Vediamo oggi quali sono le scadenze e i termini di tutti i pagamenti INPS relativi al mese appena iniziato, maggio 2021. Ogni mese l’ente di previdenza sociale mette a disposizione dei cittadini tutte le date che riguardano in particolare le pensioni.

Come avevamo visto per lo scorso mese, le pensioni vengono erogate dall’INPS con qualche giorno di anticipo rispetto al mese a venire, quindi le pensioni relative a maggio 2021 dovrebbero essere già state erogate. In caso contrario è consigliato consultare il proprio portale online dedicato, o rivolgersi ai servizi INPS resi disponibili al cittadino.

Per questo mese sono anche presenti alcune specifiche erogazioni relative ai sostegni del governo come il reddito di emergenza. Il reddito in questione, erogato per la situazione di emergenza legata al Covid-19, è stato ampliato ad una più grande platea di beneficiari, tra cui i lavoratori agricoli. Vediamo quali saranno i pagamenti INPS relativi al mese di maggio 2021.


Pensioni INPS maggio 2021: tutte le date

L’INPS ha comunicato in una circolare quali sono le date, suddivise in base all’iniziale del cognome, in cui verranno erogate le pensioni. Nel caso in cui si sia scelto di riscuotere la pensione presso le Poste Italiane, è prevista l’erogazione della pensione già alla fine del mese precedente a quello di riferimento. Nel dettaglio:

  • • Cognomi A-c: lunedì 26 aprile 2021;
  • • Cognomi D-G: martedì 27 aprile 2021;
  • • Cognomi H-M: mercoledì 28 aprile 2021;
  • • Cognomi N-R: giovedì 29 aprile 2021;
  • • Cognomi S-Z: venerdì 30 aprile 2021.

Secondo queste date, chi recepisce pensione per il mese di maggio, dovrebbe aver già ricevuto l’anticipo, in alternativa il pagamento viene erogato il 3 di maggio. L’INPS comunica inoltre di aver verificato tramite operazioni specifiche gli importi delle pensioni con cifre elevate, attivando il recupero nel caso di esito negativo.

In ogni caso l’ente previdenziale mette a disposizione dei cittadini il proprio portale online per consultare la propria posizione relativa ai pagamenti, e quali sono i cedolini pensione.

Trattenute fiscali pensioni INPS maggio 2021

L’INPS comunica poi quali sono le trattenute fiscali previste sulle pensioni per il mese di maggio. Vengono trattenute come imposte sia l’IRPEF che alcune tasse comunali e regionali che fanno riferimento all’anno 2020. Questo tipo di tassazione viene sempre applicata in relazione all’anno precedente. In particolare per il mese di maggio vengono trattenute:

  • IRPEF relativa al mese;
  • Addizionale comunale relativa al 2021 che ha avuto inizio a marzo e terminerà a novembre 2021;
  • Recupero delle ritenute IRPEF del 2020, con riferimento al conguaglio 2021. Per questa specificità, l’INPS spiega:

“Prosegue, inoltre, sul rateo di pensione del mese di maggio il recupero delle ritenute IRPEF relative al 2020, laddove le stesse siano state effettuate in misura inferiore rispetto a quanto dovuto su base annua.”

Nel caso in cui il conguaglio di debito supera i 100 euro, viene disposta una divisione in rate fino a novembre 2021. Per le pensioni si fa riferimento alla Certificazione Unica 2021.

31 maggio: termine ultimo per chiedere i ristori

Ricordiamo che è ancora possibile, fino a fine maggio, fare domanda per richiedere i contributi a fondo perduto erogati con il Decreto Sostegno, per ottenere un bonus di 2.400 euro. Il 31 maggio è la data ultima per presentare la domanda, che secondo le ultime novità può essere fatta anche da chi recepisce reddito di emergenza, relativamente al settore agricolo.

Il bonus di 2.400 euro è stato erogato per le fasce di popolazione più colpite dalla crisi economica, e i cui lavori sono stati sospesi o rallentati a causa delle limitazioni agli spostamenti. Rientrano in queste categorie i lavoratori stagionali, del turismo e dei centri termali. Ma anche lavoratori occasionali e intermittenti di questi settori, gli incaricati alle vendite a domicilio e i lavoratori del settore spettacolo.

Anche in questo caso l’importo viene erogato dall’ente di previdenza INPS. Per questo motivo è necessario presentare la domanda sul portale ufficiale accedendo alla propria area riservata. Per richiedere i ristori in forma di bonus da 2.400 euro è necessario non superare la data ultima fissata al 31 maggio.

Reddito di emergenza: le novità

Alcune importanti novità arrivano in questi giorni relativamente al reddito di emergenza. Sono stati inclusi tra gli aventi diritto a richiedere il reddito di emergenza anche i lavoratori agricoli che hanno ricevuto i ristori a marzo e aprile.
Questo vuol dire che i lavoratori agricoli possono chiedere anche il reddito di emergenza per questo mese. Pur rientrando nelle categorie e nei requisiti previsti per richiederlo.

Si può ancora presentare domanda del reddito di emergenza fino al 31 maggio 2021, per favorire tutte quelle categorie che ancora non hanno potuto beneficiare di questo tipo di sostegno. Ricordiamo che i lavoratori agricoli inizialmente sono stati esclusi dalle misure di sostegno in questo senso. Al momento invece la nuova circolare INPS conferma che i lavoratori agricoli possono attingere al reddito di emergenza anche se ricevono il bonus ristori.

Le bozze relative al Decreto Sostegni bis parlano di nuovi aiuti che verranno erogati dall’INPS, anche oltre al mese di maggio 2021. Si prospetta che verrà erogato un reddito di emergenza anche per i mesi di giugno e luglio 2021, in concomitanza con alcune riaperture delle attività.

Altri pagamenti INPS maggio 2021

Altri pagamenti che verranno erogati dall’ente di previdenza sociale fanno riferimento ad alcuni sussidi già presenti nell’insieme di bonus a cui i cittadini possono attingere:

  • Reddito di cittadinanza (o pensione di cittadinanza): per ricevere questo sostegno la data stabilita è al 27 maggio;
  • Naspi: l’indennità di disoccupazione arriverà ai lavoratori che possono accedervi entro il 10 maggio; questa data è indicativa, ogni cittadino può consultare la propria area riservata sul portale INPS per conoscere i dettagli;
  • Bonus bebè: anche per questo bonus la data è variabile, e cambia in base a quando si è presentata la domanda. Per chi ha richiesto le mensilità di questo bonus, è possibile ricevere quella di maggio, in base a quando è stata fatta la richiesta.
  • Pensioni di giugno: alla fine del mese di maggio verranno erogate le anticipazioni per le pensioni del mese di giugno.
Articolo precedenteDecreto Semplificazioni: aumentano i beneficiari del superbonus
Prossimo ArticoloDecreto sostegni bis: nuovi bonus in vista?
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura e ne ho fatto un lavoro. Autrice indipendente. Ho collaborato con agenzie web e svolto diverse attività di volontariato: durante gli anni di studio rappresentavo un’associazione studentesca impegnata ad organizzare eventi culturali nel mondo della comunicazione. Nel 2019 ho viaggiato all’estero, partecipando come volontaria ai lavori per il Global Platform for Disaster Risk Reduction presso l’ONU di Ginevra (Svizzera)."

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here