bonus ristrutturazione 2022

I bonus ristrutturazione per quest’anno sono stati molteplici, e gli italiani hanno potuto richiedere numerose agevolazioni fiscali per le spese relative a specifici lavori svolti sugli immobili. I diversi bonus hanno suscitato l’interesse degli italiani, e hanno garantito una forte ripresa per il settore edile. Tuttavia ci si chiede se i bonus ristrutturazione saranno validi anche per il prossimo anno, e non sono pochi i dubbi dei cittadini a riguardo.

Pubblicità

Alcune agevolazioni particolari, come il superbonus 110%, hanno subito numerosi cambiamenti, e talvolta proroghe all’applicazione stessa degli sconti, in diversi casi. Il superbonus 110% in particolare sarà prorogato, secondo le ultime comunicazioni a riguardo, almeno fino al 2023, quindi per chi desidera ristrutturare casa con queste agevolazioni sembra esserci ancora tempo.

Non solo il superbonus 110%, ma anche tutti i bonus al momento presenti per la ristrutturazione edilizia stanno per arrivare alla naturale scadenza prevista per il 2021. Secondo gli ultimi dati tuttavia le prospettive per il prossimo anno sono favorevoli per un’estensione delle agevolazioni. Vediamo in questo articolo quali sono nel dettaglio i bonus coinvolti da possibili proroghe, e a chi saranno rivolti.


Superbonus 110%: estensione anche per il 2022

Il superbonus 110% è uno dei bonus di maggiore interesse, che ha ricevuto non pochi consensi da parte dei cittadini nell’ultimo anno. Tramite l’agevolazione proposta da questa misura, moltissimi italiani infatti si sono rivolti alle imprese edili per applicare lavori di diverso genere alle proprie abitazioni, in modo agevolato.

Il superbonus 110% è risultato interessante sia per i proprietari di casa sia per le imprese edili, perché ha dato un impulso non da poco all’intero settore. Ci si chiede se questo bonus verrà applicato anche con l’anno a venire, e secondo quanto riportato da Ipsoa.it, questo avverrà con molta probabilità:

“Il 2022 potrebbe portare novità per il superbonus 110% e tutti i bonus casa. Per la maxi detrazione potrebbe arrivare la proroga fino alla fine del 2023. Il Governo, infatti, in diverse occasioni si è impegnato a estendere la durata del superbonus 110%, dopo aver valutato i dati.”

In ogni caso, per avere dati certi, bisognerà attendere la prossima Legge di Bilancio, che andrà a confermare eventualmente le proroghe per alcuni dei bonus ristrutturazione al momento in uso. In ogni caso, data anche l’estensione e la semplificazione delle procedure per accedere al superbonus 110%, è molto probabile che tale incentivo venga riproposto anche per il 2022.

Al momento su carta il superbonus 110% avrà un termine naturale alla fine dell’anno, perché è già stato prorogato fino a questa data in precedenza. Le ipotesi di estensione però sono molte, e in ogni caso bisogna attendere ulteriori conferme per sapere cosa accadrà tra qualche mese.

Bonus ristrutturazione casa 2022: prospettive

Anche per gli altri bonus dedicati alla ristrutturazione di casa, le prospettive in positivo riguardano l’applicazione di diverse proroghe. Si parla ad esempio di un’aliquota unica applicata per i diversi bonus dedicati alla casa, che può arrivare al 75%, secondo le proposte del Recovery Plan.

Il panorama di bonus per la casa è decisamente vasto, e non è difficile confondersi tra le diverse percentuali di agevolazione fiscale previste dai bonus. Percentuali che potrebbero presto cambiare, e venire unificate in un’unica aliquota. Tra i bonus per la casa più interessanti in scadenza a dicembre ricordiamo, oltre al superbonus 110% applicato su alcuni lavori specifici, anche:

  • Sismabonus ordinario per l’adeguamento sismico delle strutture;
  • Ecobonus ordinario;
  • Bonus per il recupero del patrimonio edilizio;
  • Bonus facciate;
  • Bonus mobili ed elettrodomestici;
  • Bonus verde;
  • Bonus idrico.

