Aumentano esponenzialmente le bollette di gas e luce, per il mese appena iniziato. L’aumento del prezzo ipotizzato è arrivato, sulle bollette gas e luce. E non è una notizia positiva, dato il periodo di crisi economica che l’Italia ha attraversato dallo scoppio della pandemia.

Eppure c’è un’informazione importante di cui tenere conto: gli aumenti delle bollette gas e luce non saranno così elevati come si poteva pensare, perché il governo è intervenuto ad alleggerire l’impennata dei prezzi di luglio. La causa è l’impennata dei costi per le materie prime, che ha portato ad un sostanziale aumento delle bollette gas e luce a carico dei cittadini.

Il governo ha deciso di intervenire, per evitare che l’aumento fosse esponenziale e difficile da sostenere per le famiglie italiane più in difficoltà. Andiamo a vedere in quali somme consiste il rincaro delle bollette gas e luce, e quali aiuti ha predisposto il governo per sostenere i cittadini nella spesa.


Aumenti bollette gas e luce: le percentuali

Gli aumenti delle bollette di gas e luce sono causati dal rincaro delle materie prime, in particolare aumentano del 15,3% le spese per il metano, e del 9,9% le spese per l’elettricità. Queste cifre tuttavia sono già le percentuali a cui si aggiunge lo sconto automatico proposto dal governo, e per le famiglie si tratta di un rincaro annuale di circa 60 euro.

L’arrivo della pandemia ha causato uno scompenso generale nella sfera economica, che ha portato ad una crisi senza precedenti. Con le riaperture però, il mercato del lavoro ha ricominciato ad essere molto attivo, tant’è che si registra un leggero aumento del PIL, il Prodotto Interno Lordo in Italia.

Se da un lato la ripresa è accolta con favore dagli italiani, dall’altro le materie prime vengono nuovamente richieste in misura maggiore rispetto agli scorsi mesi, e da qui ne deriva un rincaro che ha provocato l’aumento delle bollette gas e luce.

Tuttavia il governo non poteva stare a guardare, e ha optato per un bonus incluso in modo automatico in bolletta, che garantisce un alleggerimento delle spese per il gas e per la luce ad uso domestico. Gli aumenti saranno tali dal mese di luglio fino a settembre 2021, e il governo è intervenuto per alleggerire il carico della spesa per i cittadini più poveri, in modo automatico.

Il governo alleggerisce la spesa per luce e gas

Nonostante i rincari per le bollette gas e luce, i prezzi aumentano di una cifra inferiore rispetto a quanto potevano aumentare a causa dei rincari delle materie prime. Questo perché il governo è intervenuto, come spiega Ilsole24ore.com con un decreto salvabollette.

Sono stati stabiliti 1,2 miliardi di euro per il trimestre che inizia a luglio e termina con settembre. Si parla comunque di un aumento dei prezzi da record, che senza queste misure adottate specificamente per questo periodo, la bolletta poteva arrivare ad un rincaro che supera il 20%.

Gli aumenti che hanno fatto schizzare alle stelle i prezzi delle materie prime non toccano solo l’Italia, ma anche altri paesi europei. La ripresa sta coinvolgendo per fortuna molti settori del mercato del lavoro, e sono tantissimi i casi in cui le attività stanno ripartendo, anche in modo piuttosto rapido, cercando di raggiungere i livelli precedenti alla pandemia.

Tra i sussidi proposti dallo stato e le nuove possibilità per il lavoro, si assiste ad una generale ripartenza che causa però anche qualche problema collaterale, come l’aumento delle bollette gas e luce come conseguenza dell’aumento dei prezzi per le materie prime. Bisogna tenere conto però che il governo erogherà gli sconti automatici in bolletta da luglio unicamente nel caso in cui le famiglie presentino un ISEE inferiore a 8.265 euro, o 20.000 euro nelle famiglie con più di tre figli.

Transazione ecologica e aumento bollette gas e luce

Uno dei fattori di cui tenere conto nell’aumento delle bollette gas e luce, oltre ai rincari dovuti alla ripresa, è la transazione ecologica. L’Unione Europea, e a ruota i suoi paesi membri, ha stabilito nuove misure stringenti per attuare la transazione ecologica, indispensabile per salvaguardare le condizioni del pianeta.

Una nota di cui bisogna tenere conto è il riscaldamento globale in continuo aumento, soprattutto a danno di alcuni paesi del mondo. Il Canada in particolare in questi giorni sta vedendo temperature aumentare esponenzialmente, fino a 50 gradi, temperature che provocano danni non da poco all’ecosistema e alla salute stessa delle persone.

La transazione ecologica è necessaria, e l’Europa sta andando in questa direzione applicando alcune misure specifiche. Si incentiva quindi l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, a discapito dei combustibili fossili. L’emissione di gas serra è uno dei problemi principali del riscaldamento, e per frenare questo trend le misure vanno a modificare anche la produzione delle materie prime per la produzione dell’energia.

In questo senso aumentano i prezzi per produrre CO2, date le disposizioni europee relative alla transazione verde. La transazione ecologica dal punto di vista delle bollette, potrebbe avere conseguenze disastrose anche in futuro, secondo alcuni, proprio per gli aumenti causati da una maggiore attenzione per le emissioni di CO2.

Un cambiamento che tuttavia si dimostra necessario per salvaguardare la salute del pianeta, delle città e dei cittadini che vi abitano.

Transazione ecologica nel 2021: le misure

Per la transazione ecologica, lo stesso Recovery Plan ha istituito una serie di misure volte a limitare i danni delle emissioni di CO2, e favorire l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile. Si tratta di 68,6 miliardi che il governo ha stimato come necessari alla transazione verde.

Una delle principali componenti per la transazione ecologica è l’economia circolare, basata sul riutilizzo dei materiali, e su un’economia che di fatto diventerebbe sostenibile. La transazione energetica inoltre prevede investimenti in progetti green, e per incentivare le persone ad utilizzare mezzi di trasporto ecologici.

A questo proposito aumentano i mezzi pubblici elettrici, e si incentiva l’utilizzo della bicicletta per spostarsi come alternativa agli autoveicoli, e ricordiamo a questo proposito l’introduzione del bonus bici che già nel 2020 aveva favorito l’aumento della compravendita di biciclette.

In conclusione, le misure per la tutela dell’ambiente causeranno inevitabilmente un aumento delle bollette gas e luce per gli italiani, anche se il governo sta cercando di smorzare i costi per le famiglie più povere. Bisogna aspettare per vedere cosa accadrà per i mesi successivi a settembre.

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome