Nell’ultimo periodo moltissimi servizi offerti dalle pubbliche amministrazioni sono diventati accessibili in modo semplice da computer, tramite piattaforme online apposite. Una delle novità più recenti in questo senso riguarda la possibilità di effettuare il cambio di residenza. Chi vuole cambiare la propria residenza entro i confini italiani, da poco può farlo interamente online, attraverso l’istituzione dell’anagrafe nazionale, con il progetto ANPR. Grazie a questa piattaforma, il cambio di residenza è più veloce, e non sarà più necessario attendere in fila davanti al Comune.

In particolare dal 10 marzo 2022 sarà possibile effettuare il cambio di residenza unicamente online, per alcuni comuni italiani. La novità è interessante sotto diversi punti di vista: le nuove piattaforme digitali infatti tengono in memoria tutti i dati relativi ai diversi Comuni e agli abitanti. Per il cambio di residenza inoltre le procedure sono più semplificate e veloci grazie all’anagrafe nazionale. Nell’articolo, tutti i dettagli sul nuovo servizio.

Cambio residenza e anagrafe digitale

Il cambiamento di residenza interamente effettuato online è possibile grazie alla nuova anagrafe nazionale, ovvero all’ANPR, che nelle scorse settimane ha terminato di raccogliere tutte le informazioni anagrafiche dei cittadini di tutti i comuni italiani.

Il progetto segue la direzione della digitalizzazione dei sistemi, in particolare dei servizi messi a disposizione dalle amministrazioni pubbliche ai cittadini. Da fine gennaio, tutti i comuni italiani fanno parte della nuova anagrafe nazionale, e questo consente di effettuare numerose operazioni.

In particolare la novità consiste nel poter attingere tramite questa piattaforma a 14 tipologie diverse di certificati digitali di tipo anagrafico, senza doversi recare necessariamente al proprio Comune di residenza. L’anagrafe nazionale è disponibile a questo link:  www.anagrafenazionale.gov.it ed è possibile per i cittadini compiere diverse operazioni.

Il cambio di residenza è una di queste. Il cambio online attualmente è possibile per diversi comuni italiani: si tratta di 31 comuni per cui progetto viene esteso per 2 mesi, in via sperimentale. Per poter effettuare il cambio di residenza online è necessario comunque accedere con una delle credenziali digitali come ad esempio lo SPID, la Carta d’Identità Elettronica o la Carta Nazionale dei Servizi.

Tra i servizi rivolti ai cittadini, vi sono infatti diverse certificazioni a cui il cittadino può accedere, oltre alla possibilità di effettuare un cambio di residenza senza doversi recare al Comune di riferimento. Tra i comuni in cui si può procedere al cambio di residenza online ci sono: Bari, Bologna, Firenze, Pesaro, Trento, Venezia.

Per alcuni comuni invece il cambio di residenza potrà essere effettuato solamente online a partire dal giorno 10 marzo 2022. Si tratta in particolare del comune di Parma, per cui accedendo ad un servizio specifico sarà possibile caricare online i documenti necessari al cambiamento di residenza.

Cambio di residenza solo online: il caso di Parma

Per quanto riguarda la città di Parma si sta parlando di un cambio di residenza possibile unicamente tramite strumentazione digitale, ovvero online. Il servizio è attivo dal 10 marzo 2022, e la procedura è consentita tramite il sito ufficiale del comune di Parma.

Anche in questo caso è necessario avere con sé alcune credenziali di accesso digitale come lo SPID, ed è possibile procedere anche tramite delega, nel caso di cambiamento della residenza di un familiare prossimo o di un altro soggetto.

Tramite questo servizio il cittadino può inviare tutti i documenti necessari ad effettuare il cambio al Comune specifico, e viene del tutto esclusa la possibilità di recarsi di persona all’ufficio competente del Comune.

Secondo il progetto dell’anagrafe digitale, il cambio di residenza online è ancora in via sperimentale, questa possibilità attualmente è consentita solamente a 31 comuni italiani, tuttavia al termine di questi due mesi di sperimentazione, il servizio potrà essere esteso a tutti i cittadini italiani.

Potrebbe non essere lontana la prospettiva per cui il cambio di residenza potrà essere effettuato unicamente tramite sito web ufficiale da parte di tutti i cittadini del paese, non solamente da quelli del Comune di Parma.

Si tratta di un progetto che vedrà ancora sicuramente un’evoluzione, per cui ci si aspetta che molti altri servizi verranno resi accessibili online, dando priorità ai sistemi digitali al posto degli uffici fisici.

Anagrafe Nazionale: il progetto

L’anagrafe nazionale è un progetto che ha raccolto tutti i dati dei cittadini, dal punto di vista anagrafico, di tutti i Comuni italiani. Questi dati possono essere facilmente verificati o modificati dagli stessi cittadini di tutto il territorio.

Dal primo febbraio 2022 è possibile anche modificare la propria residenza o la dimora tramite il portale ufficiale dell’anagrafe nazionale della popolazione residente. Il cambio di residenza per il momento è riservato solamente ai comuni della prima fase di applicazione, mentre per quanto riguarda l’accesso ai certificati digitali è disponibile per tutti.

Tramite SPID o un altro sistema di accesso digitale è possibile infatti verificare tutte le proprie informazioni anagrafiche e eventualmente stamparle o modificarle. Per quanto riguarda il servizio di cambiamento di residenza sarà possibile infatti, una volta terminata la fase sperimentale, cambiare la propria residenza direttamente online provenendo da qualsiasi Comune italiano, o estero per quanto riguarda i cittadini iscritti all’AIRE.

Sarà anche possibile effettuare un cambiamento di dimora per quanto riguarda solamente l’abitazione, all’interno dello stesso comune. Sicuramente si tratta di servizi che velocizzano le procedure che normalmente vengono svolte anche in periodi di tempo piuttosto lunghi, presso lo sportello fisico del Comune. 

Come cambiare residenza online

Secondo i nuovi strumenti messi a disposizione dall’anagrafe digitale, sarà presto possibile per tutti i cittadini italiani cambiare residenza esclusivamente online, in tre ipotesi:

  • Cambio residenza da un comune italiano ad un altro;
  • Cambio di domicilio all’interno dello stesso Comune;
  • Cambio di residenza per cittadini AIRE dall’estero.

Tramite portale è possibile cambiare residenza per sé stessi, ma anche per tutti i componenti del nucleo famigliare, indicando tutti i dati dei componenti: luogo di nascita, nome e cognome, sesso, stato civile, cittadinanza, presenza di eventuali patenti e autoveicoli, titoli di studio e situazione lavorativa.

Per la compilazione della dichiarazione di nuova residenza, bisogna anche indicare l’immobile su cui si andrà ad abitare, con informazioni come la sezione, il foglio, particella e subalterno. Possono essere indicate anche situazioni particolari come la residenza in un edificio popolare.

Indispensabile per poter accedere al cambio di residenza è avere con sé tutte queste informazioni, e gli strumenti di accesso digitale come lo SPID.

Articolo precedenteBonus auto elettriche 2022: nuovi incentivi per l’automotive
Prossimo ArticoloIl regime di trasparenza fiscale nelle SRL
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle partite Iva. Collaboro con Fiscomania.com per la pubblicazione di articoli di news a carattere fiscale. Un settore complesso quello fiscale ma dove non si finisce mai di imparare.

Lascia una Risposta