 4, gli Stati contraenti devono far riferimento alla propria legislazione domestica. Da ciò consegue che il certificato di residenza fiscale rappresenta, a giudizio dell’Agenzia delle entrate, un elemento probatorio rilevante ai fini della dimostrazione della non-residenza in Italia del soggetto comunitario ma, allo stesso tempo, non sufficiente. Esso, dunque, necessita di ulteriori mezzi di prova, di natura fattuale (documentale) che dimostrino che il soggetto è effettivamente amministrato al di fuori del territorio italiano.

Residenza fiscale delle persone fisiche e certificazione di residenza fiscale estera

Le stesse considerazioni suddette in tema di esterovestizione societaria possono essere rese valide anche in tema di esterovestizione delle persone fisiche. Anche in questo caso, infatti, la certificazione di residenza fiscale è sicuramente un documento importante ai fini della dimostrazione della non residenza in Italia. Questo, soprattutto nel caso di un contribuente italiano che non abbia provveduto a cancellarsi dall’Anagrafe della popolazione residente (APR). In questo caso in virtù della mancata iscrizione AIRE questo soggetto ha comunque la possibilità di produrre un certificato rilasciato dall’Autorità fiscale del Paese estero.

Si tratta di un documento dove viene specificato che il soggetto è ivi residente. Da considerare, sul punto, anche che trattandosi, il certificato de qua, di un atto pubblico, l’Amministrazione finanziaria non potrà che proporre querela di falso, ai sensi degli artt. 221 ss. c.p.c., al fine di privare tale atto della sua intrinseca idoneità di far fede. Ne consegue che indipendentemente dal fatto che il soggetto sia ancora iscritto nell’anagrafe della popolazione residente, integrando, pertanto, il requisito formale (presunzione assoluta di residenza, si ricorda) della residenza fiscale, di cui all’art. 2, comma 2, del TUIR, l’Ufficio, a fronte della produzione del certificato in argomento, sarà onerato, a pena di nullità della querela, ad indicare gli elementi e le prove della falsità. Trattandosi di un atto emesso da un’Autorità fiscale di uno Stato appare improbabile, se non impossibile, che il Giudice civile possa emettere una sentenza che accerti la falsità di un atto di tal fatta.

Per questo motivo è da ritenere che la certificazione di residenza fiscale rilasciata da un’Autorità fiscale di uno Stato estero, ancorché attestante una situazione di fatto che però potrebbe venire in essere anche in un altro Stato, con ciò generandosi un conflitto tra le legislazioni fiscali dei due Paesi, possa essere richiesta al fine poi di dirimere il detto conflitto, applicando, laddove esistente, una Convenzione contro le doppie imposizioni.

Anche in questo caso, quindi, come del resto evidenziato anche per le società, la presenza della certificazione di residenza fiscale rappresenta un elemento, utile, ma da solo non dirimente al fine di poter provare la propria residenza fiscale estera. Nel caso, infatti, è indispensabile avere a corollario di tale documento elementi fattuali e documentali in grado di provare che il proprio centro degli interessi vitali si trova all’estero. Altrimenti, rimarrà sicuramente applicabile la presunzione assoluta di residenza in Italia in mancanza di iscrizione AIRE.

Per approfondire: “Accertamento della residenza fiscale sulle persone fisiche“.

Certificati fiscali esteri ed inversione dell’onere della prova

La produzione del certificato estero da parte del contribuente, sia che avvenga nell’ambito di un procedimento amministrativo che nell’ambito di un contenzioso, deve comunque determinare l’inversione dell’onere della prova in capo al fisco italiano. Questo significa che, qualora il contribuente presenti agli Uffici verificatori tale documento corroborato dalla presenza di elementi fattuali che dimostrano la tesi del contribuente, spetta all’Amministrazione finanziaria la prova contraria.

In altri termini possiamo affermare che, il certificato di residenza estero, se prodotto, va ad esaurire l’onere probatorio in capo al contribuente. In questo caso rimane a completo carico dell’Amministrazione finanziaria italiana la scelta se farne fede, oppure se avviare un contraddittorio non con il contribuente o direttamente con l’amministrazione estera certificante. Insomma, una volta prodotta la documentazione è l’Amministrazione finanziaria chiama ad operare ulteriori verifiche.

Solo in questo caso, ossia solo qualora il fisco italiano produca elementi concreti a criticità di quanto riportato nel certificato estero, il contribuente deve esser chiamato a sua volta a produrre elementi di prova idonei a conferma della certificazione.

La produzione del certificato estero, frutto comunque di un’attività di indagine da parte dell’autorità fiscale estera, dovrebbe produrre, anche atteso il legittimo affidamento, un’ulteriore conseguenza in caso di accertata esterovestizione. Infatti, se il certificato è accompagnato da elementi di vitalità del soggetto estero che ne attestino la sua realtà, dovrebbe esser garantito il riconoscimento di una stabile organizzazione nel Paese estero. Procedendosi ad una ripartizione del reddito tra quest’ultima e la casa madre italiana.

Certificati fiscali esteri: conclusioni

Da questa breve analisi sull’argomento appare comunque chiaro come il tema dei certificati fiscali esteri sia importante. Infatti, da un lato vi è il contribuente che fa fede su un documento rilasciato da una agenzia fiscale estera, e dall’altro l’Amministrazione finanziaria che mira a reprimere situazioni patologiche dove non vi è documentazione a sostegno di tale documento. Per questo motivo, in assenza di una più chiara presa di posizione dal parte del legislatore nazionale sull’argomento è possibile affermare solo considerazioni parziali.

Prima di tutto possiamo dire che il certificato di residenza fiscale estero è sicuramente un elemento rilevante, ma da solo non determinante, ai fini della prova del contribuente nei confronti dell’Amministrazione finanziaria. Tale documento, come già affermato nell’articolo, deve essere sempre allegato alla documentazione fatturale e probatoria sull’argomento, la cui produzione è a carico del contribuente. Inoltre, in secondo luogo, si deve considerare che tale certificazione assume importanza non sempre uguale. Infatti, ogni autorità fiscale ha un grado di controllo diverso, e anche diversi requisiti legati all’ottenimento del certificato in commento. Per questo motivo non è possibile considerare, stando a quanto chiarito anche dalla prassi, quanto riportato nel certificato fiscale ad elemento di prova insuperabile, ovvero tale da inibire qualsiasi attività da parte dell’Amministrazione finanziaria.

Certificati fiscali esteri: consulenza

Se hai letto questo articolo e ti stai rendendo conto che necessiti dell’analisi della tua situazione personale, ti invito a contattarci attraverso il form di cui al link seguente. Riceverai il preventivo per una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi sull’argomento. Soltanto in questo modo, infatti, potrai essere sicuro di evitare di commettere errori, che in futuro possono esserti contestati e quindi sanzionati.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

2 COMMENTI

  1. Buongiorno,
    ho spesso un problema lavorando all’estero, peche’ il certificato di residenza fiscale riporta l’anno precedente, se ne faccio richiesta prima del 30 Giugno, e solo dal Luglio in poi riporta l’anno corrente.
    Secondo lei, e’ corretto?

    Grazie
    Cordiali saluti

  2. La residenza fiscale non dipende da un certificato ma dalla rilevanza di aspetti familiari ed economici una volta rispettati i requisiti dell’articolo 2 del TUIR. Questo è molto importante. Se vuole possiamo analizzare insieme la sua situazione in consulenza.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here