Questi bonus sono stati proposti negli ultimi anni per incentivare i lavori di ristrutturazione, con percentuali di risparmio fiscale differenti, con l’obiettivo di ottenere un miglioramento in termini di risparmio energetico, e di conseguenza, economico. Tuttavia è ancora incerto il futuro di questi bonus per quanto riguarda l’anno nuovo.

Inoltre, ancora incerto è anche il futuro delle diverse modalità di erogazione che vengono effettuate tramite agevolazioni fiscali. Al momento infatti per alcuni bonus è disponibile unicamente l’accumulo del credito per gli anni successivi ai lavori, mentre per altre agevolazioni è previsto lo sconto direttamente in fattura o la cessione del credito a terzi. Queste modalità di ricezione dei bonus potrebbero cambiare, e si attendono ulteriori novità in merito.

Bonus ristrutturazione e Legge di Bilancio 2022

La nuova Legge di Bilancio 2022 andrà a stabilire quali saranno le sorti del superbonus 110% e delle altre agevolazioni fiscali presenti sui lavori presso immobili di proprietà. Le anticipazioni del governo sono favorevoli all’applicazione del superbonus 110% anche successivamente al 2022, fino al 2023, mentre per gli altri bonus il destino è ancora incerto.

Va ricordato che sono stati moltissimi gli italiani che hanno scelto di ristrutturare casa quest’anno anche grazie alle agevolazioni messe a disposizione sui lavori. Come spiega un articolo di Ilsole24ore.com, sono stati registrati negli ultimi mesi picchi nella richiesta di accesso al superbonus 110%, anche fino al 200% in più da un mese a quello successivo.

Il superbonus 110% è stato applicato per tutti quei lavori definiti come trainanti, con la previsione di migliorare la condizione energetica complessiva dell’immobile. La particolare agevolazione estesa al 110% è stata favorevole per i cittadini e le imprese coinvolte dai lavori.

La prossima Legge di Bilancio 2022 contiene tutti i prossimi provvedimenti importanti su diversi aspetti: dalle pensioni all’assegno unico per le famiglie, fino alle modifiche che verranno applicate al sistema fiscale e sulle agevolazioni per le ristrutturazioni. Bisognerà quindi aspettare che venga proposta la nuova Legge di Bilancio prima di sapere cosa accadrà ai diversi bonus nel 2022.

Bonus ristrutturazione 2022: le scadenze per l’anno nuovo

Va infine ricordato che alcuni bonus ristrutturazione prevedono già delle scadenze specifiche, per i lavori effettuati su determinati tipi di immobili, per l’anno nuovo. Si tratta di scadenze che superano il 2021 perché prendono in considerazione l’intero periodo di intervento di ristrutturazione, ad esempio:

  • Superbonus 110% è valido fino alla fine del 2022 nel caso di lavori svolti su parti comuni di condomini;
  • Superbonus 110% nel caso di lavori su edifici con al massimo quattro unità immobiliari, si prevede il termine alla fine di dicembre 2022 purché sia stato effettuato, in data 30 giugno 2022, almeno il 60% dei lavori;
  • Superbonus 110%: esteso al 2023 per gli Istituti Autonomi Case Popolari.

Da questi esempi che prendono come riferimento il superbonus 110% si può dedurre che una forma di estensione del bonus è già stata prevista, per casi specifici, e non si esclude che queste possibilità vengano allargate anche per altri immobili.

Articolo precedenteContratto di Locazione per Studenti Universitari: le regole
Prossimo ArticoloPagamenti INPS ottobre 2021
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle partite Iva. Collaboro con Fiscomania.com per la pubblicazione di articoli di news a carattere fiscale. Un settore complesso quello fiscale ma dove non si finisce mai di imparare.

2 COMMENTI

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome