Un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera prevede che il tetto massimo del Bonus mobili salga a 16.000 euro.

Il tetto massimo del Bonus mobili sale da 10.000 a 16.000 euro, a prevederlo è un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera.

Il Bonus mobili ed elettrodomestici consiste in una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e elettrodomestici di classe almeno A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Bonus mobili

Cos’è il Bonus mobili?

Per Bonus mobili ed elettrodomestici si intende la detrazione Irpef del 50% riconosciuta ai contribuenti per le spese di acquisto di mobili ed elettrodomestici finalizzati all’arredo di immobili oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia.

Per poter beneficiare del Bonus mobili è necessario realizzare una ristrutturazione edilizia, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali.

La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un
ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio
, oppure quando l’intervento cui è collegato l’acquisto viene effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso, anche se accatastata autonomamente.

Quando si effettua un intervento sulle parti condominiali (per esempio, guardiole,
appartamento del portiere, lavatoi), i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno
per la propria quota
, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti. Il bonus non è concesso, invece, se acquistano arredi per la propria abitazione.

L’esistenza del Bonus è subordinata all’esecuzione di alcuni lavori di edilizia, come:

  • Manutenzione straordinaria;
  • Ristrutturazione edilizia;
  • Restauro e risanamento conservativo.

Per ottenere il bonus mobili, la data di inizio dei lavori di ristrutturazione deve precedere quella di acquisto dei mobili o grandi elettrodomestici. Non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile.

A chi spetta il bonus mobili?

Per poter beneficiare del Bonus mobili è necessario realizzare una ristrutturazione edilizia, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali.

La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un
ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio
, oppure quando l’intervento cui è collegato l’acquisto viene effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso, anche se accatastata autonomamente.

Quando si effettua un intervento sulle parti condominiali (per esempio, guardiole,
appartamento del portiere, lavatoi), i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno
per la propria quota
, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti. Il bonus non è concesso, invece, se acquistano arredi per la propria abitazione.

Per ottenere il bonus mobili, la data di inizio dei lavori di ristrutturazione deve precedere quella di acquisto dei mobili o grandi elettrodomestici. Non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile.

Quali sono i requisiti per beneficiare del bonus mobili e elettrodomestici?

Per ottenere l’agevolazione è indispensabile realizzare una ristrutturazione edilizia (e usufruire della relativa detrazione), sia per le singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali.

La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

Quando si effettua un intervento sulle parti condominiali, i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti. Il Bonus non è usufruibile, qualora si acquistano arredi per la propria abitazione.

Per beneficiare del Bonus, la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni

Deve essere effettuata, poi, la comunicazione all’Enea degli acquisti di alcuni elettrodomestici per i quali si può usufruire del Bonus (forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga, lavatrici).

La mancata o tardiva trasmissione non comporta la perdita del diritto alle detrazioni.

Gli interventi edilizi necessari per beneficiare del bonus mobili e elettrodomestici:

Gli interventi edilizi che danno diritto al Bonus mobili ed elettrodomestici:

  • Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti. I lavori di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti (per esempio, tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti, sostituzione di infissi esterni, rifacimento di intonaci interni) non danno diritto al Bonus;
  • Ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza;
  • Il Restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile;
  • La manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

Per maggiori informazioni sul Bonus mobili: “Bonus mobili e elettrodomestici”.

Quali sono i documenti necessari?

documenti da conservare ai fini della detrazione fiscale sono:

  • Ricevuta del bonifico bancario,
  • Ricevuta di avvenuta transazione per i pagamenti con carta di credito o di debito,
  • Scontrini con il codice fiscale dell’acquirente,
  • Fatture di acquisto dei beni, riportanti la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

3 COMMENTI

  1. Volevo chiedere una informazione sul “Bonus ristrutturazioni 2021”; io ho iniziato i lavori di manutenzione straordinaria con CILA a settembre 2020.
    Sto acquistando i mobili ed ho già speso oltre i 10.000 euro, altre spese per il mobilio verranno sostenute ad inizio 2021. Avendo iniziato i lavori nel 2020 ho diritto al bonus da 10 mila o da posso accedere a quello da 16 mila non avendo ancora terminato i lavori?

    Grazie

  2. Buongiorno,
    ho lo stesso problema di Giovanni ma ho cominciato la pratica di ristrutturazione nel 2018 quando ancora il bonus mobili era a 10.000 euro.
    E’ possibile, a seguito di una variante, usufruire dei restanti 6000 euro?
    Grazie

  3. Anch’io ho lo stesso problema di Andrea iniziato i lavori nel 2020 finito nel dicembre 2020 bonus mobili fino a10000 euro , posso usufruire dei restanti 6000 nel 2021 grazie

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here